Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag ''ccà nisciuno è fesso''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Segnala Abuso
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Aforismi e Meme
    • Passione Libri
    • Donna
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Cucina e ristoranti
    • Scienza
    • Lifestyle
    • Sport
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Trucchi & consigli
    • Musica
    • Ambiente
    • Animali
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio
    • Politica Copia

1 risultato

  1. Non so se conoscete questa storia. I tg non ne parlano perché è una storia troppo vergognosa e imbarazzante per lo Stato. Uno Stato inadempiente che quasi 40 anni fa (1981) per il tramite del Commissario straordinario (credo che fosse l'ex ministro Dc Zamberletti) contrasse un debito, equivalente a circa 100 milioni di euro attuali, con un consorzio per i lavori della ricostruzione post-terremoto del 1980. Uno Stato scroccone e scaricabarile che appellandosi a qualche cavillo pretendeva di scaricare questo debito sul comune di Napoli e sui contribuenti napoletani. Immaginate se il debito per la ricostruzione di Amatrice fosse accollato tra 40 anni, con gli interessi, al comune di Amatrice. Roba da matti! Ma hanno trovato un osso duro, durissimo: il sindaco di Napoli, il leader senza altre bandiere che quelle dell'onestà e dei Beni Comuni, l'ex magistrato d'assalto che ha ereditato una città sommersa dai debiti e dai rifiuti, disastrata e dissanguata dal perverso intreccio tra politica, affari e camorra, e che la sta ricostruendo con una lenta rivoluzione che è prima di tutto culturale e che parte dal basso. Luigi de Magistris ha mobilitato la città contro questo debito che non le appartiene. I napoletani sono andati a Roma a protestare. E Roma sa che i napoletani si muovono poco, ma quando si muovono sono cavoli amari. Gentiloni ha dovuto prendere atto che spetta allo Stato pagare i debiti contratti dallo Stato. Resta però una pesante sanzione inflitta dalla Corte dei Conti al Comune di Napoli (e non allo Stato scroccone, scaricabarile e inadempiente!) per non avere iscritto a bilancio il debito. Niente paura: anche i giudici contabili dovranno rimangiarsi quella sentenza. I soldi dei napoletani servono per l'acqua pubblica, per la cultura, per la solidarietà, non certo per ripianare vecchi debiti dello Stato. Ccà nisciuno è fesso! http://www.demagistris.it/primo-piano/sono-troppo-indignato-in-questi-giorni-non-riesco/ http://www.demagistris.it/primo-piano/la-partita-del-debito-minuto-per-minuto-la/