Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''spezie da cucina tossiche piombo''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

1 risultato

  1. Dopo i numerosi casi di avvelenamento da piombo avvenuti a New York City (NYC), le autorità sanitarie hanno scoperto che la causa erano delle spezie da cucina che arrivavano dall’estero – come quelle che importiamo anche noi in Italia. Così, i ricercatori del Dipartimento di Salute e Igiene Mentale di New York hanno condotto uno studio per approfondire la faccenda, scoprendo che proprio alcune delle spezie utilizzate in cucina avevano alti livelli di piombo, un metallo altamente tossico sia per il corpo che per la mente. Nello specifico, sono stati testati quasi 1.500 campioni provenienti da 41 diversi Paesi al mondo. Dai risultati delle analisi è emerso che più della metà dei campioni di spezie presentavano concentrazioni di piombo rilevabili e oltre il 30% aveva concentrazioni di piombo superiori a 2 parti per milione (ppm), che è il limite consentito per il piombo in alcuni additivi alimentari e utilizzato come valore di riferimento dal Dipartimento della salute di New York. «Le più alte concentrazioni di piombo sono state trovate in spezie acquistate in Paesi come Georgia, Bangladesh, Pakistan, Nepal e Marocco», scrivono i ricercatori. Va sottolineato che anche in Italia importiamo le spezie da molti di questi Paesi, compresi i cosiddetti mix come per esempio il Curry. Sapendo cosa si rischia a utilizzare certe spezie, bisognerebbe poter sapere se il prodotto che si sta acquistando è sicuro. Poiché molte spezie arrivano dai Paesi già menzionati, e pertanto a rischio, in mancanza di una chiara dichiarazione dell’azienda produttrice o dell’importatore che questi prodotti sono sicuri e privi di piombo, è forse bene astenersi dal comprarli e utilizzarli. «I professionisti della salute pubblica e gli operatori sanitari dovrebbero anche essere a conoscenza delle spezie come potenziale fattore di rischio per l’esposizione al piombo, e sottoporre a screening i cittadini a rischio», sottolineano gli autori dello studio. https://www.diariodelweb.it/salute/articolo/?nid=20181205-534176