Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''scorie nucleari''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

1 risultato

  1. Dopo lo spudorato provvedimento svuotacarceri del ministro uscente (ma purtroppo non ancora uscito) Orlando, il suo collega uscente Calenda (idem c.s) non vuole essere da meno. Addirittura il suo ministero starebbe per pubblicare uno dei documenti più temuti e più esplosivi degli ultimi decenni, roba scottante che potrebbe creare disordini nel paese e che in condizioni normali potrebbe mettere a rischio l'esistenza stessa del governo. Ma questo governo somiglia a un esercito di zombie ed è noto che non si può uccidere uno zombie, essendo già morto. E loro se ne approfittano e continuano a fare danni. Pare che l'uscente Calenda voglia pubblicare (fuori tempo massimo) la carta delle aree idonee, secondo gli zombie, a ospitare il famigerato deposito nazionale di scorie nucleari. In pratica, un'area di centinaia o migliaia di ettari sarà desertificata, militarizzata e resa off limits per stoccare quasi 100.000 metri cubi di rifiuti ad alta, media e bassa radioattività, inclusi i detriti delle nostre quattro vecchie centrali atomiche, chiuse quasi 30 anni fa (in seguito al referendum del 1987) ma non ancora smantellate. Qualcuno dovrebbe spiegare a questi signori che la loro legislatura è finita, che la maggioranza (abusiva) che li sosteneva non esiste più e che pertanto, nel rispetto della democrazia, essi dovrebbero limitarsi alla gestione dell'ordinario, cioè degli affari correnti, e lasciare certe materie delicate a un governo espresso dal nuovo parlamento e nel pieno dei suoi poteri. Peraltro, qui non stiamo certo parlando di un'urgenza di questi giorni. Sono decenni che l'UE ci sollecita a bonificare e a mettere in sicurezza i nostri siti nucleari e a realizzare un unico e sicuro deposito nazionale di scorie. E' noto infatti che un grave incidente in un sito nucleare può avere gravi conseguenze anche oltre i confini nazionali. Ne rischiammo uno nel 2000, nel sito di stoccaggio provvisorio di Saluggia che fu allagato per un'alluvione. Il Nobel Carlo Rubbia parlò di "catastrofe planetaria" sfiorata. Inoltre sono decenni che paghiamo sulla bolletta elettrica un balzello destinato per l'appunto a finanziare quanto sopra. Ma Calenda e gli altri zombie se ne ricordano solo a legislatura chiusa, in questa incerta fase di transizione, una specie di terra di nessuno, una terra dei morti per l'appunto. https://infosannio.wordpress.com/2018/03/21/in-arrivo-la-carta-delle-aree-di-stoccaggio-delle-scorie-nucleari-calenda-entro-la-prossima-settimana/