passolesto

  • Numero messaggi

    122
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

8 Calma piatta

1 Follower

Su passolesto

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno
  1. La signora Dolores ha fatto una clamorosa gaffe che non è passata inosservata avendola fatta su Twitter. La mamma dell'attaccante bianconero ha infatti twittato: "Cristiano ha salvato la Juve dalla retrocessione, riportandola a vincere un campionato dopo quasi 20 anni di astinenza". Naturalmente queste sue parole hanno fatto il giro del web diventando virali tra ironia e rabbia da parte dei tifosi bianconeri e di altre squadre. Forse il campione che dicono molto attaccato alla madre avrebbe dovuto spiegargli meglio... http://www.ilgiornale.it/news/sport/gaffe-mamma-cristiano-ronaldo-ha-riportato-scudetto-juve-20-1690015.html
  2. "Je commence par la charpente", "inizio dall'ossatura". Il giorno dopo l'incendio che ha devastato la cattedrale di Notre-Dame, il settimanale satirico Charlie Hebdo ironizza sul disastro dedicando la copertina al presidente francese Emmanuel Macron. La vignetta, su fondo rosso e firmata Riss, ritrae il capo dello Stato francese con le due torri in fumo al posto dei capelli e un sorriso sinistro stampato sul volto. "Je commence par la charpente", dice Macron nel disegno, ossia dalla struttura in legno della cattedrale distrutta dalle fiamme. Un riferimento diretto anche al suo programma di riforme, paragonato al rogo... Io a questi non li capisco... e voi?
  3. Venerdì 12 aprile scorso all'asta di beneficenza a favore di Manuel Bortuzzo, il giovane nuotatore ferito da un proiettile e rimasto paralizzato, giunti alla fine dell'asta alla quale hanno partecipato molti vip e campioni sportivi, restava un ultimo cimelio, una costosissima borsa griffata, ma al momento di batterla la borsa è risultata scomparsa. Rubata. I presenti, sconcertati, hanno visto il giovane Manuel adombrarsi in viso, dispiaciuto per la fine della serata così brutta. A quel punto Massimo Giletti ha un'idea e propone al notaio: "Facciamo finta che la borsa ci sia comunque e battiamola lo stesso". Dapprima il notaio lo guarda con aria scettica ma poi dà il suo consenso. Quella che sembra una favola moderna ha anche un lieto fine: qualcuno compra effettivamente la borsa che non c'è più, ed è sempre Massimo Giletti che paga di tasca sua la cifra di diecimila euro! Manuel Bortuzzo s'illumina in viso, con un sorriso emozionato e al contempo incredulo. Giletti ha fatto davvero un bel gesto per questo sfortunato ragazzo, orrenda persona chi ha rubato la borsa! http://www.affaritaliani.it/entertainment/massimo-giletti-cuore-d-oro-clamoroso-gesto-del-conduttore-di-non-e-l-arena-599526.html
  4. Insulta su Instagram la giornalista-opinionista Selvaggia Lucarelli in una discussione a proposito di un servizio su Le Iene. E viene messo fuori squadra dalla sua società di basket, la Cagliari Dinamo Academy che milita in A2. Protagonista il cestista Andrea Rovatti, 22 anni. "La Hertz Cagliari Dinamo Academy - si legge su Facebook - si dissocia fermamente dalla condotta dell'atleta e si scusa a nome di tutta la società e della squadra con la giornalista per un'azione inaccettabile a cui il club è totalmente estraneo". Le conseguenze? Giocatore fuori squadra e multato. "Una condotta - continua il club - del tutto contraria ai valori su cui si fondano imprescindibilmente lo spirito e l'attività della società, dentro e fuori dal campo". Il comportamento del cestista era stato segnalato dalla stessa Lucarelli su Instagram. Tutto era nato da una discussione a proposito della presa di posizione della giornalista sul caso Blue Whale. Rovatti era contrario all'opinione della Lucarelli. E dalla tastiera è scappato l'insulto. Poi sono arrivate le scuse del cestita, sempre sui social: "Il mio commento è ingiustificabile e inqualificabile". Non so di quale insulto si sia trattato, ma quel servizio delle Iene ha disturbato anche me, capisco il ragazzo anche se non si deve offendere mai httphttps://www.ilmattino.it/societa/gossip/insulta_selvaggia_lucarelli_tr_infame_cestista_di_a2_sospeso_multato-4408006.html
  5. La compagnia Royal Caribbean sta cercando un apprendista disposto a viaggiare sulle sue navi e a testare le varie attività proposte sulla costa per poi condividerle via social. Stipendio: 2mila euro a settimana. Il candidato prescelto dovrà sperimentare tutte le attività proposte da Royal Caribbean nelle varie mete di destinazione e condividerle via Instagram, Insta Stories e Igtv. Si va dal parco divertimenti dell’isola di Cococay (Bahamas) all’esplorazione dei ghiacciai in Alaska, dalla scoperta di Osaka (Giappone) al lusso di Dubai, passando per Lisbona e Stavanger (Norvegia). Non è un lavoro da sogno? Ahhh poterlo fare! Qui l'annuncio: https://www.vanityfair.it/mybusiness/annunci/2019/02/10/lavoro-dei-sogni-pagati-per-fare-una-crociera-intorno-al-mondo-royal-carribean
  6. Raggirato e frodato da quello che non era solo il suo manager, ma anche un suo amico. Corrado Guzzanti sarebbe rimasto vittima di una presunta truffa andata avanti per dieci anni. Questa almeno è la versione del comico che si è sfogato al Corriere della Sera. Non una cifra da nulla: si parla di ben 400mila euro ma potrebbe essere molto più alta. Tanto che il debito che il comico e attore si è ritrovato sulle spalle a un certo punto avrebbe toccato anche i 900mila euro. Guzzanti si sarebbe visto anche pignorare dalla banca la casa di proprietà. In tribunale il comico e attore ha raccontato del terribile periodo vissuto in seguito a questa vicenda, degli incubi e delle lacrime nel sonno. "Ero in difficoltà anche a fare la spesa", ha affermato Guzzanti come si legge sul 'Corriere della Sera. Ha perso tutto, oggi lo racconta nel processo, il trauma emotivo per il tradimento dell'amico è stato fortissimo http://www.today.it/rassegna/guzzanti-truffato.html
  7. Tom Ballard, 30 anni, era il figlio della scalatrice britannica Alison Hargreaves, la prima donna a scalare l’Everest da sola. È morta a 33 anni durante la discesa dalla cima del K2 nel 1995. Il figlio era un abile scalatore che aveva seguito le sue orme. La sorella di Ballard, Kate, il padre Jim e la fidanzata italiana Stefania Pederiva avevano atteso nell’ansia e nell’apprensione più totale di ricevere notizie sui due dopo la notizia del fatto che erano dispersi. Ballard era nato a Derbyshire ma si era trasferito in Scozia nello stesso anno in cui la madre è morta sul K2. Secondo quanto riportato dal Daily Mail, la madre era incinta di 6 mesi di Tom quando ha scalato il versante nord dell’Eiger. Ballard aveva solo 6 anni quando la madre ha perso la vita ma ha avuto la stessa passione per l’alpinismo. Anche la sorella è una scalatrice. Con i suoi 8.126 metri di altezza il Nanga Parbat è la nona vetta più alta del mondo. La montagna è conosciuta anche come “Diamir”, termine locale che significa il “Re delle montagne”. Il soprannome di Montagna Killer deriva dalle decine e decine di persone che hanno perso la vita nel tentativo di scalarla. Nel 1985, lo scalatore britannico Albert F. Mummery ha guidato il primo tentativo di ascesa della montagna innevata, ma ha perso la vita nel farlo. Da allora, almeno altri 30 scalatori sono morti sulla montagna a causa delle avverse condizioni meteo e delle frequenti valanghe. Nel 1953 lo scalatore austriaco Hermann Buhl era riuscito a raggiungere con successo la cima del Nanga Parbat. http://www.meteoweb.eu/2019/03/nanga-parbat-tom-ballard-madre-morta-k2/1234669/
  8. Leonardo Pieraccioni ancora una volta stupisce i suoi fan. L’attore e regista ha dato una decisa svolta al suo look, scegliendo di tagliarsi la barba. Pieraccioni ha pubblicato la foto sbarbato su Instagram, dove sembra una persona davvero molto diversa. Ironico come sempre, il regista e attore ha accompagnato la foto del nuovo look con un semplice: “Basta barba, no?”. D’altronde era dal 1995, più precisamente dal film Laureati, che la barba faceva parte di lui. Quasi 25 anni insieme alla propria barba, per un uomo, sono decisamente abbastanza. Molto diverso e così sembra decisamente più giovane, vi piace? https://www.blitzquotidiano.it/tv/leonardo-pieraccioni-irriconoscibile-foto-barba-3007615/
  9. Un "santone" è diventato famoso dopo questo video girato in Sudafrica. L'uomo, di fronte a un centinaio di persone, ha annunciato un rito, quello della resurrezione. Un ragazzo steso in una bara ritrova la vita grazie ad Alph Lukau. Quest'ultimo, ovviamente, è diventato un mito sui social tanto da scatenare la reazione divertita degli utenti. Ed ecco nascere il #ResurrectionChallenge... Qui il video https://www.leggo.it/esteri/news/morto_resuscitato_video-4343359.html
  10. Nel '93 diceva di essere "un nullafacente". Oggi è il leader in ascesa della Lega, che macina voti dopo la fine dell'era Bossi. Un Matteo Salvini d'epoca, molto giovane e quasi irriconoscibile, sfoggia una chioma folta come concorrente al telequiz 'Il pranzo è servito' 21 anni fa in un filmato scovato da Striscia La Notizia e ironizza sui politici in un rebus che riesce ad indovinare: "Incassare tangente" è la soluzione. "Vengo da Milano, ne so qualcosa". Davvero interessante il video ripescato da Striscia la Notizia con un Salvini magro e capellone, sentite le risposte nel video http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2014/11/21/salvini-concorrente-a-il-pranzo-e-servito-nel-93-sono-un-nullafacente_6db7f78a-343a-4300-af0a-8dec3c2e653e.html
  11. ''Voglio dire un'ultima cosa per sorridere. Un gruppo di pensionati sardi di recente ha visitato il mio parco. Nell'area delle 120 piante medicinali uno di loro ha scoperto in un riquadro un cartello con la scritta 'viagra'. Alla fine, hanno lasciato il terreno nudo, perché si sono mangiate tutte le foglie o se lo sono portate via...". Non ha resistito, qualcosa di questi argomenti lo deve dire sempre https://www.adnkronos.com/fatti/politica/2019/02/18/pensionati-sardi-hanno-portato-via-viagra-berlusconi-show_RfCcQJnmC56Px1RbMcVhLN.html
  12. Un fotografo italiano freelance, Gabriele Micalizzi, 34 anni, è rimasto ferito a Deir Ezzor, nell'est della Siria. A quanto si apprende, il giornalista, di origini milanesi, era impegnato in un servizio con un collega della Cnn per documentare l'offensiva delle forze curdo-siriane, appoggiata dagli Usa, contro l'ultima roccaforte dell'Isis, in un fazzoletto di terra nella zona al confine con l'Iraq. Il fotografo non sarebbe in pericolo di vita: sarebbe stato ferito "da scheggie di un razzo", fanno sapere fonti curde. Sarà rimpatriato quanto prima in Italia, riferisce il Rojava Information Center, che fa capo alle forze curdo-siriane che guidano l'offensiva nella zona di Baghuz, sulla riva orientale dell'Eufrate. Gabriele Micalizzi "è già a bordo di un elicottero della Coalizione internazionale in volo verso Baghdad", è "stato ferito gravemente al volto da schegge di Rpg, ma non sembra essere in pericolo di vita": lo riferisce all'ANSA Alessandro Sala, del collettivo CesuraLab, fondato dallo stesso Micalizzi, Luca Santese e Andrea Rocchelli, ucciso durante la guerra in Ucraina nel 2014. L'unità di crisi della Farnesina fa sapere che è al lavoro e sin dal primo momento segue il caso del connazionale ferito in Siria per prestare ogni possibile assistenz a . Reporter coraggioso che rischia la vita per documentarci la guerra contro l'Isis combattuta dai Curdi, una guerra troppo spesso ignorata http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Siria-fotografo-italiano-ferito-a-Deir-Ezzor-d9617ef9-e445-4f94-b129-54a7e673e012.html
  13. "Dopo il mio arresto, con l’accusa di traffico internazionale di stupefacenti, per soli 10 grammi di cocaina, senza nessuna prova oggettiva, hanno fatto di tutto per farmi confessare. Ho subito ricatti e botte atroci", denuncia Sacco. "Hanno costretto anche la mia compagna a spogliarsi nuda davanti a 10 agenti, tutti uomini e ad andare con loro in carcere per una intera notte", aggiunge. Pressioni alle quali l’imprenditore racconta di aver ceduto in cambio "dell’immediato rilascio della sua compagna", confessando il falso e dichiarando di aver importato la droga dall’Italia. Ammissione non banale: negli Emirati il traffico di stupefacenti è punito con la pena capitale. Affetto da microcitemia (una forma di anemia), Sacco afferma che, in mancanza di cure, le sue condizioni nell’ultimo anno si sono aggravate tanto da mettere a serio rischio la sua vita. Ma non è tutto. Dopo la lettera aperta inviata, lo scorso dicembre, dalla sua compagna alle autorità italiane Sacco nel suo recente audio messaggio è tornato a raccontare delle condizioni disumane in cui è detenuto e delle torture subite dalle guardie carcerarie. Racconta di essere stato legato e tenuto nudo per giorni al freddo, di avere le costole incrinate e aver subìto scosse elettriche ai genitali. Un grido di aiuto che Sacco rivolge anche al Papa in vista della sua visita negli Emirati a febbraio. Con queste torture si confessa qualsiasi cosa, questa persona sta rischiando la vita! https://www.quotidiano.net/esteri/massimo-sacco-dubai-1.4404763
  14. Si chiama LBD, letteralmente "lanciatore di palle di difesa" ("lanceur de balles de défens"): noto più comunemente come flash-ball, è stato criticato "per la sua imprecisione" ed è stato protagonista di diversi casi di ferimenti e abusi di violenza.L'associazione Désarmons-les parla di un totale di un centinaio di feriti gravi, in maggioranza per colpa degli LBD, di cui 15 ridotti in condizioni di disabilità. Fonti di polizia citate da radio RTL spostano verso il basso questa stima: 4 persone hanno perso un occhio e altre due una mano a causa dei proiettili in gomma LBD da 40 millimetri sparati dagli agenti.Su Twitter compaiono le foto, a volte impressionanti, dei feriti causati dall'LBD. Sono state pubblicate dal giornalista indipendente, David Dufresne, che ha fatto più di 250 segnalazion i. Un pompiere, padre di tre figli, è in coma farmacologico a Bordeaux dopo essere stato colpito alla tempia. Il 12 dicembre scorso, Jean-Marc Michaud, agricoltore di 41 anni, ha subito la deformazione permanente del viso e ha perso l'occhio destro per colpa di una palla di caucciù semi-rigido lanciata a più di 300km/h. Secondo fonti di polizia, nella sola giornata del 12 gennaio ci sono stati almeno 5 manifestanti feriti gravemente "verosimilmente" per colpa degli LBD. Dal 2007 ha fatto la comparsa l'LBD 40, con munizioni da 40mm e un visore elettronico che permette di tirare fino a 30m. Assomiglia a una mitraglietta. Un agente di polizia, dal canto suo, testimonia: "Ci piombano addosso bottiglie di vetro, blocchi di cemento, acido, bulloni. L'LBD incute timore. Se ci venisse portata via, nessun collega vorrà più andare alle manifestazioni". Il ministro dell'Interno, Christophe Castaner,ha difeso l'operato della polizia: se si togliesse l'LBD alle forze dell'ordine, non resterebbe loro che l'uso di pistole o del contatto fisico. Il problema sempre la violenza, da una parte e dall'altra https://it.euronews.com/2019/01/18/gilet-gialli-cos-e-lo-spara-palle-lbd-e-perche-e-al-centro-delle-polemiche
  15. "Sento il dovere di rispondere a tante amiche, a tanti amici, ai miei sostenitori e ai giornalisti che in queste ore chiedono *** riguardo la candidatura annunciata di mio marito nelle file della Lega al Comune di Castelfranco Emilia. Ho sentito anch'io la sua intervista a Radio24, ribadisco e tutelo la sua libertà di candidarsi con chi desidera, una libertà che è garantita dalla nostra Costituzione italiana". Kyenge precisa che tra le uniche novità che quella "che si sta finalmente avvicinando la data dell'udienza davanti al giudice per la fine del nostro matrimonio, udienza da me richiesta ormai mesi addietro". Be certamente con un sistema di valori così opposto, come è possibile andare d'accordo? http://www.ansa.it/europa/notizie/rubriche/altrenews/2019/02/05/kyenge-mio-marito-candidato-lega-ultimo-capitolo-copione_51818877-7425-4111-b639-6e52b056ce3e.html