senzalenza

  • Numero messaggi

    113
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

10 Potrei diventare famoso

Su senzalenza

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno
  1. Secondo quanto dichiarato recentemente, la Staller è stata anche spia per i servizi segreti ungheresi. È stata lei stessa a raccontarlo a “La confessione”, il programma di Peter Gomez. L’ex attrice ha confessato di aver lavorato in giovinezza come spia ungherese con il nome in codice di “Coccinella”. Al tempo era molto giovane e lavorava come cameriera in uno dei più grandi hotel sul Danubio, l’Intercontinental. Un giorno tre uomini l’hanno avvicinata chiedendole se fosse interessata a guadagnare più soldi. È nato tutto da lì. Il suo compito era quello di raccogliere *** dai *** facoltosi o dagli uomini d’affari che frequentavano l’hotel. https://www.105.net/video/tutto-news/249422/ilona-staller-ero-una-spia-dei-servizi-segreti-ungheresi-nome-in-codice-coccinella.html
  2. ma come? Sono i primi ad usarli senza tutele sindacali e sicurezza e poi fanno questi manifesti? Ma ci prendono in giro?
  3. Iran-Spagna è la terza e ultima partita dei Mondiali 2018 in programma mercoledì 20 giugno. Si disputerà alla Kazan Arena di Kazan, nella regione del Tatarstan, e il calcio d’inizio è previsto quando in Italia saranno le 20 e in Russia le 21. Iran-Spagna sarà trasmessa in diretta e in esclusiva da Mediaset su Italia 1 e Italia 1 HD Quella di stasera contro l’Iran è una partita che la Spagna non può sbagliare, dato che gli avversari sono secondi con 3 punti e questo pomeriggio il Portogallo ha vinto contro il Marocco ed è ora primo con 4 punti. Io tifo per la Spagna e voi? https://www.ilpost.it/2018/06/20/mondiali-2018-iran-spagna-tv-streaming/
  4. 60 idee, per stili diversi, per andare al mare con il look alla moda che preferiamo, costumi, copricostumi, scarpe, borse, cappelli, ce ne sono di sfiziosissimi per tutti i gusti ma i costumi soprattutto interi http://stream24.ilsole24ore.com/foto/moda/barocco-etnico-minimal-60-idee-stile-le-prime-spiagge/AE8Hf0zE
  5. Ma secondo voi, con una laurea in ingegneria, se andasse all'estero? Bisogna muoversi, non piangersi addosso Una domanda: "Cosa fai nella vita?". La risposta, secca e inaspettata: "Schifo". Questo il divertente siparietto andato in scena a L'Eredità e diventato subito virale, che ha visto protagonisti Carlo Conti e un concorrente di Lodi, il 34enne Tommaso Accinelli Fasoli https://www.huffingtonpost.it/2018/05/28/io-laureato-in-ingegneria-ma-disoccupato-rido-per-non-piangere-parla-il-concorrente-delleredita-protagonista-della-gag-virale_a_23444929/
  6. Bisogna rendere obbligatori i seggiolini salva bimbo! Ci sono in commercio!
  7. Veramente intrigante e divertente questo libro Mrs Palfrey è una sorta di Miss Marple intelligente e sensibile, è più educata e consapevole degli altri, più sensibile ai loro problemi. Non per questo soffre di meno: il pensiero della morte la tormenta, il suo unico nipote non la degna neppure di una visita. Si sente compatita, anzi oggetto di un malcelato biasimo. Conosce per caso un bel ragazzo, il gentile e premuroso Ludo, che la soccorre per la strada. “Che ciglia! pensò Mrs Palfrey: gli gettavano una lunga ombra sugli zigomi e, quando si voltò a sorridere, le parve che avesse un viso da birbante, increspato com’era da quel leggero sorriso; lui socchiuse gli occhi studiandola, quasi avesse pensato a uno scherzo da farle. Le venne in mente la parola ‘malandrino’. C’era qualcosa di malandrino in lui e lei era al tempo stesso affascinata e a disagio”. Colta da un impulso improvviso, Mrs Palfrey scivola nella menzogna. Arruola Ludo come pseudo-nipote, e lo invita a cena in albergo, ma la commedia con il giovane squattrinato alla lunga rischia di non reggere e di prendere una piega pericolosa. Mantenere la parte si rivelerà più difficile del previsto, e Mrs Palfrey si ritroverà invischiata nella ragnatela delle proprie bugie. https://www.ilfoglio.it/una-fogliata-di-libri/2018/01/10/news/mrs-palfrey-all-hotel-claremont-elizabeth-taylor-una-fogliata-di-libri-172348/
  8. È ormai pronta ad entrare nel vivo l’edizione 2018 di FestivaLove, il grande evento culturale scandianese quest’anno in programma da venerdì 25 a domenica 27 maggio con un cartellone di ospiti di primissimo piano. Da Lo Stato Sociale al correggese Andrea Griminelli in una serata di omaggio ad Ennio Morricone, a nomi notissimi della cultura e del costume italiano: Michela Marzano, Beppe Severgnini, Michela Murgia, Fabio Caressa, Matteo Bussola, Aldo Cazzullo, Pupi Avati, il collettivo Spinoza e il comico Angelo Duro. Lo spettacolo di quest’ultimo, in programma domenica sera in piazza Fiume, sarà l’unico spettacolo a pagamento di un cartellone per il resto tutto a ingresso gratuito, e assemblato unendo alle iniziative culturali decine di attività piccole e grandi che trasformeranno il centro storico scandianese in un enorme teatro con palchi intercambiabili. http://gazzettadireggio.gelocal.it/tempo-libero/2018/05/16/news/tutto-pronto-per-festivalove-il-weekend-dedicato-all-amore-1.16845461
  9. Io no, ma l'autrice sembra molto preparata sull'argomento e le recensioni sono buone, grazie per il suggerimento
  10. Da oltre vent’anni il 9 maggio Tiziana Russo controlla l’orologio freneticamente. «Quando arrivano le 11.30 penso che in quegli istanti mia sorella Marta ha perso la vita. Tante volte ho cercato di tornare indietro con la mente, di immaginare come sarebbe andata la nostra vita se lei fosse stata altrove quel giorno ma anno dopo anno ho capito che purtroppo nulla si può cambiare». Il 9 maggio 1997 alle 11.30 una pallottola colpì e ferì gravemente Marta Russo, studentessa di ventidue anni, nei Viali dell’università La Sapienza di Roma. Morì cinque giorni dopo. «Quella mattina ero andata anch’io all’università», racconta Tiziana Russo, che solo vent’anni dopo la morte della sorella è riuscita a rielaborarne la perdita scrivendo un libro, Marta Russo, mia sorella edito da Log (Edizioni Guerini) i cui proventi sono devoluti alla onlus intitolata a Marta Russo e dedicata alla donazione degli organi. Ricordo bene questo terribile fatto di cronaca, un omicidio senza movente, o meglio con il movente di dimostrare che chi lo ha commesso avendo colpito a caso, non sarebbe mail stato individuato https://www.vanityfair.it/news/approfondimenti/2018/05/09/omicidio-marta-russo-sorella-tiziana-russo-intervista-libro
  11. Si è spenta a 69 anni Margot Kidder, la famosa Lois Lane dei primi quattro film della saga di «Superman» con Christopher Reeve. Il cordoglio dei colleghi dopo una vita di luci e di ombre. E chissà che, da qualche parte, Margot abbia rincontrato Christopher Reeve, l’indimenticabile Superman con cui recitò guancia e guancia, librandosi in aria sopra i cancelli dorati di Hollywood così come fecero nel ’78, nel primo film della saga. https://www.vanityfair.it/show/cinema/2018/05/15/margot-kidder-morta-lois-lane-superman-christopher-reeve-cinema-attrice
  12. Una moda sostenibile, una moda attenta che sceglie il red carpetcome strumento per portare avanti battaglie e mandare segnali importanti. È accaduto con i Golden Globes e gli Oscar per le istanze legate al movimento #MeToo ma anche ieri a Cannes, dove, in occasione della cerimonia d’inaugurazione del Festival cinematografico la presidente di Giuria, Cate Blanchett, e Penelope Cruz, la diva di Everybody Knows di Asghar Farhadi, film d’apertura della 71esima del Festival hanno “riciclato” due abiti già indossati precedentemente. Abiti importanti, certo, un Armani Privè per Kate Blanchet e un vintage Chanel per Penelope Cruz, ma già apparsi in altre kermesse importanti. Una Moda, quella con la A maiuscola, che ha visto andare in scena sul “tappeto rosso” capolavori di maestria artigianale, come l’abito speciale rosso in organza con cintura in vita impreziosite da pietre di Alberta Ferretti indossato dalla bellissima Catrinel Menghia Marlom. Che dire dell’abito in tulle nero con ricami di jais neri indossato da Nives Alvarez durante il red carpet di ‘Yomeddine’? Qui tutti gli abiti: http://www.sfilate.it/293555/cannes-2018-dal-riciclo-dellabito-a-creazioni-da-sogno
  13. Torino: Appendino registra figlio di due mamme, ‘rivoluzione’ o famiglia ‘distrutta’? Per la prima volta in Italia, l’anagrafe di un Comune ha registrato gli atti di nascita dei bambini figli di coppie composte da due genitori dello stesso ***: si tratta di una decisione storica che ha visto la sindaca di Torino, Chiara Appendino, trascrivere i suddetti certificati all’ufficio Stato Civile, tenendo fede a quanto aveva annunciato la scorsa settimana a proposito della possibilità che i tre bimbi potessero essere i primi a risultare figli di una coppia omogenitoriale. La sindaca Appendino ha scritto su Facebook: “Oggi la famiglia di Maria e Anna e il piccolo Giorgio, quella di Piero e Francesco e i piccoli Gabriel e Sebastian e quella di Chiara e Micaela e il piccolo Niccolò Pietro sono state riconosciute nella loro interezza dalla Città di Torino http://www.ilsussidiario.net/News/Cronaca/2018/4/23/Torino-anagrafe-registra-i-figli-di-due-mamme-Primo-caso-in-Italia-La-sindaca-Appendino-Giornata-storica-/817752/