pressmilano1

  • Numero messaggi

    258
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

1 Calma piatta

Su pressmilano1

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno
  1. L’autunno è tra le stagioni più amate da sposi e invitati per celebrare i matrimoni. Colori vivaci, temperature miti e una luce ancora calda: tutto in questo periodo dell’anno contribuisce a rendere lo scenario di un matrimonio più magico e affascinante. Ma quale outfit indossare? Toosh ha raccolto consigli e idee per un look femminile perfetto, raffinato e allo stesso tempo adatto a questa meravigliosa stagione “di passaggio”. Milano, settembre 2022 - Come prepararsi ad un matrimonio in autunno? Questa stagione "di mezzo", con i suoi meravigliosi colori ma temperature ancora ballerine, porta spesso gli ospiti di un matrimonio a chiedersi cosa sia meglio indossare. Toosh, brand italiano specializzato nella produzione e vendita di sciarpe in cashmere di alta qualità, ha raccolto alcuni consigli pratici e idee di abbinamento per l’outfit: partecipare ad un matrimonio in autunno e decidere cosa mettersi, infatti, non deve preoccupare, a patto, però, di arrivare preparati! Il colore è il vero protagonista della stagione. Toosh consiglia di indossare tonalità pastello (beige, rosa, celeste, giallo pallido, acquamarina, lilla o arancione chiaro) in caso di eventi diurni e palette più vivaci e autunnali (rosso, bordeaux, marrone, verde, petrolio e blu) nelle cerimonie serali. Per quanto riguarda la lunghezza dei vestiti, sono perfetti gli abiti midi o longuette per eventi che iniziano alla mattina e lunghi “a sirena” e nella forma di eleganti jumpsuit per quelli dal crepuscolo in poi. In merito agli accessori, poi, sono consigliate le pochette e, come scarpe, sono ideali i tacchi a décolleté, le Mary Jane o anche i sandali chiusi sul davanti con tacco. Le stole, infine, saranno l’accessorio protagonista da indossare ad un matrimonio autunnale: non solo daranno un vero tocco di raffinatezza ed eleganza all’intera figura, ma saranno anche estremamente pratiche da portare con voi e da indossare all’occorrenza. Molto indicate per valorizzare un look da cerimonia nella stagione autunnale, le stole di Toosh, in particolare, si distinguono per la qualità e la pregevolezza dei materiali, così come per la loro raffinata lavorazione e l’estrema leggerezza dei tessuti. Adatte ad conferire personalità all’abito, proteggere dagli sbalzi di temperatura e coprire con eleganza una scollatura un po’ più ampia, le stole di Toosh possono essere abbinate in molti modi e diverse varianti di accostamenti. Vediamoli di seguito: - Stole dal colore neutro, come la stola in cashmere voile ultralight panna: ideali per essere abbinate a qualsiasi tipo di outfit, avvolgono il corpo in una nuvola di puro e morbido cashmere. - Look ton sur ton: nel caso di outfit monocolore, per eventi in giornata Toosh consiglia tonalità pastello come il rosa; in questo caso è perfetta la stola in cashmere voile ultralight rosa, da abbinare ad un abito nella stessa nuance. Per gli eventi serali, invece, in cui sono adatti colori autunnali più vivaci e forti, si consiglia la stola in cashmere voile ultralight ottanio o la stola in cashmere voile ultralight bordeaux da indossare su vestiti nella stessa colorazione. - Per gli amanti degli accostamenti più decisi e originali, ci vuole un look dai colori complementari, come quello composto dalla stola in cashmere voile ultralight arancio fluo da abbinare con un abito nelle tonalità del blu. - Coordinare le nuance autunnali della fantasia/disegno dell’abito con quelle della stola, poi, è un tocco di classe da non sottovalutare. Se per esempio si indossa un vestito che presenta una fantasia in color verde smeraldo, si può abbinare una stola nella stessa colorazione, come la stola in cashmere voile ultralight verde smeraldo. - Un’opzione meno conosciuta ma di grande effetto è la scelta della stola degradé in due colori, perfetta per fare da elemento di unione in un outfit composto da diverse colorazioni. Per esempio, la stola in cashmere voile ultralight sfumato marrone e arancio è l’alternativa perfetta quando si indossa un vestito arancio abbinato ad accessori marroni (e viceversa). Infine, per abbinamenti particolari e molto specifici, Toosh mette a disposizione un servizio di personalizzazione: è possibile comunicare il codice Pantone desiderato o recarsi in showroom portando il capo con sé e lo staff di Toosh provvederà a realizzare una stola completamente personalizzata nella tonalità e nella fantasia desiderata. Un’altra possibilità è inviare un campione del tessuto del vestito da abbinare senza doversi recare in negozio. Dovete partecipare ad un matrimonio in autunno e desiderate indossare un outfit così elegante e raffinato da lasciare tutti a bocca aperta? In questo caso non potete non pensare di portare indosso una stola in cashmere extrafine… Venite a scoprire in showroom la qualità delle stole in cashmere di Toosh oppure date un’occhiata allo shop online per trovare quello che fa al caso vostro!
  2. Kiepe Electric SpA, leader nella commercializzazione di soluzioni all’avanguardia per l’industria, include nella propria offerta detergenti enzimatici di qualità per migliorare il processo di lavaggio a ultrasuoni. Milano, settembre 2022 – Il lavaggio a ultrasuoni è un processo adottato con successo in diversi ambiti industriali, dal settore medico-farmaceutico a quello dell’automotive e dell’aeronautica, passando per quello della lavorazione dei metalli. Si tratta di un metodo di pulizia molto innovativo, che prevede l’utilizzo di onde sonore a una frequenza superiore ai 18 kHz, non percepibile dall’orecchio umano. I componenti da sottoporre al processo di pulizia vengono posizionati in una vasca contenente un detergente specifico e un generatore a ultrasuoni trasmette le onde sonore attraverso appositi trasduttori collocati sul fondo o sulle pareti della vasca. Il lavaggio a ultrasuoni offre diversi vantaggi, tra cui il principale riguarda la combinazione tra l’efficacia di pulizia e la conservazione dell’integrità dei componenti. In altri termini, con la pulizia a ultrasuoni si lavano strumenti e pezzi meccanici in modo meticoloso e senza danneggiare in alcun modo i prodotti. Il processo di lavaggio a ultrasuoni può essere ottimizzato grazie alla biotecnologia e, in particolare, tramite l’utilizzo di detergenti industriali enzimatici (come alternativa ai prodotti chimici tradizionali), come quelli proposti da Kiepe Electric SpA, azienda punto di riferimento per la selezione, personalizzazione e distribuzione di componenti e soluzioni per l’industria. Sono diversi i vantaggi legati all’utilizzo di detergenti enzimatici industriali nel processo di lavaggio ad ultrasuoni, vediamo i principali: risparmio energetico: questi prodotti consentono di procedere con il lavaggio ad una temperatura più ridotta (30°/40° al posto degli 80° dei prodotti chimici tradizionali); minore scarto di pezzi meccanici non conformi: spesso in campo industriale i prodotti vengono scartati al controllo qualità a causa di una pulizia non accurata. Questi detergenti, invece, permettono un lavaggio molto accurato ed efficiente; assenza di vapori nocivi: le temperature più basse consentono di evitare la produzione di vapori nocivi, tipica delle procedure di lavaggio ad alta temperatura; minori costi di gestione; ciclo di lavaggio più veloce: questi prodotti agiscono immediatamente separando e degradando gli oli presenti sui pezzi meccanici, consentendo di risparmiare sia tempo che energia elettrica; minore quantità di prodotto necessaria: i detergenti enzimatici industriali richiedono una concentrazione minore di prodotto (2% detergente e 98% acqua) rispetto ai prodotti chimici tradizionali; ciclo di vita del bagno di lavaggio prolungato: questi prodotti permettono ai residui di sporco e grasso di salire sulla superficie dell’acqua e non mescolarsi ad essa, portando - oltre ad un’estensione del ciclo del bagno di lavaggio - anche ad una migliore gestione di residui e rifiuti speciali. Nello specifico, il detergente sgrassante anticorrosivo enzimatico ECODD4107 di Kiepe Electric SpA è un prodotto di alta qualità a base alcalina che permette di rimuovere efficacemente anche il grasso e lo sporco più ostinati, come quelli derivanti dalle lavorazioni meccaniche. Il detergente si può impiegare all’interno delle vasche a lavaggio a ultrasuoni e svolge una funzione protettiva contro la corrosione con azione schiumogena controllata, particolarmente indicata nell’ambito dei processi automatici per la lavorazione dei metalli. Efficace anche con temperature fino a 80°C, il detergente sgrassante anticorrosivo enzimatico ECODD4107 si può utilizzare con successo anche nel comparto della stampa, dal momento che, grazie alla sua azione sgrassante, permette di eliminare con facilità le tinte all’acqua specifiche del settore tipografico. Il prodotto, inoltre, è privo di solventi e siliconi e non altera né i materiali plastici né le vernici.
  3. Tra vestiti, mobili e oggetti vari, sono davvero numerosi gli scatoloni da trasportare durante un trasloco. Ci vuole pazienza, ma con le dovute accortezze, tutto è possibile. E le piante? Com’è necessario organizzarsi per spostarle da un edificio all’altro? Basterà seguire i consigli degli esperti de La Margherita, nota azienda di sgomberi e traslochi nel milanese, per andare sul sicuro! Milano, settembre 2022 – Di solito, uno degli stati d’animo più frequenti durante un trasloco, oltre allo stress e alla stanchezza, è la preoccupazione di non riuscire a trasferire tutto per tempo nella nuova abitazione. A questo si aggiunge il timore di rompere per sbaglio gli oggetti più fragili o di non organizzare bene gli scatoloni (finendo per perdere qualche oggetto che ci è a cuore), ma, soprattutto, il pensiero di non avere un mezzo di trasporto adeguato a trasportare tutto. E tra i vari complementi d’arredo, mobili e oggetti da spostare, bisogna pensare anche alle piante. Se ve lo state chiedendo, non è assolutamente impossibile trasportarle senza farle morire o danneggiarle: sarà solo necessario seguire i suggerimenti de La Margherita, la ditta di sgomberi e traslochi più rapida ed efficiente sul territorio lombardo. Vediamoli di seguito: - annotate le piante che avete in casa su un foglio per organizzarvi meglio nel trasporto. Se, infatti, inizierete a preparare tutte le vostre piante qualche tempo prima del trasloco, raggruppandole per stanza, sarà più semplice pianificare i vari spostamenti, che potrete iniziare a fare (se ne avete la possibilità) già qualche settimana prima del trasloco; - affidatevi ad un’azienda specializzata in traslochi. Le ditte che si occupano di sgomberi e traslochi, come La Margherita, sapranno sicuramente fornirvi un aiuto concreto nel trasportare le vostre piante da una casa all’altra, prestando particolare attenzione al loro imballaggio. È buona cosa, infatti, in vista del trasporto delle proprie piante, munirsi di fogli di giornale o pluriball da inserire negli scatoloni o nei vasi in cui si trovano le piante, per dare loro un’adeguata protezione; - innaffiate abbondantemente le vostre piante prima del trasloco. Tenete conto, però, bagnando la terra, che i vasi peseranno naturalmente di più; - segnate sugli scatoloni i nomi delle piante contenute al loro interno, con la scritta “FRAGILE”. In questo modo, aiuterete il team della ditta di traslochi che avete scelto a trattarle con un occhio di riguardo durante i vari spostamenti. dopo il trasloco, date alle piante il tempo giusto per ambientarsi. Nelle prime settimane dopo il trasloco, è importante tenere monitorato lo stato di salute delle vostre piante, per verificare che si siano ambientate in modo corretto. Fonte: www.milanosgomberi.it/trasloco-e-piante-come-organizzarsi/

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963