rivaviva

  • Numero messaggi

    222
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da rivaviva

  1. Sfera Ebbasta, un nome che significa tragedia per i parenti di Asia Nasoni, Benedetta Vitali, Mattia Orlandi, i tre minorenni deceduti al notte dell’8 dicembre scorso, alla Lanterna Azzurra di Corinaldo, lì dove il rapper 27enne di Cinisello Balsamo avrebbe dovuto tenere un dj set mai iniziato. Ora gli stessi famigliari hanno scoperto che Sfera Ebbasta sarà uno dei giudici della prossima edizione di X Factor, in onda su Sky nel prossimo settembre. Una madre: "Dov'è la giustizia per Benedetta?" - Il padre di una vittima: "Le stelline di Sfera Ebbasta non ci rappresentano" E’ rimasto molto difficile, il rapporto, sempre mantenuto a distanza, tra il cantante e le famiglie delle vittime di Corinaldo. Francesco Vitali, è fratello di Benedetta, morta a 15 anni. Lui ha 20 anni, studia Scienze ambientali, ad Ancona. Francesco spiega le sue sensazioni dopo l’annuncio di Sky sul rapper. «Quando ascolto una sua canzone o lo vedo, mi isolo, se posso cambio, faccio di tutto per cercare di non sentirlo, mi ricorda che ho perso una sorella. Che andava al suo concerto, forse lui poteva informarsi un po’ meglio per capire dove quel concerto veniva tenuto...». Aggiunge Irene Ciani, legale che assiste la famiglia Vitali dopo la tragedia: «Resta il peso gravissimo di sei morti rispetto al quale lo staff e il cantante non si è più fatto sentire. Valuterà X Factor che peso dare a questa cosa. Sfera ci inviò una lettera ai famigliari, poi silenzio completo. Questa è la cosa più pesante. Anche da parte delle istituzioni. Corinaldo ha fatto una mega festa di paese a pochi mesi da questa tragedia». Insomma davvero molta insensibilità dopo questa tragedia, ma Sfera Ebbasta ha una qualche responsabilità? Secondo me no e voi che ne pensate? https://www.ilrestodelcarlino.it/fano/cronaca/x-factor-sfera-ebbasta-1.4625148
  2. L'ex fidanzato di Pamela Prati, Max Bertolani, racconta delle ‘finte nozze’ vissute con la soubrette. L’uomo è tornato con la mente al 1999 e ha ammesso: “Nel 1999 uscendo da un allenamento ho iniziato a ricevere tanti messaggi con auguri, felicitazioni e complimenti. Non capivo ma una volta arrivato a casa vedo sul letto una copertina: ‘Mi sono sposata’. Io ero senza parole e così le dissi ‘Ma cosa cavolo hai fatto?’, lei mi disse ‘Così almeno non ci fanno più domande’”. Bertolani ha raccontato che in quel giorno, prima di rientrare a casa e scoprire che la sua donna aveva rilasciato numerose dichiarazioni sulle loro nozze mai avvenute, non riusciva a capire i complimenti che le persone gli rivolgevano. Quando ha scoperto la verità, la sua reazione non è stata delle migliori, visto che lui crede fermamente nel matrimonio e non si sarebbe mai aspettato una simile bugia da Pamela. Nonostante tutto, Max pensò che sposarsi realmente fosse l’unica soluzione per rimediare alle dichiarazioni della Prati. Le dissi che aveva fatto una cosa gravissima e che a quel punto ci saremmo sposati perché per me il matrimonio è un valore davvero importante. Io volevo davvero sposarmi ed avere un figlio, ma ero solo io a volerlo a quanto pare. Poi tra noi finì tutto”. La relazione tra Max e Pamela è poi naufragata, facendo saltare le famose nozze. Ma allora è vizio! https://www.style24.it/pamela-prati-ex-fidanzato-nozze/
  3. La campagna si chiama KuToo, gioco di parole tra 'kutsu' (scarpe) e 'kutsuu', (dolore) ed è stata ideata dall’attrice e scrittrice Yumi Ishikawa. Per le attiviste, l’imposizione del tacco è la versione moderna della fasciatura dei piedi in uso nella Cina imperiale. "Abbiamo presentato al governo una petizione che chiede l'introduzione di una legge che vieti ai datori di lavoro di costringere le donne a indossare tacchi alti come forma discriminazione o molestia sessuale", afferma la scrittrice e attrice Yumi Ishikawa, ideatrice della campagna KuToo, gioco di parole tra 'kutsu' che significa scarpe in giapponese e 'kutsuu' che indica il dolore. Era stata lei stessa alcuni mesi fa a lanciare la campagna, postando un tweet dopo che era diventata virale una richiesta di portare tacchi alti per ottenere un posto di lavoro in un hotel. E a voi in Italia, hanno mai chiesto di portare i tacchi sul posto di lavoro? https://tg24.sky.it/mondo/2019/06/03/tacchi-alti-donne-giappone.html
  4. Quando si fa demagogia e basta, la Raggi vieta le auto diesel a Roma che inquinano molto meno dei mezzi pubblici, fra l'altro che ne farà dei bus diesel? Quasi 1.500 sui 2.000 circolanti a Roma. Solo 378 sono quelli alimentati a metano. Perfino i 150 bus annunciati recentemente e acquistati dalla sua Amministrazione sono tutti alimentati a gasolio, sia i 120 bus da 12 metri che i 30 da 18 metri, ma doveva farsi bella in Messico e ha vietato le auto diesel private http://roma.corriere.it/notizie/cronaca/18_febbraio_27/ambiente-raggi-stop-auto-diesel-centro-roma-2024-29691980-1bba-11e8-812e-cc191dd87fa8.shtml
  5. Le carcasse e gli escrementi di topo, oltre alle piume, erano all’interno dei grossi contenitori di stoccaggio di diverse varietà di risone. I carabinieri del Nas hanno sequestrato 668 tonnellate di prodotto, provenienti dalla raccolta del 2018 di quattro aziende agricole. Il valore della merce si aggira attorno ai circa 200 mila euro. E meno male che hanno controllato... che schifo! https://nuovaperiferia.it/cronaca/topi-morti-e-piume-di-uccelli-nei-silos-del-riso/
  6. Ettore Bassi, attore molto amato nel panorama italiano. è separato dalla moglie. "È stato un periodo molto doloroso", ha dichiarato l’attore. Dal matrimonio sono nate tre figlie, Olivia, Caterina e Amelia. Sull’ex moglie dell’attore non si sa molto, questo perché sono da sempre stati una coppia riservata che ci ha tenuto alla propria privac y. Sposati dal 2009, la separazione avvenuta ad agosto 2018 ha toccato molto l’attore. Ad aiutarlo a ritrovare la serenità, ci ha pensato una nuova compagna, della quale però non si sa ancora nulla. Ettore Bassi ha una grande fan, nella figlia Amelia. “E’ un universo di amore e di nuove scoperte. Per noi è una grande maestra di vita. E’ nata con la sindrome di Down, sorprendendoci tutti. Mi sono fatto tante domande, in quel periodo, ma una soprattutto: ‘Perché non sei arrivata prima?'”. Le sorelle sono un altro regalo: “Con lei sono meravigliose. E lei, con loro, è meravigliosa. Quello che arriva è sempre ‘qualcosa che serve a qualcosa’, per te. E sempre in senso positivo”. Meravigliosa dichiarazione d'amore per la sua bambina Down e le sorelline, che ha commosso tutti a Ballando con le stelle https://www.ilsussidiario.net/news/ettore-bassi-e-alessandra-tripoli-video-sto-alzando-lasticella-ballando-2019/1886367/
  7. Negli ultimi tempi Asia è stata spesso ospite dei vari salotti televisivi e, a quanto pare, la sua presenza sul piccolo schermo sarebbe motivata da esigenze di carattere economico, come lei stessa ha ammesso nel corso di un’intervista rilasciata a Rolling Stones: "Mi hanno pagato tanto, amico mio. Come potevo sopravvivere, come mamma single di due figli, che mantengo da sola, avendo perso il lavoro, perché l’ho perso, e senza prospettive, sola al mondo? La gente pensa solo al fatto che sono figlia di Dario Argento, ma mio padre è un regista e ha fatto film di genere. Io sono cresciuta nella stessa stanza da letto con le mie due sorelle, mio padre non mi ha mai aiutata. Sono andata a vivere da sola, a diciotto anni, e mi sono sempre mantenuta autonomamente. Non è facile. Quindi, se l’unico introito che potevo avere era andare in tv a raccontare i cazz* miei, non ho nessun orgoglio in questo. Per mantenere la mia famiglia ho fatto di tutto, in questi anni. L’importante è mantenere i miei figli. " Maledetta tv spazzatura... https://www.isaechia.it/2019/05/02/asia-argento-rolling-stones-televisione-figli-dario-argento/
  8. Se con Francesca Verdini ci siamo lasciati? No, e perché? Ne leggo tante sul mio conto, questa mi mancava... Siamo stati insieme ieri sera e staremo insieme stasera". Lo ha detto a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, il Ministro dell'Interno Matteo Salvini, a proposito delle indiscrezioni sulla fine della sua relazione con Francesca Verdini. https://www.repubblica.it/politica/2019/05/22/news/salvini_sto_ancora_con_francesca_verdini_la_vedro_anche_stasera-226920939/
  9. Il nome completo del primogenito di Meghan Markle e del principe Harry è Archie Harrison Windsor-Mountbatten. Secondo le prime notizie, il nome Archie è il diminutivo di Arcibaldo, nome di origine germanica che significa “libero e forte". Ma, i tabloid inglesi hanno legato motivi differenti alla scelta di questo nome. Secondo Il Sun Baby Sussex si chiama così in onore di Archie, il gatto che per tanti anni ha vissuto insieme a Meghan e a sua madre Doria, a dichiararlo un amico della Markle che ha raccontato: “Il gatto adorava l’uva, e Meghan gliene dava a chili ed è morto quando Meghan era all’università”. Il micio sarebbe morto proprio a causa di un’alimentazione scorretta e in particolare per indigestione dopo aver mangiato troppo uva congelata. “Meghan amava giocare con il gatto e parlava sempre di lui con i suoi amici. Non sorprende che abbia chiamato suo figlio Archie. Lei adorava quel gatto”, Si certo lo amava così tanto da fargli venire un coccolone dandogli uva congelata da mangiare, ma come si fa a dare a un figlio il nome del gatto! https://www.liberoquotidiano.it/news/esteri/13461430/meghan-markle-royal-baby-archie-gatto-morto-uva-congelata-regno-unito-regina-elisabetta.html
  10. La figlia si è rivolta al tribunale, la signora di 88 anni ha speso 100.000 euro in poco tempo per un ragazzo di 25 anni del quale si è innamorata, una prima perizia psichiatrica che la confermava capace di intendere e di volere, è stata manipolata da uno psichiatra oggi accusato di falso ideologico, intanto alla signora è stato assegnato un amministratore di sostegno, il processo è all'inizio. Sembra la storia di Harold and Maude, ve la ricordate al cinema? http://www.bolognatoday.it/cronaca/anziana-giovane-insieme-denaro-forli.html
  11. In effetti bastava guardarlo per capire che non era sicuro, ma come si fa nel 2019 a fare una cosa così insicura? Dei turisti si sono feriti e lo hanno chiuso Lo scivolo era stato montato dalla cittadina di Estepona, sulla Costa del Sol, e doveva servire ai turisti come modo divertente per passare facilmente da una strada a un’altra, posta a un livello inferiore. Era stato inaugurato giovedì 9 maggio ma il comune di Estepona l’ha chiuso al pubblico il giorno successivo, dopo che alcune persone hanno segnalato di essersi fatte male https://www.ilpost.it/2019/05/12/spagna-scivolo-38-metri-feriti/
  12. Asia Bibi. La cristiana pakistana accusata di blasfemia e poi assolta ha lasciato il suo Paese ed è "arrivata in Canada". Ad annunciarlo l'avvocato della donna, Saif ul Malook. Mancano ancora conferme da fonti ufficiali pakistane. La vicenda risale al 14 giugno 2009. Asia Naurin Bibi, madre di cinque figli, mentre si trovava a lavoro ha iniziato a discutere con alcune colleghe di fede musulmana. Quelle stesse donne l'hanno denunciata, pochi giorni dopo, sostenendo che durante il litigio avesse offeso il Profeta Maometto. La 53enne, contadina della provincia centrale del Punjab, è stata condannata per blasfemia nel 2010 e condannata a morte. Ha trascorso gli ultimi anni in prigione, fino alla sua assoluzione nel 2018. Il suo caso è diventato rapidamente noto in Pakistan, attirando l'attenzione mondiale sull'estremismo nel Paese, nel quale la blasfemia è considerato un reato da punire con la pena di morte. Bibi è tecnicamente libera di lasciare il Pakistan da gennaio. Da allora, si ritiene che la donna sia stata tenuta in custodia cautelare dalle autorità in attesa di un accordo di asilo in un Paese terzo. La misura è stata necessaria a causa delle minacce dell'islamismo estremista che insisteva a chiederne la messa a morte. Anni di prigione e di terrore per una falsa accusa, in realtà perseguitata perchè Cristiana in un paese mussulmano, pazzesco e intollerabile https://www.quotidiano.net/esteri/asia-bibi-canada-1.4579871
  13. Si stava lavando i denti insieme alla sorella maggiore nel bagno della casa dove vivevano in California, quando ad un certo punto le sue labbra sono iniziate a diventare blu. È quindi corsa fuori dal bagno dicendo alla mamma che aveva problemi a respirare, scoppiando a piangere mentre le sue labbra diventavano violacee. La piccola Denise Saldate è stata trasportata d'urgenza in ospedale dopo che la mamma ha chiamato un'ambulanza. La bimba di 11 anni purtroppo non ce l'ha fatta, è morta dopo due settimane in ospedale. La famiglia vuole utilizzare il proprio dolore per chiedere a tutti quanti di prestare maggiore attenzione a ciò che un prodotto contiene. Denise aveva una gravissima allergia verso i latticini e all'interno di quel dentifricio c'era proprio del latte. Vicenda incredibile, chi poteva pensare che ci fosse del latte nel dentifricio, mamme controllate tutto se avete figli allergici http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bambina-negli-stati-uniti-muore-essersi-lavata-i-denti-1681602.html
  14. Alba è una delle figlie di Vittorio Sgarbi e questa sera ha raggiunto il salotto di Live non è la d’Urso per presentarsi al grande pubblico. Capelli rossi e lunghi, fisico slanciato e aria da intellettuale, è nata due anni prima di sua sorella Evelina, con la quale sembra condividere l’affetto per quel padre apparentemente assente. “Io non c’ero mai, i figli sono delle madri”, spiega d’altra parte il critico d’arte, che tuttavia è riuscito a descrivere, in maniera dettagliata, il primo incontro con la donna che l’ha messa al mondo: “Sua madre è una cantante albanese bravissima che venne alla camera dei deputati, dove io sono non onorevolmente, secondo questa signora”, ha spiegato l’ospite di Barbara D’Urso. “Ha cantato – ha aggiunto poi Sgarbi – e le ho detto puoi venire a cantare da me? Cantando, cantando, è arrivata lei…”. “Io sono un padre accidentale – ha chiarito poi Sbarbi – sono un genitore, sono felice che siano così brave e così belle, ma io non ho alcun merito”. Alba Sgarbi è stata presentata dal padre Vittorio Sgarbi in modo *** solo da pochi anni. Il critico d’arte ha scelto infatti di rendere noto il loro legame solo grazie ad una lunga intervista su Chi, dopo aver menzionato diverse volte in precedenza di avere altre due figlie oltre il primogenito Carlo Brenner. Alba invece è l’ultima nata al critico ed ai suoi occhi “non poteva essere migliore“. Alba nasce dalla relazione precedente fra Sgarbi e Kozeta, una cantante lirica di origine albanese, che sceglierà di allevare la figlia nel proprio Paese. A differenza di Carlo, la ragazza infatti ha preferito non attaccare mai il genitore per la sua assenza ed a quanto pare i due hanno coltivato un rapporto stretto, nonostante le distanze. Inizialmente però Alba non è stata riconosciuta alla nascita da Sgarbi, dato che all’epoca dei fatti la madre aveva un marito. “Studentessa di elettronica a Tirana ed è molto religiosa“: l’ha definita così il critico con orgoglio, rivelando anche di essere anaffettivo. “Ogni tanto mi accarezza“, ha svelato in quell’occasione, ammettendo anche di non sentire lo stesso tipo di trasporto per la figlia" Come seminare figli senza prendersene la responsabilità https://www.ilsussidiario.net/news/cinema-televisione-e-media/2019/4/17/alba-sgarbi-figlia-di-vittorio-e-albanese-e-non-poteva-essere-migliore/1872664/
  15. Scoppia la polemica a Bologna per la presenza della canzone "Bella ciao" in una compilation per i bambini di un asilo nido. Il genitore di un bimbo ha scritto al Comune per comunicare le proprie perplessità, scatenando le proteste di Forza Italia. L'amministrazione avrebbe risposto che si tratta di un cd che le maestre fanno ascoltare dopo il pasto e che contiene "Papaveri e papere" e altre filastrocche, non ravvisando aspetti inopportuni. "Solo nella rossa Bologna può accadere che l'amministrazione comunale trovi normale e giustificabile che in un proprio nido si faccia ascoltare e cantare a bambini di poco più di due anni una canzone il cui testo, oltre ad avere chiari ed espliciti connotati politici, non si può ritenere adatto a bambini di quell'età", ha protestato il consigliere comunale Francesco Sassone. Veramente come si possa considerare filastrocca per bambini Bella Ciao mi sfugge proprio, che ne pensate? https://www.tgcom24.mediaset.it/cronaca/emilia-romagna/bologna-fanno-ascoltare-bella-ciao-all-asilo-nido-e-polemica_3200892-201902a.shtml
  16. Questa è davvero una brutta storia, se non altro per il rispetto che si deve al dolore atroce di una mamma e di un papà che hanno perso un figlio di 14 anni, ma Selvaggia Lucarelli non si è fermata e anzi li ha aggrediti quando si sono difesi dalle sue assurde e inopportune accuse. Igor Maj è morto per il Blackout Challenge. Mi sono arrabbiata con la Lucarelli»,spiega la madre di Igor Maj ai microfoni di Matteo Viviani de le Iene, che, commentando la vicenda, ha scritto un lungo post dove parlava di certezze granitiche del padre di Igor che pensava di andare a parlarne nelle scuole: «Dava del falso, del fasullo a mio marito, che diceva cose che non erano state controllate, ecc. Per la serie, “date allarmi senza senso laddove in realtà dovreste solo preoccuparvi del fatto che vostro figlio si è suicidato”». Ramon Maj spiega: «Volevo informare dell’esistenza di questo pericolo di cui noi non sapevamo niente». La madre spiega di averle mandato un messaggio privato lasciandole il numero, così per spiegarle le cose: «Un giorno, dopo tantissimo tempo, mi ha telefonato: è stata molto aggressiva, molto cattiva, mi ha detto che noi spacciavamo false notizie.E’ l’audience che probabilmente la muove: per muoversi così, l’unica cosa che le interessa è fare dell’audience». Il padre di Igor sta facendo molto bene ad informare ragazzi e genitori di questo gioco... di morte pericolosissimo, che gli adolescenti conoscono mentre i genitori no, il problema è che i ragazzini ne sottovalutano il rischio e muoiono, sta accadendo in Italia e in molti altri paesi, dove però si fa prevenzione anche nelle scuole, da noi non ne parla nessuno e la Lucarelli polemizza pure con la famiglia del ragazzo se ne parla... Qui il video: https://www.iene.mediaset.it/video/sfide-online-web-blackout-challenge-igor-morto_369899.shtml
  17. Prima uscita pubblica per Monica Bellucci (54 anni) in compagnia del fidanzato Nicolas Lefebvre (36 anni). La coppia, che è apparsa decisamente molto affiatata, per fare la prima apparizione in pubblico ha scelto la sfilata Chanel organizzata dalla casa di moda per rendere omaggio allo stilista Karl Lagerfeld, che è venuto a mancare lo scorso 19 febbraio. Sono bellissimi tutti e due ma la avete mai vista con una espressione diversa? Io no... https://www.105.net/news/tutto-news/258632/monica-bellucci-esce-allo-scoperto-con-il-nuovol-fidanzato.html
  18. Luca Casarini è il nuovo paladino dei migranti. L'ex leader dei No Global e oggi capo missione della Mar Jonio e sfida il ministro dell'Interno Matteo Salvini e l'intero governo. Peccato che l'ex leader dei No Global - come dimostra un filmato di qualche anno fa di Striscia la Notizia - durante una manifestazione usò parole ben diverse nei confronti dei migranti che oggi vuole salvare contro il "cattivo" Salvini. "Metti sti cazzo di migranti davanti", affermò Casarini ovviamente con il megafono spento, ma con le telecamere che registrarono tutto. Poco dopo la magia: Casarini prese in mano il microfono e disse: "I fratelli migranti qua davanti con i loro cartelli". Ahahahahahah buffone che cerca una candidatura alle prossime elezioni, in passato c'è riuscito benissimo... Sel, Altra Europa per Tsipras e, perfino, consigliere di Livia Turco al tempo del governo Prodi, che prova a farsi pubblicità per trovare qualche candidatura a Strasburgo". Qui il video: http://www.affaritaliani.it/cronache/luca-casarini-metti-sti-***-di-migranti-davanti-il-video-choc-594576.html
  19. Quanto ne sappiamo della galassia del mondo di estrema destra in Italia? Pochissimo se non per quei personaggi che sono assurti alla cronaca nera appunto... come loro... E' uscito un libro che la racconta, ne spiega le origini, quali sono gli obiettivi di questi movimenti che risorgono sempre dalle loro ceneri, è molto interessante, ve lo consiglio. Con il rigore dello studioso e didascalica chiarezza, Claudio Vercelli ne ricostruisce le molte fasi, indagando nel fitto sottobosco delle sigle e delle pubblicazioni, comprese le più sconosciute e semi-clandestine, a cominciare da Junio Valerio Borghese, il leggendario comandante della Decima flottiglia Mas, e il filosofo Julius Evola, i cui testi – ispirati a un forte spiritualismo – avranno un’importanza decisiva su un’intera generazione di “legionari” fino ad arrivare a Forza nuova e CasaPound che sono le due aggregazioni maggiori, entrambe caratterizzate da omofobia e antisemitismo, fortemente connessi a una visione ossessiva della difesa razziale. Ora l’estrema destra “riveste i panni di un nuovo plebeismo e ambisce a rappresentare il territorio sociale dell’esclusione”. http://littacontinua.blogspot.com/2019/01/neofascismi-di-claudio-vercelli.html
  20. Il Collegio Giudicante della Corte di Appello, ha scritto, parlando dell'imputato principale, che 'la ragazza neppure gli piaceva, tanto da averne registrato il numero di cellulare sul proprio telefonino con il nominativo 'Vikingo' con allusione a una personalità tutt'altro che femminile quanto piuttosto mascolina'. Poi la chiosa: 'Come la fotografia presente nel fascicolo processuale appare confermare'". Per fortuna la Cassazione ha annullato e detto che il processo è da rifare, resta lo sconcerto per una simile sentenza che assolve un imputato di stupro condannato in primo grado, con le analisi mediche che confermavano la violenza, perchè la ragazza è brutta, sentenza scritta fra l'altro da 3 donne magistrato. La povera ragazza di 22 anni ha subito una ulteriore violenza da questa sentenza http://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2019/03/10/stupro-sentenza-choc-associazioni-indignate-e-barbarie-_5340e8c1-479f-46d3-882a-dfad8ecb1a0f.html
  21. Donna Marella era figlia di una coppia che si era incontrata troppo giovane. Filippo Caracciolo di Melito, discendente di un nobile e antico casato napoletano, aveva solo vent’anni quando sposò l’americana Margaret Clarke, figlia di un magnate del whisky. Due ragazzi che affrontavano la vita in una “fragilissima imbarcazione”, come ricordò la stessa Marella, incapaci di costruirsi un futuro che poi Filippo troverà nella diplomazia. La sua grande famiglia era gremita di espatriati angloamericani e di esponenti della vecchia aristocrazia, lunghi e dinoccolati come nei ritratti di Modigliani, che passavano il tempo a farsi visita in ville sempre più decrepite sulle colline di Firenze, discutendo ogni volta per ore del nulla. Dopo la guerra, l’incontro con i figli di Edoardo Agnelli e di un’altra nobildonna con vibrante sangue americano nelle vene, Virginia Bourbon del Monte, svelò a Marella l’esistenza di un mondo diverso. Quei giovani vivevano una vita elettrizzante, che a lei sembrava invitante e persino allegramente amorale. Diventò molto amica delle ragazze: Maria Sole le regalò le prime scarpe sexy, rosse e con i tacchi, mentre Susanna cominciava già a pensare a come farle sposare Gianni, perché era convinta che il fratello non avrebbe potuto trovare una donna più adatta a lui. L’Avvocato non ricordava quando aveva incontrato Marella la prima volta: forse a Roma, con le sorelle, forse al Forte, in Versilia. Si frequentarono per otto anni, con alti e bassi, scappatelle di Gianni, burrasche e riconciliazioni. Si sposarono nel 1953, nella cappella del castello di Osthofen, fuori Strasburgo, lui ancora con le stampelle dopo l’incidente in auto in Costa Azzurra, lei magnifica nell’abito di Balenciaga, fotografati con discrezione da Robert Doisneau, quello del “Bacio davanti all’hotel De Ville”. Non si sa se Giovanni Agnelli abbia mai detto davvero che solo le cameriere si innamorano, ma avrebbe potuto sicuramente pensarlo. Nelle interviste ha ammesso di essere stato un marito devoto, ma non fedele. Diceva di avere conosciuto mariti fedeli che erano pessimi mariti, e mariti infedeli che erano ottimi mariti. A Enzo Biagi aveva spiegato qual era per lui il confine invalicabile: «Si può fare di tutto, ma la famiglia non la si può lasciare». Marella lo sapeva. Anche da questo forse è nato il suo distacco, il suo rifiuto della mondanità, il rinchiudersi in un mondo fatto di case e giardini, di cani, di tessuti e mobili, di quadri e fotografie, di ricordi e pensieri affidati a libri che ora andrebbero riletti, l’ultimo dei quali, “La signora Gocà”. Donna di grandissima classe ed eleganza https://nuovavenezia.gelocal.it/italia-mondo/cronaca/2019/02/23/news/chi-era-marella-agnelli-donna-dinamica-e-arguta-1.30035706
  22. Diventa padre alla veneranda età di 93 anni: è successo nell'ospedale Tatarella di Cerignola dove una donna marocchina di 42 anni ha dato alla luce un bambino che gode di ottima salute. Il neo bisnonno-nonno-papà, un uomo di Orta Nova, ha sposato la donna 4 anni fa in Marocco e ha riconosciuto il figlio. Presto la famigliola tornerà ad Orta Nova, dove già si parla di 'nascita miracolosa'. Io qualche dubbio lo avrei, ma lui ha dichiarato ai medici di aver avuto un rapporto con la moglie giusto 9 mesi fa https://www.lagazzettadelmezzogiorno.it/news/foggia/1111457/fiocco-azzurro-a-cerignola-diventa-papa-alla-veneranda-eta-di-93-anni.html
  23. Giuseppe Pustorino è morto a 39 anni di leucemia lo scorso 28 novembre a Bergamo. Medico, neurologo, originario di Reggio Calabria, ha lottato poco più di un anno contro la malattia che lo ha colpito all'improvviso. Ha sperato fino all'ultimo giorno in un donatore. Lo aveva anche trovato, compatibile all'80%, che è già una rarità. Ma il donatore, quel giorno, non si è presentato. Si sono completamente perse le tracce e Giuseppe è morto. A nulla è servito il gesto della sorella Maria Cristina che ha donato il suo di midollo, compatibile "solo" al 50%. Terribile porta che, quel giorno di speranza per lui, si è chiusa, e così Giuseppe è morto un pò prima, era un medico, sapeva bene che quella era la sua unica possibilità di sopravvivenza, crudele davvero non presentarsi all'appuntamento e sparire così https://www.leggo.it/italia/cronache/giuseppe_morto_leucemia_donatore_non_si_presenta-4305991.html
  24. "Chi si dimentica della sua cultura - ha detto Jorge Mario Bergoglio - ha proprio bisogno di una rastrellata in faccia"."E' terribile quando la consacrazione a Dio ci rende snob, ci fa salire di categoria sociale verso una che ci sembra più educata della nostra", ha detto ancora il Papa. "Ciascuno deve conservare la cultura da cui proviene, perché la santità che vuole raggiungere si deve basare su quella cultura, non su un'altra" https://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/papa-chi-dimentica-origini-merita-rastrellata-in-faccia-00001/