Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''oohgrulliecelodurifasciodestri''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

97 risultati

  1. Porti sicuri e crociere a tutta PACCHIA
  2. Per la costituzione siamo ancora tutti uguali o no ? Naturalmente pensano alla flat tax mentre nelle scuole i genitori devono rifornire la carta igienica e anche altro... ma non parla della bimba trattata come un delinquente perché i genitori sono poveri. Alla faccia della abolizione della povertà per decreto del balcone ! 🗣 «La scuola è il luogo principale di inclusione nella nostra società. Penso anche, però, che il primo pensiero debba sempre essere quello di aiutare i nostri giovani affinché possano farsi una famiglia e avere dei figli». LETTERA43.IT Per Bussetti gli studenti italiani vanno tutelati prima di quelli immigrati
  3. In autunno, MA IO CREDO ANCHE PRIMA . sarà una botta alle tasche degli Italiani ma loro sono gli onesti... CIALTRONI
  4. Per fortuna sono dalla parte dei cittadini e delle famiglie, poi dei poveri non si parla non esistono più per decreto dal balcone ma i destri zitti... il problema sono gli immigrati... NATURALMENTE E' TUTTO UN GOOOMBLOOODDDO https://www.repubblica.it/economia/2019/04/03/news/istat_reddito_delle_famiglie_ancora_in_calo_-223165744/?ch_id=sfbk&src_id=8001&g_id=0&atier_id=00&ktgt=sfbk8001000&ref=fbbr&fbclid=IwAR0uZRqnxg-ocUAVcukBkx3riP4knJ7OrGMF0UO69JDmFkWOVDqxszUB8Gs MILANO - Brutte notizie dai dati Istat per gli italiani. Ancora risuona l'analisi dell'Ocse, secondo la quale le condizioni di vita nel Belpaese sono le stesse di inizio millennio, che l'Istituto di statistica comunica che il reddito disponibile delle famiglie consumatrici nel quarto trimestre 2018 è diminuito dello 0,2% in termini nominali e dello 0,5% in termini reali, rispetto ai tre mesi precedenti.Secondo l'Istat, il reddito nell'ultima parte dell'anno scorso ha subito una nuova diminuzione, riportandosi sul livello registrato all'inizio dell'anno. Le famiglie hanno tuttavia mantenuto una dinamica espansiva dei consumi, alimentata da una nuova diminuzione della propensione al risparmio, scesa a un livello vicino al minimo registrato un anno e mezzo prima. La spesa per consumi delle famiglie è aumentata dello 0,5% in termini nominali; ne deriva una flessione di 0,6 punti della propensione al risparmio delle famiglie, scesa al 7,6% (8,2% nel terzo trimestre).
  5. "Tra l'OCSE e gli italiani, io ascolto prima di tutto gli italiani". Così, la dichiarazione del vicepremier e ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio. E' una frase che scopre un gioco fin troppo facile: mettere in contrapposizione gli italiani con l'OCSE. Era già successo con altre istituzioni, di volta in volta individuate come nemici degli italiani. E' semplicemente ridicolo e irresponsabile. L'OCSE è l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, nata nel 1948 e composta da 35 Paesi, tra i quali l'Italia, che promuove obiettivi di integrazione, cooperazione economica e finanziaria e redige rapporti economici, dai quali risulta che, per il 2019, il PIL, cioè la ricchezza prodotta, dall'area euro, sarà del +1%; per il nostro Paese, invece, si prevede un -0,2%, con un aumento del deficit del 2,5%. L'Italia, tra il gruppo dei 20 maggiori Paesi industrializzati, il G20, sarà in recessione, in compagnia di Turchia e Argentina, mentre gli altri Paesi avranno un PIL positivo. Il ministro Di Maio, rivolto all'Ocse, dichiara "l'austerity se la facciano a casa loro", ma è prontamente smentito dal collega, e ministro dell'Economia, Giovanni Tria, che replica: "l'Ocse non parla di austerity". "No alle intromissioni", afferma il ministro Di Maio, ma dell'OCSE fa parte anche l'Italia, quindi è l'Italia che si intromette nell'Italia! Sono gli investimenti e il lavoro che rimuovono povertà e disuguaglianze ed è compito del ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, cioè del Di Maio, promuovere attività in tal senso. Il vicepremier e ministro Di Maio ha a disposizione 118 miliardi di euro, immediatamente spendibili come ricorda il ministro Tria. Occorrerebbe lavorare, questo sì, giorno e notte, per investire questa massa considerevole di denaro a disposizione, ma Di Maio preferisce i comizi, le conferenze, le campagne elettorali, gli show televisivi e le dichiarazioni eclatanti ma prive di senso. E' la via del burrone verso il quale Di Maio sta conducendo gli italiani.
  6. Oggi sono usciti i nuovi dati ISTAT sul lavoro. Sale la disoccupazione, anche giovanile. Diminuiscono di 33 mila unità i lavoratori permanenti, alla faccia del decreto dignità. A febbraio 2019 ci sono 116 mila occupati in meno rispetto all'ultimo dato dei Governi PD, nel maggio 2018: di questi 88 mila sono a tempo indeterminato. Di Maio è tecnicamente il ministro della disoccupazione. Ha scelto di occupare due ministeri (lavoro e sviluppo economico) e li ha bloccati entrambi: questo Governo ha avuto sull'economia nazionale lo stesso impatto di una calamità naturale. E nel frattempo lor signori passano le giornate a litigare e a far pace. Pensano di stare sul set di una telenovela e non si sono accorti che sono al Governo. Dopo le europee ci aspetta la patrimoniale o l'aumento dell'IVA. Effettivamente è il governo del cambiamento: con noi c'era la crescita, con loro è recessione.
  7. Ma non erano quelli che erano contro le auto blu ? GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE. ILMESSAGGERO.IT Shopping del governo: 8.280 auto blu e grigie per 168 milioni di euro
  8. Non è il cialtrone da Rignano... allora tutto bene... GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE. NEXTQUOTIDIANO.IT I 45mila euro spesi da Vito Crimi per i sondaggi
  9. REVENGE *** L'ex 5 Stelle è schifata, ecco per cosa. Ascoltate come si rivolge verso i suoi ex colleghi [VIDEO] Revenge ***, Benedetti (ex M5s) vs i vecchi colleghi: "Sono schifata, siete il peggio del peggio della politica degli slogan" - Il Fatto Quotidiano
  10. Ma Tontinelli lo avrà letto il memorandum ? GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE. Se non è idiozia, allora cos'è? Dal paragrafo II (Aree di cooperazione), punto 2 del memorandum: "Le controparti esprimono il loro interesse nello sviluppo di (...) Rete ***-europea dei trasporti dell’Unione Europea (TEN-T)." La linea ad alta velocità Torino-Lione fa parte appunto della Rete Transeuropea dei trasporti TEN-T...
  11. GLI SBARCHI CONTINUANO ANCHE SE CAPITAN FRACASSA FA FINTA DI NULLA, O MEGLIO OGNI TANTO FA FINTA DI BLOCCARE QUALCHE NAVE... MA POI SI CELA DIETRO L'IMPUNITA', I RIMPATRI SONO MENO DEL GOVERNO PRECEDENTE . MA TANTO LUI TWEETTA A TUTTO SPIANO ANCHE SE NON VA MAI AL MINISTERO DOVE DOVREBBE SVOLGERE LE SUE FUNZIONI, MA SI DIVERTE AD INVADERE LE COMPETENZE ALTRUI TANTO QUELLI MANCO ESISTONO.... Da quando a giugno il nuovo governo si è insediato gli irregolari (o come li chiamate voi, "clandestini") sono aumentati in Italia di 44mila unità. Un po' come se ogni santo giorno, dalla nomina di Salvini a oggi, fossero giunti sulle coste italiane 3 barconi con 55 "irregolari" ciascuno. Ogni giorno. Ogni santo giorno. Con i porti spalancati. Ma che dici? Il Capitano ha fermato gli sbarchi! Li ha azzerati! I tuoi sono dati falsi! Rosikone! Sì vabbé, i numeri però sono elaborati da ISPI sui dati pubblicati Ministero degli Interni. E dicono - i dati del Ministero degli Interni, che i fan del Capitano non andranno mai a guardare - che da giugno a oggi le domande di asilo e di protezione respinte, così come disposto da subito da Salvini e poi ribadito dal decreto sicurezza, sono state 49.460. Cioè 49.460 stranieri che erano regolari o potenzialmente regolari - comunque già presenti in Italia - sono stati "trasformati" con un tratto di penna in irregolari. In "clandestini". Da un giorno all'altro. Quasi 50mila nuovi clandestini che si aggiungono ai 600mila che secondo Salvini sono presenti in Italia, e che lui diceva di voler rispedire a casa. "Sì ma il Capitano li sta rispedendo tutti a casa". Quelli rispediti a casa, in 9 mesi, sono stati 4.806. Cioè 18 al giorno. Cioè (tra l'altro) tanti quanti ne espellevano i governi precedenti-amici-dei-clandestini. Curioso. Ricapitolando: mentre Salvini in questi 9 mesi ha rispedito a casa 18 irregolari al giorno, ne ha creati con l'altra mano 181, sempre al giorno, completamente nuovi. Facendo una banale sottrazione: con Salvini, ogni santo giorno, in Italia sono spuntati 163 nuovi irregolari. Che in 9 mesi fa 44mila nuovi "clandestini", che prima non c'erano. E che faranno mai questi 44mila clandestini in più creati in questi 9 mesi a trazione Salvini? Che faranno mai questi 44mila, non avendo un soldo, non potendo stare negli Sprar, non potendo stare nei centri di accoglienza, non potendo essere assunti regolarmente da alcuna azienda essendo di fatto dei "fantasmi" per lo Stato? Scegliere: o morire di fame. O delinquere. O chiedere l'elemosina. O lavorare in nero. O spacciare. E dormire per strada, nelle baracche, nelle metropolitane, negli edifici abbandonati, sui marciapiedi. E no, per questi non c'è Boldrini o PD o Soros o comunisti-amici-degli-immigrati che tenga. Questa è tutta pasta del Capitano. Che sforna clandestini nuovi ogni giorno per alimentare la vostra rabbia e il suo consenso. Certo che voi i numeri non andrete a verificarli mai. Che vi fiderete sempre e comunque solo dei suoi post. Timorosi di scoprire la verità. E di aver adorato un politico di professione che ha solo cambiato bandiera quando quella del Nord ha smesso di sventolare, e ha saputo inventarsi tutto un mondo di fantasia, di nemici e di eroi con la felpa, di vittime e di complotti, solo per poter continuare a campare dopo il crollo del suo partito anti-italiano.
  12. Ma che siano collegate alla linea del TAV ?
  13. Lo so che non è un reato da arresto ma .... Tranquilli un altro che si nasconde dietro l'impunità DIFFAMAZIONE DIFFAMAZIONE DIFFAMAZIONE Imputazione coatta per Mario Michele Giarrusso. Ecco cosa era accaduto Diffamazione, gip ordina imputazione coatta per il senatore M5s Giarrusso - Il Fatto Quotidiano
  14. GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE. CARI FASCIO-PENTA.INSETTI-PARLANTI....NOI NON DIMENTICHIAMO! Serse Panetto 1 h Raggi e De Vito protestano per gli scontrini del ristorante del sindaco Marino. (2015 ) De Vito ha preso tangenti per 400.000 euro. ( 2018 -2019
  15. M5S E LEGA No Grazie Per salvare la faccia, dopo l'arresto di Marcello De Vito, oggi il MoVimento 5 Stelle dovrebbe votare a favore dell'autorizzazione a procedere per Salvini. Ma non lo farà, con buona pace degli anticorpi di Luigi Di Maio. NEXTQUOTIDIANO.IT Il M5S è fatto così: caccia De Vito (contro le sue regole) e salva Salvini (contro le sue regole) Per salvare la faccia dopo l'arresto di Marcello De Vito oggi il MoVimento 5 Stelle dovrebbe votare a favore dell'autorizzazione a procedere per Salvini. Ma non lo farà, con buona pace degli anticorpi di Luigi Di Maio
  16. I vertici romani tutti.......https://goo.gl/vehGmc M5S E LEGA No Grazie Frongia, che è stato anche vicesindaco di Roma, è indagato nell'ambito della parte dell'inchiesta che ha portato in carcere l'ex presidente di Acea. NEXTQUOTIDIANO.IT Daniele Frongia indagato per corruzione
  17. ECCO PERCHÉ SE LA PIGLIA CON CERTI NAVI ( NON TUTTE ) Per chi non lo sa gli sbarchi nonostante tutto continuano ma non hanno la pubblicità mediatica....
  18. Matteo Renzi spiega che finora le sentenze di condanna sono unicamente a carico di Marco Travaglio , il bancomat umano della famiglia Renzi GUARDA IL VIDEO ▼ BW2BD.1JL.*** Renzi come un laser : miei genitori liberi , uniche sentenze di condanna sono a carico di Travaglio Matteo Renzi ospite di Myrta Merlino a L' Aria Che Tira La7 sul tema della Giustizia
  19. https://www.fanpage.it/il-patetico-vittimismo-contro-vauro-di-salvini-lo-spargitore-dodio/ Il patetico vittimismo contro Vauro di Salvini, lo spargitore d’odio Salvini piagnucola per una vignetta di Vauro che da sempre rientra nella categoria degli intellettuali da esporre al pubblico ludibrio. Eppure questa volta risulta ancora più patetico del solito perché da mesi, proprio lui, ha fatto dell’odio l’unico mezzo di comunicazione per pasturare i suoi fan. continua su: https://www.fanpage.it/il-patetico-vittimismo-contro-vauro-di-salvini-lo-spargitore-dodio/ http://www.fanpage.it/
  20. Che coerente , ma questo sono i gialloverdi incoerenza totale o meglio quando si salta sul carro del vincente del momento... Quotidiano.net Studio Ue mette in evidenza i vantaggi della Torino-Lione, ma è firmato dallo stesso Marco Ponti che ha realizzato la costi-benefici per il nostro governo *** su questo sito web QUOTIDIANO.NET Lo stesso consulente che ha bocciato la Tav in Italia promuove il tunnel in Europa - QuotidianoNet
  21. https://www.corriere.it/dataroom-milena-gabanelli/migranti-irregolari-quando-ne-ha-rimpatriati-salvini-8-mesi-governo/accb467e-3c37-11e9-8da9-1361971309b1-va.shtml?fbclid=IwAR1sDJOQ5_eaob2iXnFW3zKlT4-gyR153Q7lc2HiAst-JvUG7YsydsPUviY A gennaio 2018 Matteo Salvini in campagna elettorale promette: «Non vedo l’ora di vincere le elezioni per riempire gli aerei e riportare gli immigrati a casa loro. Ce ne sono troppi». Le elezioni le ha vinte. Nei primi sei mesi da ministro dell’Interno (giugno-dicembre 2018) ha rimpatriato 3.851 irregolari. Nello stesso periodo di tempo, l’anno prima, l’allora ministro dell’Interno Marco Minniti aveva eseguito 3.968 rimpatri. Dal primo gennaio 2019 al 17 febbraio sono stati 867, 18 al giorno. Complessivamente nel 2018 — con il governo Gentiloni per la prima metà dell’anno e della Lega-M5S per la seconda — ci sono state 6.820 espulsioni, sempre 18 al giorno. Nel 2017 sotto Gentiloni 6.514, ovvero 17 al giorno. A conti fatti, discostarsi da questi numeri è difficile. Ecco perché.