diana-pi

  • Numero messaggi

    144
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da diana-pi

  1. Erminia Muscolino aveva richiesto uno stage in un centro in provincia di Pordenone. "Avevo inviato il mio curriculum al Cro di Aviano. Mi è arrivata questa risposta, inviata per sbaglio: Figurati se prendiamo una da Palermo" dopo essersi candidata per fare esperienza, anche gratis, nell'azienda. Erminia Muscolino, ha 30 anni, e sta frequentando la specializzazione in biotecnologia medica e medicina molecolare. "Prima di terminare un altro corso di alta formazione in ricerca chimica missione Cra che sto seguendo - racconta a Tgr e Rai Sicilia scatenando la polemica - ho mandato vari curricula in centri in Italia che si occupano di ricerca clinica fra cui uno l'ho spedito in provincia di Pordenone in Friuli Venezia Giulia, naturalmente essendo disponibile ad andare fuori anche a titolo gratuito, e per sbaglio ho ricevuto una risposta da questa struttura dove c'era scritto: 'già ricevuta anche io.... Figurati se andiamo a prendere una da Palermo'". Non si tratta di una risposta ufficiale del centro di ricerca Cro di Aviano ma di una comunicazione interna arrivata alla biologa per sbaglio. La mail infatti, ha spiegato la biologa, era indirizzata ad un'altra persona ma faceva riferimenti alla sua candidatura C'è da commenatare? Forse si, per dire che cose come queste non solo non dovrebbero accadere ma non si dovrebbero neanche pensare ed è molto triste anche che una persona preparata come questa biologa, pur di lavorare si offra di farlo gratis http://www.palermotoday.it/attualita/mail-risposta-biologa-ficarazzi-candidatura-azienda-pordenone.html
  2. Ieri Michelle aveva postato su Instagram un video ironico in cui, con indosso un abito da sera ma ai piedi delle semplici pantofole, in cima alla scalinata di casa richiama i momenti del Festival, ma viene interrotta dalla tata e dalla cuoca che le ricordano che la cena è pronta. “Le bambine l’aspettano nella vasca”, “È pronta la pasta”: si sentono gridare le domestiche di casa. Una gag che ha divertito molti follower di Michelle Hunziker ma non tutti. Qualcuno, infatti, ha fatto notare come il siparietto, seppure con l’intento di divertire, ostentasse eccessivamente la ricchezza della showgirl svizzera. “Sarai pure simpatica, ma c’hai pure un sacco di soldi”, ha commentato qualcuno, come se avere soldi fosse una colpa. E qualcun altro ha aggiunto ironico: “Manca solo ‘Ciao povery'”. Infine, un utente ha scritto: “Anch’io vorrei essere interrotto dalla servitù”. In ogni caso, pur tra commenti non sempre di apprezzamento e, il video ha collezionato in poche ore sessantamila like. Lei voleva vendere l'abito per beneficenza ma ha tolto tutto. Che ne pensate? Una gag con un magnifico abito, con tata e cuoca che la interrompono... è roba da privilegiati che io credo seppur fatta con le migliori intenzioni, siccome è la sua vita vera, possa infastidire chi non è fortunata come lei https://www.leggo.it/gossip/hunziker/michelle_hunziker_cancella_video_servitu-4297868.html
  3. Ma come si fa ad essere così incoscienti? Una mamma non capisce lo spavento che si può prendere una bambina di 4 anni che si sveglia sola in casa? E il rischio che corre? Per fortuna un'automobilista l’ha vista sola e in lacrime, mentre scalza e in pigiama camminava per le vie di Brescello alle prime ore del mattino. Per questo motivo un 65enne mantovano che percorreva la strada in macchina, si è fermato e ha portato la bambina alla caserma dei carabinieri di Brescello. La piccola, 4 anni, a causa della assenza della mamma che era andata al mercato del paese, era uscita di casa percorrendo almeno 200 metri di strada. La moglie di un militare le ha fatto fare colazione e le ha messo le calze mentre personale dei servizi sociali, subito allertati, assieme ai carabinieri l'hanno fatta giocare con le bolle di sapone. Dopo aver tranquillizzato la bambina, che oltre al suo nome e a quello del padre non era in grado di riferire alcuna indicazione che consentisse ai carabinieri di rintracciare dove vivesse, i militari di Brescello hanno avviato le indagini per risalire ai familiari. https://gazzettadireggio.gelocal.it/reggio/cronaca/2019/02/15/news/binba-di-4-anni-esce-di-casa-scalza-e-in-pigiama-mamma-denunciata-1.30024726
  4. Un banale "incidente", ma che poteva costarle la vita: una donna di 57 anni è andata in ospedale a Pisa, con fortissimo mal di pancia e vomito. Poi la scoperta: una perforazione intestinale a causa di un ago di rosmarino ingoiato a pranzo, che stava scatendando una peritonite. La signora ha davvero rischiato la vita, per fortuna i medici di Pisa hanno capito subito il problema e la hanno operata d'urgenza, ora, dopo la grande paura, sta meglio. https://www.unionesarda.it/articolo/news/italia/2019/02/14/mangia-rosmarino-a-pranzo-un-ago-le-perfora-l-intestino-137-835687.html
  5. Richiamati diversi lotti di gorgonzola dop dolce per rischio microbiologico: si segnala la presenza di Listeria monocytogens, A dare notizia del richiamo è il sito del ministero della Salute. La misura riguarda una serie di lotti di diversi marchi di gorgonzola - Bella Italia, Igor Blu, Casa Leonardi, Novarì, Colle Maggio - tutti prodotti nello stabilimento di Cameri (Strada statale Leonardi 21). Per maggiori informazioni sui lotti interessati e le scadenze, si può consultare il sito: www.salute.gov.it. Listeria è una famiglia di batteri composta da dieci specie. Una di queste, Listeria monocytogenes, causa la listeriosi, una malattia che colpisce l’uomo e gli animali. Seppur rara, la listeriosi è spesso grave, con elevati tassi di ricovero ospedaliero e mortalità. Nella Ue sono stati segnalati circa 1.470 casi nell’uomo nel 2011, con un tasso di mortalità del 12,7 %. La Listeria si ritrova nel terreno, nelle piante e nelle acque. Anche gli animali, tra cui bovini, ovini e caprini, possono essere portatori del batterio. Il consumo di cibo o mangime contaminato è la principale via di trasmissione per l’uomo e gli animali. Le infezioni possono verificarsi anche attraverso il contatto con animali o persone infetti. Controllate se avete recentemente comprato del gorgonzola! https://www.repubblica.it/cronaca/2019/02/06/news/ritirati_lotti_di_gorgonzola_dop_rischio_microbiologico-218476264/
  6. Se alla francese Gabrielle Coco Chanel viene attribuito il merito di aver messo i pantaloni alle signore, nella prima metà del secolo scorso, alla britannica Mary Quant, 85 candeline l'11 febbraio, il mondo riconosce di essere stata la "mamma della minigonna", di aver diffuso nella seconda metà del '900 l'indumento femminile più amato dalle ragazze di tutte le latitudini facendolo indossare da una parrucchiera di 17 anni, Leslie Hornby, detta Twiggy (grissino), antesignana delle top model teen ager. Ancora oggi la minigonna è un look amatissimo dalle ragazze e in genere accettato . Nei primi anni Sessanta la società era ancora molto 'bigotta' in tema di costumi. Il Sessantotto arriverà con la sua carica sociale rivoluzionaria e porterà amore libero, pillola anticoncezionale, capelli lunghi per i "figli dei fiori", jeans e minigonne per le girl. Bellissima la minigonna! Ma indossata solo se si hanno belle, magre e lunghe gambe https://www.rtl.it/notizie/articoli/mary-quant-la-mamma-della-minigonna-compie-85-anni/
  7. Un altro outing su fatti molto intimi, stavolta è la compagna di Sgarbi da 20 anni, Sabrina Colle che alcuni giorni fa è tornata in televisione, da Chiambretti e dice che da alcuni anni non fanno più sesso. "Dopo qualche anno, è così per tutti. Nella vita l'amore è un'altra cosa." Il sesso però non manca nelle loro vite, ed entra in gioco la questione della gelosia: "Ci scherziamo, l'ho visto con tante differenti. Sta con me, forse mi ama, ma non sa se sono davvero sua. Lui affascina molto anche gli uomini, anche se quando lo salutano con un bacetto, gli dà fastidio, si lamenta. Lui dà la mano, si sente più virile." L'attrice non nega ti aver avuto tentazioni e corteggiatori in questi anni: La letteratura ha rovinato tutti. Leggevo gli amori tormentati, passionali e poi... il sesso è tutto questo qui? Ho molti corteggiatori. Sgarbi una volta sul mio telefono ha letto un messaggio di un uomo, ha detto: "Sei irriducibile, vuoi solo me, prima o poi crollerai". Mi diverto molto con i racconti delle mie amiche. Sono come maschi. https://www.huffingtonpost.it/2019/02/04/sabrina-colle-io-e-sgarbi-non-facciamo-piu-sesso-da-qualche-anno-nella-vita-lamore-e-unaltra-cosa_a_23660732/
  8. Paolo Barelli, presidente delle Federnuoto, ha raccontato che Manuel, al risveglio, si è rivolto alla madre: “Fatti coraggio, mamma”, le ha detto, spiegando che “ora per me comincia un altro allenamento”. Barelli ha quindi sottolineato che il ragazzo “è stato raggiunto dalla solidarietà di istituzioni e mondo sportivo, dall’affetto e dalla commozione dell’Italia intera. Ne ha sentito la forza e sa di poter contare su una famiglia premurosa, pronta a sostenerlo e ben più numerosa di quanto immaginasse. E’ diventato il figlio, il fratello, il nipote di tutti coloro che non accettano di vivere in un ambiente ostaggio della violenza”. Si è così violenza e degrado, due cocainomani spacciatori già noti alle forze dell'ordine liberi di andarsene in giro a sparare al primo che passa, non se ne può più!. Il ragazzo è un vero campione anche nella vita, in questa prova durissima https://www.agenpress.it/notizie/2019/02/06/roma-i-colpevoli-hanno-confessato-manuel-ha-saputo-fatti-coraggio-mamma-per-me-comincia-un-altro-allenamento/
  9. Ma chi è veramente Brigitte Macron? Perché tanti francesi non la possono vedere? Come mai perfino un bonaccione come Hollande ironizza chiamandola «la vecchia»? Quali pulsioni deliranti spingono i gilet gialli a sognare di esibirla «nuda in cima alle barricate», come una nuova Maria Antonietta sul patibolo? Due giornaliste del Parisien, Ava Djamshidi e Nathalie Schuck, le consacrano un libro («Madame la Présidente») che uscirà a giorni e già si annuncia come un successo editoriale. Le giornaliste del Parisien raccontano che: « I Macron costituiscono una coppia solidissima. Sono innamorati al punto che hanno bisogno sempre di toccarsi e di essere vicini», aggiungono. Solidi, certo, ma anche ingenui: in piena rivolta dei gilet gialli, Brigitte ed Emmanuel hanno convocato i giornalisti per presentare i lavori di rinnovo all' Eliseo, 600mila euro d' imbiancature senza contare i costi per sostituire piatti, quadri e tappeti. Il giorno dopo c' è stata la manifestazione sugli Champs-Elysées culminata nel saccheggio dell' Arco di Trionfo... http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/tutti-odiano-brigitte-macron-hollande-julie-gayet-chiamano-194492.htm
  10. "Si spegne giorno si spegne. Ora rifiuta anche il cibo. È una malattia maledetta e non c'è cura. Mia mamma era un treno, ora vederla in quel letto mi fa stare male. Io penso che capisca perché a volte piange, ma spero che non capisca, magari vive nel suo mondo". Per la prima volta, nel salotto di Silvia Toffanin, Matilde Brandi aveva parlato della malattia della madre, affetta da Alzheimer. Poco dopo la messa in onda, ha scritto in un post, "Mamma hai aspettato che raccontassi la tua storia e alla fine della puntata sei volata via non potevo immaginare. Vola mamma vola". https://www.huffingtonpost.it/2019/02/03/matilde-brandi-parla-della-madre-malata-in-tv-dopo-lintervista-la-donna-muore-sei-volata-via_a_23659967/?ncid=other_trending_qeesnbnu0l8&utm_campaign=trending
  11. Mimmo Parisi, neo presidente di Anpal – l’Agenzia nazionale per le politiche attive del lavoro – ha un conflitto d’interessi piuttosto complicato da risolvere. L’italo-americano nato ad Ostuni, classe 1966, non vuole lasciare nonostante l’impegno romano. Preferendo fare su e giù con gli Stati Uniti. Ma, racconta oggi Valentina Conte su Repubblica, questo è un problema: Lo statuto di Anpal vieta al suo presidente di avere un altro rapporto di lavoro subordinato. La scappatoia infilata all’ultimo nel decreto su reddito di cittadinanza e quota 100 potrebbe complicare la situazione. Perché la deroga assai generica ad “adeguare” le regole (articolo 12, comma 3) spetterebbe allo stesso presidente che dovrebbe aggiustarle per se stesso. Ma non finisce qui. Fosse pure risolta l’impasse del doppio lavoro, rimane la questione del software. Può l’agenzia del lavoro italiana comprare un programma informatico dall’università americana in cui insegna il suo presidente, ideatore dello stesso programma? Ovviamente no https://www.nextquotidiano.it/mimmo-parisi-conflitto-di-interessi-reddito-di-cittadinanza/
  12. Ho letto Sottomissione, leggerò anche questo grazie
  13. Regalare un libro è sempre una buona idea, ma anche leggerlo, in queste vacanze di Natale dopo la frenesia dello shopping, di pranzi, cene e tombolate, un bel libro, una tazza di tè, cosa c'è di meglio per rilassarsi? Ecco una lista di suggerimenti per i libri del Natale 2018 https://www.iodonna.it/spettacoli/libri/foto-racconto/libri-da-regalare-e-leggere-a-natale/
  14. Nel novembre 2015, all'età di 65 anni è diventata mamma con una fecondazione eterologa, effettuata in Spagna. Ma l'INPS le nega il bonus bebè. "Da tre anni alla signora, una cassiera di supermercato residente a Milano, l'Inps nega l'accesso al bonus bebè perché in Italia non è previsto per i cittadini celibi o nubili che hanno fatto ricorso a inseminazione eterologa, pratica 'vietata' in Italia". Alla signora spetterebbero 160 euro al mese che non incassa da 3 anni e si è rivolta a degli avvocati, che ne pensate? http://www.today.it/rassegna/mamma-65-anni-bonus-bebe.html
  15. Ermanno Lavorini il 30 gennaio del 1969 aveva quasi 13 anni era timido ed esile, con i sogni di un adolescente che non vedeva l’ora iniziasse il Carnevale nella sua Viareggio, ma quel Carnevale non lo vide mai. Sequestrato, picchiato, ucciso. E' stato il primo rapimento di un bimbo che fece inorridire tutta Italia. La richiesta di riscatto era di 15 milioni, come riferito in una telefonata che arrivò lo stesso pomeriggio del sequestro a casa di Armando Lavorini, commerciante di tessuti nella zona del mercato, non era certo una famiglia di miliardari, anzi.. Al telefono risponde la sorella maggiore Marinella che resta impietrita e poi urla disperata. Ma Ermanno è già morto. Tre ore dopo il sequestro. Orrore, scandalo, depistaggi, polemiche. Successe di tutto in quei 39 giorni, dal 31 gennaio data della sparizione, al ritrovamento del cadavere la mattina del 9 marzo nella sabbia della pineta a 150 metri dal mare di Marina di Vecchiano, in territorio di Pisa. Ma ci furono anche tragedie nella tragedia. Come quella di Adolfo Meciani, 40enne benestante che bazzicava i ragazzini di vita della pineta che lo ricattavano. Rischiò per due volte il linciaggio pubblico e si impiccò in carcere, sconvolto dalla vergogna per accuse ingiuste. Avevano coinvolto lui e molti altri. Anche Giuseppe Zacconi, figlio del grande attore Ermete, che morì di crepacuore qualche mese dopo per le accuse ingiuste. Ma chi era stato? Quel rapimento per molti versi maldestro secondo i gradi di giudizio aveva come ideatori ed esecutori Marco Baldisseri, 16 anni ma già una vita vissuta tra mille espedienti, Rodolfo Della Latta, 20enne becchino, Pietro Vangioni, 20 anni. Furono condannati ma è sempre rimasto il dubbio suoi veri colpevoli. https://www.quotidiano.net/cronaca/ermanno-lavorini-1.4415771
  16. Il comune di Roma risponde a chi si fa male per le buche, che sono tante, quindi persone a piedi o in motorino o in macchina devono stare attenti loro a non caderci, ma intanto persone corrotte all'interno facevano indebitamente sparire multe per 16 milioni di euro, gli indagati sono 197, fra questi anche il patron della Lazio Lotito che si sarebbe fatto cancellare multe per 26.000 euro. Sai quante buche ci potevano aggiustare con questi soldi? https://www.lapresse.it/cronaca/roma_multe_cancellate_illegalmente_197_indagati-1085482/video/2019-01-28/
  17. Una neonata di sole due settimane è morta dopo aver contratto il virus dell'herpes per un bacio. È successo in Gran Bretagna, come riporta il Daily Mail: la piccola Kiara si è ammalata in pochi giorni ma per lei non c'è stato nulla da fare. A contagiarla è stato probabilmente il bacio di qualche parente o amico, malgrado il divieto dei genitori che hanno chiesto a tutti i non avvicinarsi se erano malati e raccomandato di lavarsi sempre le mani. «Nemmeno nei miei incubi peggiori avevo pensato che un bacio potesse uccidere mia figlia», ha dichiarato la mamma, Kelly Ineson, in lacrime. Quello della piccola Kiara non è il primo caso di neonato morto per aver contratto l'herpes: i genitori del piccolo Kit, morto in circostanze analoghe, hanno addirittura creato una fondazione per promuovere la consapevolezza sul tema. Ma cavolo! Si sa che i neonati non hanno difese immunitarie bisogna fare attenzione, questo vizio di baciarli! https://www.leggo.it/esteri/news/neonata_morta_herpes-4165477.html
  18. Le Iene hanno portato da Tiziano Renzi un suo ex lavoratore nigeriano, Omogui Evans, che dice di dover ancora ricevere 90mila euro. Era stato proprio il padre di Matteo Renzi a dirci che avrebbe risposto dei debiti della Arturo srl. Ma di fronte al ragazzo, Tiziano Renzi si è lasciato andare agli insulti “Ci vediamo in tribunale! Faccia di merda. Ma stai zitto, faccia di merda”. Raccontano le Iene: "Omogui Evans, è un lavoratore nigeriano che aveva collaborato con la Arturo srl, e che abbiamo provato a portare direttamente al cospetto di Tiziano Renzi. E glielo abbiamo portato anche perché era stato proprio lui, Renzi, a chiedercelo: “Tutti quelli che hanno da avere da Arturo vengano da noi, si facciano vedere, finalmente pagherà chi deve essere pagato – aveva spiegato Tiziano Renzi -. Sappia che se questi vengono da me, si facciano vedere, ne rispondo io…digli che vengano, ne rispondo, cioè se loro dimostrano che effettivamente la Arturo certo certo deve soldi a queste persone…” “Li paga?”, aveva chiesto allora Filippo Roma. “Certo”, era stata la replica di Tiziano Renzi. Bene! E allora glielo abbiamo portato." Qui il video https://www.iene.mediaset.it/2019/news/tiziano-renzi-arturo-lavoro-nero-nigeriani-le-iene-filippo-roma_280513.shtml
  19. Forse non è il caso di guidare neanche una macchinetta a pedali a 97 anni, figuriamoci un Range Rover, ma i principi si sentiranno invincibili? Comunque per sua fortuna non si è fatto niente, non dicono cosa è successo alle persone nell'auto con la quale si è scontrato https://www.repubblica.it/esteri/2019/01/17/news/incidente_d_auto_per_il_principe_filippo_illeso_ma_sotto_shock-216813414/
  20. I furbetti del bollo auto: così sono riusciti a non pagarlo per anni Non tutti devono pagare il bollo auto: possono ad esempio beneficiare dell'esenzione i disabili e relativi familiari che risultino fiscalmente a carico del disabile o viceversa. Una legge sacrosanta, peccato che come sempre accade nel nostro Paese, ci sia qualcuno che se ne approfitta. Succede ad esempio a Napoli, dove la Guardia di Finanza ha individuato 12 persone che, non avendo più familiari disabili in quanto morti da diversi anni, continuavano a sfruttare indebitamente l'esenzione del bollo auto per i portatori di handicap o invalidi. http://www.today.it/attualita/truffa-bollo-auto.html
  21. Ecco chi canterà a Sanremo 2019, sono i big: Federica Carta e Shade – Senza farlo apposta Patty Pravo e Briga – Un po’ come nella vita Negrita – I ragazzi stanno bene Daniele Silvestri – Argento vivo Ex-Otago – Solo una canzone Achille Lauro – Rolls Royce Arisa – Mi sento bene Francesco Renga – Aspetto che torni Boomdabash – Per un milione Enrico Nigiotti – Nonno Hollywood Nino D’Angelo e Livio Cori – Un’altra luce Mahmood – Soldi Paola Turci – L’ultimo ostacolo Simone Cristicchi – Abbi cura di me Zen Circus – L’amore è una dittatura Anna Tatangelo – Le nostre anime di notte Loredana Bertè – Cosa ti aspetti da me Irama – La ragazza col cuore di latta Ultimo – I tuoi particolari Nek – Mi farò trovare pronto Motta – Dov’è l’Italia Il Volo – Musica che resta Ghemon – Rose viola Einar – Parole nuove https://tg24.sky.it/spettacolo/musica/2019/01/14/sanremo-2019-cantanti-big.html
  22. Oggi è uscita la sentenza che mette un punto a una vicenda emersa sulle pagine di Repubblica lo scorso ottobre e che mette in imbarazzo la giunta pentastellata romana: spetta, infatti, alle strutture del Campidoglio - e dunque alla sindaca Virginia Raggi - il compito di eseguire lo sfratto della mamma di una delle parlamentari più in vista del Movimento. Sempre se la donna non decida di lasciare spontaneamente quell'appartamento sul quale, nel 2014, è scattato l'iter di decadenza concluso (nonostante le controdeduzioni della famiglia Taverna tutte puntualmente respinte) nel dicembre 2017. Secondo gli accertamenti patrimoniali portati avanti dall'Ater, la signora Bartolucci nel corso degli anni ha perso il diritto di abitare quell'alloggio da 100-150 euro al mese di affitto da quando l'agenzia delle case popolari della Regione Lazio ha verificato che i beni del suo nucleo familiare superavano i limiti stabiliti dal regolamento. In questo modo, la mamma della senatrice 5 Stelle si trova in una situazione di "esubero di reddito", un'inquilina cioè che continua a pagare un affitto irrisorio pur quando le sue condizioni economiche imporrebbero di trovare altre sistemazioni. "Mia madre percepisce una pensione minima e vive in una casa popolare dove ho vissuto anche io per tanti anni - si difese a ottobre la Taverna - credo abbia tutto il diritto di desiderare di morire nella stessa casa dove è vissuta". Non così per i giudici amministrativi, e la signora dovrà pagare anche le spese legali. Ora la Raggi ha una bella gatta da pelare, se la signora non lascerà la casa spontaneamente la dovrà sfrattare https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/01/10/news/caso_taverna_il_tar_rigetta_il_ricorso_della_madre_inquilina_abusiva_ora_lasci_la_casa_popolare_-216255942/
  23. Molti si erano già muniti di paletta e secchiello per farsi una bella mangiata gratis, senza pensare che non si sanno le cause di questa ecatombe di gamberetti, potrebbe trattarsi di sostanze tossiche e quindi si rischia di mangiare cose dannose che fanno male alla salute, Per ora le ipotesi sono le più disparate: «Potrebbe darsi che questi gamberetti si siano trovati nel posto sbagliato al momento sbagliato e quindi che siano stati spinti da un'onda o da una mareggiata. La seconda ipotesi è che la morte possa essere dovuta a micro-organismi tossici. In questo caso, però, sarebbero stati coinvolti anche altri organismi: pesci e quant'altro». Ciò non sembra invece essersi verificato, in quanto il ritrovamento ha interessato solo un banco piuttosto esteso di gamberetti. Vedremo che scopriranno... https://www.ilmattino.it/napoli/cronaca/ecatombe_gamberetti_spiaggia_ischia-4228253.html
  24. E noi stiamo a discutere sulle donne allo stadio per una partita... così trattano le donne in Arabia, come se non si sapesse... “Sono sicura al 100% che mi uccideranno, non appena uscirò dal carcere saudita”, “la mia famiglia è severa e mi ha chiusa in una stanza per sei mesi solo perché mi sono tagliata i capelli”. Così Rahaf Mohammed M Alqunun, la 18enne saudita che è fuggita dalla famiglia ed è trattenuta all’aeroporto di Bangkok, bloccata mentre tentava di raggiungere l’Australia. “Mi hanno preso il passaporto”, ha raccontato, mentre le autorità thailandesi hanno detto che le è stato negato l’ingresso nel Paese. La ragazza si è detta “spaventata” e ha raccontato che sta “perdendo la speranza”, ha inoltre dichiarato che il suo ‘guardiano’ avrebbe denunciato che stava viaggiando “senza il suo permesso”. Tra le pesanti restrizioni ai diritti delle donne in Arabia Saudita c’è la ‘tutela’ obbligatoria di un ‘guardiano’ maschio, da cui dipendono loro decisioni personali. Rahaf ha spiegato che sta fuggendo dalla sua famiglia, che l’ha sottoposta ad abusi fisici e psicologici. La giovane ha pubblicato vari tweet e vari video su Twitter dall’aeroporto, in uno dei quali dice che suo padre ha detto all’ambasciata saudita che lei sarebbe una “paziente psichiatrica” che deve essere rimandata indietro. Lei intanto si è barricata in una stanza dell'albergo all'interno dell' aeroporto mettendo materassi e altri mobili dietro la porta. Speriamo che qualcuno la salvi, se viene rimandata a casa è morta...
  25. "Comprendo quello che vivono, la loro rabbia quotidiana": Brigitte Bardot spiega, in un'intervista al quotidiano Midi Libre, perché - come da lei stessa annunciato fin dal mese di novembre - è dalla parte dei gilet gialli e della loro protesta. L'ex attrice, animalista convinta e simpatizzante di estrema destra, aggiunge: "Quando vedo i milioni usati per cose di un'incredibile futilità, quando vedo i viaggi dei politici in aereo privato, le macchine, gli autisti...tutto questo denaro speso è insopportabile. Che lo si dia a gente che non ha più un centesimo". http://www.ansa.it/sito/notizie/topnews/2019/01/06/brigitte-bardot-capisco-i-gilet-gialli_0e69faf8-538a-48d1-8947-b811516ced1b.html