Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''mostre''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Segnala Abuso
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Aforismi e Meme
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio
    • Politica Copia

2 risultati

  1. Rooms & Art è la residenza dell'artista Giorgio De Cesario che mette a disposizione il suo atelier e la sua galleria permanente a tutti coloro che vogliano soggiornare e trascorrere una vacanza alternativa a Gallipoli e nel Salento. Non solo. Atelier e galleria di Giorgio De Cesario sono a disposizione degli artisti di tutto il mondo che qui vogliano organizzare, gratuitamente,eventi culturali di vario genere per promuovere e diffondere qualunque espressione artistica. Non il solito b&b ma una nuova dimensione abitativa per pochi intenditori. Vivere dentro un'opera d'arte è lo slogan dell'artista che qui vive, dipinge e sostiene l'arte in tutti i suoi aspetti. Tutti possono godere della sua ospitalità, condividere il suo laboratorio per mettere alla prova la propria creatività e aggirarsi nel fascino delle muradi questa residenza d'artista, una vera e propria casa-museo. Le opere policromatiche di Giorgio De Cesario avvolgono i visitatori nel suo mondo apparentemente irreale, i cimeli del passato richiamano alla mente atmosfere perdute ma vivide nei racconti del proprietario, le strutture architettoniche colpiscono per la loro allusività a mondi esotici e misteriosi. E poi le stanze per gli ospiti, tutte dedicate ad artisti famosi. Ed ecco i girasoli di Van Gogh, la Gioconda di Leonardo, le geometrie giallo/rosso/blu di Mondrian,il liberty di D'Annunzio,le armonie di Bach,le forme scultoree di Canova. Arte classica e moderna circondano gli ospiti e i panorami mozzafiato di Gallipoli donano ampio respiro a chi, estasiato da tanta bellezza, decide di trascorrere parte del suo tempo sul roof garden. Una vacanza che libera la mente dalle ansie della vita quotidiana ma nello stesso tempo la arricchisce di bellezza. Durante il periodo di residenza, possono essere concordati percorsi culturali per far conoscere le realtà artistiche, storiche e naturalistiche locali. Gli artisti, gli scrittori e gli studiosi disposti a trascorrere un soggiorno di breve o lunga durata possono inviare una e-mail all’indirizzo arte@giorgiodecesario.it o telefonare al 3332720348 per richiedere tutte le *** necessarie. video della Casa degli Artisti residenza d'artista blog rooms and art Gallipoli
  2. Artemisia Gentileschi è un simbolo di autonomia e di forza nell’oscuro periodo a cavallo tra la fine del 1500 e il 1600, un’epoca di forti dibattimenti politici, religiosi e culturali, nei quali non era facile emergere come donna e come artista. Le contemporanee scoperte galileiane forgiano menti nuove, ma la scienza fatica ad imporsi. In questo periodo torbido ma fecondo, grandi artisti hanno tracciato il cammino: Raffaello, Michelangelo, Tiziano, Tintoretto. L’epoca è quella di Caravaggio, dominatore illustre della scena artistica. Una vita articolata quella della Gentileschi, piena di pathos, di dolore, di contraddizioni e di avventura. Il padre di Artemisia, Orazio Gentileschi, è illustre pittore di grande talento. La mostra descrive l’arte alla vecchia maniera, come crocevia di influenze, di rapporti tra pittori e committenti. Si parla di Artemisia e del suo entourage, non del suo stile, quanto di vicende e di incontri e della sua triste storia personale segnata dalla violenza. Nell’arte della Gentileschi luce e buio si alternano. Carnalità, enfasi, personaggi del mito e delle sacre scritture, uomini e donne del quotidiano si avvicendano in composizioni di grande effetto. Lo stile è ricco di prospettive differenti nella medesima visione, frutto di una sperimentazione prospettica continua. La direzionalità della luce, seppure a volte arbitraria, favorisce la tridimensionalità dei corpi. I fondi sono sovente scuri, i colori faticano ad emergere, i toni sono bruni, rosso cupo, verde di agave al tramonto, panna negli abiti, giallo ocra e poi rosa nella carne. La Gentileschi ritrae i volumi con maestria, il suoi corpi sono voluminosi e pieni, la pelle è ritorta sull’adipe. Conosceva bene il corpo delle donne sotto le vesti Artemisia, maestra di un’anatomia precisa, nata dall’osservazione di se stessa. La figura umana emerge innanzitutto, e nella tela domina l’azione, la cosa che le interessa veramente, a costo di tagliare le figure, di farle affacciare come da finestra sulla tela. Le donne mostrano la gola elemento di seduzione ricorrente, ma i soggetti sono cruenti, mani e braccia tese sono sollevate in atto di offendere, di ferire, ti tagliare. Il desiderio, sottolineato fin troppo dai critici, è di rivalsa sull’uomo maledetto e violento. La selezione delle opere scelta per la mostra “gioca sull’orrido”, osserviamo una collezione di raffigurazioni e di situazioni analoghe per soggetto e composizione . Naturalmente questo “tira” e dà, secondo i curatori, carattere all’esposizione. Avrebbero potuto fare di meglio, essere più fedeli alla pluralità dei soggetti che la Gentileschi, diventata artista di fama, richiesta ed ammirata nel suo tempo, produce anche insieme ad altri regalandoci una delle rarissime versioni femminili dell’arte secentesca. http://lnx.patriziagenovesi.com/artemisia-gentileschi-e-il-suo-tempo/