senzalenza

  • Numero messaggi

    226
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da senzalenza

  1. “Dopo i 40 anni non esiste più l’età: si vedono donne sessantenni che sembrano quarantenni. Il fatto che non ci sia più l’età come discriminante fa sì che quelle che hanno in mano la tua carta identità non sono felici. Dà loro fastidio che tu “ti voglia piacere”, che ti senta ancora bella, attraente e perché no, diciamolo, arrapante”, ha raccontato la Parietti durante una intervista. Concordo, ci sono oggi donne bellissime ed attraenti a 50 anni e anche a 60 La Parietti dice anche: "Io sono corteggiata sia dai 20enni, così come dai 90enni. Il paradosso è che non esiste più l’età biologica. Esiste un’affascinazione. Il gusto di volersi godere la vita in pieno non ha prezzo. Io non voglio un marito, voglio emozioni, voglio godermi i momenti. Perché se non sei schiava vivi in libertà”, è la sua conclusione. Donna libera che non vuole vivere la routine di una relazione stabile ma avere continue emozioni, forse alla sua età una donna separata o divorziata potrebbe volere la stessa cosa o cercare di nuovo una relazione di tipo "matrimoniale" . Tu che ne pensi?
  2. Il vaccino quest'anno conviene che lo facciamo tutti, non solo i soggetti a rischio perchè l’ondata influenzale dell’inverno 2019-20 si preannuncia molto aggressiva. Il primo caso italiano di influenza grave della stagione risale al 27 settembre ad Udine, dove un uomo sano di 50 anni che non rientra quindi tra le categorie a rischio a causa delle complicanze batteriche è stato ricoverato in ospedale, intubato e ha dovuto affrontare una degenza di 20 giorni. Matteo Bassetti, ordinario di Malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova e presidente della Sita dice: "Se questi sono i segnali, con una prima diagnosi già alla fine di settembre, e se si ripeterà lo scenario che ha interessato l’Australia e altre parti del mondo, andremo incontro a una stagione influenzale particolarmente aggressiva. Con circolazione di virus influenzali molto diversi: H3N2, come nel caso in questione, H1N1, virus B. A rischio sono sei milioni di italiani, questo caso suggerisce che la forma influenzale di quest’anno può colpire anche le persone sane, quindi la vaccinazione antinfluenzale deve essere universale. Perché non esiste categoria di soggetti risparmiata dalle potenziali complicanze dell’influenza”. Attualmente, però, meno di un italiano su 4 si protegge con la copertura vaccinale antinfluenzale. Io il vaccino lo faccio da anni anche se non rientro nelle categorie a rischio, mi risparmio tante brutte giornate e il rischio di finire in ospedale e voi? https://www.ilsole24ore.com/art/l-influenza-e-gia-arrivata-ed-e-piu-aggressiva-passato-udine-primo-caso-grave-ACUxvat