passolesto

  • Numero messaggi

    179
  • Registrato

  • Ultima Visita

Messaggi pubblicate da passolesto


  1. Lunedì 25 ottobre al 112 hanno cominciato ad arrivare decine di segnalazion i che indicavano un uomo nudo in mezzo alla strada a Roma in via del Foro Italico, poco dopo il ragazzo ha provocato un incidente stradale ed ha aggredito i carabinieri.
    Si tratta di Sven Augusti, promessa della pallanuoto, star della Lazio pallanuoto, 22 anni atleta croato, alto quasi due metri per oltre 100 chili di peso. Per evitare di investirlo, una smart si è ribaltata ed è andata a sbattere contro un'altra auto e i due conducenti sono finiti al pronto soccorso in codice rosso. Quando sono arrivati i carabinieri Augusti, in stato stato alterazione psicofisica, ha reagito e mandato in ospedale anche uno di loro. Bloccato, è in ospedale in osservazione deferito alla autorità giudiziaria.

    Niente male come esordio... chissà se era drogato o ubriaco, ha fatto gravi danni

    Ecco una delle segnalazioni
    carramba.jpg

    sven augusti1.JPG

    sven augusti.JPG

     l


  2. Paola Egonu è nata il 18 dicembre del 1998 a Cittadella, in Veneto, da genitori nigeriani ha Iniziato a giocare a pallavolo nella squadra della sua città. Quando suo padre ha ottenuto il passaporto italiano lei aveva 14 anni ed è diventata cittadina italiana, 

    Gioca per la prima volta in Nazionale a sedici anni è alta 1 metro e 90 e arriva ad un'elevazione di 3 metri e 46 in salto.
    Si definisce "afroitaliana" e ogni due anni torna in Nigeria, durante le vacanze di Natale, per andare a trovare le sue cugine e i suoi nonni.

    Paola Egonu è una delle protagoniste annunciate delle Olimpiadi italiane, considerata oggi la più forte pallavolista del mondo, sarà portabandiera italiana alle Olimpiadi di Tokio, quando glielo hanno annunciato è scoppiata a piangere dalla gioia ma gli omofobi e razzisti da tastiera si sono scatenati, dicono che è lesbic a perchè lei ha dichiarato di non guardare al genere delle persone con cui ha relazioni affettive e poi il colore della pelle...

    C'è troppa ignoranza ancora, Forza Paola! Che ne pensi?

    paolaegonu.JPG

    paolaegonu1.JPG



     

     


  3. La pagina Facebook Direttagoal scova la foto di Chiara Appendino, Sindaca di Torino ai mondiali del 2006 e la condivide con questa domanda: “dove eravate a quest’ora il 9 luglio 2006?“, lei commenta così:  “Allo stadio a Berlino e questa foto direi che lo prova”.  Era proprio lei all’Olympiastadion di Berlino. 

    In bikini tricolore, con la bandiera italiana dipinta sulle guance e sulla pancia, un foulard con i colori della bandiera, Chiara Appendino è andata a Berlino per seguire l’Italia, aveva 22 anni.

    A chi le ha chiesto, fra i vari commenti, cosa ha fatto per la vittoria non è mancata una risposta ironica: “Lanciai il bikini in campo quando Fabio Grosso segnò l’ultimo rigore e poi fu impossibile ritrovarlo“.

    Bel siparietto in attesa della vittoria agli Europei! Che ne pensi?

    appendino.JPG





     


  4. La partita Inghilterra Germania era a Wembley ed è forse anche per questo che ha avuto spettatori di rango spesso inquadrati: William e Kate con il figlio George, ma anche Ed Sheeran e David Beckham seduti vicini e subito sopra la famiglia reale che tifavano insieme. Beckham ha giocato in nazionale dal 1996 al 2010, Ed Sheeran è un grande appassionato di calcio.

    C'era pure la moglie di Sheeran Cherry Seaborn, e il figlio di Beckham Romeo. 

    Baby George ha mostrato più volte però di non divertirsi, anzi di annoiarsi terribilmente, e devo dire che non aveva tutti i torti, la partita è stata piuttosto noiosa, si è sbloccata solo verso la fine del secondo tempo con due goal che hanno portato alla eliminazione della Germania e l'Inghilterra ai quarti di finale, dopo una grande occasione da goal di Muller che sarebbe stato quello dell'uno a uno, non ce l'ha fatta ed è arrivato il secondo goal inglese.

    La avete vista? Che ne pensate? Molto più divertente e movimentata Francia Svizzera secondo me

    Guardate la faccia di baby George

    george.JPG
    e il tifo di Sheeran e Beckham
    ed sheeran.JPG



     


  5. La popolare icona del web Elenoire Ferruzzi è ricoverata dal 18 marzo in ospedale a causa del covid-19. Le sue condizioni di salute stanno peggiorando sempre di più. A dare la notizia è stato il suo amico Angelo Mazzone, famoso nel milanese come organizzatore di tour e amico di Ferruzzi: "Ragazzi, per favore non scrivetemi più, tantomeno alla mamma di Elenoire, lo scrivo qui perché non ne posso più di rispondere a tutti. Ero già stato chiaro. So che lo fate perché gli volete bene ma cercate di capire che è estenuante. Notizia di poco fà, Elenoire non risponde più alle cure, i suoi polmoni sono completamente andati, il primario ha detto alla famiglia di prepararsi al peggio. Al momento non voglio aggiungere altro perché mi manca la terra sotto i piedi. Non martoriateci di messaggi. Grazie".
    Elenoire, che si descrive su Instagram come figura pubblica, attrice, cantante e icona gay, è molto seguita sul web. Il suo profilo Instagram è seguito da oltre 73mila follower. Non si sa molto della sua vita privata. Si è laureata in lettere e ha lavorato come insegnante in una scuola serale.

    Ha cominciato con la chirurgia platica molto giovane, a partire da quando aveva 16 anni. In un’intervista a Rolling Stone ha dichiarato: “Il difetto che imputo a molte *** è quello di voler passare da donna biologica, che è semplicemente impossibile. Sotto questo aspetto pure loro subiscono una costrizione che impone la società, vogliono essere qualcosa di definito”. Spesso si è scontrata con Barbara d’Urso.

    L'ultimo post di Elenoire:  "Sto combattendo una delle battaglie più bellicose della mia vita: il covid, da più di dieci giorni sono devastata, terrorizzata, annientata, perché questo male ti riduce in questo modo. Aiutatemi ragazzi, ho bisogno di voi adesso

    Chi è Elenoire Ferruzzi: News Covid, Biografia, Trans, Età e Instagram


  6. La conduttrice dell’Isola dei Famosi ha postato nelle ultime ore su Instagram una foto decisamente sensuale che ha fatto il pieno di like e commenti. Ilary Blasi nuda in vasca beve un calice stile champagne. Tra le migliaia di commenti divertiti dei fans, c’è quello del marito Francesco Totti. L’ex capitano della Roma scrive: “Quella era sicuramente acqua” corredando il tutto con una serie di faccine che ridono.

    Una frase ironica che dimostra come l’amore nella coppia famosa vada a gonfie vele. La frase di Totti alla moglie Ilary ha fatto pure lei il pieno di cuoricini dei fan. Intanto Ilary Blasi si divide tra Roma e Milano, dove due volte la settimana (lunedì e giovedì) conduce dagli studi di Mediaset l’Isola dei Famosi 2021. In queste prime puntate, Ilary Blasi si è fatta notare soprattutto per alcune clamorose gaffe commesse durante la diretta che sono diventate subito… terreno fertile per le battute dei fan sui social.
    Bello questo scambio di marito e moglie lontani che fa vedere come si amano ancora e sono complici... che ne pensi?

    blasi totti_24212227

     


  7. 17 ore fa, londonercity ha scritto:

    Immagine romantica e poetica, ma forzare delle implicazioni di questo tipo mi sembra la solita occasione per parlare dei fantasmi del passato e collegare, immancabilmente, due temi che seguono percorsi e risvolti diversi.

     

    Albert Bourla è un amministratore delegato di una multinazionale che deve fare soldi, per cui ha il compito di fatturare, viene pagato per incrementare i guadagni, per produrre ricchezza. Il fatto che sia ebreo non consente di collegare con rilievo il suo ruolo imprenditoriale, manageriale ad un periodo storico tragico e indelebile come la pulizia etnica attuata dal nazismo. Questa continua ricerca del simbolismo forzato, questo desiderio ossessivo e retorico (quando non ipocrita) di trovare riferimenti che rivangano attriti ideologici, non dovrebbero trovare spazio nelle circostanze che stiamo vivendo. Coincidenza vuole che da due anni il sig. Bourla sia a capo di una azienda (ma gli ebrei che mandano avanti l’economia americana sono tanti) molto importante soprattutto in questo periodo e che porta avanti la sua funzione, essendo pagato per farlo (aspetto secondario, certo) e anche bene, suppongo. Non è  Oskar Schindler, come non è un personaggio accostabile alle migliaia di benefattori di quell’epoca, i Giusti tra le Nazioni, che hanno salvato direttamente (rischiando essi stessi la vita e, a volte, quella dei propri famigliari) decine, centinaia e migliaia di vite. Il sig. Bourla è alla guida di una catena di montaggio, di un processo produttivo e non di un’auto sulla quale nasconde degli ebrei da portare in salvo, superando un posto di blocco nazifascista. La Pfizer produrrebbe vaccini anche senza di lui, o no?

     

    Il capo della ricerca del vaccino è tedesco, ma non credo che possa significare qualcosa in funzione di un indegno passato del suo popolo che non lo ha visto protagonista.

     

    La Pfizer è stata fondata da due tedeschi. Dovrei forse costruire dei riferimenti storici su questo elemento o dovrei creare appositamente una storia che attiri interesse in funzione del ruolo che questa azienda sta avendo nei confronti dello Stato di Israele? Avrebbe senso parlare di riscatto sociale del popolo tedesco che fornisce vaccini agli ebrei di Israele dal 20 dicembre scorso, tramite un’azienda di origini tedesche? Cosa sarebbe, se non propaganda al contrario o etica paradossale?

     

    Se vogliamo abbellire liricamente dei fatti che attirano sempre applausi e approvazione anche a scatola chiusa, allora questa è un’occasione per andare oltre la retorica e valutare con obiettività l’operato di queste persone che oggi hanno delle responsabilità diverse rispetto a quelle di ieri.

     

    Sono consultabili diverse pagine web che descrivono le diverse vicende che hanno coinvolto la Pfizer in scandali e processi che le sono costati centinaia di  “dollareschi” milioni, ma che non hanno smosso (oggi) la benché minima suggestione etica e morale.

     

    Bourla è sostenitore della sanità privata (oltre che della ricerca farmaceutica pubblica) e suggerisce anche alla UE di approfittare di questo splendido ed equo scambio di funzioni: lo Stato finanzia la ricerca, la multinazionale produce e vende allo stesso Stato. I cittadini ringraziano.

     

    Accontentiamoci, di tanto in tanto, di dare un senso stretto all’attualità e di raccontare, si, le storie personali, ma con una sorta di opportuna discrezione e una sobria curiosità che possa stimolare il lettore, senza ricorrere a dietrologie o esche ideologiche.

     

     

     

    Grazie di queste interessanti considerazioni che condivido e che nulla tolgono alla coincidenza simbolica, al fatto che volevo sottolineare, cioè che per fortuna il progetto nazista non è stato portato a compimento come avrebbero voluto, qualcuno si è salvato.


  8. La primavera deve ancora iniziare ufficialmente, ma guardando le foto di Carolina Stramare sembra di essere già nel pieno dell’estate. La ex Miss Italia è impegnata in uno shooting a Posillipo e in costume sfoggia curve mozzafiato. Su Instagram posta i video con una scollatura abissale che lascia scoperta un’abbondante porzione di décolleté e fa salire la temperatura… perlomeno quella social.

    Se nel 2019 Carolina si è guadagnata il titolo di Miss Italia non è un caso. Con quegli occhi chiarissimi e quelle curve perfette ha stregato la giuria del concorso e milioni di italiani. In tanti aspettavano il momento di vederla all'”Isola dei Famosi” per poterla ammirare in bikini sulle spiagge dell’Honduras. All’ultimo momento la Stramare si è ritirata dal reality, ma i fan non sono rimasti a bocca asciutta. Su Instagram ha condiviso le foto di uno shooting bollente con addosso un costume super sexy.

    Diciamo che l'occasione per farsi ammirare la ha trovato anche restando a casa, che ne pensi?

    092708965-bc04fde9-42bd-41a5-8691-4e5e2edee131


  9. La storia fa ben capire con i fatti, i terribili errori che vengono compiuti, il più grande è forse lo sterminio degli ebrei per mano dei nazisti con la collaborazione di gran parte del popolo tedesco ed europeo.

    Oggi ci troviamo in piena pandemia e in tutta Europa è una corsa al vaccino, uno dei più efficaci e sicuri è quello della Pfzier frutto della intuizione e determinazione del suo amministratore delegato Albert Bourla. Leggere la storia di Bourla fa riflettere su come il figlio di una famiglia di ebrei di Salonicco stia salvando vite anche di tedeschi cioè proprio di quel popolo nel quale nacque il progetto di sterminare gli ebrei.

    Bourla è nato a Salonicco in una famiglia ebrea sefardita, suo padre e sua madre erano sopravvissuti all'invasione nazista e alla Shoah in una città dove la stragrande maggioranza degli ebrei era finita nelle camere a gas, la sua famiglia si salvò miracolosamente, suo padre e suo zio misero su un negozio di alcolici a Salonicco, dove è nato Albert che prestissimo si appassionò di animali e decise di studiare per diventare veterinario. Il suo percorso di vita portò questo veterinario greco inaspettatamente a Pfizer, nel 1993, prima nella sede greca, poi in Polonia, in Belgio e infine negli Stati Uniti. Nel 2014 era un dirigente di alto livello e nel 2019 fu nominato amministratore delegato.
    La corsa al vaccino è stata piena di momenti di difficoltà, la Pfizer negli ultimi anni aveva ridimensionato la sua ricerca antivirale, Bourla temeva che questa mancanza avrebbe ritardato il processo, ma l'azienda ha deciso di appoggiarsi a laboratori esterni, anche in Europa, iniziando così una collaborazione intensa e incessante con la BioNTech. Quello prodotto da Pfizer-BioNTech è stato il primo vaccino occidentale a essere registrato e approvato.

    La vita di tanti tedeschi e persone di tutto il mondo verrà quindi salvata da un ebreo di Salonicco e una coppia di figli di immigrati Turchi in Germania, i fondatori della BioNTech.

    bourla.JPG

    2 persone è piaciuto questo

  10. Infuria la bufera sull’account Instagram di Sonia Bruganelli che al momento si trova a Dubai con il figlio Davide e posta dagli Emirati Arabi Uniti foto e stories delle bellezze che offre.

    In tempi di emergenza sanitaria, vedere un personaggio di spicco come la Bruganelli divertirsi a Dubai può far storcere il naso: diversi gli hater che l’hanno accusata di non rispettare la legge e di non avere buon senso in un momento delicato come quello che stiamo vivendo. Sonia, dal canto suo, ha ribattuto punto su punto alle accuse mosse dai detrattori giustificando la sua presenza a Dubai a quanti le hanno chiesto spiegazioni.

    Un utente ha commentato sotto ad uno dei post più recenti: “Turismo vaccinale a Dubai…aspettare come i comuni mortali no vero?”, Sonia ha replicato che lei e il figlio Davide non avevano bisogno di fare il vaccino perché “abbiamo già avuto il covid. Abbiamo anticorpi”.

    “La normativa attualmente in vigore in Italia in tema di spostamenti da/per l’estero – ha commentato un altro detrattore – ha stabilito che i viaggi da e per alcuni Paesi, fra i quali rientrano gli Emirati Arabi Uniti, sono consentiti solo in presenza di precise motivazioni, quali: lavoro, motivi di salute, studio, assoluta urgenza o rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza…. non è menzionata la vacanza!”

    Ancora una volta la moglie di Bonolis non si è lasciata intimorire dalle accuse: “io ero con il direttore della @sdl.tv perché abbiamo fatto casting per programma serale… mio figlio davide è venuto con me in quanto minore”.

    E già sono andati tutti a Dubai per lavorare, proprio... che ne pensi?

    mogliebonolis.JPG


  11. Stringe la mano alla moglie e fa il gesto del pollice per dire si, finalmente Alex risponde agli stimoli con dei gesti precisi e fa capire che ci vede e sente le domande alle quale risponde con dei gesti, un lento ma importante miglioramento.
    Alex che oggi ha 54 anni, non può ancora parlare perchè ha la tracheotomia che non gli hanno tolto per sicurezza, ma dal reparto di neurochirurgia di Padova dicono che: "Alex è pronto anche per questo passo" quindi presto lo faranno e Zanardi potrà ricominciare a parlare.
    Bel regalo di Natale alla moglie e al figlio, vedere Alex che capisce e risponde come può. Forza Alex siamo tutti con te!

    Alex Zanardi trasferito dal S. Raffaele a Padova | Oggi Treviso | News | Il  quotidiano con le notizie di Treviso e Provincia: Oggitreviso

     

    1 persona mi piace questo

  12. Questa è la storia di un padre padrone che perde la testa quando il figlio non nasconde più la sua omosessualità e viene paparazzato al mare in Francia in compagnia di un attore molto noto, la foto finisce su un giornale di gossip: il padre sapeva che il figlio è gay ma pretendeva che lo nascondesse.
    Il figlio è chirurgo, era andato via di casa e aveva presentato il suo compagno alla famiglia: "Era la prima volta che parlavo della mia omosessualità. Mia madre stava molto male e volevo renderla partecipe della mia vita prima di perderla. Mio padre, all’inizio, l’aveva presa bene. Il mio compagno veniva a pranzo, a cena. Mi aspettavo una reazione paterna, non una cosa del genere". 

    Il padre prima si scaglia contro la moglie: la minaccia, la picchia e lei dopo 42 anni di matrimonio decide di separarsi. Poi nel 2017 paga un uomo per spezzare le mani al figlio, che fa il chirurgo, lo avrebbe rovinato professionalmente per sempre, ma qui accade qualcosa di bello, l'uomo invece di farlo avvisa il figlio: "Un giorno esco dallo studio e mi avvicina un tizio. Mi dice che mio padre l’ha pagato per spezzarmi le mani. Mi dice anche che non ha nessuna voglia di farlo, gli sono sembrato un bravo ragazzo e non vuole rovinarmi la vita". I due si accordano, si finge un'aggressione per fornire al padre le prove fotografiche della missione compiuta, che comprendeva anche l'ordine di bucare le ruote alla sua nuova automobile."

    A maggio 2018 il figlio denuncia tutto: "All’inizio non volevo, avevo paura. Per più di due anni ho vissuto sotto scorta. I miei amici mi venivano a prendere e mi riportavano a casa. Li tenevo costantemente aggiornati sui miei spostamenti. Avevo paura anche solo ad andare in giardino, perché temevo che qualcuno potesse saltare la recinzione. È vero, quell’uomo pagato per picchiarmi mi aveva avvisato, ma un altro avrebbe fatto lo stesso?"

    La vicenda è quindi finita in tribunale dove il padre ha patteggiato due anni e speriamo che gli sia servito di lezione, e questo sarebbe un padre? Che ne pensi?

    bullismo bulli baby gang violenza minori picchiato botte pestaggio pugni calci

    https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/piemonte/torino-padre-assolda-picchiatore-per-punire-il-figlio-gay-spezzagli-le-mani-non-deve-pi-fare-il-chirurgo_26650286-202002a.shtml

     

     

     

    1 persona mi piace questo

  13. Pipp a Middleton compra un maglione natalizio su eBay a dieci euro e tutti impazziti a comprarlo è andato a ruba. La duchessa di Cambridge, ha fatto un post in vista del Natale per celebrare gli studenti della Mary Hare School nel Regno Unito, di cui è ambasciatrice.

    Nella foto pubblicata sui social dalla scuola ha indossato un maglione natalizio rosso decorato con un albero di Natale con tanto di lucine colorate decisamente low cost e in pochissimo tempo sta facendo il tutto esaurito non se ne trovano più, potenza dell'immagine... a me sembra anche bruttino sto maglione, ma che problemi hanno a volere tutti il maglione di Pipp a?
    Che ne pensi? Ti piace?

    pippamaglione.JPG


  14. L'occasione è seria e importante:  la prima comunione del figlio,  Anna Tatangelo e Gigi D'Alessio, seppur separati, si sono comportati molto bene in sintonia per festeggiare il loro bambino, ma la festa che hanno organizzato è stata terribilmente kitsch, cascate di palloni dorati, coni bianchi, candeline dapertutto, bomboniere inguardabili, confetti a forma di cuore dorati, insomma una cosa tremenda dal punto di vista del buon gusto, Alla festa hanno partecipato 20 persone, tutti controllati con un tampone prima.

    Gigi D'Alessio ha rivolto questo pensiero al figlio:  “Il mio cucciolo oggi ha ricevuto un grande dono, la medicina per la vita eterna. La sua prima comunione. Che Dio possa guidarti sempre nel cammino della vita. Auguri vita mia” 

    Anna Tatangelo ha pubblicato molte foto e scritto: “Tu mi hai reso una persona migliore”. 

    Ecco qualche foto, guardate voi e ditemi....

    Anna Tatangelo, la festa per la prima comunione del figlio Andrea D'Alessio  - Corriere TV

    comunione d'alessio | Ultime Notizie Flash

    Anna Tatangelo e Gigi D'Alessio festeggiano il figlio Andrea: party in  famiglia per la sua prima comunione

     


  15. Si chiama Massimo Annibali ha 10 anni e vive a Velletri, la mamma quando ha visto che cercavano un bambino che sapesse giocare a calcio per un film lo ha subito proposto, il regista quando lo ha visto ha detto: "Eccolo è lui"

    In una intervista il bambino ha detto: "Io sono stato me stesso, non è stato difficile. Quando è arrivato Totti sul set è stato più difficile.... non mi avevano detto che avrei dovuto interpretare Totti con Totti lì vicino. Se lo avessi saputo non avrei dormito per 10 giorni. Durante le pause Totti ha preso un pallone e mi ha insegnato a colpire meglio di testa, io ero emozionato come mai. All’inizio mi tremavano le gambe, infatti mentre palleggiavo ho perso il controllo della palla"

    Il film che racconta l'uomo più che il calciatore si intitola:  'Mi chiamo Francesco Totti' ed è arrivato al cinema in questi giorni, la sceneggiatura è tratta dal libro 'Un Capitano' scritto da Totti 

    Il racconto comincia la notte che precede l’addio al calcio di Francesco Totti, e ripercorre tutta la sua vita come se la vedesse proiettata su uno schermo insieme agli spettatori, ci sono scene di vita intima e sportiva, oltre a ricordi anche inediti. Chi lo ha visto dice che è un film bellissimo ed emozionante. Che ne pensi?

    Ecco la foto di Totti da bambino vicino a quella del piccolo attore che lo ha interpretato

    Mi chiamo Francesco Totti: Massimo Annibali, 10 anni, il giovane Capitano  nel film: «Io, romanista nel sangue»
     

     


  16. Liberarsi di una falsa immagine, dovuta anche al mestiere che fa, quello dell'attore bellissimo seduttore di donne, pieno di fan in delirio che oggi sanno che non è per loro, per Garko è un momento magico quello di poter essere finalmente se stesso, a 48 anni ha detto tutto, ha parlato dei finti fidanzamenti con bellissime donne, ora sappiamo che è omosessuale e lui si può vivere la sua vita senza nascondersi. 
    In questo scenario ha parlato del suo nuovo amore, ha detto che è una storia appena cominciata dopo quella con Riccardo che aveva tenuto nascosta. 
    Garko è stato fotografo con Gaetano Salvi ed è proprio lui il compagno di Gabriel, napoletano, ha 23 anni, 25 meno di lui, Gaetano lavora a Malpensa,  l’attore ha raccontato in tv che è una storia appena cominciata.
    Gaetano sui social scrive di essere nato a Torre Annunziata, da qualche anno, però, si è trasferito a Somma Lombardo e lavora presso l’aeroporto di Milano Malpensa.
    Bravo Gabriel, ha fatto bene, nessuno dovrebbe nascondersi perchè omosessuale, che ne pensi?

    gaetano.JPG

     

    gaetano1.JPG


  17. Dopo la travagliata storia d'amore con Pavarotti conclusa troppo presto per la sua prematura scomparsa, Nicoletta Mantovani che deve combattere con la sua malattia cronica, la sclerosi multipla e ha avuto il grande dolore di perdere uno dei due gemelli che attendeva dal grande tenore, finalmente è di nuovo felice al fianco di Alberto Tinarelli.
    Lui è un dirigente d’azienda di 52 anni (classe 1968) e vive a Bologna, non si sa altro di lui se non che presto convolerà a nozze con Nicoletta. La figlia Alice ha 13 anni e la mamma aveva difficoltà a presentarle il suo compagno, ma ora è talmente sicura che presto si sposerà. In una intervista ha detto che li ha fatti conoscere una comune amica, che si sposeranno in Chiesa e che Pavarotti le ricordava sempre che la vita va vissuta ogni istante al massimo e lei oggi è felice con il suo nuovo compagno

    Che ne pensi?
     

    mantovani.JPG


  18. L'allenatore del Bologna, malato di leucemia, di ritorno da una vacanza in Sardegna è risultato positivo al coronavirus, ma da una foto che aveva pubblicato poco tempo fa Briatore dopo una partita di calcetto fa capire che nonostante fosse in una situazione di maggiore fragilità, Mihajlovic non ha preso le precauzioni consigliate e ha giocato una partita di calcetto con foto finale tutti abbracciati.
    Ecco la foto, che ne pensi? Si vedono altri vip come Briatore, Bonolis.  l'ex calciatore Dario Marcolin, il giornalista di Chi Gabriele Parpiglia, ma che credono di essere immuni? Tu stai attento ancora?
     

    mhialovic.JPG


  19. E' incredibile, il treno deragliato ieri alla stazione di Carnate in Brianza, che per fortuna portava un solo passeggero, ha percorso 10 km da solo, senza macchinista, che insieme al capotreno, non si sa perchè... erano scesi forse per un caffè.

    E così il treno ha viaggiato per quasi dieci chilometri senza macchinista né capotreno. Lo ha comunicato Trenord, spiegando di aver istituito una commissione d’inchiesta per chiarire le cause del disastro. Il convoglio era ripartito dalla stazione di Paderno d’Adda senza i conducenti. Trenord ha dichiarato: "Per cause da accertare, il treno 10776 si è mosso dalla stazione di Paderno senza personale a bordo (macchinista e capotreno). I sistemi di sicurezza dell'infrastruttura sono entrati subito in funzione e hanno instradato il treno verso il binario tronco della stazione di Carnate".
    Dove è deragliato... diciamo noi, e se fosse stato pieno di pendolari? Roba da matti!
    Il bilancio del disastro ferroviario è di tre persone lievemente contuse: oltre al passeggero anche il macchinista e il capotreno avrebbero riportato ferite (forse nel tentativo di inseguire il convoglio, ma questo aspetto deve ancora essere chiarito).
    Se non ci fosse di mezzo la sicurezza dei passeggeri sarebbe da ridere... con il macchinista e il capotreno che si mettono all'inseguimento del convoglio... 
    Che ne pensate?
    Treno deragliato a Carnate, "il macchinista e il capotreno non ...

    https://www.fanpage.it/milano/incidente-ferroviario-a-carnate-trenord-macchinista-e-capotreno-non-erano-a-bordo/

     

     

     


  20. Due miti del tennis che si sono incrociati dando vita ad appassionanti match, Adriano è del 1950, ha da poco compiuto 70 anni e Borg è del 1956.

    Panatta è stato il più forte tennista Italiano, vinse 10 tornei del circuito maggiore in singolare (record per il tennis italiano) su 26 finali disputate, oltre a 18 titoli su 28 finali in doppio. Nel 1976 trionfò in singolare agli Internazionali d'Italia e al Roland Garros, unico tennista italiano della storia ad aver centrato l'accoppiata nella stessa stagione e ad aver conquistato una prova del Grande Slam nell'era Open. Nello stesso anno contribuì inoltre all'unica, storica, vittoria della Coppa Davis da parte della nazionale italiana. 

    Borg è annoverato fra i più grandi tennisti di tutti i tempi, batté numerosi record dell'era Open che tuttora resistono, vincendo il 41% dei tornei del Grande Slam che disputò e il 90% dei singoli match di quei tornei, vincendo l'Open di Francia e Wimbledon nella stessa stagione per tre anni consecutivi, conquistando tre tornei del Grand Slam senza perdere un set. La sua percentuale di vittorie in carriera è dell'82.74% degli incontri disputati e del 70% contro giocatori all'epoca fra i primi dieci al mondo.

    L'unico giocatore al mondo in grado di sconfiggere Björn Borg agli Internazionali di Francia, è stato Panatta, memorabile fu la sua vittoria nel 1976: nei quarti di finale, Björn Borg, nº 3 del mondo, testa di serie nº 1 e campione in carica del torneo, subì la seconda delle sue uniche due sconfitte al Roland Garros, dove era reduce da 18 vittorie consecutive e dove nessun altro giocatore lo avrebbe più battuto.
    I due campioni riempivano gli spalti di pubblico che tifava come nelle partite di calcio, con ragazzine urlanti che impazzivano per loro, Panatta era bellissimo e aveva questo ciuffo di capelli lunghi neri che scuoteva ad ogni colpo.  Borg era l'imbattibile campione svedese, biondo e bello,  la leggenda di Borg si è nutrita anche del suo temperamento incredibilmente glaciale, era un uomo di poche parole, al termine di uno scambio o di una partita non lo si è mai visto esultare in modo vistoso e appariscente, solo dopo la vittoria di un importante torneo si limitava ad inginocchiarsi e a volte ad alzare le braccia. Per via di questo temperamento venne quasi immediatamente ribattezzato dalla stampa Ice man (Uomo di ghiaccio), IceBorg (un gioco di parole per assonanza tra la parola Iceberg e il suo cognome) oppure Orso in riferimento non tanto alla scontrosità dell'animale solitario, quanto al suo nome, Björn, che in svedese vuol dire appunto Orso. 
    Anche sul fronte degli amori, hanno avuto qualcosa in comune, Panatta ebbe una storia con Loredana Bertè che alcuni anni dopo sposò Borg.
    Insomma chi preferite? Io di gran lunga Panatta, ma non per campanilismo, Panatta è nato in un circolo di tennis di roma, figlio del custode e dal nulla, con grande talento e determinazione è diventato un grande campione, anche nella vita, Borg nonostante la sua apparente freddezza ha avuto una vita difficile, tentò il suicidio giovanissimo, si ritirò a soli 26 anni lasciando di stucco il mondo del tennis e poi mise su delle aziende con vari tracolli finanziari.

    QUANDO IL TENNIS FECE BOOM - Il Tennis italiano


  21. Musa Juwara, nato nel 2001 in Gambia è arrivato in Italia il 10 giugno 2016 quindi a soli 15 anni su un barcone in Sicilia alla ricerca di fortuna oggi gioca in serie A nel Bologna e ieri ha fatto goal all'Inter, una grandissima gioia per lui
    Quando era nel centro di accoglienza giocava col pallone mostrando un grande talento, cominciò quindi a giocare per la squadra della Virtus Avigliano, nelle Giovanili, l'allenatore Vitantonio Summa decise di adottarlo. Juwara lasciò così il centro di accoglienza e andò a vivere in casa Summa, dove fu accolto come un fratello dai due figli della coppia.

    Nel 2017 è stato notato dal Chievo Verona, poi il trasferimento al Bologna per 500mila euro, con Mihajlovic che subito gli ha concesso fiducia e nella partita contro l'Inter, è arrivato il primo pesantissimo gol in Serie A.

    Il ragazzo ieri dopo il goal ha dichiarato: "Il gol è merito di Mihajlovic. Lo ringrazio perché mi ha fatto giocare contro l'Inter. Sono contentissimo per questa giornata, ho solo 18 anni e ho segnato a San Siro, la ricorderò tutta la vita. Sono contento del gol e del risultato, è la prima marcatura in serie A e la dedico alla famiglia e al mio procuratore. Futuro? Sto lavorando duro, il mister mi ha dato fiducia e lo ringrazio".
    Una favola bella, di coraggio, amore, integrazione. Che ne pensi?

    Inter Bologna 1-2, Mihajlovic: "Una vittoria di carattere" - Sport ...

     


  22. Salvatore, era stato rapinato del motorino da tre malviventi mentre festeggiava la vittoria del Napoli in Coppa Italia, il ragazzo era disperato, la moto gli serve per lavorare, la aveva acquistata con i suoi risparmi, circa 1500 euro, per guadagnare qualche soldo facendo il rider. Quella sera il mondo gli è crollato addosso, ma per fortuna tutto si è risolto nel migliore modi.

    E' arrivata la notizia la notizia che un nuovo scooter era stato consegnato al ragazzo, e oggi si è saputo chi è stato a fare questo bel gesto: Lorenzo Insigne che è stato ringraziato dal ragazzo dalla redazione di Radio Marte: "Ciao Lorenzo, sono Salvatore, sono a Radio Marte e ho ricevuto il tuo bellissimo regalo. Grazie di tutto, forza Napoli e se puoi anche una maglia autografata, un incontro. Se puoi! Grazie!".

    Il capitano del Napoli ha fatto questo regalo, un gesto bellissimo ma che non stupisce, Insigne non è la prima volta che lo fa.
    Ha fatto bene, per lui magari è una piccola spesa ma per il rider una cosa molto importante, e comunque non tutti i big del calcio sono così sensibili e generosi, che ne dici?

    Insigne sicuro: "Quest'anno il Napoli parte in vantaggio" | L ...

    https://www.vesuviolive.it/vesuvio-e-dintorni/notizie-di-napoli/345076-lorenzo-insigne-scooter-tifoso/


  23. Ma come si fa ad andare in Sardegna questa estate? Se lo chiedono in tanti, non solo turisti, ma anche sardi che vivono in altre regioni o paesi e che, divisi dal coronavirus, vorrebbero rivedere i loro cari. La Sardegna chiede un passaporto sanitario.
    L'unione Sarda ha pubblicato le lettere che stanno arrivando in proposito
    Certo è che se ogni regione si inventa un modo diverso per far entrare i turisti, dà un duro colpo al turismo, le persone sceglieranno altre mete se arrivando in Italia, sanno di non potersi muovere da una regione all'altra, chi glielo fa fare di combattere con la nostra burocrazia e regole, andranno in paesi che non hanno tutte queste complicazioni
    Ecco qualche esempio:
    "Sono una sarda residente in Francia. Ho acquistato più biglietti per poter tornare a casa almeno questa estate e poter fare conoscere il mio bimbo di 8 mesi a tutta la famiglia.

    Non si tratta di voler venire a fare la turista, ma di poter rivedere i miei cari. Spiegateci come fare per ottenere il passaporto sanitario, in quanto sino ad oggi in Francia nemmeno a pagamento si possono fare i test e probabilmente non ci sarà nemmeno la possibilità di farli prima di partire."

    "Cara Unione, mi unisco ai tanti lettori che segnalano le difficoltà sul passaporto sanitario proposta da Regione Sardegna.  Da circa 40 anni mi sono definitivamente stabilito nella provincia di Bergamo e, per mantenere i legami e le radici con la mia terra, dopo la morte dei miei genitori, ho acquistato un piccolo appartamento a Budoni.

    Sto seguendo con interesse l'evoluzione del passaporto sanitario annunciato dal Presidente Solinas ed ho iniziato ad informarmi come cercare di ottenerlo. In Lombardia non è possibile fare il test sierologico né il tampone tramite il servizio sanitario, quindi bisogna rivolgersi al privato. Il privato propone il test sierologico al costo di 40 euro a persona ed in caso positivo il tampone a 100 euro. La procedura prevede che in caso positivo del sierologico, in attesa del tampone, si debba osservare l'isolamento fiduciario e, di conseguenza una nuova quarantena. Salvo scoprire che attualmente il privato non effettua il tampone senza l'autorizzazione di ATS e quindi mette il cliente in lista di attesa che al momento, stando a quanto comunicato dai comuni che hanno già stipulato accordi con i privati, non è dato a sapere quando sarà possibile effettuare il tampone stesso. Pertanto, con tutta la buona volontà, non sarà possibile effettuare il tampone entro i termini di 3/7 giorni prima della partenza, come richiesto da Regione Sardegna.

    In conclusione, con mio grande rammarico, sarà pressoché impossibile raggiungere la mia terra e dovrò comunque pagare IMU, TASI, TARSU e il sovrapprezzo per la fornitura di energia elettrica e acqua anche se il mancato utilizzo dei servizi non è da attribuire ad una mia scelta".

    Insomma un caos e le persone costrette a rinunciare alle loro vacanze, alle loro case, ai biglietti già acquistati. Che ne pensi?
    Solinas trovi un'alternativa seria al passaporto sanitario per i ...

    https://www.unionesarda.it/articolo/caraunione/2020/05/25/sardi-e-turisti-vorremmo-capire-a-quali-condizioni-possiamo-raggi-127-1022187.html

     


     


  24. Il commento di Vittorio Sgarbi su Silvia Romano rapita 18 mesi fa e tornata in Italia, pare dopo il pagamento di un riscatto ai terroristi islamici che la tenevano prigioniera, sta suscitando molte polemiche. Ieri Sgarbi ha scritto: "Se mafia e terrorismo sono analoghi, e rappresentano la guerra allo Stato, e se Silvia Romano è radicalmente convertita all’Islam, va arrestata (in Italia è comunque agli arresti domiciliari) per concorso esterno in associazione terroristica. O si pente o è complice dei terroristi".
    Subito si sono scatenati i commenti di chi gli dava ragione e chi torto, ma decisamente di più sono stati i commenti a favore.
    Io non la penso così, credo che la ragazza in mano alla feccia dell'umanità per lunghissimi 18 mesi, si sia convertita per uscire viva da quell'orrore, e ora non può certamente dirlo, si vendicherebbero subito, comunque staremo a vedere, tu che ne pensi?
    Silvia Romano è in Italia e ha riabbracciato la famiglia

    https://www.affaritaliani.it/cronache/silvia-romano-frase-choc-di-sgarbi-se-si-convertita-veramente-va-671368.html

     


  25. Le star si uniscono al coro dei #restateacasa, hanno ville meravigliose dove la quarantena non è propriamente come quella in un miniappartamento di periferia, ma nonostante questo qualcuno di loro la viola.
    Per esempio Jennifer Lopez è stata fotografata mentre col futuro marito Alex Rodriguez usciva da una palestra di Miami chiusa per tutti ma non per loro..

    La foto è finita sui Social e sono piovuti commenti non proprio benevoli, anche persone famose dello sport o dello spettacolo la hanno giudicata egoista e messo in evidenza come sulla porta della palestra alcuni cartelli ne indichino la chiusura proprio a causa del rischio Covid-19.

    Effettivamente non è stato un bel messaggio da trasmettere, mentre le autorità invitano all’unità nazionale e al senso di comunità.

    Inoltre, puntualizza chi critica Jennifer Lopez, la star ha in casa una palestra accessoriata di tutto quindi perchè uscire e andare in una palestra destinata al pubblico, violando le disposizioni sulla quarantena?
    Che figuraccia! Che ne pensi?

    Jennifer Lopez se ne frega delle regole di isolamento e va ad ...

     

    https://www.meteoweek.com/2020/04/06/jennifer-lopez-viola-la-quarantena-bufera-social-sulla-cantante/

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963