lupogrigio1953

  • Numero messaggi

    897
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da lupogrigio1953

  1. Il geloso è un fastidio per gli altri, ma è un tormento a se stesso. (William Penn) Siete d'accordo?
  2. All'italiano-tipo basta che gli dai una qualunque carica (o anche una divisa) vedrai che cambia da solo. Il giorno dopo magari ti da del "Lei", quando il giorno prima si era a bere una birra insieme. Ma a parte certe mer d acce come quelle del tipo che ho descritto, spesso cambiare è difficile quando si ha qualcosa a cui comunque si tiene; es: un buon lavoro. E' un po' quello che successe a me 30 anni fa: avevo un lavoro ben retribuito, chi ci pensava a impararmi l'inglese e andarmene all'estero come ha potuto/dovuto fare mio figlio. In effetti lui è stato favorito dal fatto che qui intorno a lui aveva terra bruciata: un lavoro non lo avrebbe mai ottenuto, neanche a livello sfruttamento.
  3. Anche se per molti argomenti non avremo mai una risposta, credo sia normale porsi delle domande. Come facciamo a sapere cosa c'è dentro a un buco ero se neanche la luce vi può sfuggire? Eppure facciamo le nostre ipotesi, costruiamo le nostre teorie in base a dei ragionamenti basati sull'esperienza e conoscenza. Un Dio? Un'anima? E chi lo sa? Ma niente può impedire all'uomo di cercare risposte perché la curiosità scientifica e non solo è innata in noi. Certo poi se ti arriva uno che (secondo lui) ha la verità in tasca, allora lo puoi anche mandare a stendere, come dice una mia amica torinese. PS. Quanto al numero di Graham forse avrei dovuto parlare di numeri di Graham (al plurale) perché sono composti di 64 livelli, dove il più piccolo è denominato G1 ed è un numero inimmaginabile per grandezza; credo corrisponda a 1 Googleplex (10 elevato a 10 elevato alla 100). Il più grande numero di Graham “canonico” è il livello G64, ma nessuno impedisce di immaginare numeri ancora più grandi.
  4. Io ho avuto un calo della memoria verso i 48 anni. Mi capitava spesso di iniziare un discorso e lasciarlo a metà perché non mi ricordavo più di cosa stavo parlando. Poi, in quel periodo fui costretto a mettermi a studiare come un pazzo. Ero un tecnico elettronico, anche piuttosto bravo, ma le nuove tecnologie avevano reso inutile tutto ciò che conoscevo fino a quel momento. E quando dico "tutto", non è così tanto per dire. La faccio breve: da allora problemi di memoria come quelli che ho descritto non ne ho più avuti e non ne ho neanche ora che ho 66 anni. Io credo che se non ci sono problemi fisici un calo della memoria si possa recuperare alla grande.
  5. Mio figlio cadde in avanti e a testa in giù dal seggiolone. Chi lo abbia salvato, io non lo so. So solo che ha pianto per non più di 2 minuti, sicuramente per lo spavento (comunque niente rispetto al mio).
  6. Non si tratta di dimostrare niente. A me interessa la verità, non dimostrarla agli altri. E tra le cose "serie" c'è anche conoscerla la verità, o almeno provare a farlo, anche se, come dici tu, non c'è nulla di dimostrabile. Certo io delle riflessioni me le faccio. Chi sono io? Sono solo un insieme di cellule? E cos'è che mi fa provare le sensazioni e la coscienza di me stesso, la consapevolezza di esistere? Sarebbe potuto succedere che fosse nato un individuo con tutte le cellule esattamente come quelle del mio corpo fisico, ma un altro individuo, non io, avrebbe sperimentato le stesse sensazioni che oggi provo io? Le probabilità che nascessi proprio io erano pari a zero contro una gran quantità (probabilmente bisognerà scomodare il "numero di Graham" per quantificarle) che al mio posto ci fosse stato un altro individuo, con le proprie sensazioni che comunque non sarei stato io. Di fronte a un simile confronto (zero rispetto a una infinità di miliardi) difficile pensare a un puro caso: o si ammette l'esistenza di Dio, oppure, come ipotizza mio figlio, che è ateo (più o meno), ciò che appare evidentemente impossibile, potrebbe diventare possibile se si guardasse a un numero di anni incredibile, dove il numero di Graham, al confronto, apparirebbe una piccolezza. Credo sia proprio per fornire risposte a questo e ad altri quesiti che si sia teorizzata la possibilità di infiniti universi (il cosiddetto "multiverso") che renderebbe possibili delle cose che altrimenti si potrebbero spiegare solo con l’esistenza di un Dio. Si, si può vivere anche senza avere queste risposte. Ma se così, allora si può vivere anche senza sapere nulla di Big Bang, di galassie, di Pulsar, di Quasar, di buchi neri, ecc. E di grandi numeri, ci basta e avanza quello per quantificare il debito pubblico italiano.
  7. Senza entrare nel merito se è meglio un metodo oppure l'altro, direi che la cosa più importante, in questo caso, è ciò che migliora il modo di ragionare, più ancora che allenare la memoria. Un metodo alternativo, ancorché non fosse migliore, aiuta senz'altro a ragionare. Naturalmente la memoria va tenuta allenata, ma personalmente credo il modo migliore sis studiare, studiare sempre. Oggi la cosiddetta "formazione continua" è diventata indispensabile in molti mestieri, per cui credo che problemi di memoria non ce ne siano, almeno per coloro che non passino la propria vita nel menefreghismo.
  8. Dio è morto. O almeno lo è quello raccontato dalle religioni.
  9. Innanzi tutto in questo momento non siamo in campagna elettorale, nonostante non sembri. Poi a me non si può proprio fare questo genere di obiezioni: qui c'è un'apposita sezione di Poltica, che io non frequento, prprio perché non amo parlare di politica, specie con certi soggetti sottosviluppati che la frequentano abitualmente (purtroppo ogni tanto qualcuno fuoriesce da quella fogna, ma non è questo il tema di cui stiamo parlando ora). E prima di usare il termine "vergogna" rivolto a me, si sciacqui la bocca 10 volte. Nel merito dlla questione, abbiamo esponenti del governo contrari ai vaccini, così come la posizione almeno ufficiosa dei corrispondenti partiti di riferimento. I cittadini hanno il diritto (e in parte anche il dovere) di fidarsi dei rispettivi governanti. Né i mezzi di divulgazione ufficiali, come la RAI, oragano dello Stato, che impone anche il pagameto di un canone, spiegano apertamente che i vaccini sono obbligatori e anche opportuni. Invece nella TV pubblica spiegano molto bene come funzionano e cosa consigliano gli oroscopi di Paolo Fox. "il cervello della gente" viene riempito di *** anche dai media dello Stato italiano (ancora la RAI). Un cittadino ha il diritto di ricevere informazioi attendibili e non ha il dovere di fare l'investigatore privto per andare a scoprire che i mezzi di informazione ufficiali in realtà sono in mano ai 2 partiti di governo.
  10. Boh, io non vedo tutte 'ste complicazioni: nessuo è il padrone (o la padrona) di un'altra persona; se uno trova un altro (o altra) più interessante del proprio coiuge o compagno/a non vedo dove sta il problema. Se una non è più ineressata a me, non capisco ragione per cui dovrei trattenerla. A che mi serve la vendetta? Lasciandola andare per la sua strada potrebbe capire da sola, con il tempo, di essere passata dalla padella nella brace; a quel punto per me si aprono 2 strade: la riprendo con me se mi interessa ancora, oppure, in alternativa, è quello il momento della miglior vendetta: vai per la tua strada.
  11. Più che non aver votato per questi nullafacenti e incapaci, i Grillini, non so che altro fare.
  12. Mi pungono anche mentre prendo il caffè. Forse dovrei prepararne anche per loro, chissà che non si impietosiscano.
  13. Vorrei spezzare una lancia in favore di questi genitori. A loro volta sono vittime di Grillini e Leghisti che hanno vinto le elezioni anche moltiplicando (attivamente, cioè anche spendendo soldi di non so quale provenienza) a dismisura le fake news a favore delle quali si sono schierati apertamente: non conosco un solo grillino o un Leghista che non sia anche antivaccinista. Questi genitori dovrebbero denunciare di essere stati raggirati, anche se hanno partecipato attivamente al farsi fregare.
  14. Ti sei scelta una bella gatta da pelare: "Padre Etrusco". Lo chiamo così per i numerosi suoi riferimenti a Radio Maria. Tu potresti portare a sostegno di qualche tua tesi uno scientific paper, che lui immediatamente ti smentisce con un link che ti porta a Radio Maria. Usa la sua religione per sostenere le sue tesi fascioleghiste, alla faccia del cristianesimo. Praticamente un prete perfetto. Poi uno si potrebbe domandare perché il cristianesimo è seguito all'acqua di rose, oppure non è seguito affatto (come faccio io). A suo sostegno è intervenuto anche tale dune-buggi, un "manovale elettrico" (la definizione è sua), ignorante come una zappa, senza alcuna argomentazione, ma solo affinità di stoltezza. Quest'ultimo personaggetto (si riferisce a me con il suo commento) vanta (nel senso, appunto, che se ne vanta) una competenza tecnica più o meno sull'intero scibile umano, mentre con la sua ignoranza ci si potrebbe mettere in piedi una intera enciclopedia da far impallidite l'Enciclopedia Britannica. Basti dire che il tale è stato in grado di definire "motore rotativo" un normale motore a pistoni, un'eresia per uno che si definisce competente in materie tecniche, senza entrare nel merito delle competenze che (non) ha riguardo a tutto ciò per il quale lo stesso non si definisce competente, cioè per l'intera vita. Con questi due mi sono rotto di buttare il mio tempo. Ma veniamo a esporre qualche mio punto di vista nel merito degli argomenti di cui parli. D'accordo con te che il comunismo non sia mai esistito, e aggiungo meno male. Il capitalismo ha grandissimi problemi, ma, a oggi, non siamo riusciti a trovare qualcosa di più valido per sostituirlo. Non ho capito il tuo punto di vista sulle religioni, ma per quanto mi riguarda sono un fallimento totale, ma ancora una specie di male necessario. I popoli con una religione debole, o frammentata (vedi tutta l'Africa non musulmana), sono allo sbando e in balia degli sfruttatori. Chi invece ha una religione (es. popoli ebraici e musulmani) ha più potere contrattuale verso il resto del mondo. Quanto alle ingiustizie nel mondo, ci sono sempre state e probabilmente sempre ci saranno. Soluzioni? Al momento non ne vedo, anche perché in questo periodo il mondo è attraversato da un'ondata di populismo alimentata dalle fake news rese possibili dal nuovo media di divulgazione di massa: Internet. Oggi capita che un ignorante, come i 2 esempi di cui sopra, abbiano lo stesso peso su social di un professore universitario. E se dicono, ad esempio, che la Terra è piatta, non sono loro (che sono milioni) che devono argomentare le loro affermazioni, ma è lo scienziato di turno (es; Burioni riguardo ai vaccini) che li deve smentire uno a uno. E se gli studiosi (che sono pochi) non hanno tempo o voglia per andare a confutare sui social decine e decine di migliaia tra terrapiattisti, antivaccinisti, complottisti, vegani, omeopati, curatori di tumori col bicarbonato, ecc ecc, va a finire che le loro tesi risultano valide perché nessuno li avrà smentiti. Cosa fare? Una cippa. In questo mondo ci devo e ci voglio vivere. Faccio di tutto per limitare i danni, mi comporto onestamente e prendo atto che l'inquinamento (come i due più sopra) esiste ed esisterà sempre, aspettando che la legge di Darwin faccia il suo corso.
  15. Ti sei scelta una bella gatta da pelare: "Padre Etrusco". Lo chiamo così per i numerosi suoi riferimenti a Radio Maria. Tu potresti portare a sostegno di qualche tua tesi uno scientific paper, che lui immediatamente ti smentisce con un link che ti porta a Radio Maria. Usa la sua religione per sostenere le sue tesi fascioleghiste, alla faccia del cristianesimo. Praticamente un prete perfetto. Poi uno si potrebbe domandare perché il cristianesimo è seguito all'acqua di rose, oppure non è seguito affatto (come faccio io). A suo sostegno è intervenuto anche tale dune-buggi, un "manovale elettrico" (la definizione è sua), ignorante come una zappa, senza alcuna argomentazione, ma solo affinità di stoltezza. Quest'ultimo personaggetto (si riferisce a me con il suo commento) vanta (nel senso, appunto, che se ne vanta) una competenza tecnica più o meno sull'intero scibile umano, mentre con la sua ignoranza ci si potrebbe mettere in piedi una intera enciclopedia da far impallidite l'Enciclopedia Britannica. Basti dire che il tale è stato in grado di definire "motore rotativo" un normale motore a pistoni, un'eresia per uno che si definisce competente in materie tecniche, senza entrare nel merito delle competenze che (non) ha riguardo a tutto ciò per il quale lo stesso non si definisce competente, cioè per l'intera vita. Con questi due mi sono rotto di buttare il mio tempo. Ma veniamo a esporre qualche mio punto di vista nel merito degli argomenti di cui parli. D'accordo con te che il comunismo non sia mai esistito, e aggiungo meno male. Il capitalismo ha grandissimi problemi, ma, a oggi, non siamo riusciti a trovare qualcosa di più valido per sostituirlo. Non ho capito il tuo punto di vista sulle religioni, ma per quanto mi riguarda sono un fallimento totale, ma ancora una specie di male necessario. I popoli con una religione debole, o frammentata (vedi tutta l'Africa non musulmana), sono allo sbando e in balia degli sfruttatori. Chi invece ha una religione (es. popoli ebraici e musulmani) ha più potere contrattuale verso il resto del mondo. Quanto alle ingiustizie nel mondo, ci sono sempre state e probabilmente sempre ci saranno. Soluzioni? Al momento non ne vedo, anche perché in questo periodo il mondo è attraversato da un'ondata di populismo alimentata dalle fake news rese possibili dal nuovo media di divulgazione di massa: Internet. Oggi capita che un ignorante, come i 2 esempi di cui sopra, abbiano lo stesso peso su social di un professore universitario. E se dicono, ad esempio, che la Terra è piatta, non sono loro (che sono milioni) che devono argomentare le loro affermazioni, ma è lo scienziato di turno (es; Burioni riguardo ai vaccini) che li deve smentire uno a uno. E se gli studiosi (che sono pochi) non hanno tempo o voglia per andare a confutare sui social decine e decine di migliaia tra terrapiattisti, antivaccinisti, complottisti, vegani, omeopati, curatori di tumori col bicarbonato, ecc ecc, va a finire che le loro tesi risultano valide perché nessuno li avrà smentiti. Cosa fare? Una cippa. In questo mondo ci devo e ci voglio vivere. Faccio di tutto per limitare i danni, mi comporto onestamente e prendo atto che l'inquinamento (come i due più sopra) esiste ed esisterà sempre, aspettando che la legge di Darwin faccia il suo corso.
  16. Quindi, signor "Manovale elettrico" (cosa sei un manovale che va a batterie?), visto che mi dai dell'ignorante che commette errori grammaticali, sei in grado di indicarmi dove sono questi errori? Quanto allo "ospitare nelle abitazioni", ci sono molte persone, queste italiane, magari anziani pensionati che sono alla disperazione, tu, esattamente, quanti ne hai ospitati in casa tua?
  17. Cioè tutti i tuoi pensieri si riducono a ricerche sul web? Guarda che non avevo dubbi, lo so che per molti pensare è faticoso. E' per questo che poi capita di incontrare persone che ragionano a cavolo.
  18. Toh, è arrivato il "manovale elettricista" (definizione sua). Non ha fatto neanche la quinta elementare e si permette di pontificare circa errori grammaticali degli altri. "Professore", puoi citare qualcuno di questi errori?
  19. Non hai niente di tuo da scrivere?
  20. E quindi? Non fai altro che confermare quanto ho già scritto. a) La vita delle persone in pericolo è comunque più importante di un crocefisso. b) Se uno Stato non è capace di risolvere i problemi di oordine pubblico, con o senza immigrati, le persone in mare vanno comunque salvate. E a proposito del crocefisso, per me è un falso problema: io toglierei l'ora di religione dalla scuola pubblica e privata. Con l'ipocrisia che ti ritrovi, saresti stato un buon prete.
  21. Sai quanto gliene frega a quelle persone che scappano dalla guerra e dalla fame, disposte anche a rischiare la vita, di tutte le cose che hai elencato. Ti preoccupi delle "sensibilità religiose"; se ne avessi anche una sola di sensibilità approveresti per prima cosa il salvare quelle persone. E poi, giustamente, occuparsi anche del resto. Ma ho capito benissimo che a voi preti (perché sei un prete, non è vero?) interessa la forma perché per voi la forma è sostanza. Sulla forma è fondato il vostro (?) business. PS. Non avrei nulla da criticare se fossi coerente. Tutta la mia critica è fondata SOLO sulla totale mancanza di coerenza.
  22. Attieniti ai ragionamenti che si stanno facendo qui. Non mi interessa cosa facciano i preti: io rispondo solo per me stesso. Ho scritto che il mio ragionamento, limitatamente a questo argomento, è in linea con quello del papa. E' vero, molti di voi citano il papa quando fa loro comodo. Ma non andiamo troppo lontano e non menzioniamo chi neanche può replicare: parliamo di te. E' vero o non è vero che lasciar morire gente indifesa in mare è un omicidio almeno al pari di quelli che tu denunci? E' vero o non è vero che moralmente è un omicidio tifare, ammirare, sostenere, votare gente che appoggia degli omicidi? E' vero o non è vero che TU hai una doppia morale?
  23. Non fare il furbo con me, padre, io li conosco bene i preti. Don Milani probabilmente si riferiva a tutt'altro e invece tu strumentalizzi le sue parole. Lo sappiamo benissimo che tutta l'Africa in Europa non ci può stare (lo avrai detto una decina di volte!). E naturalmente questo è un problema che tutti vogliamo risolvere, ma non con l'utilizzo delle ruspe, come propongono i tuoi beniamini al governo. E nel frattempo che tu e detti tuoi beniamini politici fate tanto chiasso, gli extracomunitari in Italia non sono neanche in numero esagerato, né costituiscono un problema di ordine pubblico. Ho già scritto su queste pagine che ben prima che esistessero gli extracomunitari di delinquenti italiani ce ne erano già troppi, forse più di adesso. Miei compagni delle elementari, es. Peppe e Franco (i cognomi non posso dirli, ma i nomi sono quelli veri) nei primi anni '70, uno con una Giulia bianca, uno con la Kawasaki 750, erano già diventati importanti capetti della mala locale. Oggi sto vedendo persone non italiane (asiatici, soprattutto cinesi, ma non solo, nord africani, ecc) che si sono emancipate e frequentano lo stesso bar dove vado io; pagano come pago o, riportano le tazzine al banco dopo aver consumato al tavolo (cosa che non tutti gli Italiani fanno). Anni fa notavo che molti est-europei e asiatici avevano un alito cattivo ed erano inavvicinabili; oggi noto con piacere che questo non succede più. Personalmente vorrei che gente così rimanesse con noi, io non ho niente contro di loro fino a quando si comportano così. E magari fosse che la maggior parte degli Italiani si comportassero come la maggioranza di loro! Rimane il fatto che la tua moralità è incoerente; proprio come quella di un prete.
  24. Invece lasciar morire in mare la gente (comprese donne incinte e bambini), che scappa dalle guerre, no, quello non è blasfemo. Che strana concezione di moralità! Giusto per precisare, benché io sia totalmente non religioso, questo mio punto di vista è completamente in linea con quello del papa.
  25. Si, ma è inutile girarci intorno: abbiamo capito qual è il problema. E noi, come cittadini, prestandoci a una simile distorsione della realtà stiamo prendendo a calci i nostri interessi di Italiani per fare quelli di altri, sostenendo anche lo loro campagna elettorale permanente (fatta alle nostre spalle mostrandoci "problemi" che non sono quelli veri).