babbea91

  • Numero messaggi

    2
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

0 Calma piatta

Su babbea91

  • Rank
    Utente nuovo
  • Compleanno
  1. Ciao a tutti, è la prima volta che scrivo in questo forum Ho 28 anni, mi trovo ora lontana dalla mia città d'origine per una borsa di studio. Cerco di tenere allenato il mio inglese, ne ho necessità per lavoro, quindi frequento i cosiddetti incontri di "conversation exchange". Il mese scorso ho conosciuto un madrelingua molto interessante, una di quelle persone con cui si possono parlare le ore di film, libri e attualità; siamo usciti circa 5 volte alternando l'italiano all'inglese, stava nascendo una bella amicizia e mi sono chiesta anche se ci fosse quell'interesse in più. Tuttavia non conoscendolo bene, e con la prospettiva che tra poche settimane tornerò a casa, ho deciso che sarebbe stata solo una bella simpatia. Premetto: non ho dato a lui alcun segnale, se non quello di una persona che ha piacere a parlare con l'altro che le sta di fronte. Ieri mi ha regalato una penna usb con alcuni film e un portachiavi molto carino, sulla penna aveva però dimenticato di inserire un film che a me sarebbe piaciuto, quindi siamo passati a casa sua per fare questo. Io nella totale ingenuità e fiducia a questa persona sono salita (erano circa le 20). Datemi della scema, avete completamente ragione, mi sembrava così "pulito" da non poter nemmeno immaginare il resto...al momento di andare lo vedo avanzare verso di me, ovviamente voleva qualcosa di più. Contesto orribile, tempismo orrendo, scena squallida. Mi sono bloccata, alla sua domanda "cosa stai cercando?" mi si è gelato il sangue...l'idea che mi ero fatta di questo ragazzo era totalmente sbagliata. Nel disagio ho tentato di dire che non cerco nulla che sia superficiale...lui mi ha risposto "nemmeno io, ma la brevità non intacca la qualità"(...). Pensate che ho dovuto aprire io la porta, non voleva che andassi via, ero di ghiaccio. Detto ciò è prima passato all'attacco giudicandomi vecchia e triste perchè non colgo l'attimo, poi mi ha chiesto scusa e dopo mi ha scritto di aver frainteso tutto. Dopo questa non lo sentirò più, mi ha deluso come persona. Allora vi chiedo una cosa...la purezza d'animo, la gentilezza in certo senso, è una cosa così sconosciuta? Fatico a conoscere ragazzi puliti, di principi, con i giusti modi, e vi assicuro sono un tipo freddino e controllato, eppure mi imbatto costantemente in ragazzi che usano belle parole ma si rivelano superficiali e vuoti (l'ultimo a settembre, un approccio squallido alla prima uscita). Certe volte mi sento veramente all'antica, fuori posto, fuori tempo e totalmente inadeguata, eppure vedo che le persone intorno a me riescono ad avere relazioni di qualità. Mi piacerebbe conoscere le vostre esperienze e cosa ne pensate