Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''pinocchi''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Segnala Abuso
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Disturbi dell'alimentazione
    • Aforismi e Meme
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

3 risultati

  1. Ve lo ricordate? Ernesto Carbone, l'onorevole (si fa per dire) pidino e un po' ballerino (prodiano, poi montiano, poi lettiano, infine renziano) che aveva irriso gli ambientalisti e gli elettori con un #Ciaone su Twitter dopo il fallimento del referendum No Triv (boicottato dal Pd con l'invito a non votare cioè a violare l'art.48 della Costituzione). Beh, in uno con quel nome difficilmente ci si aspetta una coscienza ecologista. Però Carbone è anche uno di quelli che andavano in tv a promettere che avrebbero lasciato la politica se al referendum costituzionale avesse vinto il NO. L'onorevole (si fa per dire) Carbone precisava: "Lascerò la politica perché sono una persona seria". https://youtu.be/VtFe_xyT0Xw Poi, non essendo una persona seria ma un pinocchio, non solo non si è dimesso da parlamentare ma si è ricandidato alle elezioni del 4 marzo nella (fu) rossa Emilia Romagna. Dove è stato perentoriamente trombato dagli elettori (nella regione il primo partito non è più il Pd ma il M5s). Caro Carbone, ben ti sta. Così impari ad avere più rispetto del popolo sovrano. Ormai politicamente sei un fossile: Carbone Fossile. Vai a lavorare! #Ciaone
  2. Premetto che non sono un seguace di Beppe Grillo, lo apprezzo poco anche come comico, non ho mai votato M5S, probabilmente non lo voterò mai, non ho mai condiviso un post del blog, ritengo che la gestione del caso Raggi sia stata tragicomica. Però il post di oggi io lo condivido in pieno, e penso di essere in buona compagnia di decine di milioni di connazionali che non ne possono davvero più di un pinocchio prestato alla politica che ci ha fatto perdere tre anni in promesse e annunci, più qualche leggiaccia assurda come il Jobs act e l'Italicum, e una riformaccia che non ne parliamo proprio; e che per giunta ha cambiato i connotati al più grande partito della sinistra rendendolo, a me e a molti di quelli che lo votavano, irriconoscibile. E che, con una incredibile faccia di bronzo, non si decide a togliere il disturbo, come aveva innumerevoli volte promesso facendone una questione di DIGNITA' (sic!). Aaancoraa tu, non mi sorprende lo sai, ma non dovevamo vederci più? Aaancoraa tu, e ci scappa da ridere... Condivido anche l'ultimo passaggio del post, dedicato alla legge elettorale. Potrà sembrare assurdo, e così sembrava anche a me, andare a votare con un proporzionale puro, come quello che probabilmente uscirà dalla Consulta a gennaio. Ma ormai, nello stallo istituzionale in cui viviamo da quattro anni e in cui lo sciagurato pinocchio ci ha sprofondati, questa è l'unica soluzione rispettosa della democrazia. Probabilmente sarà eletto un parlamento incapace di esprimere un governo, ma almeno sarà un parlamento che rappresenterà il popolo sovrano e avrà pieno titolo per scrivere una legge elettorale maggioritaria. Poco male, faremo come la Spagna, che ha votato due volte in due anni ma che cresce sopra il 3%. di Beppe Grillo Renzi, ancora tu, non mi sorprende lo sai. Ancora tu, ma non dovevamo vederci più? Avevi detto il 12 gennaio "Con un gesto di coraggio e dignità ho detto che se si perde il referendum smetto di fare politica" e poi il 15 "Ho già preso il solenne impegno, se perderemo il referendum lascio la politica". E poi invece ancora tu. E ci scappa da ridere. Ancora tu oggi da segretario del Pd a dire cosa deve fare il Parlamento per la legge elettorale. Tu che hai lasciato un disastro nel Paese, morale, economico e istituzionale. Hai fiaccato moralmente e spaccato in due il Paese sul tema della Costituzione proponendo una riforma che nessun italiano aveva dato mandato di fare a te, non eletto. Hai lasciato un disastro economico con il record assoluto di poveri, un'ecatombe di imprese e un aumento di tasse che neppure Monti ci aveva spremuto così tanto. Hai sfasciato l'assetto istituzionale lasciandoci senza una legge elettorale pronta all'uso perché hai pensato solo ai fatti tuoi. Ci hai lasciato il governo più odiato degli ultimi 70 anni con un ministro degli esteri che stenta a parlare inglese, un ministro dell'istruzione che non ha neppure il diploma e dice di avere una laurea. Un sottosegretario, di fatto vicepremier, che come te aveva promesso di andarsene e invece è lì incollata alla poltrona: Maria Elena Bostik. Ancora tu. Avevi promesso di lasciare la politica e invece hai messo lì come tuo avatar Gentiloni e sei sempre segretario dal Pd a insultare il MoVimento 5 Stelle e gli italiani. Ti permetti di dire che diciamo bugie, tu che hai sventolato davanti agli italiani una scheda elettorale del Senato falsa per convincerli che avrebbero votato i senatori con la tua riforma, quando sapevi che non era vero. E a quanto pare lo sapevano anche loro. Ti permetti di dire che la più grande forza politica del Paese, nata senza soldi e che rifiuta milioni di rimborsi elettorali, è un'azienda, tu che hai un partito che è una banca (chiedere per *** ai piccoli azionisti MPS). Hai perso perchè sei bugiardo e gli italiani lo sanno. Non hai avuto neppure l'accortezza di fare un bagno di umiltà. Ti sei ripresentato al popolo con l'arroganza di sempre. Mantieni la promessa, fatti da parte, accetta uno di quei lavori che dici che ti abbiano offerto. Noi vogliamo andare al voto subito, con una legge elettorale che abbia il vaglio della consulta che si esprimerà il 24 gennaio. Tu vuoi aprire il mercato delle vacche e allungare il brodo per discussioni infinite sulla legge elettorale? Risparmiarcelo. #RenziFattiDaParte. L'hai detto tu: ma non dovevamo vederci più? https://www.youtube.com/watch?v=E6RKbW-J9IA
  3. "Non campo di politica" ahahahahaha "Grazie a Dio faccio altro nella vita" ahahahahaha "Se vince il NO vado a casa, perché vuol dire che ho fallito" ahahahahaha "Non è questione di personalizzazione è una questione di serietà" ahahahahaha "Sono una persona seria" ahahahahaha ahahahahaha ahahahahaha Ernesto Carbone, un affettuoso saluto da Napoli: Un sentito pernacchio a te e a tutto il club dei pinocchi e delle pinocchie del Pd, il partito più ridicolo della storia della politica mondiale: http://www.huffingtonpost.it/2016/12/13/vince-no-lascio-politica_n_13600098.html