wronschi

  • Numero messaggi

    7849
  • Registrato

  • Ultima Visita

wronschi è il vincitore del giorno ottobre 15

wronschi ha pubblicato il contenuto con più like

Reputazione Forum

994 Sono il Re del Forum

3 Followers

Su wronschi

  • Rank
    Grazie
  • Compleanno

Visite recenti

18954 visite al profilo
  1. Nel secolo scorso. i lavoratori italiani scendevano nelle piazze italiane per chiedere certezze salariali legate a normative sulla sicurezza durante l'espletamento del lavoro stesso all'interno dei cantieri, nelle fabbriche e nei porti. Oggi...... in assenza di tutte quelle conquiste ottenute nel secolo scorso ma demolite nel corso degli ultimi decenni, grazie ai governi di destra e dei governi di un finto ed evanescente centro si scende nelle piazze e si blocca i varchi portuali NON per la riconquista di quei diritti perduti MA...... contro una delle armi necessarie a sconfiggere l'ignoranza del negazionismo che non vuole ammettere l'utilità del green pass o della relativa vaccinazione antipandemica. Fossero ancora in vita i lavoratori del '900....... stenterebbero a credere la visione dell'oggi.
  2. Ora te lo racconto io come funziona il cervello dei destrebeti, cioè delle TESTEDICAZZO, "governano" dal dopoguerra hanno fatto più danni che guadagni fino alla caduta della DC, dopo si pensava che il psi potesse unirsi alla sx, niente da fare, entra in campo l impunito di Arcore, un altro ventennio di porcate, una peggio dell alta. Da allora cominciò a cambiare il vento ed è successo che in alcuni periodi (pochi anni) il csx riuscì a sorpassare la dx, però i cittadini non capivano che bisognava prima riparare i danni, volevano subito tutto, mi chiedo perché non hanno chiesto tutto e subito alla dx ? Prima di aggiustare i danni della dx ci vorrebbe un ventennio di sola sx...cosa mai vista purtroppo . Il fatto è che in quei pochissimi anni che ha governato il csx non ha potuto fare più di tanto e quel poco una volta che riprendeva a "governare " la dx veniva BRUCIATO in pochi mesi. Non sarà mai facile ottenere di più perché in Italia sono troppi i sostenitori del MALAFFARE !!!
  3. Il Metano sopra i 2 Euro. Il Diesel quasi 1.7. La Benzina a 1.8. Il GPL quasi 0.9. Per cambiare 4 gomme della macchina(faccio riferimento ad una macchina piccola) ci vogliono in media 70/75€ a gomma(quindi in media quasi 300 euro) Sono aumentati I prezzi delle automobili. Per una citycar (Panda,Clio,Ibiza..)a metano ci vogliono dalle 15 alle 17 mila euro. Per un auto elettrica non scendiamo sotto i 20 mila. Per un passaggio di proprietà di una piccola automobile tipo una Panda con 48 kw(65 cavalli) ci vogliono dalle 450 alle 470€. Sono aumentati i prezzi delle materie prime. Con conseguente aumento dei prezzi di luce e gas in bolletta. Sono aumentati i prezzi nei supermercati. Prendi "4 ***" ci vogliono 50 euro. Sono aumentati i prezzi dell'abbigliamento. Per un pantalone e una felpa(anche non di marca o di marche sconosciute e di scarsa qualità)non bastano 70/80 euro. Cambierà il satellite TV. Un nuovo decoder di BUONA FATTURA (si trovano anche a meno le "cinesate")costa dalle 50 alle 70€. Un nuovo Televisore di media qualità costa tra le 300 e le 500 euro. Quello con la predisposizione 4k arriva anche a 700/800 euro. Quando va bene. Ci sarà la riforma del catasto. Così chi è stato obbligato a passare di classe il proprio immobile causa ecobonus pagherà di più. Si perché chi aveva un immobile classificato B ora magicamente con il cappotto termico (obbligatorio per iniziare i lavori dell'ecobonus) vedrà la sua casa accatastarsi alla categoria "A". La categoria più alta di tutti. Ci sarà UNA NUOVA RIFORMA DELLE PENSIONI per modificare "quota 100" ( vorrebbero fare quota 102 poi 104 poi 106 ecc...) , Così chi era destinato ad andare in pensione dovrà lavorare ancora ( noi non mettiamo in conto di andarci , moriremo lavorando ) Ma qual'è il problema più grande secondo gli Italiani??! Il GREEN PASS . È proprio questo che ci fa capire che popolo siamo. Non abbiamo capito nulla!!!

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963