dune-buggi

  • Numero messaggi

    200
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

12 Potrei diventare famoso

Su dune-buggi

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno

Visite recenti

416 visite al profilo
  1. Simpatici, divertenti, forse verosimili i filmati di Maurizio Crozza e Andrea Zalone dedicati a Massimiliano Fuffas - Piacevole visione a voi. Ho appena terminato di visionarli, divertenti oggi come allora, se qualcuno ci trova riferimenti a fatti avvenuti qualche anno fa … non so cosa rispondere … a me piace la comicità libera e divertente - per raggiungerli basta scrivere - massimiliano fuffas - il resto viene da solo -
  2. Scusate, busso, posso entrare, anzi e meglio rimanga fuori. Questo sito è frequentato dagli “amici” che frequentano i “negozi al buio”, oppure dagli “amici” dei “martello falciati” e/o “falce martellati”. Attenzione, NON ho offeso alcuno e nessuno. Ho solo scritto … “amici”. Me ne vado, prendo l’ ascensore e torno al piano terra, … anzi scendo per le scale, passo dopo passo, scalino dopo scalino, … da solo mi sento più sicuro.- così scrisse “d/b” oggi lunedì sette gennaio.-
  3. Giusto e sacrosanto far pagare la tassa sulla pioggia, anzi sui tetti e sui pluviali progettati e costruiti da "des mentis" cioè senza cervello. I nostri nonni contadini, saggi e lungimiranti, facevano in modo che la pioggia caduta sui tetti di case, magazzini, attrezzerie ed altro, NON andasse convogliata nelle fognature. Bensì finiva in apposite vasche con fondo in ghiaia disperdente. In tal modo tornava al terreno ricaricando la falda di superficie. I professoroni della edilizia e della urbanistica moderna convogliando la pioggia (sia quella dei tetti delle abitazioni che delle caditoie stradali) lungo le fognature comunali ... tolgono la possibilità di recupero e reintegro aggravando nel contempo, notevolmente, il lavoro ed il carico ai depuratori fognari che si trovano a smaltire e scaricare nei fiumi un super lavoro compiuto male.-
  4. Ciao Etrusco da d/b – se vai su “ge n io” troverai diversi scritti miei e di “Nickname4800” proprio sulle assurde (veramente assurde) auto ad idrogeno. Se per fare cento chilometri con una vettura tradizionale a benzina ho un certo consumo ed un certo inquinamento, per compiere gli stessi cento chilometri con una vettura ad idrogeno ho un consumo di “petrolio equivalente” ed inquinamento associato assai maggiore. Senza considerare la notevole pericolosità associata ad avere un serbatoio di idrogeno viaggiante. Idrogeno uguale “elevato rischio esplosione”. Ciao a presto.
  5. Cortesemente …/… - quando scrivo o parlo è mia abitudine indicare – luogo, persone, data, riferimenti, ecc. – offro così una panoramica e poi i diretti interessati potranno andare a documentarsi a loro desiderio. Quando trovo “strane” scritte (azzurre o di altro colore) le ignoro in partenza. Le trovo dei “vuotamente vuoti” bla/bla/bla … Analogamente quando mi reco al ristorante e consulto il menu del giorno. Se trovo nomi strani chiedo di cosa si tratta prima di “aprire la scatola” per non ritrovarmi con il mal di gola e di stomaco. – quindi cortesemente … evitare le vostre scritte multicolori ed attenersi alla realtà. Grazie anticipate e rispetto reciproco – firmato d/b oggi lunedì ventiquattro dicembre -
  6. Caro babbo natale e cara befana, … ho già i capelli ed i baffi bianchi da alcuni anni. Desidero porre alcune domande tecniche. -- per Babbo Natale - la magica slitta come fa a passare dal freddo polare al caldo equatoriale. Dispone di riscaldamento e climatizzatore ad inverter per adeguarsi alle mutate condizioni di temperatura ed umidità.?. Le tue fedeli renne volanti quanti chilometri percorrono con un chilo di muschi e licheni.?. si alternano nel traino come fanno le anitre durante la migrazione, al fine di far riposare ed alternare la capo fila.?. -- per la Befana – lo scorso anno hai scambiato i doni e mi hai portato un sacco di carbone quando io avevo richiesto del pellet per la stufetta del salotto (scusa forse sono stato un poco cattivello ed allora il tuo scambio era stato avvertimento) … desideravo sapere se la tua scopa volante è come quella di mamma che colpisce alle spalle, anzi parecchio più giù, quando faccio il birbante.?. ogni quanti chilometri devi ricaricare le batterie e revisionare il motore.?. Mi dicono che rispetti l’ ambiente e la ecologia, quindi la tua scopa silenziosa sarà sicuramente elettrica. Carissimi tutti e due - vi aspetto con gioia la “notte delle stelle” e per questo anno (se ritenete abbia fatto il buono) portate, se potete, un sorriso ed un attimo di gioia a tutte le persone sole. Ciao e presto per tutti e due e grazie per i sogni che ci donate da molti anni. Firmato … d/b … lunedì ventiquattro dicembre -
  7. darwin

    Se non dici il nome del tuo ricercatore e/o scienziato e che cosa ha fatto neppure vado a vedere. Per mia abitudine NON vado a cliccare su scritte azzurre che non so da che parte mi portino. Per cortesia indica il nome e che cosa ha fatto la persona che desideri far conoscere. Ciao, buon lunedi ventiquattro dicembre da d/b.
  8. 68

    scuola e personale femminile - Se la scuola “dovrebbe” essere libera ed indipendente, per quale motivo “certe” insegnanti sostituiscono i canti natalizi con un pareggio di ore di “indottrinamento” sinistro, scusate desideravo dire di sinistra. E poi perché il novanta per cento del personale scolastico è femminile. Sia nel settore insegnanti, sia ausiliario, sia segreteria. La mia è solo una osservazione della realtà, le deduzioni le lascio a voi.
  9. Ciao Fosforo da d/b e grazie per la tua ampia risposta. Ho interrotto gli studi con la terza media un poco perché ero svogliato ed un poco perché in casa serviva una seconda busta. Ho intrapreso lavori diversi e più tardi mi sono iscritto ad un “c.f.p.” serale, ho frequentato solo il primo anno e poi ho smesso poiché lavorare e studiare era troppo impegnativo. Ora sono finalmente in pensione. Comunque le mie letture sono diverse e spaziano per i settori ambiente, natura, animali, bricolage, ed altro ancora. Nulla di specifico ed approfondito, ma una buona infarinatura di tutto e su tutto mi piace estenderla. Spesse volte leggo e scrivo anche su “ge n io” oltre che su “fo r um”. – a presto da d/b e buona serata.- (p.s. – scrivo in caratteri grandi poiché ho problemi di lettura e ti ringrazio per aver usato lo stesso metodo per la risposta. Con gli altri sono costretto a riversare i loro scritti e poi ingrandirli).-
  10. Ciao Fosforo da d/b – ci siamo sentiti per il passato su problemi tecnici ed ho osservato la tua esperienza. Per quanto riguarda il giornale “unità” come può essere “unito” quando i suoi scrittori sono “divisi”. I frequentatori dei “negozi al buio” (consultare il dizionario sinonimi e contrari per decriptare il significato di “negozi al buio”) sono i primi ad avere le idee confuse su di un certo “oro” sequestrato in provincia di Como vicino al lago omonimo. Cosa dire che negli ultimi quaranta anni hanno cambiato il portone di ingresso illuminandolo per bene, la targa con il nome, (anzi di targhe con nomi diversi ne hanno cambiate diverse), anche di simboli, bandiere, ed altro ancora ne hanno cambiati diversi. Purtroppo i personaggi che abitano “quel palazzo” sono rimasti i medesimi e cosi pure i … manovratori dei fili … dove ero rimasto … mi sono perso il filo … ecco lo ho ritrovato … le zone terremotate da loro amministrate sono ancora a terra, le zone gestite da Veneti e Friulani si risollevano subito più belle e più forti di prima. In chiusura – per quale motivo i sinistri della sinistra bloccano ed impediscono la “Autonomia di Noi Popolo Veneto”.- Cordiali saluti e buona domenica a voi.-
  11. Capodanno in tuta mimetica con sopra giubbetto rifrangente e radio in mano, per fortuna vi sono i volontari a vigilare sugli ubriachi notturni e mattutini.
  12. Come si traduce in italiano “negozi al buio” la traduzione la trovate sul dizionario dei sinonimi e contrari … dimenticavo … i sinistri della sinistra non ci sanno fare con i rebus e gli anagrammi … ma rinnovare il portone di ingresso dotandolo di una maxi illuminazione, cambiare simbolo, bandiera, divisa, cambiare i personaggi sul palco, ed altro ancora, ma lasciare invariato il “manovratore dei fili” … ci riuscite benissimo.
  13. Caro babbo natale, avevo scritto per tempo, era sabato primo dicembre, la notte misteriosa si avvicina, prometto che andrò a letto presto per attendere il tuo dono magico. Ma ci starà dentro la tua veloce slitta. Se proprio non riesci a recapitarlo per tempo, delega la simpatica vecchina con la scopa volante di poterlo realizzare. Buon viaggio sia a te e sia alla tua collega e socia in affari, la buona befana che lo scorso anno mi ha portato un sacco pieno di carbone … ma io in salotto ho la stufa a pellet. Oggi sabato ventidue dicembre.
  14. Ciao Diana da d/b – essendo avanti con gli anni, ho problemi di lettura. Quindi per cortesia SOLO libri brevi e con caratteri GRANDI, ancor meglio quelli a lettura facilitata prevista per noi anziani corti di vista. Una alternativa ai libri sono gli abbonamenti a riviste specifiche. Settore ambiente, natura, animali; bricolage e fai da te; viaggi e turismo; cultura generale; Se provi a cercare il mio nome su (ge n io) e/o su (fo r um) troverai i vari scritti di diversi anni. Ciao, a presto da d/b. – sabato ventidue dicembre.
  15. Avete dimenticato di dire che “quel coso …” (come diceva una celebre canzone che andava a prendere il latte) è un ( com uni sta ) ed è tipico farsi mantenere dal resto degli italiani che lavora e paga le tasse al posto suo. Basterebbe NON comperare i suoi assurdi dischi e rispedirlo al paese di origine in parapendio. (i deltaplani costano troppo e possono essere riciclati).