Cerca nella Comunità

Mostra risultati per tag '' carlo alighiero''.

  • Ricerca per Tag

    Tag separati da virgole
  • Ricerca per Autore

Tipo di contenuto


Forum

  • Virgilio Forum
    • Segnala Abuso
    • Disturbi dell'alimentazione
    • Politica
    • Attualità
    • Gossip
    • Amore e Amicizia
    • Donna
    • Cinema e tv
    • Musica
    • Passione Libri
    • Sport
    • Lavoro
    • Hi-tech
    • Scienza
    • Animali
    • Aforismi e Meme
    • Tempo libero
    • Viaggi
    • Ambiente
    • Trucchi & consigli
    • Off-topic
    • Regolamento
    • Archivio

8 risultati

  1. Omissioni vigili di Ostia a favore di amici del clan Spada (ecco il video) Omissioni vigili di Ostia a favore di amici del clan Spada (ecco il video) https://www.youtube.com/watch?v=OWwi8UZFS8Q Questo è il link a uno dei tanti video che stiamo realizzando per dimostrare tutte le omissioni istituzionali poste in essere a favore di persone risultate in rapporti con il clan Spada di Ostia. In questo caso il giornalista Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti, mostra un immobile risultato abusivo di proprietà di Angela Falqui, moglie legalmente separata di Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro nella zona dell'Idroscalo di Ostia, che non solo non rispetta i canonici 5 metri prescritti dal D.P.R. 380/01, ma addirittura sconfina di circa 50 cm nella proprietà altrui. I coniugi De Prosperis/Falqui, separati, ma sempre insieme, allo scopo di intimidire De Pierro, il quale aveva presentato degli esposti per abusi edilizi, sempre ignorati dagli organi competenti, accompagnarono sotto casa sua, con la loro automobile il boss Armando Spada per minacciarlo e aggredirlo. Due vigilesse e un dipendente dell'Ufficio Tecnico di Ostia non videro quanto è riscontrabile in maniera lapalissiana ictu oculi circa il non rispetto delle più elementari norme urbanistiche, negando spudoratamente l'evidenza visiva. Giova sottolineare infatti che le stesse appartenenti all'allora Polizia Municipale dichiararono in sede di informativa di P.G. che avevano sottoposto a controlli la proprietà della signora Falqui ed era risultato tutto regolare. E' d'uopo far notare che l'accesso in loco non era stato effettuato a seguito dei prefati esposti presentati da De Pierro, ma in fase di indagine preliminare dopo aver denunciato lo stesso De Pierro per abusi edilizi inesistenti. Infatti, dopo aver subito un regolare processo, Fu assolto, insieme ad altri 2 membri della sua famiglia, con la formula piena "perché il fatto non sussiste". Pertanto non solo le vigilesse de quibus non avevano visto gli abusi della signora Angela Falqui, ma erano state capaci di denunciare De Pierro per abusi edilizi inesistenti. Si inoltra per dare la massima diffusione all'opinione pubblica di un'apodittica condotta omissiva, che non ha bisogno di approcci esegetici per comprenderla, posta in essere da chi avrebbe dovuto reprimere immediatamente quanto stava accadendo. Ci chiediamo quale sia la risposta della sindaca Virginia Raggi e dei vertici della Polizia Locale di Roma Capitale di fronte a quanto denunciato nel video. https://www.youtube.com/watch?v=OWwi8UZFS8Q Omissioni vigili di Ostia a favore di amici del clan Spada (ecco il video)
  2. Il presidente dell'Italia dei Diritti ha subito un linciaggio mediatico, ancora in corso, senza precedenti dopo la pubblicazione di un innocente tweet sulla manifestazione di Roma Roma - Non accenna a scemare il linciaggio mediatico che sta colpendo da circa una settimana il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro, dopo che questi aveva pubblicato, in occasione della manifestazione tenutasi davanti a Montecitorio nel giorno della fiducia al Governo Conte bis, un tweet che stimava il numero dei partecipanti a una cifra che si aggirava intorno ai 300. La quantità espressa, che comunque è alquanto compatibile con la realtà partecipativa dell'improvvisata piazza, non è stata giudicata congrua dai supporter leghisti, i quali si sono scagliati contro il giornalista romano in decine di migliaia, con insulti e minacce su tutti i profili e le pagine social facenti a lui riferimento, da Twitter a Facebook, passando per Instagram per arrivare a You Tube e a ogni articolo pubblicato in rete che permettesse commenti degli utenti, specie dopo che Matteo Salvini gli aveva rivolto una critica dal palco, pur senza citarlo. Il primo post, dopo mezz'ora aveva già ricevuto 200.000 visualizzazioni e oltre 1000 commenti. Infatti subito dopo De Pierro ne aveva pubblicato un altro, con foto allegata, al fine di dimostrare la veridicità di quanto aveva affermato. Ma ciò non aveva convinto i suoi contestatori, i quali si erano ripetuti, rincarando notevolmente la dose , con una "violenza verbale senza precedenti", come l'aveva definita il leader dell'Idd. Ed ecco che, facendosi strada tra la montagna di insulti, il paladino dei diritti si è imbattuto in alcuni eccellenti, tra i quali spiccano quelli di Francesco Storace e di Daniela Santanché. Quest'ultima si è concessa anche una replica su Facebook, dove ha apostrofato, con un messaggio praticamente identico a quello di Twitter, il numero uno dell'Italia dei Diritti come "uno di quei giornalisti tifosi", chiudendo con un "ci vediamo e contiamo alle elezioni". Non si è fatta attendere la risposta di De Pierro: "Mi fa sorridere l'espressione con cui Daniela Santanché mi ha etichettato. Mi ha dato del 'tifoso'. Probabilmente è venuta a conoscenza della mia fede calcistica nei confronti della A.S. Roma. Comunque, ironia a parte, ho solo fatto un'oggettiva e approssimativa stima circa il numero dei partecipanti alla manifestazione, peraltro non lontana da quella ***, l'unica che abbia valore, fornita dalla questura. La parola "tifoso", in senso giornalistico, non mi appartiene di certo. E anche nell'alveo politico la mia onestà intellettuale è nota. Lei stessa ne è testimone, ancorché sembra abbia smarrito qualche file mnemonico. Anni fa, dopo che fu aggredita verbalmente da un gruppo di extracomunitari, se non erro dopo una trasmissione televisiva, non ebbi alcun indugio nell'esprimere al suo indirizzo la mia più totale solidarietà, a cui lei rispose con evidente apprezzamento. Ricordo perfettamente che fu il quotidiano Libero a pubblicare entrambe le attestazioni. Faccio presente inoltre che le legittime critiche da me esplicitate nella congiuntura erano rivolte esclusivamente ai supporter leghisti, specie quelli del Sud, i quali, senza una piattaforma ideologica di riferimento, sono artatamente telecomandati dai proclami salviniani, mostrando coscienze anestetizzate e scarsa capacità di autodeterminazione. Parametri concettuali non riconducibili all'azione politica di chi si muove sotto l'egida di Fratelli d'Italia, o anche di Casapound e Forza Nuova, presenti alla manifestazione, che può non piacere ed essere non condivisibile, ma sempre coltivata nei contorni perimetrali di un terreno ideale. Mi sembra che anche Daniela Santanché fosse all'opposizione rispetto allo scorso governo gialloverde formato da Lega e Movimento 5 Stelle. Se poi qualcuno vuole fare demagogia, condizione comportamentale molto diffusa, ma altrettanto deleteria nel dibattito politico. E vi assicuro che, come non eravamo a favore del precedente esecutivo, non ci trova certo d'accordo l'attuale soluzione governativa per guidare il Paese. Di giallorosso io riconosco solo i colori della mia squadra del cuore. Purtroppo ciò è il frutto di una legge elettorale che nel suo impianto mostra assurdità imbarazzanti e da sempre abbiamo rispedito al mittente. Pertanto se qualcuno pensa, come è già successo, di potermi bollare come appartenente al Partito Democratico posso categoricamente rispondergli che sbaglia di grosso. Mai avuta alcuna tessera. In un'era caratterizzata dal tramonto delle ideologie noi ci poniamo come post-ideologici, oltre quelle barriere di pensiero che spesso soffocano la concretezza operativa, che ne esce inevitabilmente coartata. Sono orgoglioso di presiedere un movimento che guarda ai problemi e alla soluzione, ancorato ai capisaldi della legalità e della giustizia, e ancor prima dell'etica. Nei comuni dove abbiamo i nostri eletti, nella Città Metropolitana di Roma Capitale siamo la lista con più consiglieri sotto i 15.000 abitanti, lo stiamo dimostrando, combattendo quotidianamente sistemi gestionali ormai consolidati e appiattiti su posizioni poco funzionali alle esigenze dei corpi collettivi, nella gran parte dei casi riconducibili proprio al Pd. Evidentemente la signora Santanché è poco informata in merito. Noi lottiamo per quei diritti che spesso la politica di palazzo calpesta e mortifica, e quelli non hanno colore. Rossi, neri, bianchi, a noi poco importa. I cittadini non trovano risposte alle loro istanze, al loro grido spesso di dolore, e noi questi italiani, li prendiamo per mano e cerchiamo di affrontare le questioni che stanno loro a cuore, spesso contro l'inerzia delle amministrazioni di competenza. Non abbiamo bacchette magiche o ricette miracolose, ma ci proviamo e spesso ridiamo finalmente il sorriso a chi credeva di averlo perso per sempre. Quando e se vorrà sarà mia cura mostrare alla signora Santanché una realtà che forse ignora. E' questa la mia risposta a un commento legittimo, espresso con toni civili e pacati, mai debordanti rispetto ai confini della continenza. La stessa cosa non posso dire in afferenza al tweet di risposta proposto da Francesco Storace, che giudico profondamente offensivo e livoroso e che, devo dire, mi sorprende pure, avendo avuto in passato più di un approccio all'insegna della cordialità. La mia è stata una considerazione oggettiva ictu oculi, le sue valutazioni circa la manifestazione mi suonano un tantino faziose e di parte, specie quando parla addirittura di 'imponente manifestazione" e di '30.000 persone'. Per ciò che inerisce al suo tweet al mio indirizzo affido la mia risposta al silenzio, che a volte può essere assordante, non merita il mio commento verbale". L'ex ministro della Salute, già presidente della Regione Lazio e attuale direttore del Secolo d'Italia aveva risposto lapidario: "Sei un povero demente".
  3. Il presidente dell'Italia dei Diritti: "Aggredito ingiustificatamente sui social dai supporter Meloni e Salvini, quasi 2 mila i commenti inferociti al mio tweet per essere poi inseguito e coperto di insulti anche su Facebook e Instagram. Mai vista una simile violenza verbale". Roma - A dichiararlo, all'indomani della manifestazione di Fratelli d'Italia e Lega contro il nuovo Governo, il giornalista romano e presidente del Italia dei Diritti Antonello De Pierro che, ieri mattina, aveva descritto con toni aspri su Twitter il raduno di manifestanti in corso nei pressi di Montecitorio: "Quando sono arrivato in piazza - riprende il leader del movimento - non ho trovato una folla oceanica ad attendere i leader di Fdi e Lega. Alcune immagini che stavano circolando - prosegue De Pierro - riprendevano una piazza solo apparentemente gremita, comunque sovrastimata rispetto all'impressione che se ne aveva dal vivo. Per il resto - aggiunge - chi mi conosce sa che ho commentato la scena con il mio stile che può non piacere ma che mai mi sarei aspettato innescasse simili reazioni". Il giornalista romano descrive quanto avvenuto di lì a poco sulla pagina Twitter: "Nonostante fosse un post innocente, migliaia di utenti che appoggiavano la manifestazione hanno intasato i commenti, dandomi addosso e in alcuni casi insultandomi, per poi riversarsi sulle mie pagine Facebook con attacchi del medesimo tenore. Che dire, per quanto mi riguarda possono continuare. Dal canto mio - afferma - mai acclamerò' piccole piazze che, col braccio destro alzato, invocano un governo dell'odio e della discriminazione razziale. Il Paese ha bisogno di coesione in virtù di valori positivi che parlino di rispetto dei confini nazionali come di umanità e accoglienza. Riscriverei quel tweet e, a chi mi attacca a mezzo social, ricorderei i crimini del Ventennio, quando la piazza che oggi dicono di aver riempito sarebbe stato motivo di arresto. Il loro, oggi, è un patriottismo indotto da una politica che fa rivivere strani dejavu da cui, come presidente dell'Idd, intendo prendere piena distanza. Vorrei infine ricordare a Meloni e Salvini - si avvia a concludere - che le piazze memorabili sono state ben altre. Quasi 10 anni fa, il No Berlusconi Day riempiva San Giovanni in Laterano, dove la Questura parlò di 90 mila partecipanti, 1 milione per gli organizzatori. Solo noi, nonostante fossimo un movimento neonato partecipammo con oltre 1000 persone. Sicuramente, un seguìto non paragonabile a quello di un angolo di Montecitorio occupato ieri dai sostenitori del no al Conte bis".
  4. L'ex attrice e soubrette lanciata da Renzo Arbore è stata nominata dal presidente Antonello De Pierro alla Tutela degli Animali. Lunedì prossimo, giorno della fiducia al Conte Bis, sarà a Montecitorio per manifestare contro abbandono, maltrattamento e vivisezione Silvia Conti Roma - Continuano le adesioni all'Italia dei Diritti, il movimento nazionale fondato e presieduto dal giornalista romano Antonello De Pierro. La new entry risponde al nome di Silvia Conti, che il pubblico televisivo italiano ricorda per essere stata l'artefice dell'enorme successo ottenuto dalla trasmissione Rai "Indietro tutta", condotta da Renzo Arbore. La Conti, al secolo Daniela D'Agrò, cugina dell'ex ministra e parlamentare di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, era la rappresentante di punta delle Ragazze Coccodè nel programma che lanciò Nino Frassica, Mario Marenco e Nina Soldano, e con la grande attenzione che suscitò nella stampa e nell'opinione pubblica fu determinante per consegnare agli annali della tv l'originalissimo format di arboriana memoria. cane abbandonato a Roccagiovine Il suo successo personale fu corroborato dalla successiva partecipazione a numerose pellicole cinematografiche, tra cui "Occhio alla Perestroika", con Jerry Calà, Ezio Greggio e Corinne Cléry, per la regia di Castellano e Pipolo, e "Stasera a casa di Alice", con Carlo Verdone, Ornella Muti, Sergio Castellitto e Cinzia Leone, per la regia dello stesso Verdone, prima della decisione di dileguarsi dai lustrini del mondo della celluloide e della tv, per dedicarsi alla famiglia e alle altre grandi passioni della sua vita, la pittura e gli animali, a cui ha dedicato tante battaglie per la difesa dei loro diritti. E proprio la sua spiccata sensibilità verso i temi animalisti ha determinato il suo avvicinamento alla politica e l'incontro con De Pierro. Silvia Conti Infatti il leader dell'Idd aveva denunciato mediaticamente e giudiziariamente l'abbandono di un cane legato a un guardrail nel territorio di Roccagiovine, il suggestivo borgo della Valle dell'Aniene, nella Città Metropolitana di Roma Capitale, nel cui consiglio comunale siede in qualità di capogruppo della lista Italia dei Diritri, successivamente sparito, dopo che gli organi istituzionali di competenza avevano fatto registrare la loro inerzia per circa un mese. La Conti si era subito interessata alla vicenda, chiedendo un incontro urgente col numero uno del movimento e inoltrando istanza di adesione all'organizzazione da lui presieduta. La sua grande tenacia nel profondere ingenti energie in difesa degli amici a quattro zampe ha convinto De Pierro ad affidarle il Dipartimento per la Tutela degli Animali, carica rimasta vacante da qualche tempo. E già la neoresponsabile tematica, determinata come non mai, ha annunciato la prima iniziativa per portare all'attenzione della stampa e del grande pubblico la storia del cane di Roccagiovine, ribattezzato Argo, chiedendo che emerga la verità sul destino del povero animale, che ha attesto invano per un mese il ritorno del suo padrone prima di sparire nel nulla. Ma non solo. Infatti lunedì prossimo, giorno della fiducia al governo Conte Bis, l'ex attrice manifesterà a Montecitorio contro l'abbandono e il maltrattamento degli animali, inaugurando una serie di clamorose proteste in merito, con particolare attenzione anche al delicato tema della vivisezione.
  5. Il gruppo dell'Italia dei Diritti, capeggiato dal presidente Antonello De Pierro, ha presentato una mozione con istanza di consiglio straordinario La consigliera Michela Facioni Roma - Nuova vibrante protesta dell'Italia dei Diritti, gruppo di opposizione nel consiglio comunale di Roccagiovine, contro l'amministrazione guidata dal sindaco Marco Bernardi. Il movimento presieduto a livello nazionale dal giornalista romano Antonello De Pierro, che tra l'altro è consigliere capogruppo proprio nell'assise consiliare roccatana, da tempo fa sentire forte la sua voce contro le numerose inefficienze gestionali della maggioranza locale, da sempre puntualmente denunciate nel consesso assembleare, in particolar modo da parte dallo stesso De Pierro. Questa volta il dissenso si appunta sull'opportunità di un'assunzione effettuata nei mesi scorsi a seguito di un avviso di selezione pubblica finalizzato alla ricerca di una figura professionale da impiegare presso l'Ufficio Tributi. La congiuntura aveva subito incontrato le perplessità dei consiglieri dell'Italia dei Diritti per una serie di motivazioni, tanto da indurre il leader del movimento, esercitando il diritto di sindacato ispettivo legato al munus consiliare, a produrre subito un'istanza di accesso agli atti, rimasta parzialmente inevasa, con un'ostensione documentale lacunosa, soddisfatta solo dopo un rinnovo di richiesta al fine di ottenere il materiale preteso, ma con un'inevitabile e penalizzante dilatazione dei tempi di attesa e quindi dell'espletamento dell'auspicata attività istituzionale di manifestazione della contrarietà al provvedimento emesso. Vincitrice della procedura concorsuale è risultata Giada Facioni, sorella dell'autorevole consigliera di maggioranza Michela, miss preferenze (è stata la più votata in assoluto), nonché parente dello stesso sindaco Bernardi, ma De Pierro si è affrettato subito a chiarire che la disapprovazione esula dall'esito della selezione, che considera una mera coincidenza. Antonello De Pierro "Tengo a precisare, per fugare ogni equivoco — ha dichiarato —, che non contestiamo nella maniera più assoluta l'assunzione della signora Facioni, la quale è risultata avere tutti i requisiti richiesti dal bando e tali da farle attribuire il punteggio più alto, ma altri fattori, tra cui la stessa opportunità di dare avvio a una procedura di reclutamento". Infatti De Pierro, insieme agli altri consiglieri dell'Italia dei Diritti Paolo Nanni e Aurelio Tartaglia, ha inoltrato al sindaco, e per conoscenza al prefetto di Roma, nonché alle procure generale e regionale del Lazio della Corte dei Conti, una mozione con richiesta di consiglio straordinario, in cui viene estrinsecato dettagliatamente il corpo motivazionale che avrebbe dovuto, a loro avviso, evitare di avviare l'iter selettivo e il successivo perfezionamento negoziale. Ciò che balza subito all'occhio, scorrendo lo sguardo tra le righe dell'atto redatto, è l'approvazione della deliberazione della giunta comunale, composta dal sindaco Bernardi e dal vicesindaco Angelo Fabiani, presenti nella circostanza mentre risultava assente l'assessora Annita Cocchieri, alle ore 17,30 del 17 dicembre, giorno in cui è stato pubblicato il bando. In pratica l'approvazione sembrerebbe essere stata successiva alla pubblicazione dell'avviso di selezione a cui fa riferimento. E' lecito domandarsi come sia stato possibile tutto ciò e soprattutto chi era deputato a esprimere il parere tecnico sulla regolarità dell'atto come abbia potuto pronunciarsi favorevolmente. Quesiti a cui si cerca una risposta, ma ci si perde inevitabilmente in una buia vallata di ipotesi. "Prima facie qualcosa non torna — tuona De Pierro — e pretendiamo delle risposte esaustive, che siamo certi il sindaco e il vicesindaco, nonché la segretaria comunale Giulia Orefice, che ha espresso parere tecnico favorevole, riusciranno a fornirci fugando ogni dubbio in merito". La polemica dei consiglieri di opposizione si sofferma altresì sul compresso lasso temporale concesso agli aspiranti per formalizzare la presentazione delle istanze di partecipazione, dal 17 al 28 dicembre, per di più a cavallo delle festività natalizie, che ha ridotto ulteriormente il tempo a disposizione. Ma il perno dell'impianto argomentativo di dissenso si fonda sull'utilità di un'ulteriore assunzione, alla luce del fatto che un dipendente del Comune di Roccagiovine è comandato da lungo tempo presso un'altra amministrazione e mai sembra essere stata ventilata una remota possibilità di richiamarlo in sede. Pertanto, secondo la minoranza in consiglio, non era assolutamente necessario un ulteriore esborso di pubblico denaro, tenuto conto tra l'altro che quasi in concomitanza con la stipula del contratto di assunzione, per ridurre le spese del Comune, si era provveduto a sospendere un servizio di trasporto per la scuola della limitrofa Licenza, privando alcuni bambini di un servizio di fondamentale importanza. Non manca inoltre una critica all'asserita insindacabilità del giudizio del Ruf (Responsabile Ufficio Finanziario), alla cui competenza monocratica è stata affidata la disamina valutativa dei requisiti dei partecipanti e la formulazione della graduatoria finale, non riuscendo a identificare dei netti contorni di certezza cognitiva a un approccio esegetico. Alquanto interessante appare infine, nella mozione prodotta, il percorso deduttivo tracciato sotto il profilo giuridico, a conforto dell'asserita nullità ab origine dell'avviso di selezione da parte dei consiglieri sottoscrittori. Ciò prende le mosse da una netta duplicità identificativa del bando in questione. da un punto di vista legale. Infatti, richiamando a supporto i chiarimenti in merito di una nota sentenza della Corte di Cassazione, in via preliminare, i componenti del gruppo Italia dei Diritti si soffermano sull'inequivocabile inferenza concettuale, che conferisce, in materia di pubblico impiego, a ogni bando di concorso per l'assunzione di personale, la doppia natura di provvedimento amministrativo e di atto negoziale quale offerta al pubblico. E proprio su quest'ultima qualificazione attributiva si fonda l'argomentazione dei proponenti che riconduce a ritenere nullo il documento in esame. Com'è noto ogni attività contrattuale può prevedere come accessori degli elementi accidentali, tra cui è ben definita da specifiche previsioni normative la condizione. Com'è più dettagliatamente specificato nella mozione formulata, oltre alle condizioni potestative, casuali e miste, esiste una specifica figura giuridica, ben definita da un apposito articolo del codice civile, il 1355, che contravviene alle statuizioni legittimate dalla legge e costituisce una distorsione giuridica che rende nullo l'atto. Si tratta della condizione "meramente potestativa", che affida alla mera volontà di una sola parte, pertanto al mero arbitrio, l'efficacia della stipula contrattuale. E' la medesima massima cassazionistica a reputare nulla "...la clausola con cui la p.a. si riservi la facoltà di non procedere all'assunzione......perché integra una condizione meramente potestativa ai sensi dell'art. 1355 c.c." ed è proprio la fattispecie che ci interessa, alla luce del fatto che l'avviso di selezione pubblica promanante dal Comune di Roccagiovine recita testualmente che il Comune "si riserva, altresì, il diritto di revoca del procedimento in qualsiasi momento". "Ci opporremo con ogni mezzo lecito a nostra disposizione — fa sapere il numero uno dell'Italia dei Diritti — a un'assunzione che riteniamo assolutamente inopportuna. Visto il particolare frangente dell'anno in cui è stato pubblicato il bando e si è proceduto alla contrattualizzazione, il tutto nell'arco di una decina di giorni e durante le vacanze natalizie, ci siamo accorti di quanto era avvenuto solo a cose fatte. Ci siamo immediatamente attivati formulando un'istanza di accesso agli atti, a cui abbiamo ottenuto una risposta parziale. Praticamente ci è stata fornita solo la documentazione rinvenibile agevolmente sul sito *** del Comune. Siamo stati costretti a produrre un rinnovo di istanza di accesso e siamo venuti in possesso dell'intero corpo documentale solo dopo ben 75 giorni, quando il dettato dell''articolo 43 c. 3 del T.U.O.E.L. parla esplicitamente di 30 giorni per le risposte alle istanze di sindacato ispettivo presentate dai consiglieri. In questo modo si dilatano notevolmente i tempi e la nostra azione subisce inevitabilmente una coartazione. In questo modo non ci viene permesso di espletare compiutamente l'attribuzione mandataria affidataci dagli elettori. Meglio tardi che mai. Ora siamo qui e nei prossimi giorni in consiglio si discuterà e si voterà la nostra mozione, inserita all'ordine del giorno in una seduta ordinaria anche se avevamo chiesto in maniera lapalissiana un consiglio straordinario. Ma non obietteremo su questo. Ci interessa soprattutto capire se questa maggioranza avrà il coraggio di avallare quello che riteniamo un inutile esborso di denaro pubblico, a fronte di tante richieste da noi avanzate, a cui è stato opposto sempre un netto rifiuto per mancanza di fondi, oppure voterà la nostra mozione. L'ente ha un dipendente comandato presso un'altra amministrazione da lungo tempo e mai ci risulta che sia stata nemmeno presa in considerazione l'ipotesi di un suo rientro in sede. Peraltro la dipendente in questione è stata assunta per un ufficio specifico che è quello finanziario, che ci pare abbia finora espletato brillantemente i suoi compiti senza alcun problema. Per di più, in base alle elaborazioni dottrinali e giurisprudenziali, l'atto con cui è stato attivato il procedimento di reclutamento sembrerebbe essere nullo. In pratica, se ancora assumiamo per autorevole l'orientamento della Suprema Corte, si sarebbe proceduto a un'assunzione sulla base di un bando concorsuale affetto da nullità ex tunc. La nostra espressione di dissenso continuerà all'infinito con manifestazioni di protesta anche eclatanti qualora non venga revocato in autotutela il provvedimento di assunzione o quantomeno non vengano fornite risposte plausibili alle nostre perplessità in merito. E quando parlo di manifestazioni eclatanti parlo di incatenamenti di fronte a vari luoghi istituzionali o sedi di organi mediatici, sperando di non dover arrivare a occupare l'aula consiliare. Se necessario arriveremo a sottoporre la questione a referendum a iniziativa popolare". Mozione e richiesta consiglio straordinario assunzione 15072019.pdf
  6. Il presidente del movimento Antonello De Pierro: "La chiusura degli uffici municipali di un comune interessato da una tornata elettorale amministrativa nel giorno della presentazione delle liste confligge in maniera lapalissiana con l'esercizio del diritto all'elettorato passivo, che risulta inevitabilmente coartato" Dalila Italiano candidata a sindaco Roma - "Quanto verificatosi ieri a Saracinesco ha dell'incredibile. Ancora non riesco a credere che sia potuto accadere. La chiusura degli uffici municipali di un comune interessato da una tornata elettorale amministrativa nel giorno della presentazione delle liste è qualcosa di inaccettabile, che confligge in maniera lapalissiana con l'esercizio del diritto, costituzionalmente sancito, all'elettorato passivo, che risulta inevitabilmente coartato". Tanto ha dichiarato, ancora in preda a stupore e incredulità, il presidente del movimento politico Italia dei Diritti Antonello De Pierro, dopo essere giunto presso gli uffici del Comune di Saracinesco, bellissimo borgo della Città Metropolitana di Roma Capitale, per presentare, insieme alla vice responsabile provinciale di Roma Dantina Salzano, la lista per concorrere all'elezione diretta del sindaco e dei consiglieri dell'organo amministrativo locale. L'Idd, che corre in altri 7 comuni dell'hinterland capitolino (Capranica Prenestina, Castel San Pietro Romano, Gorga, Pisoniano, Rocca Canterano, Vallepietra e Sambuci), ha rischiato di rimanere fuori, incolpevolmente, dalla competizione proprio in un paese a cui guarda con grande interesse, con una lista tutta rosa. Antonello De Pierro De Pierro, che è anche capogruppo dell'Italia dei Diritti in seno al consiglio comunale di Roccagiovine e consigliere della X Comunità Montana, di cui fa parte anche Saracinesco, così spiega la scelta: "A Saracinesco, dove è candidata a sindaco la giovanissima Dalila Italiano, come a Sambuci, ho voluto essere presente alla consegna della lista, in quanto questa è composta da sole donne, tranne la presenza di un candidato di sesso maschile, come imposto dalla legge. Una scelta voluta per dimostrare che noi, a prescindere dal dettato normativo, siamo da sempre a favore delle quote di genere. Non è un mistero che le nostre liste vedono , a prescindere, la presenza di molte donne". L'apertura degli uffici comunali era prevista fino alle 20, ma alle 17 erano già chiusi. Inevitabile, di fronte all'impossibilità concreta di non poter consegnare la lista di candidati, la richiesta di intervento dei Carabinieri, che giunti prontamente dalla stazione di Ciciliano, hanno potuto appurare, alle 18,20, la chiusura degli uffici in questione. Una conseguenza naturale la successiva presentazione della denuncia all'Autorità Giudiziaria, in afferenza all'evento consumatosi. "Ringrazio il grande impegno — ha voluto sottolineare De Pierro — dell'Ufficio Elettorale della Prefettura di Roma per far sì che fosse assicurato al nostro movimento il diritto all'elettorato passivo. Infatti la loro attivazione ci ha permesso di effettuare tutte le operazioni per presentare la nostra lista poco prima delle 20 ed evitare di espletare il tutto il giorno dopo, entro le 12, come da previsioni regolamentari. E nell'occasione non posso non sottolineare l'alta professionalità espressa nel frangente dal comandante della stazione dei Carabinieri di Ciciliano".
  7. Il presidente dell'Italia dei Diritti e capogruppo dell'omonimo gruppo nel consiglio comunale del paese della Città Metropolitana di Roma Capitale annuncia battaglia per garantire la sicurezza dei cittadini: "Qui non siamo in Africa" Roma - Appaiono sempre più critiche le condizioni di degrado della rete viaria urbana di Roccagiovine, il pittoresco borgo della Città Metropolitana di Roma Capitale, immerso nel Parco dei Monti Lucretili e facente parte del meraviglioso territorio della Valle dell'Aniene. La circostanza era stata già ampiamente sottolineata dal presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro durante il consiglio comunale del Comune roccatano, dove siede in qualità di capogruppo del movimento di cui è leader nazionale, insieme ai consiglieri Dantina Salzano e Paolo Nanni, ma ha ottenuto sempre risposte alquanto evasive da parte del sindaco Marco Bernardi. De Pierro aveva annunciato anche un accesso agli atti al fine di ottenere la documentazione relativa agli interventi di manutenzione strutturale, ordinaria e straordinaria, delle strade, effettuata negli ultimi cinque anni, cosa a cui ancora non ha dato seguito nella speranza che l'attuale maggioranza adottasse i provvedimenti necessari a mettere in sicurezza e rendere almeno un minimo percorribili le vie del paese che, ironia della sorte, è il luogo di origine della sindaca di Roma Capitale Virginia Raggi, anche lei alle prese con gli stessi problemi, anche se, nonostante le accese polemiche, sembrano essere di minore entità rispetto a quelli che affliggono il bellissimo borgo di oraziana memoria. "Ho sperato troppo — ha dichiarato De Pierro — che il sindaco adottasse quei provvedimenti necessari a mettere in sicurezza le strade dello splendido paese-bomboniera di Roccagiovine. Ciò non è avvenuto e le strade sono sempre più vittima del degrado. Sul manto stradale sono presenti delle vere e proprie voragini. La situazione è particolarmente critica sulla strada che conduce al cimitero cittadino, su cui transitano numerose persone anziane, che quotidianamente mettono a repentaglio la loro incolumità. Ma ancora peggiori sono le condizioni della strada vecchia che conduce nel limitrofo comune di Licenza, che presenta un degrado indegno di un paese civile nella parte che ricade nella competenza gestionale del Comune roccatano, mentre fortunatamente la carreggiata diviene praticabile quando si passa in territorio licentino, grazie alle indubbie e palesi capacità amministrative del sindaco Luciano Romanzi. La strada in questione peraltro è meta di numerose persone che praticano jogging. La misura è colma e la nostra pazienza è finita. I cittadini roccatani e coloro i quali vengono a visitare il borgo hanno diritto a transitare in sicurezza sulle strade. Qui non siamo in Africa. E' il momento di agire. Pretendiamo che il sindaco intervenga senza ulteriori indugi a porre fine a questo intollerabile disagio e metteremo in atto ogni mezzo che l'impianto normativo in vigenza ci attribuisce, oltre a programmare azioni clamorose di protesta. Innanzitutto procederemo a produrre istanza, come già avevamo accennato in consiglio, al fine di ottenere l'ostensione e la copia di tutta la documentazione afferente agli interventi manutentivi delle strade nei cinque anni della scorsa consiliatura, e chiederemo la fissazione di un'assemblea consiliare straordinaria per dibattere in merito alla vicenda. Noi teniamo a questo paese e ai suoi abitanti e se qualcun altro dimostra nei fatti di non riuscire ad amministrare adeguatamente saremo i cani da guardia dei cittadini. D'altronde non possiamo nemmeno pretendere molto da chi non ha sentito per cinque anni l'esigenza di dotarsi del prescritto regolamento consiliare per stabilire i precetti a cui attenersi durante l'attività assembleare e ha aspettato che fossimo noi a pretendere l'immediata adozione regolamentare, in ossequio alle previsioni del Tuel Avevamo annunciato collaborazione per qualsivoglia provvedimento a beneficio della cittadinanza e linea dura in caso di inerzia amministrativa. Alla luce dei fatti, attualmente l'unica via percorribile ci sembra inevitabilmente l'opposizione rigorosa e intransigente, nutrendo un barlume di speranza che il sindaco inizi finalmente ad amministrrare adeguatamente Roccagiovine".
  8. Il giornalista presidente dell'Italia dei Diritti al premio dedicato all'indimenticabile produttore e regista: "L'iniziativa di stasera apre la strada a un crescendo evolutivo di grande prestigio e impatto che condurrà certamente a un appuntamento irrinunciabile nel panorama cinematografico made in Italy" Roma - L'impegno del giornalista Antonello De Pierro, presidente del movimento Italia dei Diritti e direttore di Italymedia.it, a sostegno della cultura non conosce sosta. Quello che è stato sempre al centro di ogni trasmissione da lui condotta sulle frequenze di Radio Roma, emittente che l'ha visto direttore per un decennio, e diventato parte inderogabile della linea programmatica del gruppo politico di cui è leader, ha dispiegato compiuta espressione l'altra sera sull'Isola Tiberina di Roma. In questo caso di scena era la settima arte, la locuzione coniata dal critico Ricciotto Canudo per indicare la cinematografia, che De Pierro, nell'alveo delle forme culturali, ha sempre collocato ai primissimi posti. Infatti, nell'ambito della manifestazione estiva "L'Isola del Cinema", è andata in scena la prima edizione del "Premio Luciano Martino", dedicato alla memoria del grande produttore, regista e sceneggiatore, considerato il padre della commedia sexy all'italiana. La prestigiosa kermesse, ideata dalla sua ultima compagna e collaboratrice Olga Bisera, attrice e validissima scrittrice, in collaborazione con Steve Della Casa e Luca Pallanch, ha ottenuto il patrocinio dell'Anica e del Centro Sperimentale di Cinematografia. La conduzione è stata affidata a Ottavia Fusco Squitieri e a Daniela Cecchini. A scegliere i vincitori che si sono aggiudicati l'ambito trofeo è stata un'autorevole giuria presieduta da Giuliano Montaldo e composta da Franco Nero, Gianni Garko, Pippo Franco, Barbara Bouchet, George Hilton, Carlotta Bolognini, Manetti Bros, Isabel Russinova, Martine Brochard, Antonella Lualdi, Saverio Vallone, Felice Laudadio, Michele Massimo Tarantini, Steve Della Casa e Luciano Sovena. Il tutto coordinato da Francesca Piggianelli. De Pierro è giunto all'appuntamento con la grande serata di cinema in compagnia di una sua cara amica, la nota imprenditrice pontina Simonetta Braga. "E' assolutamente commendevole — ha commentato il numero uno dell'Italia dei Diritti — la dedizione con cui la mia cara amica Olga Bisera onora la memoria del suo amato e compianto compagno di vita Luciano Martino, tenendone vivo il ricordo con varie iniziative in suo onore. Quella di stasera apre la strada a un crescendo evolutivo di grande prestigio e impatto che condurrà certamente a un appuntamento irrinunciabile nel panorama cinematografico made in Italy. La qualità degli ospiti e l'autorevolezza dei componenti della giuria corroborano la mia esplicitazione concettuale circa la concretizzazione dell'auspicato sviluppo del neonato riconoscimento premiale. Il mio amore per il cinema e l'impegno che durante la mia carriera giornalistica ho profuso per la promozione delle pellicole made in Italy, mi porta a ipotizzare l'organizzazione di varie iniziative dedicate al mondo della celluloide nel territorio dove da poco sono amministratore, ossia quello di Roccagiovine e della Valle dell'Aniene, nell'ambito della Città Metropolitana di Roma Capitale. Parlerò con Olga affinché si possa pianificarne una proprio in ricordo del padre della commedia sexy all'italiana". Oltre al giornalista romano, tra i tanti ospiti in platea, quasi tutti invitati sul palco, c'erano Gloria Guida, Barbara Bouchet, Pippo Franco, Adriana Russo, Martine Brochard, Dagmar Lassander, Malisa Longo, Gabriella Giorgelli, Gegia, Cinzia Monreale, Fulvio Lucisano, Italo Moscati, Pierfrancesco Campanella, Carlotta Bolognini, George Hilton, Saverio Vallone, Lisa Bernardini, Ester Campese, l'on. Gigliola Brocchieri, Elisabetta Pellini, Kaspar Capparoni, Gabriele Marconi, Massimiliano Buzzanca, Simone Sabani, Cristina Moglia, Gianni Garko, Silvio Laurenzi, Enrique Del Pozo, Roberto Girometti, Pier Ludovico Pavoni, Nadia Vitali e Antonio De Feo. Una veloce apparizione anche per Barbara D'Urso. (Foto di Marco Bonanni)