lupogrigio1953

  • Numero messaggi

    1045
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da lupogrigio1953

  1. E quindi? Non fai altro che confermare quanto ho già scritto. a) La vita delle persone in pericolo è comunque più importante di un crocefisso. b) Se uno Stato non è capace di risolvere i problemi di oordine pubblico, con o senza immigrati, le persone in mare vanno comunque salvate. E a proposito del crocefisso, per me è un falso problema: io toglierei l'ora di religione dalla scuola pubblica e privata. Con l'ipocrisia che ti ritrovi, saresti stato un buon prete.
  2. Sai quanto gliene frega a quelle persone che scappano dalla guerra e dalla fame, disposte anche a rischiare la vita, di tutte le cose che hai elencato. Ti preoccupi delle "sensibilità religiose"; se ne avessi anche una sola di sensibilità approveresti per prima cosa il salvare quelle persone. E poi, giustamente, occuparsi anche del resto. Ma ho capito benissimo che a voi preti (perché sei un prete, non è vero?) interessa la forma perché per voi la forma è sostanza. Sulla forma è fondato il vostro (?) business. PS. Non avrei nulla da criticare se fossi coerente. Tutta la mia critica è fondata SOLO sulla totale mancanza di coerenza.
  3. Attieniti ai ragionamenti che si stanno facendo qui. Non mi interessa cosa facciano i preti: io rispondo solo per me stesso. Ho scritto che il mio ragionamento, limitatamente a questo argomento, è in linea con quello del papa. E' vero, molti di voi citano il papa quando fa loro comodo. Ma non andiamo troppo lontano e non menzioniamo chi neanche può replicare: parliamo di te. E' vero o non è vero che lasciar morire gente indifesa in mare è un omicidio almeno al pari di quelli che tu denunci? E' vero o non è vero che moralmente è un omicidio tifare, ammirare, sostenere, votare gente che appoggia degli omicidi? E' vero o non è vero che TU hai una doppia morale?
  4. Non fare il furbo con me, padre, io li conosco bene i preti. Don Milani probabilmente si riferiva a tutt'altro e invece tu strumentalizzi le sue parole. Lo sappiamo benissimo che tutta l'Africa in Europa non ci può stare (lo avrai detto una decina di volte!). E naturalmente questo è un problema che tutti vogliamo risolvere, ma non con l'utilizzo delle ruspe, come propongono i tuoi beniamini al governo. E nel frattempo che tu e detti tuoi beniamini politici fate tanto chiasso, gli extracomunitari in Italia non sono neanche in numero esagerato, né costituiscono un problema di ordine pubblico. Ho già scritto su queste pagine che ben prima che esistessero gli extracomunitari di delinquenti italiani ce ne erano già troppi, forse più di adesso. Miei compagni delle elementari, es. Peppe e Franco (i cognomi non posso dirli, ma i nomi sono quelli veri) nei primi anni '70, uno con una Giulia bianca, uno con la Kawasaki 750, erano già diventati importanti capetti della mala locale. Oggi sto vedendo persone non italiane (asiatici, soprattutto cinesi, ma non solo, nord africani, ecc) che si sono emancipate e frequentano lo stesso bar dove vado io; pagano come pago o, riportano le tazzine al banco dopo aver consumato al tavolo (cosa che non tutti gli Italiani fanno). Anni fa notavo che molti est-europei e asiatici avevano un alito cattivo ed erano inavvicinabili; oggi noto con piacere che questo non succede più. Personalmente vorrei che gente così rimanesse con noi, io non ho niente contro di loro fino a quando si comportano così. E magari fosse che la maggior parte degli Italiani si comportassero come la maggioranza di loro! Rimane il fatto che la tua moralità è incoerente; proprio come quella di un prete.
  5. Invece lasciar morire in mare la gente (comprese donne incinte e bambini), che scappa dalle guerre, no, quello non è blasfemo. Che strana concezione di moralità! Giusto per precisare, benché io sia totalmente non religioso, questo mio punto di vista è completamente in linea con quello del papa.
  6. Si, ma è inutile girarci intorno: abbiamo capito qual è il problema. E noi, come cittadini, prestandoci a una simile distorsione della realtà stiamo prendendo a calci i nostri interessi di Italiani per fare quelli di altri, sostenendo anche lo loro campagna elettorale permanente (fatta alle nostre spalle mostrandoci "problemi" che non sono quelli veri).
  7. " il malcontento verso la giustizia italiana" è il vero e unico problema. I migranti non c'entrano proprio nulla. Se guardiamo al numero di delitti in assoluto, è evidente che questi sono di più se ci sono più migranti. Ma questo dato va visto in rapporto alla popolazione. Se, per fare un esempio estremo e rendere l'idea, in Italia ci fossero solo 2 persone e una di queste fosse un rapinatore, per l'altro sarebbe un grave problema anche se in tutta Italia ci sarebbe solo 1 rapinatore. Pui togliere tutti i migranti che ti pare, ma un giudice (magari con gli occhiali da sole per la vergogna) che emette un verdetto di assoluzione per uno che ha commesso un omicidio lo troverai sempre. E' questo il problema che va combattuto, non altri, relativamente alla giustizia.
  8. Nell'immagine sotto il quadrato contrassegnato con la lettera "A" è assolutamente uguale, come tonalità di grigio, a quello contrassegnato con la lettera "B". Lo credereste? La questione è facilmente verificabile copiando l'immagine su Paint (o altro programma di trattamento delle immagini): si prenda una porzione del riquadro "A" e una del riquadro "B" e si avvicinino tra loro.
  9. lgbtq

    L'unica cosa che mi infastidisce è l'ostentazione e i fanatismo; cose che mi succede anche per le sette religiosi, la politica, i vegani, ecc. Per chiarire, non mi da fastidio che uno sia vegano, ma invece i loro interventi contro altre manifestazioni. Ad esempio, mio figlio mi raccontava dell'intervento di un gruppo di vegani a una specie di festa della mortadella (o qualcosa di siile) a Bologna. Ma tornando ai gay, credo abbiano il diritto di avere i loro gusti sexxuali. A me non piaccono i ravioli con la zucca, dunque se qualcuno li mangia io "non sono favorevole", ma siccome a me non tolgono nulla, che li mangino pure.
  10. lgbtq

    L'unica cosa che mi infastidisce è l'ostentazione e i fanatismo; cose che mi succede anche per le sette religiosi, la politica, i vegani, ecc. Per chiarire, non mi da fastidio che uno sia vegano, ma invece i loro interventi contro altre manifestazioni. Ad esempio, mio figlio mi raccontava dell'intervento di un gruppo di vegani a una specie di festa della mortadella (o qualcosa di siile) a Bologna. Ma tornando ai gay, credo abbiano il diritto di avere i loro gusti sexxuali. A me non piaccono i ravioli con la zucca, dunque se qualcuno li mangia io "non sono favorevole", ma siccome a me non tolgono nulla, che li mangino pure.
  11. lgbtq

    Non sono favorevole, ma neanche contrario. A me non tolgono niente. E non sento il bisogno bisogno di affermare il mio orientameto sexxuale, qualunque esso sia.
  12. lgbtq

    Non sono favorevole, ma neanche contrario. A me non tolgono niente. E non sento il bisogno bisogno di affermare il mio orientameto sexxuale, qualunque esso sia.
  13. Non so, magari forse sarò troppo buonista. Ma non sono disposto a cancellate 32 anni di matrimonio per un fatto occasionale e sporadico (come stava per succedere a me). La domanda iniziale chiedeva cosa ne pensiamo; e io la penso così.
  14. Mi sta tutto bene, ma se c'è un problema si risolva quel problema, anche, eventualmente, chiedendo ai cittadini di esprimersi con un referendum, ma non si inventino altri problemi che non c'entrano nulla. Se ci sono dei giudici che "rivendicano il diritto di interpretare le leggi alla luce della costituzione, ma così facendo si sostituiscono al legislatore", si risolva quel problema e non che se ne inventino altri come quelli dei migranti clandestini. E neppure dico che i migranti clandestini debbano avere tutte le porte spalancate, ma come al solito dovrebbero venire prima gli Italiani, ma per davvero, non con un occhio (in realtà entrambi) rivolto alla campagna elettorale (permanente). La storia di collegare una così diffusa delinquenza come è in Italia (da ben prima che esistesse il problema dei migranti clandestini) semplicemente non è credibile. O forse abbiamo dimenticato "La banda della Magliana", la banda della Uno bianca", i rapimenti, i delitti Torreggiani et similia. Quanti ce ne sono stati? Un'infinità. Per non parlare della criminalità organizzata dei cui delitti neanche parlava ormai più nessuno.
  15. Ho letto stamattina che è stato arrestato uno stalker che era stato condannato a 25 anni di reclusione per aver ucciso un carabiniere. Cosa ci faceva fuori? Sono questi i veri problemi da risolvere, non buttare fumo agli occhi come fa Salvini. Non è un problema di italiani o extracomunitari, bisogna trovare il modo affinché chiunque delinqua finisca i carcere, soprattutto se si tratta di danni alla persona. Se, come dici tu (e mi trovi d'accordo) le leggi sono inadeguate, si risolva questo di problema. Se trovo una mosca nella minestra, cerco di capire e risolvere il problema affinché non si ripresenti, non è che smetto di cucinare. In questo Paese la politica è in campagna elettorale permanente, è questo il nostro problema.
  16. Difficile prendere posizione senza conoscere esattamente i fatti, e anche fosse così non sarebbe facile. Apparentemente il tabaccaio non correva pericoli, per cui sembrerebbe che non avrebbe dovuto sparare. D'altra parte, però, difendere i nostri beni dovrebbe esssere un diritto e comunque i ladri non dovrebbero assolutamente violare la proprietà altrui. Come al solito i nostri governanti hanno la priorità non di migliorare il nostro Paese, ma solo quella di migliorare la loro posizione elettorale. L'inteesse degli Italiani sarebbe quello che governo e opposizione smettessero di farsi la guerra, ma dialogassero per fare una seria riforma giudiziaria (troppi delinquenti, italiani e stranieri, la fanno franca e nessuno fa niente), e delle leggi più ferme, prevedendo anche sanzioni severissime per quelle forze dell'ordine che non intervengono se chiamate, ma anche dotare queste ultime di tutti i mezzi di cui hanno bisogno. Le forse dell'ordine, poi, da un lato sono troppo libere di fare il bello e il cattivo tempo (vedi caso Cucchi et similia), e dall'altro subiscono troppe indagini quando usano le armi contro delinquenti veri, rischiando troppo spesso la loro vita o di finire sotto processo. E anche gli stipendi dovrebbero essere più adeguati. Insomma, secondo come la vedo io, la difesa dovrebbe essere demandata alle forze dell'ordine, che esistono per questo. Invece la cittadinanza si vede costretta a difendersi da sola.
  17. Premesso che non seguo né la D'Urso, né Marco Carta, le uniche infor mazioni che si conoscono su questa vicenda sono di parte, quindi non attendibili. Non conta nulla cosa "crediamo" noi, ma invece i processi si fanno in tribunale dal quale la verità che ne esce è spesso diversa da quella che le persone (poco informate) di solito si aspettano. Una vicenda analoga mi è successo con mia moglie. In precedenza aveva comprato un rossetto, o un mascara, non ricordo e neanche me ne intendo, e comunque era un tubetto in materiale plastico sul quale evidentemente non era stato tolta la targhetta dell'antitaccheggio. Quando siamo entrati nel suermercato (si trattava di Casamercato, oggi, credo, in liquidazione) l'apparato all'ingresso aveva anche suonato, ma io sono il cliente e ho il pieno diritto di essere anche distratto. Naturalmente anche ll'uscita suonò l'antitaccheggio e il personale trattò mia moglie come fosse una ladra. Per fortuna il tubetto del prodotto era in modo evidente usato e semivuoto, ma la cosa si rese evidente solo dpo le nostre proteste. Volevo anche denunciare l personale e la sua struttura, ma come al solito in Italia non funziona nulla e andare dai vigili (per constatare i fatti) mi stava comportando solo una grande perdita di tempo. Poi scrissi una lettera di protesta alla direzone generale, senza alcun riscontro. Chi non ha etica nel proprio lavoro merita di fallire.
  18. Non solo ho fatto tutte le vaccinazioni a mio figlio, ma tutti gli anni faccio il vaccino antinfluenzale per me stesso. Io non seguo gli sbandati che mi raccontano la frottola, e che oggi vanno tanto di moda, fino ad averli perfino al governo, che un ignorate ne sa più di un medico. Forse, e dico forse, è arrivata l'ora di rimettere gli ignoranti al posto che compete loro.
  19. Ma la vita non è una canzone. Le persone non sono tutte uguali: c'è chi resiste meglio ai richiami del sexxo (io penso di essere uno di questi, senza esagerare) e c'è chi resiste molto meno. Ma non è una questione di merito o demerito, succede e basta, così come può succedere che uno abbia una certa malattia e un altro no, pur avendo fatto una vita sregolata. A me stava per succedere con una mia amica di ben 21 anni meno di me. C'è mancato molto poco e la ragione ha prevalso solo all'ultimo momento. Poi ne parlai anche con mia moglie, con la quale ho un ottimo rapporto. Ma questa esperienza mi è servita per trattenermi dal condannare chi invece alla fine ci casca. E ho capito che non ho un merito particolare, ma magari solo un maggiore controllo anche a causa di un desiderio non estremo come invece capita ad altre persone, non per loro demerito. Non essere drastica/o: tutti abbiamo qualcosa da farci perdonare.
  20. Se mia moglie mi tradisse, la prima cosa sulla quale dovrei riflettere è se non sia stato io la causa del suo cercare altrove. Se mai dovesse succedere e fosse una cosa sporadica, credo ci passerei sopra, a condizione che lo venga a sapere da lei stessa. In ogni caso sono certo di non avere fino a oggi, e di non avere neanche in futuro, tale prolema. Rimane il fatto che mia moglie mi appartiene (ci apparteniamo) affettivamente, ma non sono il suo proprietario e non dovrebbe esistere nessuna persona "proprietaria" di un'altra.
  21. Tra l'altro, capra, qui ti eri comportato in modo civile (e io ho fatto altrettanto): Ora vuoi spiegarmi cosa ti è successo successivamente per tornare a offendere? Hai sbattuto la testa? Hai finito le medicine? Ti hanno rubato la fidanzata? Come dimostra la discussione visibile tramite il link che ti ho postato (fai click sulla riga scritta in azzurro, per vedere), quando mi si tratta in modo civile io lo sono almeno il doppio. Certo è che se invece mi si tratta in modo incivile, io rispondo a tono, capra.
  22. E secondo te io avrei tempo e voglia di andare a ricercare in giro per il web i tuoi edotti scritti? Cioè quelli di un tizio (tu) con un Quoziente di Intelligenza non superiore ai 50-60 punti (se va bene)? Hai detto che sei un “Manovale elettricista”, cioè uno che aiuta l’elettricista vero a trasportare le matasse di cavo. Quindi tu, per tutta la tua vita lavorativa di 40-45 anni, non hai fatto alcun progresso? Poi il “manovale elettricista” neanche esiste come figura (al massimo esiste un apprendista elettricista): o sei un manovale o sei un elettricista. E comunque una persona con intelligenza normale dopo 4-5 anni che funge da aiuto elettricista il mestiere lo impara. Ed ecco il motivo per cui vivi di invidia, odio e rancore: tutto il resto del mondo progredisce, tu sei rimasto capra. Non ho alcun dubbio che la tua rabbia ti porterà a festeggiare la vittoria della Lega. Chissà se festeggerai anche l’aumento dell’IVA e del taglio delle detrazioni sulle tue spese mediche o l’aumento delle tasse sulla tua pensione. Gente come te è la rovina dell’Italia.
  23. Il riassunto che hai fatto è pura invenzione. Fino a circa 3 anni fa rispondevo ai tuoi post tecnici (solo a quelli che mi interessavano e sui quali avevo qualcosa da dire con competenza). I nostri scambi di commenti e controcommenti sono stati abbastanza civili fino a quando non hai iniziato ad attaccarmi sull’Expo. Ma successivamente tornammo a un dialogo più educato grazie ad argomenti tecnici come gli scambi sul Motore De Bei, sulle auto elettriche, sulle novità dei motori elettrici in corrente continua destinati all’automobile. Di punto in bianco hai iniziato di nuovo ad attaccarmi. Qui il link della nostra discussione: https://***.virgilio.it/domanda/617919/mia-prima-domanda in cui ti chiesi ciò: “Chi sono per te i "co mu nisti"? Te lo chiedo perché, nel bene o nel male, di co mu nisti in Italia ne sono rimasti ben pochi. Quali sono, in particolare le idee di costoro che contesti? PS. Per capire e ragionare, non per fare polemica” Da quel momento in poi hai ricominciato la tua guerra. Hai iniziato a offendere “i Romani” e i meridionali in generale. Oggi hai offeso chi ha la sindrome bipolare (succede a molte persone con intelligenza molto superiore alla media), tra i quali mio figlio che, nonostante questa sindrome, ha conseguito una laurea in economia e finanza, si è trasferito in UK, ha lavorato in un albergo, pulendo cessi (letteralmente) per ben 14 mesi in cambio di vitto e alloggio. Nel frattempo frequentava corsi per diventare Personal Trainer e oggi sta lavorando in tale attività nella quale si sta facendo onore, guadagnando anche decisamente bene. In più si è già iscritto all’università per laurearsi in astrofisica. Insomma una categoria di persone di fronte alle quali dovresti inchinarti, invece ti permetti di offenderle. Pensa un po’, hai fatto il “manovale elettricista”; immagino avrai cominciato da giovane, e lì sei rimasto: non riusciresti a collegare una lampada comandata da due punti luce. Ti vanti che voti Lega, il partito che offende ¾ d’Italia. Il partito che dovrebbe spiegare cose come questa: https://www.huffingtonpost.it/entry/arrestato-il-sindaco-leghista-di-legnano-gianbattista-fratis-e-accusato-di-corruzione-elettorale_it_5cdd1290e4b0b4728ba323e8?lh&utm_hp_ref=it-homepage Oppure come questa: https://www.huffingtonpost.it/entry/la-corte-dei-conti-apre-un-fascicolo-sui-voli-di-salvini-m5s-ombra-da-chiarire_it_5cdd1fa0e4b09648227b3b91?utm_hp_ref=it-politica Oppure spiegare agli Italiani dove sono finiti i 49 milioni fatti sparire dal tuo partito (e magari restituirli al popolo al quale sono stati sottratti). Rimane il fatto che capra eri e capra resterai. PS. Dovresti chiedere pubblicamente scusa alle persone con sindrome bipolare e a tutte quelle che hanno una qualunque malattia o disabilità in generale. Poi dovresti chiedere scusa a tutti i meridionali. inoltre dovresti anche chiedere scusa a Dio per la pessima persona che sei. Infine dovresti chiedere scusa anche a te stesso perché ti stai privando del vivere civile. A me non occorre che chiedi scusa perché ho le spalle larghe e le tue punture di spillo non mi fanno né caldo, né freddo.
  24. Lavorare come manovale elettrico, o anche solo come manovale, non è una vergogna. Entrare "in sintonia" con alcune categorie di persone, non cambia la tua situazione personale. Ma rimangono fatti tuoi, non miei. Almeno fino a quando non mi attacchi personalmente dicendomi che non avrei storia, o altri svariati attacchi personali. Fino a quando non smetterai con questi tuoi attacchi alla mia persona, io farò altrettanto, solo più pesantemente. Aver interrotto gli studi può essere dovuto anche a motivi giustificabili (es: motivi familiari e/o economici). Mentre i tuoi tentativi falliti di riprendere gli studi dipendono solo dal fatto che sei una capra. Infine, non ti basta offendere me, ma stai offendendo anche tutte quelle persone che soffrono della sindrome bipolare. Non sono infimo come te, altrimenti dovrei augurarti di averlo tu tale problema di salute. Dimenticavo: non sono figlio unico, ma i miei genitori hanno avuto 3 figli maschi, compreso il sottoscritto.
  25. Che un cane morda il padrone, rientra nell’ordine delle cose; ma che un padrone morda il cane, come minimo è un fatto inconsueto. Allo stesso modo una capra (il quadrupede) che fa la capra è una cosa normale; la cosa incredibile è che tu, un bipede (anche se comincio ad avere dei dubbi), faccia la capra, usurpando il ruolo che appartiene al quadrupede, quello vero. Ma attieniti all’argomento di cui si sta parlando e non metterti in competizione con i quadrupedi che esercitano legittimamente la loro funzione naturale. Parlavi della mia storia, argomento di cui ho trattato esaurientemente, ma hai facoltà di replicare senza andare per vie traverse, dunque finiamo di parlare anche della tua, di storia. Hai parlato del Friuli, mi vuoi spiegare esattamente TU cosa c’entri? Cosa hai prodotto, PERSONALMENTE, nella tua vita? Sono i parassiti quelli che vivono alle spalle degli altri senza produrre nulla. Sei solo come un romito, e bada bene non per costrizione (puoi non aver trovato l’anima gemella, può capitare a tutti) o per scelta (uno può scegliere, legittimamente, di vivere da solo). No tu sei da solo perché odi il mondo. In particolare odi le donne; ti da fastidio perfino che lascino le ruote sterzate dopo aver parcheggiato la macchina. Non mi parlare di pastorizia o di Expo, o di altri cavoli che non c’entrano una cippa, ma smentiscimi sulla mia affermazione in cui dico che odi tutto il mondo.