lupogrigio1953

  • Numero messaggi

    990
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da lupogrigio1953

  1. E vabbè, ma piano piano ci arrivo al milione, dai. Ci vorrà al massimo qualche secolo...
  2. Sto mettendo da parte i soldi. Per adesso sono arrivato 497 Euro...
  3. L'ho già fatto circa 2 mesi fa. Ti saprò dire il risultato quando sarà passato l'inverno.
  4. Ho sentito dire di queste reazioni ai vaccini. Io ho fatto quello influenzale a Novembre scorso e non ho avuto neanche la minima reazione. Per ora non ho avuto l'influenza, ma leggevo sui giornali che il picco arriverà a breve. Ho sentito anche dire che con il vaccino l'influenza ti viene li stesso, ma in forma più leggera. Passato l'inverno saprò se sarà servito a qualcosa oppure no.
  5. Io ho sempre curato l'influenza solo con la tachipirina. Ma l'anno scorso, in questo periodo, sono stato malissimo, pur non prendendo gli antibiotici. Prendo dei farmaci per l'ipertensione e, forse a causa dell'influenza stessa, o a causa della tachipirina, la pressione mi è crollata. In quell'occasione sono riuscito a sfangarla, ma quest'anno ho deciso di fare il vaccino. Solo che dei vaccini ho sentito una montagna di pareri contrastanti, alcuni allarmanti. Però, se per motivi d'età uno non ha più una salute di ferro e si prende un'influenza di quelle cattive, forse l'antibiotico non è il peggiore dei mali. Volevo semplicemente sapere quali dei mali è il meno peggio tra gli antibiotici e il vaccino.
  6. Stanno ristrutturando il sito e credo che al momento il servizio chat sia stato sospeso. C'è invece (ancora) un servizio di messaggistica a cui si accede cliccando sull'icona della nuvoletta che si trova sulla destra del pulsante "Cerca".
  7. Scusa ma tu in media quanti ne usi de 'sti sacchetti in una settimana? No perché io ne uso in media 5, al prezzo di 0,01 Euro per un totale annuo di 2,6 Euro. Ma ho deciso di fare lo sprecone: altri 5 li voglio buttare via, per cui in un anno spenderò 5,2 Euro. PS, Al momento in famiglia siamo solo in due.
  8. Dipende cosa intendi per "spendacciona". Noi siamo in due (nostro figlio è andato ad abitare da solo) e normalmente spendiamo tra gli 80 e i 100 Euro, compresi, oltre ai prodotti alimentari, tutti i prodotti per la casa (detersivi, saponi, ecc). In più, occasionalmente, diciamo una volta ogni mese o due, si va in qualche centro specializzato in prodotti per la casa. Ieri, per esempio, altri 33 Euro. Mica è facile fare un conto preciso... Per risparmiare ci vuole tempo e se lavori è un po' complicato. Puoi andare a fare spesa nei discount (come facciamo noi), ma lì devi imparare quali sono i prodotti che puoi prendere e quali no. Per esempio noi, Olio, pasta, pesce fresco, caffè e molto altro non li compriamo mai al discount, frutta e pesce surgelato invece si. Alla fine si riesce a risparmiare abbastanza, specie comprando prodotti in offerta, ma anche qui occorre fare molta attenzione: assolutamente non vanno comprati prodotti che non servono, ma solo perché sono in offerta. Noi pensiamo di essere "risparmiosi". E tu "spendacciona", per fare un raffronto, quanto spendi settimanalmente? E in quante persone siete?
  9. In questo modo piano piano stiamo scivolando in una discussione politica e, come ho già precisato, voglio rimanerne fuori.
  10. E quindi? Tutti, ma propri tutti (e sfido a trovare qualcuno, uno solo, che non lo abbia fatto) abbiamo contestato il canone RAI. Mi piacerebbe sapere un solo motivo per cui dovrei pagare ben 90 Euro all'anno alla RAI. Pagare il canone dovrebbe essere una scelta: se mi piace vedere la RAI, pago il canone e vedo quello che mi pare, altrimenti non mi forniscono le credenziali e non vedo nulla. Se poi la RAI vuole avere dei canali con la pubblicità (dunque senza canone) ed è interessata a trasmettere gratuitamente, affari loro. Qualcuno direbbe "E' il mercato, bellezza". Io quando ho perso il lavoro (3 volte dopo i 50 anni) me la sono dovuta cavare da solo ed ero monoreddito, con un figlio all'università e con il mutuo casa ancora non finito di pagare. E visto che tra i tag hai citato matteo renzi, allora ti faccio notare che non fosse stato per Matteo Renzi il canone sarebbe stato di 113 Euro (salvo aumenti, come sempre).
  11. E quindi buttiamo tutto all'aria? Non andiamo più neanche a lavorare? Smettiamo anche di mangiare e di respirare? OK, sono tutti ladri, contenta? Stai meglio ora? Esco da questa discussione, ti avevo già detto che non sopporto il populismo.
  12. E' sicuro che se facessi politica la farei onestamente. Purtroppo però non saprei fare politica, è molto più difficile di quanto la gente normalmente pensa. Ed è sbagliato fare di tutta un'erba un fascio: in questo modo si favoriscono i peggiori perché vengono messi sullo stesso piano rispetto a quei pochi che si salvano. E i politici, non dimentichiamolo, sono una rappresentanza di noi.
  13. Sarà che ho superato questa fase: per me è una resa continuare a parlare con certa gente. Se non lo capiscono da soli che stanno danneggiando se stessi, falsificando anche i dati di fatto, ci penserà la legge di Darwin a occuparsi di loro.
  14. Ecco, questo è il tipo di commenti a cui mi riferivo. Sei pregato di rimanere nella tua latrina. Grazie PS. E non ho bisogno di tappeti rossi.
  15. Grazie, ma non voglio parlare di politica semplicemente perché ci sono persone che trattano la politica come se fosse la loro squadra di calcio. Se io sono della Roma, per esempio, sarò della Roma indipendentemente da tutto. A dire il vero non sono tifoso di nessuna squadra di calcio perché, coerentemente con quanto ho detto finora, seguo le cose con equilibrio. Il cuore non lo uso per una partita di calcio o per la politica, ma lo uso senz'altro per i membri della mia famiglia (mia moglie o mio figlio). Loro potrebbero anche fare tutti gli sbagli del mondo, ma sempre mia moglie e mio figlio sono. E poi c'è un'altra cosa. Parlare con delle persone ci rende tutti migliori. Ma io non voglio migliorare quelle persone che hanno costruito la latrina in cui vivono. Io ci godo nel sapere che costoro vivono in una latrina. E guarda che anche casa loro è una latrina (salvo che non abbiano la servitù): chi è sporco nel parlare di politica è sporco anche a casa sua. Aggiungici che parlare con costoro è tempo buttato perché non riuscirai mai a far cambiare loro idea. Per cambiare l'idea di qualcuno, come minimo occorrerebbe che questo qualcuno abbia un'idea. Si spingono perfino a cambiare i dati di fatto (come nell'argomento in questione, i sacchetti bioshop) contro il loro stesso interesse. E comunque alle persone sensate non occorre che dici nulla: lo capiscono da soli cosa è meglo per loro e cosa non lo è. Dunque parlare di politica è perfettamente inutile. A me piacerebbe qui parlare di molte altre cose come ad esempio ho fatto piacevolmente in un'altra discussione con frattalis, ma che farei con chiunque altro volesse dialogare in modo sereno.
  16. Non ho detto che adesso va tutto bene. Però sarebbe una cosa stupida negare che i dati economici siano tutti migliorati rispetto a 5 anni fa. Però occorre continuare su questa strada, non tornare indietro proprio adesso che abbiamo visto che questa strada è giusta. Cinque anni fa abbiamo dovuto implorare Monti (un tecnico) per venire a sbrogliare una situazione che nessun politico voleva rovinarsi la faccia visti i tagli che servivano per rimediare ai danni creati dal governo di allora. Non sto parlando di politica, ma di dati di fatto. Per rimediare a quella catastrofe (e a quelle precedenti, il nostro debito pubblico non si è costruito in un giorno) ci vorranno anni di buon governo. Come credi che abbiano fatto gli altri Paesi che stanno meglio di noi a costruire il loro benessere? Sicuramente non con le chiacchiere da bar come qui pensano di fare quasi tutti. Si votano governanti seri e onesti e ci si rimbocca le maniche comportandoci tutti onestamente lavorando onestamente senza "buttarci malati" o creare dispetti sul lavoro, come troppa gente fa (vedi nel settore dei trasporti pubblici, per esempio). JFK in un celebre discorso disse: "Non chiederti cosa il Paese può fare per te, ma cosa tu puoi fare per il tuo Paese". Detto in altre parole, siamo noi i fautori del nostro destino.
  17. Padoa Schioppa fu molto criticato perché disse "le tasse sono belle". Non è stata una frase felice, ma probabilmente è stata anche tirata via da un discorso più complesso (sempre con il solito scopo di fare polemiche politiche). Intanto bisogna vedere quanto uno guadagna. Poi bisogna vedere quali servizi vengono forniti attraverso le tasse. Se le tasse fossero utlizzate come si deve, si puo dire che "le tasse sono belle". Dobbiamo eleggere i nostri politici in modo onesto affinché costoro gestiscano il bene pubblico nel miglior modo possibile. E questo senza dire per chi votare perché mi sono imposto di non parlare più di politica. Ma nessun direbbe che faccio politica se dicessi che i condomini del mio comdominio debbano eleggere un amministratore onesto e capace. Il cittadino da solo può fare qualcosa, collaborare come fai tu, per esempio, ma si può fare molto di più se chi di dovere (le industrie produttrici) vendano prodotti con contenitori facilmente riciclabili. La legislazione nazionale ed europea sta cercando di andare in questa direzione. Ci possono (forse) essere dei costi in più per noi cittadini, ma ci potrebbe anche essere una migliore e più equa divisione del benessere. E, come dicevo nei precedenti commenti, non si ottiene con le polemiche e tantomeno con gli insulti (che nella prossima campagna elettorale vedremo in quantità industriale).
  18. Guarda, più sopra ho citato un esempio: stamattina ho comprato 2 kg di mandarini contenuti in una cassettina di cartone (senza spille metalliche); quell'imballaggio si può tranquillamente buttare nei secchioni della carta senza dover tirare via delle parti non cartacee. Purtroppo siamo invasi dall'immondizia che non sappiamo più dove buttare, dunque bisognerà essere disposti a dei sacrifici in termini di spesa o di fatica per separare i rifiuti che produciamo. E questo senza che arrivi il solito populista a dire che l'Europa è cattiva e il governo è pure peggio. Una volta la frutta si comprava in frutteria e si portava a casa in buste di carta (qualche volta si rompevano, anche). Oggi compri una fettina confezionata in un contenitore di plastica (più plastica che fettina). Forse è arrivato il momento di trovare alternative senza che si arrivi alle solite poemiche. Scusa se mi incavolo, ma queste è l'ambiente in cui mi trovo ogni volta che si parla di qualcosa. Sono stanco di quelle persone che sanno dire solo degli uffa, uffa e ancora uffa, ma voglio parlare solo con persone che propongano cose serie e fattibili. Come vedi con te sto parlando, dunque non è a te che mi riferisco.
  19. Ecco questo è un esempio per il quale, pur essendo interessato alla politica e mi piace pure parlare di politica, non voglio più parlare di politica con nessuno, visto che si parla di politica come se si parlasse del Milan o dell’Inter, della Roma o della Lazio. Anche con troppo poca educazione, per giunta. Diffondere simili notizie volutamente falsificate è solo per fare becera politica. Contro chi? Contro se stessi. Vorrei sapere chi, di fronte al farmacista che gli chiede 60 Centesimi per una busta, non lasci sul bancone la busta con tutto il contenuto e facendo fare al farmacista stesso una figura di guano davanti a tutta la clientela. Ma torniamo alla politica, così non dovrò più tornarci sopra (e sperando che aiuti coloro che frequentano qui a comportarsi in modi un po’ più civili). Ho i capelli bianchi, dunque di acqua passare sotto i ponti ne ho vista tanta, e anche di governi, e nessuno aveva fatto bene come quello che abbiamo appena avuto, come certificato dai dati Istat, Istat che non è di Renzi, né di Gentiloni. E non voglio abbandonare la buona strada che è stata intrapresa, e che ha dato buoni risultati, per tornare con chi ci aveva portato nel baratro. Quindi ognuno è libero di pensarla come meglio crede. Anche io però, molto democraticamente, non intendo scambiare nessuna idea con quei personaggi che negano l’evidenza a danno del loro e del mio interesse di cittadini responsabili. In ogni caso, io ho le mie idee politiche che non intendo che nessuno contraddica, fino a quando non si riesce a parlarne in modi civili. L’alternativa è che chi intende dialogare con me non parli affatto di politica. A te, parlando del prossimo voto, avevo consigliato di scegliere persone responsabili e non dei populisti che “risolvono” i problemi di questo Paese con le loro chiacchiere al bar. Poi ho visto che ti sei lasciata trascinare in mezzo alle discussioni di quei personaggi con i quali non intendo scambiare alcuna opinione (si tengano pure le loro, io parlo solo con chi è degno di essere considerato cittadino italiano). Mi piacciono i veri patrioti, non certo i razzisti e i falsi patrioti. E non mi piacciono neanche quelli che dicono che loro sono gli unici onesti perché nessuno è il depositario dell’onestà. Quindi parliamo pure di ogni altro argomento, anche di buste bioshop, se vogliamo, ma senza lasciarci strumentalizzare da nessuno. Anche perché non sono qui per cercare litigi, ma solo per scambiare idee in modo sereno. Ciao Frattalis, e buon 2018 anche a te.
  20. Si, ma si sta facendo una tempesta in un bicchiere d'acqua solo per attaccare questo governo che ha ridotto le tasse di ben il 2% in cinque anni, più tutti gli altri dati ISTAT positivi. In ogni caso, per precisare, non intendo assolutamente parlare di politica perché sono abbastanza sch ifato da chi, in questo sito e altrove rifiuta perfino di fare i propri interessi di cittadino negando l'evidenza. Ribadisco che chiunque mi parla di politica, come minimo non avrà il mio rispetto. PS. Qualcuno già lo ha perso (e non mi riferisco a te, Etrusco).
  21. 9 sacchetti al giorno? Stamattina ho fatto la spesa settimanale (83 Euro, Eurospin, siamo rimasti in due perché nostro figlio è andato a vivere da solo), ho usato 3 sacchetti al prezzo di 1 Centesimo di Euro. Uno per la bieta, uno per le banane, un altro per le pere. Altra frutta e verdura aveva la propria confezone (es: cassetta di cartone x mandarini, rete per arance, ecc). Esagerando ne potrei utilizzare 10, ma in una settimana, non in un giorno. Ma anche quando eravamo in tre, non è mai successo che abbia usato ben 10 sacchetti per la spesa settimanale. Se poi uno è sprecone, cosa si lamenta a fare dei 2 o 3 centesimi!?
  22. Perché non ci racconti tu la tua esperienza, anziché chiederci di andare a vedere? Io, quando capito davanti alla vetrina di un negozio, se per esempio non vedo i prezzi degli articoli esposti me ne vado immediatamente. Figurati se neanche vedo gli articoli in questione (come in questo caso)...
  23. Io di politica mi informo per quel tanto che basta per esprimere un voto responsabile e onesto nei confronti dei miei famigliari e dei miei concittadini (dell'Italia intera). Il voto influisce direttamente sugli interessi di tutti noi in questa vita, non in un ipotetico "aldilà". Si, penso di condividere sostanzialmente i tuoi principi morali. I miei si limitano a un comportamento onesto (in senso lato) con tutti, naturalmente quando ci riesco.
  24. Per quanto mi riguarda lo so benissimo per chi votare, ma me lo tengo per me perché mi sono imposto di non parlare di politica, vista la piega che prendono le discussioni su tale argomento in questo luogo. Dico solo che sei adulta, per cui sei anche padrona del tuo destino e la legge di Darwin si applica in pieno: o sei in grado di individuare da sola chi si comporta seriamente, oppure nessuno potrà spiegartelo. Solo una cosa devi capire, cosa che gli Italiani proprio non vogliono fare: chiunque voterai amministrerà direttamente i tuoi beni materiali, qualsiasi essi siano. Non credo ti convenga mandare in Parlamento dei b u f f o n i. Poi fai tu.
  25. Litigare? Io non stavo affatto litigando. Semplicemente ragionavo sul fatto che siano noi i fautori del nostro destino: cittadini disonesti, politici disonesti; cittadini inconcludenti, governanti inconcludenti. Se non mettiamo mano ai nostri comportamenti (libero arbitrio), ci penserà la legge di Darwin a ridurci alla ragione. Quando saremo stufi di farci del male, forse cominceremo a ragionare.