lupogrigio1953

  • Numero messaggi

    866
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da lupogrigio1953

  1. Un giorno un tizio a notte fonda tornava da una festa con amici e, forse perché stanco o perché aveva brindato troppo, imboccò l'autostrada contromano. Fortunatamente incontrò solo due automobili e non ci furono incidenti. Gli altri due gudatori lampeggiarono con i fari ripetutamente per avvisare l'autista che viaggiava nella direzione sbagliata. Costui pensò: "ma che cavolo hanno da lampeggiare 'sti due? E' proprio vero che gli i.m.b.e.c.i.l.l.i viaggiano sempre in coppia!".
  2. Natale è passato da poco e già sembra un secolo. Quante belle parole si sono dette! Saranno finite sotto all'armadio insieme a qualche regalo inutile in attesa di essere buttato? Ma gli insulti, così diffusi in questo periodo, fanno più male a chi li riceve o a chi li fa?
  3. Magari tua sorella è convinta di avere ragione (spero per lei). Non ti do consigli perché do per scontato che avrai già usato tutte le possibilità che il buon senso ci mette a disposizione. Ma rimane il fatto che tu conosci gli effetti degli insulti che ricevi, ma non conosci gli effetti che questi hanno su chi li fa. Ci possono anche essere delle eccezioni a questa regola, ma io vedo che le persone sempre disposte a far del male normalmente non fanno un sorriso neanche se le paghi. Viceversa, quando uno fa del bene a qualcun altro, il primo a beneficiarne è lui stesso.
  4. In realtà il Natale non è stato rovinato, non a me almeno, anzi, sarebbe dovuto durare tutto l'anno, visto che a Natale tutti erano diventati così buoni: niente insulti, ma solo tante belle parole, baci, abbracci a non finire. Ma io penso che gli insulti facciano molto più male al mittente che al destinatario: le persone incattivite diventano torve, prive di sorriso e quindi abbruttite. Persone così cerco di evitarle perché ci si sta male insieme. A livello personale neanche mi scalfiscono. A livello Paese invece è un'altra storia, purtroppo: qui la distinzione tra mittenti e destinatari diminuisce e tutti insieme ne paghiamo le conseguenze per vivere in una continua contrapposizione. Ma comunque chi insulta ci rimette due volte.
  5. Ora non conosco il programma della D'Urso, ma credo di non sbagliarmi se dico che c'è molto di peggio. Ad esempio Il Grande Fratello e L'Isola dei Famosi. Credo che subito dopo vengano i Talk Show in cui si fanno le domande e si interrompono di continuo le risposte. E anche i telegiornali sono diventati inguardabili, con i giornalisti che o sono schierati, o hanno paura di esprimere opinioni indipendenti.
  6. Io non la guardo proprio la tv, sicuramente non quel tipo di programmi e ancora più sicuramente la tv di mediaset. Della Rai vedo qualcosa solo su RayPlay che è online e hai il vantaggio di interrompere il programma quando ti pare e riprendere la visione quando ti pare. Occorre solo registrarsi e ci vogliono 2-3 minuti di tempo.
  7. Scusami, in effetti avevo capito male: credevo tu fossi una persona educata (in base a quanto ho letto delle cose che scrivi in genere), invece scopro ora che sei un cafone maleducato e ignorante. PS. Non mi pare che nel precedente mio commento, né in tutti gli altri (pochi) che ci sono stati in passato da parte mia nei tuoi confronti io ti abbia mai riservato lo stesso trattamento.
  8. Una piccola premessa di "politica" (le virgolette sono perché non parlo mai di politica): "hanno fallito gli economisti, le religioni, le democrazie i comunisti"; la mancanza dei fascisti sarà una dimeticanza, ritengo fino a prova contraria. Nel merito della questione, per certi versi probabilmente avremo pure fallito, ma per altri forse non si poteva fare meglio. La vita media è più che raddoppiata in soli 100 anni. Guerre ce ne sono sempre state, anzi, almeno in Europa sono 70 anni che non siamo più in guerra. Ci sono problemi, come l'effetto serra che possono essere risolti e la tecnologia sta facendo passi molto veloci anche per questo. Tra i problemi più grandi che abbiamo c'è la corruzone e il ladrocinio, ma qui bisognerà convincere gli Italiani a smettere di votare sempre i peggiori. E convicerli ad abbandonare l'atteggiamento incattivito che ci ha abbruttito fino al punto in cui siamo. Ma non possiamo neanche lamentarci troppo: vogliamo scaldarci in inverno, vogliamo spostarci comodamente e confortevolmente e pure velocemente; poi vogliamo curarci quando stiamo male; non è il mio caso, ma vogliamo anche essere belli, per cui tutti, donne e uomini, andiamo dall'estetista; vogliamo tv, pc, smartphone e ogni sorta di ben di dio. Quanto al "dio che è lassù", credo che stia a gurdare in che modo usciremo dai problemi che noi stessi ci siamo prodotti.
  9. Non so se ORA ci sono insulti o no. So soltanto che quando ho provato a entrare in quella pagina, che prima era in quella di "Attualità", ne sono uscito immediatamente e definitivamente. Non mi importa chi ha torto o chi ha ragione, mi importa solo che questa non è la mia Italia. Quella riunita attorno al pozzo di Vermicino è l'Italia che amo. Non ne conosco (né riconosco) altre.
  10. Allora tutta l'Italia, ma proprio tutta, indipendentemente dal colore politico, passò due o tre notti incollata davanti alla TV a sperare in qualche buona notizia. Finì con una grande delusione per tutti, ma che differenza con gli insulti di adesso, come succede qui nella pagina della Politica (che non frequento)!!!
  11. Questo signore probabilmente voleva farsi solo pubblicità. Se è così facile trovare lavoro, come mai mio figlio, con un diploma da perito in elettronica e telecomunicazioni e una laurea in economia e finanza, perfetta conoscenza della lingua inglese, in quasi un anno non ha trovato nulla, pur avendo inviato un'infinità di curriculum e girato personalmente tutti gli hotel di Roma proponendosi come Receptionist (disponibile anche a lavorare di notte), non ha trovato nulla? Poi, che ci siano anche persone che non hanno voglia di fare nulla è assodato. Ma su quest'ultimo punto i signori imprenditori dovrebbero spiegare perché di solito preferiscono i nullafacenti e quelli che hanno voglia di lavorare se ne devono andare all'estero.
  12. "Gli è venuto in mente" perché, purtroppo, con la fibrosi cistica difficilmente si riesce a superare i 30 anni. Speriamo che gli attuali studi e conoscenze riguardo alla genetica e le cellule staminali riescano a guarire chi è affetto da questa terribile malattia genetica.
  13. Buon viaggio!
  14. Il papa dice quali sono le regole. E quelle regole riguardano i comportamenti umani di tutti. Comunque esco da questa discussione perché non intendo trovarmi invischiato in discussioni che riguardano la politica.
  15. Non sono le dichiarazioni del papa che si riferiscono a qualcuno, ma semmai è "qualcuno" che deve sentire che i suoi comportamenti potrebero essere aderenti alle citazioni del papa. Rimane il fatto che le tifoserie non dovrebbero strumentalizzare perché certi comporamenti c'erano già 2000 anni fa e né questi, né quelli evocati dal papa si riferiscono a governo e opposizione attuali.
  16. Credo che il papa abbia ragione. Giù uno, oltre 2000 anni fa, si scagliò contro "i sepolcri imbiancati", frequentatori del tempio. Ma perché pubblicare questo post nella pagina della Politica?
  17. Credo che il papa abbia ragione. Giù uno, oltre 2000 anni fa, si scagliò contro "i sepolcri imbiancati", frequentatori del tempio. Ma perché pubblicare questo post nella pagina della Politica?
  18. Perché parli senza sapere cosa dici? Da ex fumatore (pentito) ti posso dire che il fumo fa male a parecchie cose, ma dire che il fumo distragga dalla guida significa non sapere di cosa si sta parlando. In ogni caso la distrazione causata dal fumare mentre si guida non è neanche lontanamente paragonabile all'uso di un cellulare, meno ancora lo è rispetto all'uso di uno smartphone, il quale, anche se usato solo per rispondere a chiamate telefoniche, richiede parecchia attenzione in più.
  19. Perché parli senza sapere cosa dici? Da ex fumatore (pentito) ti posso dire che il fumo fa male a parecchie cose, ma dire che il fumo distragga dalla guida significa non sapere di cosa si sta parlando. In ogni caso la distrazione causata dal fumare mentre si guida non è neanche lontanamente paragonabile all'uso di un cellulare, meno ancora lo è rispetto all'uso di uno smartphone, il quale, anche se usato solo per rispondere a chiamate telefoniche, richiede parecchia attenzione in più.
  20. Per non essere vittime dei cybercriminali bisogna soprattutto diventare cybersvegli. Occorre grande cura nella conservazione delle pas sword; non usare foglietti per appuntarle e non fornirle mai a nessuno per nessuna ragione. Nessuna banca vi chiederà mai di fornire loro la pas sword (infatti ci vengono consegnate in busta sigillata). Usare una pas sword diversa per ogni applicazione o sito e usare pas sword semplici da ricordare, ma complesse da indovinare. Lo stesso vale per certi siti che hanno una grafica volutamente simile alla nostra banca o alle Poste, o altro ancora e che vi chiedono di utilizzare la vostra pas sword; sono dei falsi siti. Non fornite mai alcun vostro dato personale, né online, né a chi dovesse suonare alla vostra porta o vi chiamasse al telefono. Con i vostri dati come minimo vi potreste ritrovare un contrattino come se fosse firmato da voi. Più preoccupante è il ransomware che potrebbe colpire anche indipendentemente dalla nostra attenzione. Fate più copie dei vostri dati importanti utilizzando supporti esterni al vostro PC come servizi di cloud e chiavette USB, e se vi viene richiesto di pagare un riscatto per riavere accesso ai vostri dati sul PC, formattatelo e successivamente recuperate i dati dove li avevate salvati. Non meno importante è evitare siti "strani" o che non danno alcuna fiducia. Evitate anche di cliccare sui link che vi avvisano che "Hai vinto", o "Sei fortunato" o "Sei stato estratto".
  21. Quindi il "concilio" ha confermato che quello che dico tutti i giorni da decenni è vero? Grazie, ma lo sapevo anche da solo.
  22. Sai che valore ha una "preghiera" recitata come una cantilena... E chissà che valore aveva quando si recitava solo in latino, spesso da persone che di latino non conoscevano neanche mezza parola.
  23. E se siamo tutti peccatori, perché mi riporti un caso di quacuno che è onesto e recita il rosario? Io lo sono almeno allo stesso modo e del rosario a casa mia manco l'ombra. Se io fossi un disonesto per abitudine, per dire, mio figlio non sarebbe andato a Londra a pulire ce ssi per ben 14 mesi (nonostante avesse una laurea) prima di trovare un lavoro come si deve, ma lo avrei imbucato da qualche parte come fanno le persone meno oneste, molte delle quali che recitano anche il rosario. PS. Tra tutte le persone che conosco, non ce n'è neanche una che sia così credente da recitare il rosario o anche solo essere un credente costante.
  24. Nella mia famiglia si è praticata l'onestà anche se si è usato il rosario solo per addormentarsi. Quelli che lo usano ancora il più delle volte è solo per cercare di ripulire a propria coscienza sporca.
  25. violenza

    La mancanza di fiducia, che sia provocata da gelosia o da altro, è motivo più che sufficiente per troncare subito.