rivaviva

  • Numero messaggi

    263
  • Registrato

  • Ultima Visita

Messaggi pubblicate da rivaviva


  1. La Leotta ha voluto sdrammatizzare le polemiche sulle donne del Festival belle e decorative... facendo un dialogo... si fa per dire... con la nonna, seduta in prima fila, la quale è rimasta impassibile, forse l'emozione... ma insomma, a me è sembrata una scenetta piuttosto squallida, dove Diletta si definisce bellissima e poi...
    Le battute e i meme sui Social hanno imperversato... «Era meglio se andavo a fare il trono over di Maria», una delle frasi cult. E ancora: «Il monologo della Leotta non ce lo meritavamo, e su nonna mi pare della stessa opinione». «Diletta bella de nonna me s'è scaricato l'amplifon!»
    Ecco il testo:

    "Sono bellissima, ma sapete una cosa, la bellezza capita. Quando accade è un vantaggio, anche perché sennò col cavolo che sarei qui, vero? Potete dire di sì, tanto so cosa state pensando. Per esempio, lei, nell'angolo, io lo so che sta pensando "che bon a sta Leotta". Ma sarei ipocrita se vi dicessi che il mio aspetto è solo un fatto secondario. Mi viene in mente che mia nonna Elena me lo diceva sempre: la bellezza è un peso che con il tempo ti può far inciampare se non la sai portare. E mia nonna era bellissima da giovane ed è ancora pazzesca a 85 anni. Non mi credete? Ditelo voi se non ho ragione. In tutto questo tuo lunghissimo tempo tu sei riuscita a riempire tasche di mille storie da raccontare e hai lasciato dietro di te la bellezza che faceva girare la testa a ogni uomo. Noi a volte facciamo di tutto per evitarlo ma questa sera tutti quanti dovete fare un esperimento per capire che effetto farà questo tempo su di me, volete vedere come diventerò nel 2076? (ride, ndr) Lei mi ha insegnato a non essere semplicemente bella semmai diversamente bella, l'importanza di studiare e trovare un lavoro e trovare pure l’amore, quello giusto di spera. Com’era giusto per te nonno Salvo, che amore bello è stato il vostro. Crescendo bisogna imparare che ogni giorno che viviamo è un regalo e a guardarmi con tutto quel tempo addosso una cosa l’ho capita: io non ho paura. Voglio dirti grazie nonna. E ora riportatemi all'immagine di come sono oggi, che se fossi in quel modo, col cavolo che sarei qui."

    Risultato immagini per leotta nonna"
     

     

    1 persona mi piace questo

  2. Marco Travaglio direttore del Fatto Quotidiano, dalle pagine del suo giornale, tornando a parlare della abolizione della prescrizione, ha scritto: «Non c’è nulla di scandaloso se un presunto innocente è in carcere».
    Proprio in Italia dove ben 27mila sono le persone finite in carcere da innocenti dal 1992 al dicembre 2018. In media fanno circa mille persone l’anno. Sbagli e abbagli che lo Stato ha pagato caro sborsando a titolo di risarcimento o indennizzo per errori giudiziari o ingiusta detenzione 750 milioni di euro, cioè in media 29 milioni l’anno. Sono dati e cifre rilevati da Errorigiudiziari.com, il primo archivio su errori giudiziari e ingiusta detenzione, fondato da Valentino Maimone e Benedetto Lattanzi. Sono proprio loro a puntualizzare che il 2018 con il numero più alto di risarcimenti: 913 innocenti per circa 48 milioni di euro. Questo è il destino toccato anche ad Enzo Tortora che, da innocente, passò un lungo calvario giudiziario per le accuse infondate di alcuni pentiti. Una frase, quella scritta da Travaglio, che ha spinto la figlia Gaia Tortora, giornalista a replicare duramente su Twitter. La Tortora ha scritto: "non c è nulla di scandaloso se un presunto innocente è in carcere" finora ho sopportato e sono stata una signora. Ora basta. Travaglio..Mavaffanculo.
    Io sto con Gaia e voi? 

    Risultati immagini per gaia tortora travaglio

    https://www.ilgazzettino.it/italia/politica/gaia_tortora_vaffa_marco_travaglio_giustizia_polemica-5009010.html

    2 persone è piaciuto questo

  3. Silvio Berlusconi è in Calabria per la candidata del centrodestra, Jole Santelli, in vista delle Regionali. Questa mattina, a Tropea, ha presentato dal palco la deputata cosentina di Forza Italia con una delle consuete battute a sfondo sessuale: “Alla mia sinistra c’è una signora, Jole Santelli. La conosco da 26 anni, non me l’ha mai data”. Ma come si fa? Possibile che non capisca quanto sia offensiva per la candidata una presentazione di questo genere? Se guardate il video ridono tutti, anche lei... che ne pensate?

    Risultati immagini per berluscono santelli

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2020/01/23/tropea-berlusconi-dal-palco-conosco-jole-santelli-da-26-anni-non-me-lha-mai-data/5682967/


  4. Il grande Anastasi è stato vittima dalla Sla (malattia degenerativa che attacca il sistema nervoso) recentemente sono morti della stessa malattia Giovanni Bertini (ex Roma e Fiorentina) e Marco Sguaitzer.

    Che ci sia una correlazione fra questa malattia terribile e il gioco del calcio è ormai stabilito: Dal 1941 a ogg i sono 41 i morti a causa della “sclerosi laterale amiotrofica“ (33 dagli anni ’60):  tra questi Gianluca Signorini (2002) e Stefano Borgonovo (2013). Il rischio per i calciatori è doppio rispetto a chi non gioca a calcio.

    La ricerca la ha fatta il Mario Negr i di MIlano su 25.000 profili di ex calciatori in attività fra il 1959 e il 2000 e si è visto che se l’incidenza media della malattia è di 1,7 casi ogni centomila abitanti, tra i calciatori italiani arriverebbe fino a 3,2 (sempre su un campione di centomila unità).

    Quindi non solo i calciatori convivono con un rischio più alto di ammalarsi, il vero problema è l’assenza di cure efficaci. Anche perché le cause vere e proprie della malattia pare impossibile determinarle. Per ora solo ipotesi che vanno da ripetuti eventi traumatici (in particolar modo i colpi di testa) all’esercizio fisico intenso, fino all’uso (e abus o) di sostanze farmacologiche (quali micoren, cortex e antinfiammatori vari) e addirittura i diserbanti e i pesticidi usati nel trattamento dell’erba del campo. 

    Insomma quello che si sa è che di SLA si muore fra atroci sofferenze ma ancora non si sono trovate cure efficaci e non si sa perchè colpisce di più i calciatori

    https://www.ilgiorno.it/cronaca/sla-calciatori-1.4987559

    Pietro R.i.p.

    Immagine correlata
     


  5. «È mia moglie il vero miracolo». La vita che nasce è sorprendente. William Trice Battle ha assistito sua moglie Lauren in sala parto (e prima durante tutto il travaglio) per la nascita del loro primo figlio.

    William ha raccontato: «Volevo essere per Lauren la roccia nel momento più difficile della sua vita. Non sapevo che in realtà sarebbe finito per essere uno dei più spaventosi per me. Onestamente non so come lei ci sia riuscita», ha scritto commosso. «Il dolore era così intenso e travolgente che anche io l’ho provato. Tutti nella stanza l’hanno provato. La sua lotta sembrava insopportabile. Mi sono trovato a stringere i denti quando lei lo faceva, a contrarre il mio corpo quando le contrazioni arrivavano, a piangere insieme a lei. Tutto pur essendo consapevole che io ero solo uno spettatore, che mai avrei davvero compreso il dolore che lei stava vivendo. I bambini sono dei miracoli assoluti. Mio figlio lo è. Tuttavia, per me, il miracolo più grande è mia moglie, che mi ha mostrato cosa sia il vero sacrificio di se stessi. Cosa sia davvero l’amore. Mia moglie è il vero miracolo».
    Tuo marito è stato con te? Ha condiviso travaglio e parto? Sei stata contenta o avresti preferito che non ci fosse?

    L'immagine può contenere: 1 persona, persona seduta, sta mangiando, tabella e spazio al chiuso

    https://www.vanityfair.it/news/storie-news/2019/12/14/padre-parto-foto-virale-racconta-storia-social-post-virale


  6. Una constatazione da brividi, quella del rapporto Cnel 2019: “Secondo le statistiche dell’Istat si registra ad esempio che tra Milano e Napoli sussiste una differenza di quasi tre anni in termini di speranza di vita, mentre se consideriamo le fasce sociali più povere del Sud e quelle più ricche del nord la differenza arriva a dieci anni”.

    Nel 2016 in Italia i decessi per tumori e malattie del sistema circolatorio sono rispettivamente 25,3 e 29,6 ogni diecimila abitanti.

    Nel Mezzogiorno la mortalità per tumori si conferma inferiore alla media nazionale mentre è più elevata quella per malattie del sistema circolatorio, dovute principalmente da cattive abitudini quali fumo, alcool e obesità.
    Nel Centro-nord è più alta la quota di consumatori di alcol, nel Mezzogiorno quella di persone obese, nel Nord-ovest la percentuale di fumatori.  Il rapporto parla di "disparità che si registrano nell’offerta di servizi e nei risultati di salute raggiunti a livello territoriale e sociale". 

    La spesa sanitaria pubblica pro capite pari in media a 1.838 euro annui, è molto più elevata al Nord rispetto al Sud: si va dai 2.255 euro a Bolzano ai 1.725 euro in Calabria, con una forbice di 530 euro pro capite.

    il prof. Spera, geriatra ed endocrinologo, afferma che i fattori che incidono sulla mortalità sono l'ambiente inteso come wellness ambientale (la possibilità di vivere in maniera più o meno sana), la sanità, l'inquinamento e il tipo di alimentazione, sia dal punto di vista qualitativo sia quantitativo: "E' da sottolineare che la maggior quantità di cibo coincide sempre con la peggior qualità degli alimenti. Questo a causa di un semplice meccanismo economico: chi ha problemi relazionali tende a mangiare di più ma al contempo cerca di contenere le spese acquistando cibo-spazzatura, molto più economico di quello sano".

    Rilevante per l'aspettativa di vita è anche la presenza in loco di adeguate strutture sanitarie:  "I casi di decessi al Sud sono molto superiori a quelli delle regioni centro-settentrionali. Basta guardare le statistiche di sopravvivenza post-operatoria o l'accesso ai farmaci salva vita o ancora la gestione delle malattie croniche in età avanzata per vedere numeri nettamente divergenti tra Nord e Sud".

    Noi siamo quello che mangiamo, ma non solo, possiamo vivere più o meno a seconda di quello che mangiamo che ne pensi?
    Risultati immagini per donna meridionale mangia

     

    https://www.interris.it/sociale/chi-nasce-al-sud-vive-10-anni-di-meno


  7. Charlotte Broad, mamma Inglese di due bimbe di 6 e 11 anni è morta il 18 gennaio dello scorso anno per malnutrizione e stando a quanto riferito dal medico legale,  ha vissuto per anni nutrendosi solo di patatine alle cipolle e cracker al papavero o ai gamberi, come quelli che si servono alle feste per bambini, e bevendo solo bibite gassate. Anche durante le due gravidanze ha mangiato queste schifezze. I suoi medici hanno fatto di tutto per convincerla a cambiare dieta, le avevano anche detto che sarebbe morta se avesse continuato a mangiare solo snack, ma non c'è stato nulla da fare. Il fratello ha detto che fin da piccola mangiava solo crocchette di pollo e patate fritte, mai verdure. "Charlotte è morta per malnutrizione causata dal rifiuto “intenzionale” di prendere abbastanza cibo, il che ha provocato il cedimento dei suoi organi. Era consapevole di quello che sarebbe potuto accadere, ma non voleva morire. Non si può costringere nessuno a mangiare".
    Un disturbo alimentare gravissimo che nessuno è riuscito a curare, dobbiamo educare i figli a nutrirsi correttamente, tu fai mangiare frutta e verdura ai tuoi anche se fanno storie?
    Risultati immagini per Charlotte Broad

     


  8. E' morto durante le riprese di un reality sportivo cinese, "Chase Me" e ha lasciato moltissimi fan in tutto il mondo sotto shock.
    Godfrey Gao, 35 anni, top model e attore taiwanese di origini canadesi, protagonista nel ruolo di Magnus Bane, affascinante e ambiguo stregone di Brookyln, nella popolare serie tv "Shadowhunter  Città di Ossa". è collassato a terra durante un gioco in cui doveva fuggire dai suoi inseguitori. Le sue ultime parole sono state: "Non riesco a continuare"

    Godfrey Gao era popolarissimo in Oriente come modello e per essere stato il primo asiatico a lavorare per Louis Vuitton.

    Povero ragazzo, Questi reality fanno spettacolo con prove spesso durissime per il fisico, non si può morire per un reality, vi pare?

    Risultati immagini per Godfrey Gao


  9. in occasione della giornata contro l'omofobia, Vladimir Luxuria aveva postato la foto di quando era giovane. E uomo. Nello scatto postato su Instagram si è mostrata quando era adolescente. E ha scritto così: “Mai dimenticare chi ero ieri. Per capire meglio chi sono oggi mai dimenticare i lividi delle botte sul viso e le ferite del dolore sul cuore per gli insulti e le porte sbattute in faccia: queste cicatrici sono medaglie alla resistenza di chi non si arrende e continua a credere nella principale libertà: essere se stessi"

    Molto coraggiosa, ancora oggi riceve offese in tv da persone come Sgarbi e Feltri, mezzi uomini che se la prendono con chi è più fragile. Secondo me ha fatto benissimo, che ne pensi?

    valdi5.png


  10. Si è scusato dopo che il suo post su fb dove minacciava di bocciatura i suoi studenti se fossero andati alla manifestazione delle sardine era diventato virale:  "Io sarò presente. Cari studenti, se becco qualcuno di voi, da martedì cambiate aria, nelle mie materie renderò la vostra vita un inferno, vedrete il 6 col binocolo e passerete la prossima estate sui libri. Di idioti in classe non ne voglio. Sardina avvisata". 
    La dirigenza dell'istituto, comunica "di aver già informato del fatto gli organi superiori dell'amministrazione scolastica per adottare le misure opportune. Si sottolinea l'estraneità della scuola dalle affermazioni del docente in questione",  ma Il post non era passato inosservato neanche al ministero dell'Istruzione. "A tutela dei diritti degli studenti e della stessa scuola ho attivato gli uffici del Miur per verificare i fatti e procedere con provvedimento immediato alla sospensione", ha scritto il ministro Fioramonti.
    Nel frattempo il docente si è scusato: "Ne approfitto per scusarmi pubblicamente con tutti gli studenti, genitori, colleghi e dirigenti che non era certo nelle mie intenzioni mettere in difficoltà attraverso il mio scritto. Chi mi ha conosciuto sa che non sarei mai e poi mai in grado di compiere azioni del genere" e ha chiuso la sua bacheca, ma lo stress dovuto al clamore per il suo post ha scatenato un malore,  il docente è stato soccorso dal 118 e trasportato per precauzione all'ospedale delle Apuane Noa di Massa (Massa Carrara) dove è stato sottoposto a degli accertamenti clinici. Massimo riserbo da parte della Azienda sanitaria locale.

    Che ne pensate? Quante volte i vostri figli vi hanno raccontato che i loro docenti hanno fatto politica in classe?

    http://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2019/11/23/prof-minaccia-su-fb-alunni-sardine_4788288c-a0d2-4a29-b55f-ff20f3afa867.html

    Risultati immagini per docente sardine
     


  11. Ma prepararsi prima di esibirsi non usa più? Lo show Una storia da cantare, bello negli intenti si sta rivelando un disastro, già alla prima puntata dedicata a De Andrè performance di basso livello e gaffe a non finire, dopo le tante critiche la seconda puntata avrebbe dovuto essere impeccabile e invece... la Zilli che non ha l'età della Vanoni, che se non legge il gobbo si impappina, ha dimenticato più volte le parole di Attenti al Lupo rovinando la canzone. Ecco alcune critiche:
    “Una storia da cantare. Nina Zilli penosa. Prepararsi prima di un omaggio al grande Lucio?”, ha scritto qualcuno su Twitter. “Nina Zilli ha ammazzato Attenti al lupo. Nei karaoke la fanno meglio”, ha ribadito qualcun altro. E poi ancora: “Dunque, la Nina ha sbagliato le parole, non ha saputo nemmeno leggere il gobbo e per ben due volte ha detto “su le mani” come il karaoke dei villaggi vacanze”. C’è poi chi ha messo a paragone la Zilli con Noemi, altra ospite della serata condotta da Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero: “Volevo dire a Nina Zilli che una canzone si studia come ha fatto Noemi, non come ha fatto lei” e ancora: “Come ammazzare in 2 minuti una canzone. Nina Zilli pessima. E manco si scusa”, insomma la Zilli è stata letteralmente travolta dalle critiche su Twitter per la sua esibizione. 
    Alla prossima puntata vediamo che riescono a fare... secondo voi?

    Qui il video

    https://www.gossipetv.com/nina-zilli-lucio-dalla-una-storia-da-cantare-449248

    Risultati immagini per nina zilli attenti al lupo

     

     


  12. Ha finto di ordinare una pizza a domicilio per salvarsi la vita. Così una donna di 40 anni, residente a Rimini, è riuscita a salvarsi  dall’ennesimo episodio di violenza da parte del marito. Al centralino dei carabinieri di Rimini qualche giorno fa è arrivata una strana richiesta: una donna con una voce tramante e ansimante chiedeva una pizza e ha comunicato l’indirizzo di casa. Esattamente come è successo nel 2014 negli Stati Uniti dove una ragazza fingendo di ordinare una pizza per calmare il compagno aveva allertato gli agenti del 911. Tempestivo l’intervento dei militari che, intuendo subito che non si trattava di un errore o di uno scherzo, si sono precipitati a casa della coppia: una volta nell’appartamento, messo a soqquadro, i militari, hanno fatto in tempo a fermare il marito, Manuel Bianchi, che ha tentato la fuga lanciandosi dalla finestra del quarto piano. L’uomo è stato afferrato dalle gambe. Durante la cattura, tuttavia, uno dei militari si è fratturato una costola.Ai carabinieri, la donna ha raccontato di essere vittima di violenza da tre anni, in passato l'uomo le aveva fratturato le gambe.

    Forse la donna aveva visto questo spot basato su una storia vera, è lo spot più bello e utile che sia mai stato fatto contro la violenza sulle donne: ci vogliono vittime, ma noi ci ribelliamo! Coraggio donne chiedete aiuto, non subite ne violenza fisica, ne quella psicologica che spesso è preludio di quella fisica, rispetto! Ci vuole sempre rispetto.
    Guardate il video, sentite la voce della donna e dell'operatore che a un certo punto capisce e la salva:

    https://www.deejay.it/articoli/lei-chiama-il-911-fingendo-di-ordinare-una-pizza-lo-spot-contro-la-violenza-sulle-donne-tratto-da-una-storia-vera-superbowl/

    violenza-3.jpg

    1 persona mi piace questo

  13. Con un quoziente intellettivo pari a 145, di gran lunga superiore alla media, Laurent Simons sta per diventare, a soli 9 anni, il più giovane laureato della storia. Il bimbo prodigio, di nazionalità belga, infatti a dicembre, in appena 9 mesi dall'iscrizione, conseguirà la laurea in ingegneria elettronica presso l'università di Eindhoven. Fino ad ora il primato spettava a Michael Kearney, che, nel 1994 si era laureato all’università dell’Alabama all’età di 10 anni. In un anno e mezzo il bambino ha completato il programma di studi per conseguire la maturità, ottenuta a 8 anni, è figlio di due medici. Come riporta il Telegraph, ora che Laurent sta per laurearsi su di lui si stanno concentrando le attenzioni dei più importanti atenei del mondo, da Oxford ai college americani. Al momento il piccolo geni o non ha ancora deciso cosa fare da grande: è indeciso tra il medico, in particolare il chirurgo, e l'astronauta.

    Certo è una bella fortuna per lui, ma un figlio così che brucia tutte le tappe che non ha una infanzia, che non è un bambino, che a 10 anni magari andrà negli Usa a studiare, non è figlio per i loro genitori, se ne perdono la crescita, l'educazione, gli errori, ne fanno regalo alla collettività, sperando che sia felice, lo spero anche io per lui, e che magari scelga di fare il medico potrebbe aiutare tante persone mettendo il suo genio a disposizione della medicina. Che ne pensi?

    Risultato immagini per laurent simons"

    https://circuitoscuola.it/1119/laurent-simons-a-9-anni-e-il-laureato-piu-giovane-della-storia/

     

    1 persona mi piace questo

  14. Iva Zanicchi dice senza mezzi termini alla trasmissione Un giorno da pecora : "Mio marito? Ha dieci anni meno di me, è un uomo sessualmente molto potente. Io sono sana e sono 'olimpionica': ne faccio una ogni quattro anni..." E come fa suo marito? Le chiedono: “Io lo spingo quasi a cercarle fuori, tanto non sono gelosa, visto che lui è giovane e forte. E come se io fossi una mamma, diciamo..."
    Lui si chiama Fausto Pinna e stanno insieme da 30 anni

    Ma... che ne pensate? Avendo accanto un compagno esigente, magari più giovane di voi, per togliervi l'incombenza lo spingereste nelle braccia di altre donne?
    Il rapporto materno... è la tomba del rapporto di coppia

    https://www.ilgazzettino.it/gossip/iva_zanicchi_sesso_marito_giovane_chi_e-4858212.html

    Risultato immagini per iva zanicchi fausto pinna"


  15. Scrive Repubblica: Nella stanza del magistrato che la interrogava, alla procura di Palermo, è scoppiata in lacrime: "La supplico, deve aiutarmi a chiedere scusa al presidente Mattarella. Ditemi come devo fare, mi butto in ginocchio". Eleonora Elvira Zanrosso, 68 anni, una distinta signora appena arrivata da Bologna con il suo avvocato, ha continuato a macinare parole: "Non dormo più la notte da quando mi sono resa conto di cosa ho fatto, non dovevo insultare in quel modo su Facebook il capo dello Stato". Il pubblico ministero Gery Ferrara le chiede: "Perché l'ha fatto?". Risposta, a verbale: "Era un periodo molto caldo, in cui gli animi erano surriscaldati da alcuni parlamentari dei Cinque Stelle di cui ero simpatizzante. Mi sono lasciata contagiare stupidamente da questi fatti. Io che sono madre, nonna, amante della pittura e degli animali".

    Era il maggio del 2018, il presidente Mattarella aveva respinto la nomina come ministro dell'Economia di Paolo Savona, la signora Zanrosso scriveva: "Ti hanno ammazzato il fratello, caz... non ti basta?". E così è finita indagata, insieme ad altri otto "odiatori" del web, per attentato alla libertà, offesa all'onore e al prestigio del presidente della Repubblica, ma anche per istigazione a delinquere.
    l'inchiesta è chiusa, i nove indagati vanno verso il processo, rischiano fino a 15 anni di carcere. Ma l'indagine coordinata dal procuratore aggiunto Marzia Sabella è tutt'altro che finita: ci sono altri trenta hater nel mirino della Digos, è già partita una richiesta d'informazion i alle autorità americane, per identificare i profili social che in questi mesi si sono distinti per offese pesanti al capo dello Stato. 

    Gli odiatori hanno dai 30 ai 74 anni, abitano da Nord a Sud. Ma, al momento, solo Eleonora Zanrosso ha avuto il coraggio di confessare e chiedere scusa. Nel suo interrogatorio ha ricordato che in quel periodo "c'era Grillo che gridava da una parte, Di Battista dall'altra. Dicevano: "Prepariamoci a scendere in piazza. Buttiamo giù tutto il governo". Era davvero un tam tam tremendo".

    Insomma il commento di questa signora di una certa età (68 anni) è stato un messaggio di odio ma anche minaccioso verso il capo dello stato, che lei cerca di giustificare con il clima di odio che ci circonda, secondo voi può essere una giustificazione?


    https://www.repubblica.it/cronaca/2019/11/10/news/zanrosso_nonna_hater_mattarella-240727396/

    Risultato immagini per hater Mattarella"


  16. Finalmente è arrivato il decreto, ma dare il tempo a genitori e nonni di comprarlo questo dispositivo salvavita dei bambini legati al seggiolino che purtroppo ogni tanto vengono dimenticati e fanno una tragica fine?
    Se ne parla da tempo, poi mettono l'obbligo dalla sera alla mattina, ieri sera colpo di scena: invece che il 6 marzo 2020, l’obbligo di seggiolini auto antiabbandono per bambini fino a quattro anni scatta già il 7 novembre. Lo ha deciso improvvisamente il ministero dell’Interno. Ora parte la corsa ad acquistare il dispositivo di allarme o un seggiolino che ne sia dotato. E si rischia di scegliere un prodotto non a norma. Chi non si adegua, invece, rischia non solo sanzioni: il peggio può accadere in caso di incidente.
    Ieri sera ho letto commenti di tante mamme che scrivevano: "Lo compro stanotte? Se ti trovano senza da questa mattina sono multe salate e  perdita di punti dalla patente, come porto mio figlio all'asilo?"
    Chi non si doterà di questi dispositivi incorrerà nelle violazioni previste dall'articolo 172 del Codice della Strada, con sanzione amministrativa da 81 a 326 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente. In caso d’incidente, soprattutto se con feriti, le compagnie assicurative potrebbero risarcire i danneggiati rivalendosi poi sul conducente. Il tutto per una violazione che nulla ha a che vedere con la capacità del seggiolino di proteggere dagli urti.

    Mi raccomando chiedete al venditore la dichiarazione di conformità, che è un’autocertificazione, di cui l’allegato B del Dm fornisce uno schema, non comprate il dispositivo se il venditore rifiuta di fornirla, andate da un altro.
     

    seggiolino2.jpg


  17. Sempre di più c’è chi decide di far tatuare i propri animali domestici. Il fenomeno sta aumentando parallelamente a quello dell’aumento della diffusione di tatuaggi tra le persone. in Italia questo aumento è particolarmente elevato: secondo una statistica, gli italiani sono i più tatuati al mondo, circa una persona su due. Non stupisce quindi che in un Paese così amante dei tatuaggi anche gli animali domestici vengano coinvolti.

    Secondo quanto riportato dal giornale L’Arena sono quasi 2 milioni i tatuaggi di immagini di animali, del nome del proprio animale o di zampe mentre sarebbero circa trentamila i gatti e i cani che vengono fatti tatuare dal proprio proprietario.

    L’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente ha sottolineato che, anche se ultimamente i tatuaggi vengono fatti con dei colori atossici (anche se non si può mai avere la certezza che tutti utilizzino prodotti appropriati) tatuare gli animali rimane comunque un gesto che crea dello stress all’animale, oltre a deturpare il suo aspetto naturale. 

    La gente ha perso il cervello? Questo non è amare gli animali ma considerarli dei giocattoli, degli oggetti, guardate che combinano povere bestioline

     

    canetatu.jpg


  18. Ci sono persone che non riescono a uscire dal clichè fisico del partner, lo scelgono sempre simile fisicamente, il rapporto di coppia dovrebbe essere soprattutto affinità di anime, ma spesso vediamo uomini con nuove compagne che sembrano le vecchie, uguali fisicamente e nel comportamento, sono delle sosia e lo stesso capita con donne che si innamorano sempre dello stesso tipo fisico, che noia! Che ne pensate?
    Guardate Pieraccioni per esempio, con la sua nuova fidanzata, davvero identica alla Ferrisi, si chiama Teresa Magni ed è fiorentina come lui, l'unica differenza è che non fa l'attrice
    Leonardo-Pieraccioni-fidanzata--630x350.jpg

    https://urbanpost.it/leonardo-pieraccioni-fidanzata-chi-e-teresa-magni-sosia-laura-torrisi/


  19. Nato il 29 ottobre 1950 a Crotone, è stata una delle voci più rappresentative fra i cantautori italiani, lasciandoci canzoni d’amore e di critica sociale.  Canzoni come Gianna, Ma il cielo è sempre più blu e Mio fratello è figlio unico fanno parte di tutti.
    Una delle canzoni più belle è  "A mano a mano", la canzone che descrive come un amore possa evolvere nel tempo. Ed è proprio per questa canzone che la Sony Music Legacy ha realizzato un nuovo videoclip, uscito quest’oggi proprio per l’anniversario del cantante calabrese, nell'ambito di un progetto  per valorizzare i brani storici di Rino Gaetano.

    Eccolo, gran bel lavoro di Andrea Labate . L’iniziativa è quella di ricreare i video dando una nuova veste alle canzoni del grande artista. Il video in questione è stato girato a Roma tra Piazza Sempione e Montesacro, luoghi molto frequentati e amati da Rino in vita. 
    Per volontà della regia di Andrea Labate, anche la Rino Gaetano Band, la band tributo del cantante di cui fa parte Alessandro Gaetano, il figlio della sorella del cantante, ha partecipato al progetto.
    Rino ci manca la tua intelligenza e ironia

    https://www.youtube.com/watch?time_continue=102&v=W6BnNa1J8gc

    Risultato immagini per rino gaetano a mano a mano"


  20. La sorella minore di Greta, Bea, segue le orme della madre, Malena Ernmann, che è diventata una nota cantante d’opera. Nel giugno scorso la ragazzina è stata protagonista di una trasmissione tv in prime time, esordendo con la canzone ‘Bara Du Vill’, ma Greta è molto preoccupata per lei e dice che la sorella sta soffrendo perchè è costantemente bersaglio di mobbing, cattiveria e molestie». L’appello in difesa della amata sorella Beata Ernman Thunberg arriva In una delle sue rare interviste, al quotidiano svedese Dagens Nyheter, fatta durante il lungo viaggio che sta compiendo assieme al padre e attore Svante in America per incontrare le comunità sioux da anni contrarie al progetto di un oleodotto. "Bea ha 13 anni e viene coperta di insulti. io mi difendo e viaggio sempre ma lei è vittima ogni giorno di soprusi"
    Insomma si può essere pro o contro la battaglia ambientalista di Greta ma assurdo prendersela con la sorellina, vi pare?

    Le sorelle Greta e Beata Thunberg, di 16 e 13 anni


     

     

     

     

     

    1 persona mi piace questo

  21. Come è possibile che una bimba di 5 anni sia già così brava e veloce a ping pong? I cinesi devono avere tecniche di formazione pazzesche, ore e ore fin da piccoli.  Si dice che questa bambina sarà una futura campionessa, ma con una educazione così non si perderà prima? In ogni caso vederla è uno spettacolo, quindi vi metto il video, giudicate voi, qui il video:
    https://video.lastampa.it/sport/li-yiyi-la-baby-prodigio-del-tennistavolo-a-cinque-anni-colpisce-gia-da-campionessa/105015/105031

    Risultati immagini per Li Yiyi

     


  22. Si chiama Carolina, è sorella di Andrea Facchinetti e sorellastra di Naike Rivelli, ben più famosa di lei, la madre è Ornella Muti e direi che le somiglia molto, è molto bella, ma decisamente diversa da Naike.  Carolina ha 35 anni è mamma di due bambini e fa l'attrice, nel 2014 per esempio era al fianco di Alessandro Gassman in “Razza bastard a”. Tempo fa è stata al centro di una polemica su Instagram perchè un pò ingrassata dopo la nascita del secondo figlio, come è normale che sia, ha risposto così: "Posso mettermi a dieta? Si…ma per quanto dimagrirò tornerò ad avere la faccia di una ragazzina di 20 anni senza figli, senza ansia e spensierata? No.. quindi mi dispiace deludervi.. ma non posso tornare così”. E fa bene, bella donna, intelligente e decisamente diversa dalla esibizionist a sorella, che ne pensi?
     

    la-figlia-di-Ornella-Muti-Carolina-1.png


  23. Papa Francesco ha autorizzato la beatificazione della bambina martire Benigna Cardoso da Silva, assassinata ad appena 13 anni per aver resistito agli assalti sessuali di un adolescente.
    Riconosciuta come “eroina della castità”, la bambina, nata il 15 ottobre 1928 a Santana do Cariri, nello Stato brasiliano del Ceará, è stata uccisa il 24 ottobre 1941 dopo essere stata abbordata da Raul Alves a pochi metri da casa sua mentre andava a prendere l’acqua. Il ragazzo l’ha colpita con un coltello perché lei aveva rifiutato con decisione di avere rapporti sessuali con lui.

    La devozione nei confronti di Benigna è aumentata nel corso degli anni. La Romaria da Menina Benigna (Pellegrinaggio della Bambina Benigna), che si svolge dal 2004 tra il 15 e il 24 ottobre, è entrata quest’anno a fare parte del calendario dello Stato del Ceará.

    Eroina della castità... ma secondo voi è meglio farsi uccidere piuttosto che subire una violenza sessuale? Che è comunque una violenza terribile, ma meglio restare vive no?

     

    Risultati immagini per Benigna Cardoso da Silva