wronschi

  • Numero messaggi

    9565
  • Registrato

  • Ultima Visita

wronschi è il vincitore del giorno dicembre 6

wronschi ha pubblicato il contenuto con più like

Reputazione Forum

1661 Sono il Re del Forum

3 Followers

Su wronschi

  • Rank
    Grazie
  • Compleanno

Visite recenti

24935 visite al profilo
  1. Lilia Cavallari è Presidente dell’Ufficio Parlamentare di Bilancio, oltreché professoressa ordinaria di Economia politica all’Università Roma Tre. Ieri, davanti alle Commissioni Bilancio congiunte di Camera e Senato, ha dato una autentica lezione di economia a Giorgia Meloni e al suo governo in tema di contanti e politica fiscale. Lo ha fatto con un grafico elementare, a prova di meloniano semplice, che mostra in modo inequivocabile come le regioni italiane in cui è più diffuso l’uso dei contanti sono quelle in cui si stimano i livelli più alti di evasione dell’Iva. Tradotto? Esiste una correlazione chiara ed evidente tra l’aumento della soglia del contante e l’evasione fiscale. Oltre a tutta una serie di critiche puntuali su Flat tax, pensioni e sanità.  Non lo dice una pericolosa “zecca rossa” ma una delle massime esperte italiane (e non solo) di Macroeconomia internazionale. Insomma, l’ennesima straccionata. Quanto era bella l’opposizione. Uh, quanto! Lorenzo Tosa https://www.facebook.com/100044563983825/posts/706630494165744/
  2. Si magari anche in ⚫ ▪ ⬛ nero
  3. 🐎🐎🤣
  4. IO la trovo meravigliosa ❤️❤️..........Fammi essere ancora figlio. Solo una volta. Una volta sola. Poi ti lascio andare. Ma per una volta, ancora, fammi sentire sicuro. Proteggimi dal mondo. Fammi dormire nel sedile dietro il tuo. Guida tu. Che io sono triste e stanco. Ho voglia che sia tu a guidarmi, papà. Metti la musica che ti piace. Che sarà quella che una volta cresciuto piacerà a me. Fammi essere piccolo. Pensa tu per me. Decidi tu per me. Mettimi la tua giacca, che a me sembra enorme, perché ho freddo. Prendimi in braccio e portami a letto perché mi sono addormentato sul divano. Raccontami storie. E se sei stanco non farlo. Ma non te ne andare. Ho voglia di rimanere figlio per sempre. Abbracciami forte come dopo un gol. Dormi ancora, come hai fatto, per una settimana su una sedia accanto al mio letto in ospedale. Rassicurami. Carezzami la testa. Lo so che per tutti arriva il momento in cui devi fare da padre a tuo padre. Ma io non voglio. Non ora. Voglio vederti come un gigante. Non come un uccellino. Non andare, papà. Ti prego. Fammi essere ancora figlio. Fammi essere per sempre tuo figlio. Gabriele Corsi
  5. Ieri una persona di destra, mi ha scritto che il centrosinistra ha imbarcato cani e porci! Ora detto da chi vota Salvini (49 milioni spariti) Berlusconi( Non c'è bisogno di scrvere nulla, sapete tutto) e Meloni (Dio , Patria e Famiglia e sostenuta da Forza Nuova e tutto il fascio che si porta dietro) mi fa veramente vomitare. Ma possibile che la gente non veda le travi che ha nei suoi occhi? Ma i peggiori sono quelli di sinistra che stanno tirando la volata a questa destra. Non li voglio sentire lamentarsi dopo! Complici sono e complici resteranno. Due parole su Letta, che io non ho mai votato e che non era il mio ideale di segretario! Confronto ai Leader della destra è uno statista, persona stimata anche all'estero, onesto, non ha scheletri nell'armadio. Ha avuto una scuola politica a Parigi e una all'Università di Genova dove mio nipote ha studiato e preso l'attestato.
  6. https://lm.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fwww.ilmessaggero.it%2Feconomia%2Fnews%2Fassegno_unico_per_tutti_isee_4_figli-7097814.html&h=AT2ptgm11fPGGTNrKh6ZONLY8rEoWzZqvltNGFC9F_h-nbKh6_4vQt02q01F-HNWsrIMgTPyfe0RIWn5K_qE3CoF8el7K8ktQxX0y5x9zHnawy5iQrc3hCvY8KBlMAepBngL
  7. Perché premiare chi ha molti figli? E magari ha disponibilità economiche? Bisogna aiutare chi ha bisogno. Ma è evidente da più segnali che aiutare i bisognosi non è la priorità di questo governo
  8. Capannoni che una volta davano lavoro....
  9. Berlingueriani 🤣🤞
  10. Un anziano insegnante incontra un giovane che gli chiede: - Si ricorda di me? E il maestro gli dice di no. Allora il giovane gli dice che è stato il suo studente. E il professore gli chiede: - Ah sì? E che lavoro fai adesso? Il giovane risponde: - Beh, faccio l’insegnante. - Oh, che bello come me? gli ha detto il maestro. - Beh, sì. In realtà, sono diventato un insegnante perché mi ha ispirato ad essere come lei. L'anziano, curioso, chiede al giovane di raccontargli come mai. E il giovane gli racconta questa storia: - Un giorno, un mio amico, anch'egli studente, è arrivato a scuola con un bellissimo orologio, nuovo e io l’ho rubato. Poco dopo, il mio amico ha notato il furto e subito si è lamentato con il nostro insegnante, che era lei. Allora, lei ha detto alla classe: - L'orologio del vostro compagno è stato rubato durante la lezione di oggi. Chi l'ha rubato, per favore, lo restituisca. Ma io non l'ho restituito perché non volevo farlo. Poi lei hai chiuso la porta e ci ha detto a tutti di alzarci in piedi perché avrebbe controllato le nostre tasche una per una. Ma, prima, ci ha detto di chiudere gli occhi. Così abbiamo fatto e lei ha cercato tasca per tasca e, quando è arrivato da me, ha trovato l'orologio e l'ha preso. Ha continuato a cercare nelle tasche di tutti e, quando ha finito, ha detto: - Aprite gli occhi. Ho trovato l'orologio. Non mi ha mai detto niente e non ha mai menzionato l'episodio. Non ha mai fatto il nome di chi era stato quello che aveva rubato. Quel giorno, lei ha salvato la mia dignità per sempre. È stato il giorno più vergognoso della mia vita. Non mi ha mai detto nulla e, anche se non mi ha mai sgridato né mi ha mai chiamato per darmi una lezione morale, ho ricevuto il messaggio chiaramente. E grazie a lei ho capito che questo è quello che deve fare un vero educatore. Si ricorda di questo episodio, professore? E il professore rispose: -Io ricordo la situazione, l'orologio rubato, di aver cercato nelle tasche di tutti ma non ti ricordavo, perché anche io ho chiuso gli occhi mentre cercavo. Questo è l'essenza della docenza. Se per correggere hai bisogno di umiliare, allora non sai insegnare.
  11. La Corte dei Conti boccia la Manovra Bankitalia boccia la Manovra Istat boccia la Manovra Perfino Confindustria boccia la manovra. Insomma, un branco di somari al Governo....
  12. La Corte dei Conti boccia la Manovra Bankitalia boccia la Manovra Istat boccia la Manovra Perfino Confindustria boccia la manovra. Insomma, un branco di somari al Governo....
  13. Ajo capito mi hai Testadicazzo 😁
  14. Ogni tot anni, ritorna inesorabilmente il mantra della chiusura del 118 di Lavagna. Decisioni prese non in base al luogo di cui si tratta, ma su algoritmi numerici nazionali....magari in una città ne basta uno per milioni di abitanti, ma in una terra particolare come quella ligure, fatta da mille sentieri , mille vicoli, mille frazioni in un entroterra "diffuso" a volte anche scoperto da reti telefoniche e anche per questo motivo, a volte difficile comprendere dove bisogna intervenire anche per chi risponde e conosce bene il territorio. Beh, per questo motivo, la localizzazione di alcuni servizi risulta fondamentale, ma sembra che la sanità si salvi con questi tagli. Insomma guardare il dito e non dove indica, questo è il problema....Appare strano non riuscire a capire come un dislocamento diffuso sul territorio delle centrali unitamente alle professionalità che vi sono impiegate, non sia visto come un valore aggiunto ma come una spesa e questo spiega in modo eclatante la situazione generale in cui ci troviamo a vivere oggi.....

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963