controcanto203

  • Numero messaggi

    3
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

1 Calma piatta

Su controcanto203

  • Rank
    Utente nuovo
  • Compleanno
  1. In occasione della dodicesima edizione del Roma Tre Film Festival, nella cornice del Teatro Palladium, importante nucleo culturale della Garbatella storica, Patrizia Genovesi guiderà il pubblico alla volta della fotografia di Quentin Tarantino, uno dei più grandi registi della cinematografia contemporanea. Vitale, irrequieto, sperimentatore instancabile, Tarantino si impone da oltre 20 anni sulla scena cinematografica mondiale con grandissimi successi di pubblico e di critica. Venerdì 12 maggio saremo coinvolti in un vero e proprio viaggio stilistico nella fotografia e nella tecnica dei film del grande regista. Venerdì 12 maggio ore 18 Teatro Palladium - Università degli Studi Roma Tre Piazza Bartolomeo Romano, 8 00154 Roma [t] 06 5733 2772 In collaborazione con la Libera Università del Cinema di Roma INGRESSO LIBERO REGISTRAZIONE ALL'EVENTO http://lnx.patriziagenovesi.com/la-fotografia-nei-film-di-quentin-tarantino-roma-tre-film-festival-2017/ EVENTO FACEBOOK https://www.facebook.com/events/289893831435720/ Relazioni con il pubblico Giulia Manca - stampa.controcanto@gmail.com
  2. Sabato 4 febbraio, in occasione dell'esposizione su Vivian Maier presentata dalla Galleria 10 B di Roma, Patrizia Genovesi condurrà il pubblico alla visita della mostra attraverso un appassionato racconto biografico e stilistico sulla misteriosa “fotografa-bambinaia”.La vicenda di Vivian Maier è emersa negli ultimi anni grazie al lavoro di John Maloof che l’ha resa subito oggetto di pubblicazioni e documentari. La sua opera ha ottenuto grande successo e consensi da parte della critica che la considera ormai una delle più grandi fotografe del ‘900.Un percorso fotografico della vita di Vivian Maier guidato dallo sguardo esperto di Patrizia Genovesi. Per *** e prenotazioni scrivere all'indirizzo di posta elettronica: stampa.controcanto@gmail.com
  3. Artemisia Gentileschi è un simbolo di autonomia e di forza nell’oscuro periodo a cavallo tra la fine del 1500 e il 1600, un’epoca di forti dibattimenti politici, religiosi e culturali, nei quali non era facile emergere come donna e come artista. Le contemporanee scoperte galileiane forgiano menti nuove, ma la scienza fatica ad imporsi. In questo periodo torbido ma fecondo, grandi artisti hanno tracciato il cammino: Raffaello, Michelangelo, Tiziano, Tintoretto. L’epoca è quella di Caravaggio, dominatore illustre della scena artistica. Una vita articolata quella della Gentileschi, piena di pathos, di dolore, di contraddizioni e di avventura. Il padre di Artemisia, Orazio Gentileschi, è illustre pittore di grande talento. La mostra descrive l’arte alla vecchia maniera, come crocevia di influenze, di rapporti tra pittori e committenti. Si parla di Artemisia e del suo entourage, non del suo stile, quanto di vicende e di incontri e della sua triste storia personale segnata dalla violenza. Nell’arte della Gentileschi luce e buio si alternano. Carnalità, enfasi, personaggi del mito e delle sacre scritture, uomini e donne del quotidiano si avvicendano in composizioni di grande effetto. Lo stile è ricco di prospettive differenti nella medesima visione, frutto di una sperimentazione prospettica continua. La direzionalità della luce, seppure a volte arbitraria, favorisce la tridimensionalità dei corpi. I fondi sono sovente scuri, i colori faticano ad emergere, i toni sono bruni, rosso cupo, verde di agave al tramonto, panna negli abiti, giallo ocra e poi rosa nella carne. La Gentileschi ritrae i volumi con maestria, il suoi corpi sono voluminosi e pieni, la pelle è ritorta sull’adipe. Conosceva bene il corpo delle donne sotto le vesti Artemisia, maestra di un’anatomia precisa, nata dall’osservazione di se stessa. La figura umana emerge innanzitutto, e nella tela domina l’azione, la cosa che le interessa veramente, a costo di tagliare le figure, di farle affacciare come da finestra sulla tela. Le donne mostrano la gola elemento di seduzione ricorrente, ma i soggetti sono cruenti, mani e braccia tese sono sollevate in atto di offendere, di ferire, ti tagliare. Il desiderio, sottolineato fin troppo dai critici, è di rivalsa sull’uomo maledetto e violento. La selezione delle opere scelta per la mostra “gioca sull’orrido”, osserviamo una collezione di raffigurazioni e di situazioni analoghe per soggetto e composizione . Naturalmente questo “tira” e dà, secondo i curatori, carattere all’esposizione. Avrebbero potuto fare di meglio, essere più fedeli alla pluralità dei soggetti che la Gentileschi, diventata artista di fama, richiesta ed ammirata nel suo tempo, produce anche insieme ad altri regalandoci una delle rarissime versioni femminili dell’arte secentesca. http://lnx.patriziagenovesi.com/artemisia-gentileschi-e-il-suo-tempo/