Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''sindrome di münchhausen toglie sangue al figlio''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Sanremo 2019
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

1 risultato

  1. Sui social si presentava come mamma single che combatte per la salute del figlio, ma era lei invece, mamma infermiera, che lo stava uccidendo, togliendo mezzo litro di sangue a settimana al figlio di 7 anni. I medici non capivano perchè il bambino fosse così carente di sangue, per salvarlo gli hanno dovuto fare 110 trasfusioni. Poi hanno cominciato a capire e fatto una denuncia, le indagini della polizia hanno portato all'arresto e oggi alla condanna della madre, il bambino è stato affidato al padre. «Non è una decisione che ho preso consapevolmente, non so quando ho iniziato a farlo, è successo gradualmente», ha detto la donna citata dal giornale. «Buttavo il sangue nella toilette e le siringhe nella spazzatura» Successivamente, un rapporto psichiatrico ordinato dalla Corte ha determinato che la donna soffre di un disturbo mentale noto come sindrome di Münchhausen, che si verifica quando gli adulti fanno ammalare un bambino per attirare l'attenzione su di sé. Nella Sindrome di Münchhausen per procura (Münchhausen Syndrome by Proxy – MSP) la figura di accudimento arreca un danno fisico al figlio/a per attirare l’attenzione su di sé. Tipicamente la vittima è un bambino ancora piccolo e il responsabile è, nella maggior parte dei casi rinvenuti, la madre (90% dei casi) Contrariamente alle teorie correnti, Lawlor e Kirakowski, (2004) sostengono che la motivazione che porta queste madri all’ abus o sui figli è cosciente e non inconscia e che le caratteristiche di coloro che sono affetti da MSP sarebbero congruenti con quelle associate alla dipendenza (Lawlor A., Kirakowski J., 2014). Recentemente in Italia, precisamente a Torino, si è verificato un episodio di MSP, dove la madre, un’infermiera professionista di 42 anni, è stata filmata nella camera dell’ospedale mentre iniettava insulina al figlio di quattro anni; una dose sufficiente per farlo stare continuamente male, senza però ucciderlo. Ora la donna è indagata per tentato omicidio nei confronti del figlio. Il padre del piccolo difende la compagna sostenendo che il piccolo “è sempre stato di natura cagionevole e lei voleva solo aiutarlo”. https://www.ilmattino.it/societa/persone/danimarca_condannata_infermiera_cinque_anni_preleva_mezzo_litro_sangue_figlio-4290944.html