Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''go''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Libero Fun
    • Il Virus di Wuhan
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Donna
    • Disturbi dell'alimentazione
    • Cinema e tv
    • Musica
    • Passione Libri
    • Sport
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Scienza
    • Animali
    • Aforismi e Meme
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Ambiente
    • Trucchi & consigli
    • #iorestoacasa e come passo il tempo?
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Segnala Abuso
    • Archivio

4 risultati

  1. Sono due anni che ce la menano con la revoca della concessione autostradale ad Atlantia (Benetton) , ma sanno di dire una cosa impossibile, a meno di non mettere nel conto un regalo ultramiliardario che pensano di far pagare ai fieri co@lioni che sono convinti di godersi lo spettacolo della cacciata di Benetton gratis ( chiedete notizie in merito al Cazzaro Napoletano). Perché un conto è la sacrosanta punizione dei responsabili del crollo e delle povere vittime (ma su questo c’è una inchiesta della magistratura che sta andando avanti e che farà sicuramente giustizia). Un altro è revocare una concessione che è stata blindata nel 2008 sapete da chi? Da quelli che oggi fanno la faccia feroce e che, allora, stavano tutti nel governo Berlusconi, o come ministri, Bossi, Calderoli, Meloni (mss io non c’ero e se c’ero dormivo), Tremonti e Zaia, o come dirigenti politici di maggioranza come Salvini. Tutti insieme votarono la “norma salva Benetton” che impediva all’Anas di revocare la concessione (quella ancora in vigore), di rendere più stringenti i controlli e più equi i pedaggi. Poi sono arrivati, direttamente caduti dal pero, Giuseppi , il logorroico incontinente, e lo sterminatore di congiuntivi Di Maio, con tutta la banda che suona e che balla. “Revochiamo!” Dicono sapendo che, nel caso, non basterebbero i 7 miliardi di euro che hanno messo nel conto di Pantalone. Ma anche se restassero 7, tolti i 3,4 dei risarcimenti se ne andrebbero via con un guadagno di 3,6 miliardi. Un bel regalo. “Non affideremo mai il nuovo ponte ai responsabili del crollo”, aggiungono, sapendo benissimo che non possono fare altrimenti. Infatti in questi giorni è uscita a sorpresa una lettera scritta oltre un anno e mezzo fa, a ponte già crollato, dall’allora ministro Tony Nelly che chiariva al sindaco di Genova, commissario per la ricostruzione, di dover consegnare il nuovo ponte alla gestione di Atlantia se una volta realizzato fosse stata ancora la concessionaria. Infatti l’attuale ministra De Micheli non ha potuto che replicare quella lettera e i grillini, a beneficio del popolo bue, si stracciano le vesti in pubblico ma non hanno il coraggio di dire la verità. La soluzione del rebus, come al solito, l’ha proposta da tempo Italia Viva. L’ha proposta nientepopodimenoche’ l’unico grande è vero politico che c’è in Italia. Che siccome e’ un Paese di politici meno che mediocri , appena arriva uno bravo , oh ma bravo bravo e’ , bisognerebbe farlo fuori sennò penalizza ancora di più la mediocrità degli altri . Ed allora gli idio ti si sciacquano la bocca con i nomignoli , chi lo vede come un Caudillo , chi imbraccia gli archibugi . Tutti “operano” nella convinzione di esorcizzare la triste condizione in cui vivono . Alla fine , però , tutti si debbono accucciare in ginocchio e zitti zitti debbono fare , se vogliono arrivare ad un accordo , quel che Renzi aveva detto di fare non ieri , non il mese scorso, ma addirittura il 29/9/2018. Alla fine , quindi , su Autostrade e Atlantia è finita proprio come aveva proposto Matteo Renzi. Nessuna revoca della concessione ai Benetton ma: 1) ingesso di Cdp (Cassa Deposito e Prestiti) in Aspi di cui diventerebbe socio di Atlantia, ma con un pacchetto di maggioranza del 51%. 2) lo scorporo porterà Atlantia a passare dal’88% di azioni attuale al 10-12%, soglia sotto la quale non si entra nel Consiglio di amministrazione 3) Autostrade sarà poi quotata in Borsa, portando la società a una forte presenza dello Stato che consentirà l’ingresso di nuovi soci e la riduzione ulteriore della presenza dei Benetton nella società. La politica quando è pensata e fatta bene produce sempre risultati. E meno male, perché è stata sventata una catastrofe economica e sociale che sarebbe piaciuta molto agli scappati da casa 5 stelle , alla servetta vicentina e pure al Cazzaro di Napoli che avrebbe voluto nazionalizzare a mo’ Chavez venezuelano le autostrade italiane . Dio ce ne scampi e liberi da siffatte testediminkia. Spero che ora il governo lavori ad un grande progetto industriale globale e che finiscano gli strarnazzamenti di chi parla e crea solo danni. Il m5s perde l’ennesima battaglia perché fortunatamente Gualtieri e’ ( shhhh, parlate a bassa voce ) un grande amico ed estimatore del “tappetaro” rignanese e si sono “ sentiti “ spesso . Mi vengono i brividi solo al pensiero che questa trattativa fosse stata portata avanti dai vari Toninelli, Di Battista , Di Maio & C. Saluti
  2. Perché poi Cazzari napoletani e non , Archibugiatori falliti veneti e di altre regioni parlano ...parlano ...parlano , ma il problema e’ sempre lo stesso . Uguale uguale a quando Giuseppi ci disse mentre era in partenza per Bruxelles : Vado in Europa , terrò alto il nome dell’Italia e pretenderò gli Eurobond . Se non gli otterro’ batterò i pugni sul tavolo e dirò loro : L’Italia farà da sola” !!!! Questa affermazione provoco’ le lacrime agli occhi del Cazzaro che con un commovente post definì Giuseppi Conti come un regalo del cielo , invito’ gli italiani a scendere in strada per acclamarlo , pretese che in ogni casa degli italiani risuonasse l’inno di Mameli da ascoltare in piedi od in ginocchio oltre ai fuochi pirotecnici da mandare in onda alla sera . Naturalmente Giuseppi Conte non ottenne alcunché ed il Cazzaro “ smorzo’ “ lì la cosa nella speranza che tutto passasse nel dimenticatoio . Ahi ahi ahi Cazzaro !! Sei molto sfortunato ad avermi incontrato sul forum . E’ piacevolissimo e divertentissimo prenderti per le mele come meritano i vanesi ed i boriosi come te . Ma ora torniamo alle domande : Dimanda n. 1) Qualcuno ha detto :” O revoca ai Benetton o niente “. Domanda n. 2: Se qualcuno l’ha detto , chi l’ha detto ?? Domanda n.3) La revoca ai Benetton , c’è stata ?? Domanda n.4) se la risposta alla domanda n.3 e’ NO , Giuseppi che e’ riferimento di quelli della domanda n.1 ha “vinto” come dice il Cazzaro e che quindi vuole ripetere i fasti ed i festeggiamenti purtroppo mancati la volta scorsa , oppure ?? Avrei bisogno che qualcuno mi aiutasse a risolvere il quesito .
  3. Il De Gasperi de noartri , per il Cazzaro napoletano Giuseppi del Tavoliere delle Puglie , strilla , strilla e poi ancora strilla , ma non decide un caz.z.o niente su Aspi/Autostrade . Il più vanesio che intelligente Presidente del Consiglio , ha un programma unico : rimanere in sella a sto governo più che può per riscuotere il suo non commentabile stipendio , rimanere , anche se considerato una barzelletta vivente , a contatto dei leader europei , e non tornare a fare qualche lezione , peraltro non apprezzata , dagli studenti dell’Ateneo di Firenze . Strilla quando gli scappati da casa a 5 s gli dicono di strillare , si acqueta quando il PD ed Italia Viva gli dicono di moderarsi . LeU e Speranza non contano ma questo si sapeva in partenza . Invece Giuseppi deve decidere e stasera , in CDM , dovrà smettere di fare il coniglietto che scappa e dire , alto e forte , il contenuto di una lettera , datata 13/03/ 2020 inviatagli dalla De Micheli (PD) ed in cui chiede che nel corposo dossier Autostrade , prenda una decisione sulla revoca della concessione . Giuseppi se ne starà zitto come un tarponcino. Mi auguro che qualcuno del PD possa rinfrescargli la memoria e metterlo con le spalle al muro e dia la prova che chi ha la colpa dei ritardi sulla partita ingaggiata con i Benetton sia imputabile solo e soltanto al coniglietto pugliese novello De Gasperi . Se nessuno del PD lo farà vorrà dire che questo partito si e’ fumato il cervello e che sarebbe opportuno un congresso per vedere di cacciare l’inguardabile ed impalpabile Zingaretti.
  4. Ora e’ tutto chiaro e non ci sono più dubbi !! Basta andare a leggere quel che scrive , stamani sul Falso Quotidiano , Il pluripregiudicato Travaglio Calandrino Marco su Conte Giuseppi. Tutti voi conoscete la estrema devozione del Cazzaro Napoletano verso il pescatore di storioni. Mi sembra quindi e perfino naturale che una mente labile come quella del pulcinella partenopeo si adegui immediatamente. Chi vuole può andare a leggerlo. Senza timore di smentita, perfino Emilio Fede , ai tempi d'oro , si sarebbe vergognato di scrivere su Berlusconi quello che ha avuto il coraggio di scrivere oggi Travaglio su Conte. Giuro che pareva la Pravda che parla di Brežnev . Però’, adesso , lo sappiamo perché il Cazzaro napoletano paragona Giuseppi a De Gasperi . Eccheccazzo, questo si sveglia , legge l’articolino di Calandrino , si eccita e vede il Paradiso . Ora lo sappiamo perché il Cazzaro pretende che ad ogni rientro in Patria di Giuseppi sia accolto con l’inno di Mameli con gli assenti che da casa si mettano sugli attenti e lo intonino pure loro. Ora si capisce perché il Cazzaro pretende che ogni missione di Giuseppi al Sud sia festeggiata con i fuochi artificiali pirotecnici , profumi e cotillon . Ora si sa perché gli onesti e l’Italia perbene deve stare con Giuseppi mentre tutti gli altri , i disonesti , non stanno con lui. Cazzaro , bastava che tu ci avvertissi subito e non avremmo perso tempo .