mia-2017

  • Numero messaggi

    131
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da mia-2017

  1. Celentano scrisse una lettera per Mia e la mandò al Corriere 6 giorni dopo la sua morte a soli 47 anni Ecco il testo integrale: Finalmente si è capito chi sono quelli che veramente portano jella: quelli del mondo dello spettacolo. Certo non tutti, ma una gran parte di questo mondo di m**, pieno di ipocrisia, deve avere qualche rimorso: in fin dei conti hanno contribuito non poco ad accorciare la vita di Mia Martini. E non parlo solo dei colleghi cantanti, ma dei fonici, dei musicisti, microfonisti, editori, arrangiatori e affini, che quando la vedevano si toccavano dando corso al barbarico rito degli scongiuri, mentre lei (una delle migliori interpreti d’Europa) l’unica cosa che chiedeva ai falsi dello spettacolo era solo un po’ di affetto… Ora gli stessi che, per anni le hanno somministrato il micidiale veleno costringendola all’isolamento totale, senza poter lavorare, lei che di bravura se li mangiava tutti, sono quelli che ora fingono di compiangerla esaltandone le qualità. Loro, i deficienti dello spettacolo, ai quali basta un semplice colore viola per non farli salire sul palcoscenico, che di fuori cantano la solidarietà ma di dentro annaspano nella crudezza del loro razzismo, portando sì iella, ma non agli altri, a se stessi. A te, Mimì, hanno fatto un favore mica da poco… Sei finalmente tornata a casa. Quella “Casa” dove anche il più piccolo dei tuoi respiri non passerà inosservato, poiché l’amore che ti circonda non ha confini e la sua intensità è al di là di ogni descrizione. Da lassù, ora puoi comprendere che quaggiù eri in errore se pensavi che ti limitavi semplicemente a vivere e a cercare ciò che qui ti è sempre stato negato: amore e un po’ di benessere. Anche tu, come ognuno di noi, avevi una missione e forse sarà proprio questa tua sofferenza passata sulla terra che salverà tanta gente dalla spietata aggressione di quelle maldicenze che feriscono, emarginano e talvolta uccidono. Mentre ti spegnevi, un nuovo raggio di luce nasceva per illuminare i tanti a comprendere che nessuno può portare jella a un altro, se qualche volta c’è, è perché ce la siamo creata da soli. Nessuno ce la può dare. https://tv.fanpage.it/la-lettera-di-adriano-celentano-6-giorni-dopo-la-morte-di-mia-martini-ti-hanno-accorciato-la-vita/
  2. Sta scontando l'ergastolo per il rapimento e omicidio di Milena Sutter che aveva solo 13 anni, ve lo ricordate? Bozano, Il biondino con la spider rossa, oggi ha 74 anni e gli hanno concesso la semilibertà, nel 1997 tentò di molestare una sedicenne e fu condannato, oggi lo rimettono in giro, non se ne capisce il motivo, ha dimostrato di essere pericoloso per le ragazze e può esserlo anche a 74 anni, comunque hanno deciso così... https://www.ilmattino.it/primopiano/cronaca/milena_sutter_lorenzo_bozano-4299785.html
  3. Il calciatore più amato dalle italiane, e di ogni età si è sposato in seconde nozze a Milano, a celebrare il matrimonio il sindaco Sala. Cabrini tanto bello e inseguito dalle ragazze da meritarsi l’appellativo di Bell’Antonio da Gianni Brera ha legato il suo cuore a una donna, si chiama Marta Sannita, è stata campionessa di atletica, due master in marketing e comunicazione, molto riservata, Nozze segrete con pochi intimi Si civile ma non in una delle sale per i matrimoni nel centro di Milano, non a palazzo Reale sotto il Duomo. Ma in periferia a villa Litta Modignani, la bella Villa romantica del borgo di Affori che fu dimora di villeggiatura dove si sono tenuti balli e ricevimenti dell’alta borghesia milanese. Villa frequentata nei secoli addietro anche dal Manzoni e da Hayez. Lo scambio delle promesse d’amore alle 22, fra amici di ieri e di oggi come il calciatore Paolo Rossi e l’attrice Cristiana Capotondi. E la sposa bellissima in un abito color della luna con sfumature argento. Poi, come nella favola di Cenerentola, champagne e torta nuziale prima di mezzanotte. https://www.corriere.it/19_gennaio_24/cabrini-si-risposa-si-segreto-bell-antonio-marta-milano-1c1db0e4-1e50-11e9-b085-7654f7acb9a3.shtml
  4. Dice Alfonso Signorini: “Maria De Filippi ha sempre dichiarato di essere una frana per quanto riguarda il sesso. Adesso la sparo grossa – ha continuato – Sono 24 anni che Maria De Filippi e Maurizio Costanzo dormono in camere separate, ma nella stessa casa. Non è una casa grandissima, quindi le camere dove dormono sono abbastanza vicine”. Come la prenderanno i due interessati? “Maria avrà altre soddisfazioni nella sua vita. Eppure con Maurizio Costanzo si amano alla follia, sono una coppia solidissima. Probabilmente faranno ancora qualcosa insieme, perché non vuol dire che non facciano più niente a letto. Ma diciamo che non mettono di certo il sesso al centro del loro rapporto“, ha concluso Signorini. E lo penso anche io... https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/02/05/maria-de-filippi-e-il-sesso-con-maurizio-costanzo-alfonso-signorini-la-sparo-grossa/4948686/
  5. Sui social si presentava come mamma single che combatte per la salute del figlio, ma era lei invece, mamma infermiera, che lo stava uccidendo, togliendo mezzo litro di sangue a settimana al figlio di 7 anni. I medici non capivano perchè il bambino fosse così carente di sangue, per salvarlo gli hanno dovuto fare 110 trasfusioni. Poi hanno cominciato a capire e fatto una denuncia, le indagini della polizia hanno portato all'arresto e oggi alla condanna della madre, il bambino è stato affidato al padre. «Non è una decisione che ho preso consapevolmente, non so quando ho iniziato a farlo, è successo gradualmente», ha detto la donna citata dal giornale. «Buttavo il sangue nella toilette e le siringhe nella spazzatura» Successivamente, un rapporto psichiatrico ordinato dalla Corte ha determinato che la donna soffre di un disturbo mentale noto come sindrome di Münchhausen, che si verifica quando gli adulti fanno ammalare un bambino per attirare l'attenzione su di sé. Nella Sindrome di Münchhausen per procura (Münchhausen Syndrome by Proxy – MSP) la figura di accudimento arreca un danno fisico al figlio/a per attirare l’attenzione su di sé. Tipicamente la vittima è un bambino ancora piccolo e il responsabile è, nella maggior parte dei casi rinvenuti, la madre (90% dei casi) Contrariamente alle teorie correnti, Lawlor e Kirakowski, (2004) sostengono che la motivazione che porta queste madri all’ abus o sui figli è cosciente e non inconscia e che le caratteristiche di coloro che sono affetti da MSP sarebbero congruenti con quelle associate alla dipendenza (Lawlor A., Kirakowski J., 2014). Recentemente in Italia, precisamente a Torino, si è verificato un episodio di MSP, dove la madre, un’infermiera professionista di 42 anni, è stata filmata nella camera dell’ospedale mentre iniettava insulina al figlio di quattro anni; una dose sufficiente per farlo stare continuamente male, senza però ucciderlo. Ora la donna è indagata per tentato omicidio nei confronti del figlio. Il padre del piccolo difende la compagna sostenendo che il piccolo “è sempre stato di natura cagionevole e lei voleva solo aiutarlo”. https://www.ilmattino.it/societa/persone/danimarca_condannata_infermiera_cinque_anni_preleva_mezzo_litro_sangue_figlio-4290944.html
  6. l matrimonio più breve del 2019 è stato celebrato in Kuwait. La coppia protagonista dell'accaduto, che segna un nuovo record nella storia dei matrimoni lampo, ha chiesto il divorzio esattamente dopo 3 minuti dalle nozze. Dopo essersi sposati davanti al giudice (che si occupa di contratti di matrimoniali) tutto sembrava filare liscio come l'olio. Poi all'uscita del palazzo però accade qualcosa. La moglie inciampa nell'abito e il marito pronuncia "stupida". Appena la donna sente quella parola, non ci pensa su due volte. E rientra dopo esattamente tre minuti nell'aula e va dallo stesso giudice per chiedere il divorzio. Lui ha provato a fare da pacere, ma lei non ha ceduto. "Se mi ha offeso dopo tre minuti di matrimonio, cosa farà in futuro?" Secondo me ha fatto benissimo! Che ne pensate? https://www.ilmessaggero.it/social/matrimonio_lampo_divorzio_tre_minuti_ultimissime_oggi-4275195.html
  7. Giancarlo Magalli è ufficialmente fidanzato. Lo ha dichiarato lui stesso ai microfoni del programma radiofonico Un giorno da pecora, spiegando di aver trovato l'amore con una donna più giovane di lui, estranea al mondo dello spettacolo. Magalli non ne ha svelato l'identità, anche se nelle ultime ore è circolata una foto che lo mostrerebbe con la misteriosa compagna. Il conduttore ha due matrimoni finiti alle spalle, con Carla Crocivera e Valeria Donati. La rivelazione di Magalli "Ho trovato l'amore", ha spiegato il conduttore 71enne ai conduttori Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, "non sono più più single, sono felice, ci siamo trovati a ‘metà strada', proprio in zona Cesarini. Se è coetanea? Macché! È più giovane di me. Non si dice di quanto. Diciamo che Berlusconi mi batte". Ciò non vuol dire che Magalli non apprezzi il fascino delle donne di mezza età. In riferimento delle discusse affermazioni dello scrittore francese Yann Moix, finito nella bufera dopo aver detto di non apprezzare le 50enni, il conduttore la pensa diversamente: "No, anzi, per me le donne di 50 anni sono desiderabilissime e appetitose". Secondo il giornalista esperto di gossip Gabriele Parpiglia, la donna si chiamerebbe Giada. Lui stesso ha pubblicato una foto che la mostra insieme a Magalli, su Instagram Stories, in risposta alla domanda di un follower: "Se Magalli è fidanzato? Sì, eccolo con la sua Giada" Lui ha 71 anni e lei? certamente molti meno, ma si sa... l'amore è cieco... https://gossip.fanpage.it/giancarlo-magalli-fidanzato-ho-trovato-lamore-lei-e-piu-giovane-di-me/
  8. Qualcuno di voi lo ha letto? Io ovviamente mi rifiuto, ma ho letto le recensioni, simpatiche e divertenti, ovviamente libro molto sconsigliato! https://www.amazon.it/Non-mi-avete-fatto-niente/dp/8891810975/ref=cm_cr_arp_d_product_top?ie=UTF8
  9. Grecia, Spagna, ma anche paesi dell'est, sempre più italiani scelgono l’Ungheria, terra ricca di storia e di monumenti. La capitale Budapest, divisa a metà dal Danubio, è considerata la “Parigi dell’Est”, una città che racchiude in sé un mix di culture: romana, turca e sovietica. Anche Praga, capitale della Repubblica Ceca, è un posto magico e molto apprezzato dagli italiani, anche perché può essere visitata tutto l’anno, sia d’inverno che d’estate. Oggi è una città moderna e cosmopolita ma conserva ancora il fascino di un tempo. La Bulgaria è un altro dei Paesi low cost consigliati da Siviaggia, la capitale Sofia è accogliente e intrisa di storia e di cultura. Chiese, musei, edifici monumentali, Sofia è la terza città più antica d’Europa, dopo Atene e Roma. Sono ottimi suggerimenti, ci comincio a pensare, l'estate si avvicina! https://siviaggia.it/idee-di-viaggio/top-10-2018-vacanze-low-cost/203040/?ref=virgilio
  10. Virginia Raffaele, attrice e imitatrice strepitosa, romana classe 1980, torna a Sanremo. Dopo essere stata co-conduttrice di Carlo Conti nel 2016 e ospite di Baglioni lo scorso anno, nel 2019 affiancherà il conduttore, insieme a Claudio Bisio, per tutte le serate, dal 5 a l 9 febbraio. In oltre 10 anni di carriera televisiva Virginia ci ha fatto sbellicare con le sue imitazioni di alcune delle donne più note, dalla politica (Maria Elena Boschi) alla musica (Ornella Vanoni) a moda, cinema e tv (Donatella Versace, Ornella Vanoni, Sabrina Ferilli e Belen Rodriguez). Insomma con lei saranno risate! Qui una fotogallery delle sue migliori imitazioni, incredibile trasformismo https://dilei.it/vip/fotonotizia/virginia-raffaele-le-10-imitazioni-irresistibili-della-primadonna-di-sanremo-2019/581312/?ref=virgilio
  11. Ha vissuto per quasi 50 anni con i genitori adottivi e poi, cercando di risalire alla propria madre biologica, ha fatto un'incredibile scoperta. Subito dopo il parto gli aveva scritto una lettera struggente in cui gli raccontava delle sue difficoltà economiche e dell'impossibilità di tenerlo con sé. Il Corriere racconta la storia di un uomo di Firenze, che si è rivolto all'Istituto degli Innocenti, dove da un anno circa è attivo il servizio per le informazion i sulle origini. Non sempre si riesce a risalire, perché per avviare la procedura di ricerca serve un'istanza al tribunale dei minori e la disponibilità della madre biologica, che una volta rintracciata può rifiutarsi di conoscere il figlio abbandonato. E sempre più spesso le richieste dei figli adottivi si vedono sbarrare la porta proprio dal rifiuto delle madri. Questo signore invece ha scoperto chi era sua madre. Non l'ha potuta riabbracciare, perché la donna è già morta, ma è riuscito a risalire a una lettera che la sua giovane mamma gli aveva scritto subito dopo averlo messo al mondo. "Ho letto quella lettera col cuore a mille. Parlava delle sue difficoltà, di una vita travagliata che durante la gravidanza era stata segnata dalla scomparsa della madre e da incomprensioni familiari. Purtroppo è morta quattro anni, fa, avrei voluto incontrarla e rassicurarla", ha detto. Peccato non essere riuscito a trovarla prima, questa povera madre è morta con tale peso nel cuore https://www.unionesarda.it/articolo/news/italia/2019/01/22/cerca-la-madre-biologica-e-trova-una-lettera-per-lui-scusa-ma-dev-137-825556.html
  12. Battisti è detenuto nel carcere di Massama, nelle campagne di Oristano. L'ex terrorista ha varcato le porte dell'istituto a bordo di un furgone con i vetri oscurati e una quindicina di auto al seguito con sirene spiegate. Ma com'è il carcere in cui l'ex terrorista dei Pac sconterà l'ergastolo? La struttura, che ospita numerosi esponenti della camorra, mafia e 'ndrangheta, è considerata ad alta sicurezza e ha una capienza di 266 detenuti. I reclusi sono suddivisi su tre piani articolati in sei sezioni detentive, due per piano, composte da venti camere detentive da un lato e ventuno nell'altro. Le celle sono dotate di un bagno con doccia, separato dal resto del locale, e di un angolo cucina. Qui le foto https://www.quotidiano.net/cronaca/foto/cesare-battisti-carcere-oristano-celle-1.4391103
  13. L’appuntato Marco Camuffo, condannato in abbreviato a 4 anni e 8 mesi per lo stupro di una studentessa americana a Firenze, è stato inchiodato dal collega Pietro Costa. Lo scrive il gup del tribunale di Firenze nelle motivazioni della sentenza di condanna nei confronti dell’ex carabiniere (destituito dall’Arma come l’altro), accusato della violenza sessuale sulla ragazza statunitense. Il rapporto sessuale, scrive il giudice per l’udienza preliminare, ci fu e fu violento “senza consenso” e “approfittando di una situazione psicofisica di inferiorità” ma “soprattutto a fronte del dissenso ben espresso” dalla donna. A questo proposto – si legge nella sentenza – il collega Pietro Costa “fa dichiarazioni che inchiodano Camuffo dicendo di aver sentito i ‘no.. no, no.. cosa fai‘” della ragazza, che all’uscita da una discoteca era stata accompagnata a casa dalla pattuglia dei carabinieri, contro ogni regolamento. Dichiarazioni, scrive il giudice Frangini, che “inchiodano Camuffo alle sue responsabilità”. Perché, si legge ancora, “poter affermare che Camuffo non avesse percepito il diniego della ragazza, sentito dal suo collega ‘indaffarato’ con l’altra, appare veramente arduo”. Il rapporto sessuale “c’è stato ed è stato ‘contro’ la volontà della donna”. Per il carabiniere scelto Pietro Costa invece ci sarà un processo con rito ordinario, per la violenza sessuale sull’amica, che inizierà il 10 maggio a Firenze. Appare chiaro e confermato da questo prima condanna che di violenza si è trattato, una vergogna per l'arma dei carabinieri che li aveva comunque licenziati https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/01/15/stupro-firenze-inchiodato-dal-collega-che-senti-i-no-della-donna-le-motivazioni-della-condanna/4900037/
  14. Che multa disumana! 4550 euro. Ci sono ancora i sigilli sulle macerie di Rigopiano a due anni di distanza a cosa servono? Il processo si è svolto, ci sono state delle condanne, perchè impedire ancora di avvicinarsi a quelle tristi macerie luogo di pellegrinaggio dei parenti delle vittime, la dove i loro figli o genitori hanno perso la vita? Un padre ha varcato i cancelli e messo un mazzo di fiori per il figlio di 28 anni morto sotto quella valanga ed è stato multato di 4550 euro se non paga rischia la galera. Disumano e assurdo! https://tg24.sky.it/cronaca/2019/01/10/rigopiano-porta-fiori-dove-figlio-morto-multa.html
  15. No sapevo che Giampiero Galeazzi, il mitico bisteccone, fosse costretto sulla sedia a rotelle dal morbo di Parkinson, mi spiace molto, lo ha rivelato lui stesso ospite di Mara Venier, l'intervista è stata particolarmente commovente anche per la grande amicizia che c'è fra loro due https://news.fidelityhouse.eu/televisione/domenica-in-giampiero-galeazzi-e-sulla-sedia-a-rotelle-il-parkinson-lo-sta-consumando-388734.html
  16. Aiuta a superare la morte di una persona cara. Si chiama Digital Shaman Project ed è una invenzione giapponese che offre un "duplicato robotico" di un parente o di un amico venuto a mancare con cui conversare per alcuni giorni dopo la morte. La persona che vuole "continuare a vivere" nel duplicato deve, finché è in vita, collaborare con un tecnico che registra tutte le sue peculiarità all'interno di un software. Il robot è programmato per restare in vita 49 giorni riproducendo gesti, voce e tratti distintivi della personalità. Sul robot, per accentuare la somiglianza, viene sovrapposta una maschera in 3D del volto del defunto. Secondo voi aiuta davvero? Ho dei dubbi http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/hitech/2019/01/08/robot-sciamano-aiuta-a-superare-morte_8666be7f-4a82-4990-b8f8-074f97048210.html
  17. Prima non fanno il vaccino e poi si terrorizzano se una loro compagna di sudi si ammala di meningite. E' accaduto a Padova, la ragazza di 19 anni che frequenta l'università di Padova e le sue aule studio per fortuna sta migliorando ed è uscita dalla terapia intensiva, speriamo che ne esca senza danni, ragazzi vaccinatevi! Tra ieri e oggi circa 400 persone hanno chiesto e ottenuto dal Servizio di Igiene e Sanità pubblica dell'Ulss di essere sottoposte a profilassi. Ad altre 600 il Servizio ha fornito informazion i telefoniche. Coloro che sono entrati in contatto con la ragazza nelle aule studio universitarie non sono considerati 'contatti strettì e non necessitano di profilassi; si è comunque ritenuto opportuno informare l'utenza per una sorveglianza sanitaria, come previsto dalle linee guida ministeriali. Nelle aule studio, non essendo possibile rintracciare tutte le persone che le hanno frequentate, sono stati esposti cartelli informativi. https://mattinopadova.gelocal.it/padova/cronaca/2019/01/09/news/psicosi-meningite-a-padova-in-400-chiedono-la-profilassi-1.30013971
  18. «Sono incapace di amare le donne di 50 anni. Le trovo vecchie», con queste parole Yann Moix, scrittore e sceneggiatore francese che ha superato da un pezzo i 40, ha attirato su di sé “l’ira” di tutte le donne del pianeta scatenando una vera e propria “bufera” social. In una recente intervista pubblicata da Marie Claire ha ammesso di non trovare attraenti le sue coetanee, ma di preferire le ragazze più giovani: «Le donne di 25 anni hanno un corpo fantastico». Che ne pensate? https://www.vanityfair.it/news/cronache/2019/01/08/polemica-yann-moix-impossibile-amare-cinquantenne
  19. Una donna francese che era affetta da fibrosi cistica è morta di cancro ai polmoni, dopo averne ricevuti di nuovi in un trapianto. La donatrice era infatti una fumatrice, secondo uno studio della rivista Lung Cancer, che mette in guardia sul rischio di trapiantare tali organi. Dall’infanzia la paziente era in cura per la fibrosi cistica e dopo un grave peggioramento delle funzioni respiratorie era stata sottoposta al trapianto polmonare, nel novembre 2015. «Secondo la banca dati dei donatori, i polmoni trapiantati sono stati prelevati da una 57enne che fumava un pacchetto di sigarette al giorno da 30 anni», precisa lo studio, condotto da medici del Chu di Montpellier. Gli esami praticati al momento della morte cerebrale della donatrice non avevano rilevato alcuna anomalia. Nel giugno 2017, la paziente trapiantata è stata ricoverata in oncologia toracica all’ospedale di Montpellier ed è morta due mesi dopo, senza possibilità di cura. Ma come gli è venuto in mente di trapiantare i polmoni di una fumatrice di 30 sigarette al giorno? Ora si sono accorti che è bene non farlo, con la morte di questa povera ragazza http://www.ilgiornaledivicenza.it/home/mondo/riceve-i-polmoni-di-una-fumatrice-e-muore-di-cancro-1.6881698?refresh_ce#scroll=1104
  20. Fatti suoi, secondo me molte belle cinquantenni non amerebbero lui...
  21. Sono trascorsi oramai 25 lunghi anni da quando la bionda e bellissima figlia diAl Bano e Romina scomparve nel nulla. Ylenia Carrisi all'epoca, era il lontano 1993, si trovava a New Orleans dove si troverebbe tutt'oggi secondo alcune testimonianze. Purtroppo, però, di segnalazion i negli ultimi anni ne sono arrivate davvero tante, ma tutte si sono rivelate fino ad ora un buco nell'acqua. Il 29 novembre la giovane avrebbe compiuto 48 anni e Romina Power sul suo profilo Instagram ha scritto un messaggio davvero dolcissimo alla figlia. Al Maurizio Costanzo Show, invece, ha ribadito che fino a prova contraria sua figlia è ancora viva. Ad agosto il magazine tedesco "Frau Aktueil" comunicava che un poliziotto di New Orleans avrebbe detto che la Carrisi Yunior è viva. Lo stesso avrebbe poi riferito di non poter diramare altri dettagli in quanto l'indagine era ancora in corso. Tale notizia, però, non ha avuto riscontro ma se fosse vera potrebbe aprire nuovi scenari. Anche la trasmissione Chi l'ha visto è tornata a parlare più volte di Ylenia ed ha anche prodotto un identikit con dei macchinari di ultimissima generazione. In questo modo tutti hanno potuto vedere che viso, ipoteticamente, avrebbe la Carrisi a distanza di 25 anni. https://it.blastingnews.com/tv-gossip/2018/12/romina-power-ylenia-e-viva-come-tante-altre-ragazze-che-svaniscono-misteriosamente-002788549.html Ecco come sarebbe oggi
  22. Durante la diretta di Sky Tg24 dedicata all'attentato di Strasburgo, nel quale hanno perso la vita tre persone e altre dodici sono rimaste ferite, Alessandra Mussolini, che si trovava nella città francese, è stata raggiunta telefonicamente dalla redazione. L'eurodeputata, che è stata intervistata durante le ore di tensione della serata, ha raccontato di essere rimasta bloccata all'interno di un ristorante. ''Di tre ore fa non me ne frega - ha spiegato - non possiamo andare a piedi alla macchina, non sappiamo cosa fare, non siamo in sicurezza''.... mentre un ragazzo italiano veniva colpito alla testa e ora è in coma irreversibile. A lei che gliè frega... Qui il video potete sentire con le vostre orecchie se non ci credete https://video.repubblica.it/mondo/attentato-strasburgo-mussolini-a-sky--cosa-e-successo-di-tre-ore-fa-non-me-ne-frega-ora-siamo-bloccati-nel-ristorante/322212/322837
  23. La bufala riguarda una foto che ha preso a circolare dopo la tragedia di Corinaldo e mostra la foto di un cantante con i pantaloni abbassati su un palco dinnanzi ad una grande folla. Sui social, il gesto provocatorio (scandaloso, meglio dire) viene attributo a Sfera Ebbasta, ma in realtà, non è Sfera Ebbasta il cantante che mostra il proprio membro al pubblico: si tratta di Luca Romagnoli, frontman dei Management del Dolore Post Operatorio, autore di questo atto di protesta – sicuramente insolito e discutibile – contro la Rai che aveva deciso di oscurare la performance del gruppo durante il Concerto del primo maggio di Piazza San Giovanni del 2013. E se maicolengel sbufala così (“La cosa che però dovrebbe essere palese è che Sfera Ebbasta è coperto di tatuaggi (anche se non ho idea se ne abbia anche sulle chiappe) Romagnoli invece come potete vedere anche dalle braccia, perlomeno nel 2013, non ne aveva”), dal canto nostro aggiungiamo come basterebbe fare una ricerca con Google Immagini per verificare come non si tratti di Sfera Ebbasta https://www.newnotizie.it/2018/12/13/sfera-ebbasta-nudo-al-concerto-e-una-bufala-si-tratta-di-luca-romangoli-dei-management-del-dolore-post-operatorio/
  24. "Una persona che ebbe una nitida comprensione sia del genocidio armeno, sia della mitologia turca, fu Adolf Hitler, con la celebre domanda: “Chi parla ancora oggi dello sterminio degli armeni?”. Siobhan Nash-Marshall, americana, docente di Filosofia teoretica, affronta il tema del negazionismo turco con un approccio originale, non solo strettamente storico. “Sempre più si radica in me la convinzione che le mani della filosofia siano figurativamente sporche di sangue – scrive nella prefazione. Non è un caso che il genocidio armeno sia stato replicato così presto e tanto meticolosamente dai nazisti. (…) Se era stato permesso ai turchi, perché non ai tedeschi?”. Il negazionismo, spiega Nash-Marshall, fa parte degli intenti originari dei Giovani Turchi. Non solo il genocidio è stato accuratamente pianificato, ma anche la sua negazione, fin dall’inizio, prima che iniziassero le deportazioni e i massacri. Un negazionismo dunque “infra-genocidario”, e non solo post genocidario." Scrive Alessandro Litta Modignani nella sua recensione che trovate qui https://www.ilfoglio.it/una-fogliata-di-libri/2018/12/12/news/i-peccati-dei-padri-siobhan-nash-marshall-una-fogliata-di-libri-228805/ Un libro che spiega le origini e i motivi del negazionismo a partire da quello che riguarda il genocidio degli Armeni, molto bello e interessante per capire la storia anche più recente
  25. «Cara mamma, ci dispiace che sei morta», sono queste le parole che le figlie gemelle di sette anni hanno scritto a Eleonora Girolimini, morta schiacciata nella calca della discoteca di Corinaldo venerdì sera. Le bambine hanno consegnato un bigliettino di addio al papà chiedendo di metterlo nella bara affinché la loro madre possa leggerlo sempre. L'uomo, Paolo Curi, cerca di farsi coraggio e sa che d'ora in avanti dovrà contare solo sulle sue forze per mantenere quattro figli. «Non posso stare qui a piangere tutto il giorno - spiega in un'intervista a il Corriere della Sera - ci sono quattro bambini piccoli che hanno bisogno di me. Devo riprendere il filo da dove l’ha lasciato lei...». Che terribile tragedia per 6 famiglie! https://www.leggo.it/italia/cronache/ancona_eleonora_girolimini_figlie_lettera_mamma-4162963.html