mark222220

  • Numero messaggi

    7058
  • Registrato

  • Ultima Visita

Contenuti inviati da mark222220

  1. Vedo che il Cazzaro napoletano nonostante l’ampio lasso di tempo concesso non risponde . Il motivo e’ semplice : ha sparato na caga ta mastodontica perdipiu’ Incrementata dai notevoli ed abbondanti pasti serali che consuma e che dimostrano il perché della sua quintalata,20 e che lo pone tra le nuove entree degli obesi . Comunque : il Cazzaro napoletano e’ un baro perché mette in bocca alle persone serie ed oneste quel che non si sono mai sognati di dire . E’ un pezzodimmerda disonesto che impiegherebbe meno di 30 secondi per diffamarti . Ha un comportamento fascista perché tira il sasso e ritrae la mano. Se fosse nato in tempo di guerra sarebbe stato un collaborazionista perché usa i loro stessi sistemi. In parole povere : E’ uno spurgo umano.
  2. POLITICA - 30 MARZO 2020 Renzi viene criticato a prescindere. Cerchiamo di discutere le idee, quando ci sono Speciale Coronavirus - iscriviti alla newsletter e ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella. ISCRIVITI Ormai siamo abituati: quando parla Matteo Renzi non si ascolta o legge interamente il contenuto delle proposte e delle idee politiche ma si critica a prescindere. Come una sorta di capro espiatorio perenne, ogni cosa che riguarda Renzi viene utilizzata per criticare a prescindere. Invece, come spesso accade dopo qualche giorno le stesse cose dette da Renzi vengono rilanciate da altri ed allora magicamente tali proposte vengono viste di buon occhio. LEGGI ANCHE Coronavirus, Renzi nel momento più duro della pandemia: “Riaprire fabbriche subito, le scuole il 4 maggio”. Burioni al Fatto.it: “Progetto irrealistico”. Lopalco: “Una follia, dà false speranze ai cittadini” Sembra la scena del film Fracchia, la belva umana dove l’assistente ha un’idea per far circolare il sosia della belva senza essere sempre arrestato e non viene presa in considerazione, subito dopo il commissario dice la stessa cosa e viene vista come idea geniale. Meglio sdrammatizzare ma la questione è molto seria. Mentre a febbraio Nicola Zingaretti e Matteo Salvini dicevano che Milano e il Veneto non si dovevano fermare e facevano aperitivi sui Navigli in piena emergenza, Renzi diceva che bisognava chiudere tutto estendendo la zona Rossa a tutta l’Italia e all’Europa. Coronavirus, è scontro tra Boccia e... Qualche giorno fa Renzi ha consigliato di iniziare a ipotizzare l’apertura graduale delle aziende e delle attività. Il *** una semplice oggettiva considerazione: con il coronavirus bisogna conviverci fino al vaccino. Non si può rimanere in quarantena all’infinito e l’Italia non può fermarsi per lungo tempo ancora. Sarebbe una crisi economica che ci porterebbe al declinosenza via d’uscita. Ecco che allora è giusto studiare strategie di uscita dalla chiusura e dalla paralisi del sistema Italia. E solo per aver detto lo stesso, Renzi è stato come al solito criticato e deriso. Insomma il solito modus operandi. Se ci fosse un pochino di onestà intellettuale e meno rancore personale o antipatia verso il leader di Italia Viva certe discriminazioni non ci sarebbero e certi argomenti potrebbero essere sviluppati con maggiore serietà e concretezza. Invece inutili polemiche. Proviamo solo ad immaginare se al posto di Zingaretti (che a febbraio faceva aperitivo sui Navigli) ci fosse stato Renzi. Sarebbe stato sicuramente crocefisso ed ucciso politicamente. Bene, cerchiamo per una volta di accogliere consigli ed idee per il loro reale contenuto senza usare Renzi come capro espiatorio di tutti i mali. Immaginiamo solamente se al governo oggi in questa emergenza ci fosse stato Salvini e i suoi amici no vax e qualche ministro grillino alla Salute. Se questo governo c’è, è sempre grazie a Renzi. Quindi sarebbe meglio concentraci su le reali proposte utili al Paese e non al solito giochino farsa del populismo. Lo stesso Salvini è con le pile ormai sempre più scariche: lo sciacallo quotidiano non riesce neanche a seguire i principali criteri matematici e in un ultimo suo post divideva i soldi stanziati dal governo fra tutti i 60 milioni di abitanti italiani. Insomma voleva anche lui l’aiuto economico. Magari bisognerebbe ricordare a Salvini che in questo momento sarebbe molto più utile che il suo partito restituisse i 49 milioni di euro rubati allo Stato italiano in un’unica soluzione e non con infinite rate. Ogni volta che parla questo bisognerebbe ricordargli: Salvini dai subito i soldi rubati dalla Lega allo Stato. Restituisci il maltolto che abbiamo bisogno di soldi per aiutare i cittadini e il sistema sanitario. Ecco questo sarebbe utile e non forviante. Renzi vi sta antipatico? Bene ma se dice cose utili al Paese non devono essere ascoltate? La scienza non vi piace? Ma se vi salva la vita non dobbiamo ascoltarla? La competenza è antipatica? Volete farmi insegnare da maestri laureati su Facebook? Abbiamo permesso per lungo tempo che l’ignoranza fosse sdoganata grazie ai social e alla superficialità. Questa emergenza ci ha riportato con brutalità alla realtà. Senza scienza e competenza non si va da nessuna parte. Bisogna per questo motivo riprendere in mano i fili del vero sistema culturale italiano: abbiamo tante fantastiche persone ed energie che possono riportarci sulla corretta via. Dobbiamo investire su tutto ciò che siamo ma che abbiamo trascurato e dimenticato per colpa del populismo. L’Italia è una grandissima nazione: abbiamo davanti a noi l’occasione per resettare tutto il sistema che non ha funzionato. Dobbiamo avere però il coraggio di andare oltre e iniziare un nuovo cammino. Ascoltiamo ed impariamo da chi conosce e sa, basta preconcetti e ipocrisie. Le idee ci sono, lasciamole circolare e usiamole per il nostro bene, non di alcuni ma per l’interesse di tutti.
  3. Non ho paura di combattere per le mie idee, specie quando è in gioco il futuro economico del Paese. Posso essere impopolare ma non sarò mai ipocrita. E davanti alla crisi di questi giorni preferisco seguire la verità che il consenso Matteo Renzi
  4. Scoprisse il Vaccino , non lo userebbero !! Gli idio ti !!
  5. La sua verve culturale e’ favolosa . Lei sprizza lat. ops cultura da ogni poro .
  6. E Grillo quante volte ha fatto il mozzo su una delle sue barche ?? Su idio ta napoletano , facce er conto ...!!
  7. Scusate se mi intrometto nel siparietto : Visto che il Cazzaro sembra informato e soprattutto fornisce r icette e , soprattutto ancora , come esempio , porta Briatore, potrebbe informarci di quante barche e quanti residence , oltre a quante ville delle 8/9 che possiede, si e’ “liberato” Grillo Beppe che , vorrei ricordare al Cazzaro Napoletano, e’ il fondatore e proprietario del Partito in cui ha prestato la mansione ( gratuita a parte le libagioni ) di rappresentante di lista ?? Grazie
  8. Vedo che inizia di buon mattino ad emettere poderose decorazioni a forma di caga te . Che tutti lo pensassero era ovvio dal momento che lo hanno pensato anche i mungitori del Veneto . Nessuno , però , diceva che bisognasse iniziare da subito a pensarci per evitare di trovarsi in ritardo poi. Non si preoccupi Sanchino , lei fa parte a pieno titolo del secondo gruppo dei men che mediocri . Quelli che alla mediocrità aggiungono pure l’idio zia . Mi raccomando quando va a mungere Peppa non dimentichi di mettersi la medaglia sulla giacca .
  9. Chiudi quella boccaccia e leggi l’intervista di Renzi sul corriere della sera di oggi . Ci sta che poi diminuiscono le tue decorazioni di mer da future . Intervista di M. T. Meli, "Corriere della Sera", 30 marzo 2020. Senatore Renzi, esperti e politici criticano la sua proposta di riapertura. «Ho letto. E ho visto tanta ipocrisia. Io non ho chiesto di riaprire oggi, ma ad aprile. Ho chiesto però di pensare adesso a come riaprire. Perché se non ci pensiamo oggi arriviamo in ritardo all'appuntamento con l'emergenza economica almeno come siamo arrivati in ritardo sull'emergenza sanitaria». Per lei governo e Protezione civile hanno sbagliato? «Non tocca a me dire chi ha sbagliato. Certo: l'Italia è il Paese con più morti al mondo, qualcosa non ha funzionato. Ho proposto di fare, quando tutto sarà finito, una commissione di inchiesta per verificare le responsabilità. Perché su mascherine, respiratori, protocolli ci siamo mossi troppo tardi, è un dato di fatto. Ora però pensiamo a dare la protezione a medici e infermieri, in primis, e poi alle forze dell'ordine, alle cassiere, a chi fa le pulizie. Facciamo a tutti i tamponi. E pensiamo a come ripartire». Per il suo amico Burioni riaprire è prematuro. «Sono orgoglioso di essere amico di Burioni e di esserlo diventato quando i No-Vox lo minacciavano di morte. Erano i tempi dell'uno vale uno, del non facciamo parlare gli esperti, del "sul vaccino faccio come dice mio cugino". Oggi tutti ascoltiamo gli esperti e i No-Vax sono spariti, meglio così. E tuttavia il politico ha un compito diverso dal virologo: Burioni deve metterci in guardia sui rischi per la salute, noi dobbiamo iniziare a immaginare un mondo in cui conviveremo con il virus». Ci sono diecimila morti... «Il vaccino arriverà nel 2021 o nel 2022. C'è qualcuno che pensa che gli italiani possano restare a casa fino al 2021? Io no. Dobbiamo fare un piano per l'uscita. E per farlo bisogna moltiplicare i test: i tecnici ci dicono che è possibile che ci siano 5-10 milioni di italiani che hanno già contratto il Covid-19 senza sintomi. Se hanno sviluppato gli anticorpi, perché tenerli in casa? E anche chi non ha preso il virus può tornare a lavorare se la sua azienda rispetta le regole di sicurezza. Anche perché prima o poi dovremo farci una domanda: stare a casa mesi ha un costo enorme sociale ed economico. Chi paga?». L'Italia è dura con la Ue. «Benissimo la battaglia sugli eurobond, ma non basta. L'Europa ha già fatto i primi passi, sospendendo il patto di Stabilità e modificando la normativa sugli aiuti di Stato. E dobbiamo sapere che comunque pagheremo noi, aumentando il debito. O meglio: pagheranno i nostri figli. Quindi spendiamoli bene». Anche Draghi dice di aumentare il debito. «E io sono d'accordo. Ma bisogna spenderli bene, non buttarli via. C'è una cultura politica — anche nella maggioranza di governo — che immagina si possa affrontare questa emergenza estendendo il reddito di cittadinanza. E una visione assistenzialista miope. Dobbiamo dare una mano a chi non ce la fa, ma la misura sociale più giusta e più urgente è quella di riaprire le aziende per non licenziare i lavoratori. Se aumentiamo il debito per dare a tutti reddito di cittadinanza tra sei mesi avremo il debito al 200% del Pil, le aziende che licenziano e i fondi internazionali che ci mangiano le piccole e medie imprese. Non voglio morire di Covid-19, ma non voglio morire nemmeno di fame. Ecco perché bisogna iniziare a riaprire». Il governo combatte per cambiare le regole europee. «Io sogno gli Stati Uniti d'Europa e sono dalla parte di Gualtieri quando rifiuta la visione egoista di Paesi come l'Olanda. Però bisogna anche fare regole meno complicate in Italia. Per dare liquidità bisogna dare garanzie statali alle banche e dire che le banche finanzino imprese e partite Iva per una percentuale fissa del fatturato 2019. Non i ghirigori burocratici che portano questo Paese ad aver cambiato 5 modelli di autocertificazione. Abbiamo chiuso 60 milioni di italiani in casa da 3 settimane: possiamo chiudere la burocrazia nel ripostiglio per qualche mese?». Si ipotizza un governo di unità nazionale con Draghi. «Non tiriamo per la giacchetta Draghi». Si aspettava tutte queste critiche? «Ci sono abituato. Diciamo le cose come stanno: un politico deve prevedere, non può limitarsi a inseguire i sondaggi. Il commentatore può analizzare il presente e fotografarlo. Il politico deve prevedere il futuro e costruirlo. Io non voglio che si passi dalla pandemia alla carestia. E non ho paura di combattere per le mie idee, specie quando è in gioco il futuro economico del Paese. Posso essere impopolare ma non sarò mai ipocrita. E davanti alla crisi di questi giorni preferisco seguire la verità che il consenso».
  10. 28/3/2020 Renzi: "Dopo Pasqua l’Italia , piano piano e con le dovute sicurezze , riapra. Col virus si convivrà". QuelliBravi: ASSASSINO, PERICOLOSO, TRUFFATORE, MAGARI PRENDI IL VIRUS E MUORI . 30/3/2020 Governo:"Dopo Pasqua aperture a scaglioni, si studia il piano" QuelliBravi: W PEPPI ! GRANDE CONTE ! CI SALVA DALLA FAME, MORTE, GUERRE E CARESTIE ! INGRAVIDACI LE FIGLIE, TROMB.ACI LE MOGLI ! ...(anche du’ volte si sente dire dal loggione in dialetto napuriello).
  11. Vedo che il Cazzaro di Napoli nicchia , fugge , stramba , svicola , cambia discorso . Richiama ombre che solo lui vede , ma il problema rimane ed io sono costretto a ripetermi : Il Cazzaro di Napoli informi immediatamente il forum da dove ha tratto la notizia vin cui Ettore Rosato avrebbe , testualmente , affermato :” Imitiamo Trump e coinvolgiamo il centro destra “. Vorrei essere fiducioso e sperare che il Cazzaro partenopeo si sia confuso . In questo caso non sarà difficile ricevere dal Cazzaro stesso le scuse ed un rigo di rettifica per la notizia chiaramente falsa e molto , molto , molto tendenziosa . Nel caso invece detta operazione non fosse conclusa nei modi e nei termini da me proposti, mi sentirò autorizzato a mettere in campo e sul proscenio tutte le “azioni” verbali che riterrò più opportune .
  12. Funziona così : Renzi dice una cosa nell’interesse dell’Italia da buon statista come e’ . Il giorno dopo lo attaccano tutti !! Dai fascisti ai leghisti passando dai comunisti di vario status e livello . I bravi ragazzi stellati non ne parliamo nemmeno . Sul forum un ex archibugiatore fallito ed ora passato a rimpolpare le fila della servitù di un pallone gonfiato di Napoli , addirittura si permette di fare , da idio ta , un post dal vago sapore ironico al quale il Cazzaro di Napoli risponde “ da par suo” con un chilometrico post per esaltare pure il Compagno comunista comunitarista Giuseppi Conte. Poi succede che al secondo giorni tutti iniziano a dire la stessa cosa detta da Renzi , e poi , nel giro di pochi giorni , la fanno . Adelante Leopoldino , continuiamo così. Saluti
  13. Andava talmente bene che e’ Sanchino e’ dovuto intervenire per modificare . Ahahahaha ignori Iniziata da ahaha.ha, Ieri alle 15:14 ahaha.ha 688 11696 messaggi Inviata ieri alle 15:14 · questa foto vi chiama a Lui, se non ci andate viene Lui a prendervi Mi piace Cita Cita questo 13 MESSAGGI IN QUESTA DISCUSSIONE Rispondi a questa discussione mark222220 801 7046 messaggi Inviata ieri alle 15:33 · Manco un post sai fare , figurarsi ad archibugiare !! Cita Opzioni ahaha.ha 688 11696 messaggi Inviata 22 ore fa · eccelso maggiordomo nel mio computer la foto la vedo benissimo. provi a vedere qua: https://upload.forumfree.net/i/ff12408514/IMG-20200328-WA0027.jpg Mi piace Cita Cita questo mark222220 801 7046 messaggi Inviata 22 ore fa · Lo vedi bene ora che hai rimediato Prima non vedevi un caz.z.o nemmeno e , perfino , te !!
  14. Quando un forumista , in questo caso il Cazzaro di Napoli, impiega tanto e cotanto impegno per decorare una *** pazzesca che non sarebbe venuta in mente neanche a Sanchino , credo che sarete d’accordo con me , sulla giustezza di potergliela ricacciare nel gozzo . Ora ve lo dimostrerò : Credo che sia fuori da ogni dubbio alcuno che il Cazzaro partenopeo dica :” Imitiamo Trump e coinvolgiamo il centrodestra “. Secondo il Cazzaro napoletano questa affermazione sarebbe stata fatta , in una intervista , da Ettore Rosato, Leopoldino e Presidente di Italia Viva . Ovviamente questa affermazione , Rosato , non l’ha mai fatta nell’intervista alla Verità, bensì e’ il titolo che il giornalista ha dato all’Intervista stessa . Ovviamente il Cazzaro non ha letto un caz.z.o ma , da idio ta patentato , si e’ buttato a capofitto nella speranza di vedere molto attenuata la grave patologia che lo affligge. Naturalmente potrei sbagliarmi e se il Cazzaro e’ in grado di smentirmi facendomi notare dove e quando , Rosato , avesse testualmente pronunciato dette parole , gliene sarei grato e mi scuserei . In caso contrario sarebbe lodevole e meritevole che il Cazzaro chiedesse scusa per aver immesso sul forum l’ennesima caga ta trasformata in bufala . Per completezza di informazione invio un mini passo della intervista di Ettore Rosato dove appare la parola Trump. Condivide gli elogi alla Cina? Solo Donald Trump sta incalzando il Dragone sui ritardi nell'allerta. «Il senso di responsabilità dovrebbe indurre un Paese a denunciare immediatamente possibili epidemie. Su questo dobbiamo essere fermi, anche se dalla Cina, come da tanti altri Paesi, ci sta arrivando molta solidarietà».
  15. Funziona così : Renzi dice una cosa nell’interesse dell’Italia da buon statista come e’ . Il giorno dopo lo attaccano tutti !! Dai fascisti ai leghisti passando dai comunisti di vario status e livello . I bravi ragazzi stellati non ne parliamo nemmeno . Sul forum un ex archibugiatore fallito ed ora passato a rimpolpare le fila della servitù di un pallone gonfiato di Napoli , addirittura si permette di fare , da idio ta , un post dal vago sapore ironico al quale il Cazzaro di Napoli risponde “ da par suo” con un chilometrico post per esaltare pure il Compagno comunista comunitarista Giuseppi Conte. Poi succede che al secondo giorni tutti iniziano a dire la stessa cosa detta da Renzi , e poi , nel giro di pochi giorni , la fanno . Adelante Leopoldino , continuiamo così. Saluti
  16. La cosa e’ molto diversa , idio ta !! Io ho inviato un post con il testo e l’ altro , senza testo rappresenta soltanto l’inavvertenza , banale , di aver premuto il tasto invio senza aver inserito il testo. Lei , invece , ha dimostrato di essere un super ebe te inserendo nel post una foto che non si apriva e costringendola ad intervenire successivamente per rimediare all’errore , questo si non banale, ma sostanziale dal momento che senza la foto il post sarebbe stato una caga ta ancora più maleodorante di quelle che , di solito emette soprattutto ora che ha lo sfintere lesionato.
  17. Ma vai a caga re , idio ta !! Ed allora se era già stato fatto da altri perché non l’hai denunciato ed invece , ebe te , hai aspettato l’intervista di Renzi pee fare un post di dileggio ?? Te lo dico io : 1) Perché nessuno mai aveva parlato di ritorno graduale nel mese di Aprile 2) Perché te non volevi perdere la priorità acquisita di essere considerato un ebe te !!
  18. Uno dei più rinomati ed ascoltati fisici teorici in Europa : il Prof Ricci-Tersinghi . Altro che il Cazzaro Napoletano : Ha ancora senso fare l'analisi dei dati forniti dalla Protezione Civile? Anche se la domanda può sembrare provocatoria, è un po' di tempo che me la pongo seriamente, vista la distorsione tra i dati che ci vengono forniti e la situazione reale. Vi anticipo che la risposta è ancora affermativa (anche perché sono praticamente gli unici dati a nostra disposizione 😉), ma l'analisi deve essere fatta "cum grano salis" e non dobbiamo trarne conclusioni affrettate. Il post che segue è lungo, ma spero contenga *** utili per chi ha la pazienza di leggerlo 🙂 È oramai chiaro che molti dei dati ufficiali sono sottostimati. Della sottostima nel numero dei contagiati ne avevo già parlato qualche giorno fa e il fattore di sottostima è almeno pari a 5, ma forse piú probabilmente vicino a 10. I dati forniti recentemente dal Comune di Nembro sul numero di decessi, che Luca Foresti mi ha gentilmente condiviso, ci mostrano che nelle zone piú colpite anche il numero dei decessi è fortemente sottostimato. Sapendo che a Nembro nei 5 anni passati (dal 2015 al 2019) è avvenuto in media un decesso ogni 2.5 giorni circa, è facile calcolare l'eccesso dei decessi rispetto a questo valore medio (dati rossi nella prima figura) e confrontarlo con il numero *** di decessi da Covid-19 (dati blu in figura). È evidente il fattore 4 di sottostima già evidenziato da un articolo di Luca Foresti sul Corriere: i dati ufficiali contano 31 decessi, mentre i decessi reali (in eccesso su quelli che avremmo avuto senza l'epidemia) sono ad oggi 118, ovvero l'1% della popolazione di Nembro! 😞 Questo fattore di sottostima è certamente molto severo e dovuto al fatto che Nembro è uno dei focolai importanti dell'epidemia, ma nella vicina Bergamo il fattore di sottostima è circa 2.5 come afferma il sindaco Gori. Tuttavia le curve che interpolano i dati in figura (funzioni logistiche) ci dicono anche che il comportamento dei dati reali e quello dei dati in nostro possesso sono qualitativamente molto simili. Le differenze sono nel fattore di sottostima dei numeri assoluti (importantissimo perché stiamo parlando di persone!) e nella posizione del "picco", ovvero del momento in cui si ha il massimo numero di decessi giornalieri: il picco (indicato con un triangolo in figura) arriva prima nei dati blu perché la sottostima peggiora man mano che si ha un maggior numero di casi da gestire e da contare. Dopo queste doverose (e dolorose!) premesse sulla sottostima dei decessi, possiamo tornare a guardare i dati nazionali, sapendo che sono un immagine "distorta" della realtà, specialmente nelle zone piú colpite che sono quelle che contribuiscono maggiormente al totale nazionale. Tuttavia è l'unica immagine che abbiamo della situazione attuale, fino a che non ci verranno forniti dati piú accurati. Il secondo grafico è il solito già visto piú volte in cui confronto i decessi in Italia con quelli nella provincia di Hubei 39 giorni prima (questi secondi sono moltiplicati per un fattore 2.5 perché se la Cina avesse la stessa distribuzione di età che c'è in Italia il numero di decessi atteso sarebbe stato maggiore di due volte e mezzo). La curva che interpola i dati italiani è ottenuta con il modello che avevo ricavato dai dati cinesi all'inizio e che avevo smesso di usare quando forniva previsioni instabili. Ora sembra essere piú stabile e possiamo provare ad usarla per stimare la posizione del famoso picco. La terza figura mostra che il picco potrebbe effettivamente arrivare la prossima settimana, ma ci dice anche che, se le previsioni di questo modello sono corrette, il picco è molto largo! Ovvero potrebbero passare ancora molti giorni prima di vedere una decrescita sensibile nel numero di decessi. La mia speranza è che le restrizioni iniziate il 10 marzo mostrino a breve i loro effetti sui decessi (il tempo medio tra contagio ed eventuale decesso è stimato in 25 giorni) e i dati italiani possano seguire un andamento piú simile a quello che si è avuto in Hubei (punti rossi), dove la decrescita è ben piú marcata. Ma la domanda forse piú interessante oggi è se il distanziamento sociale iniziato (seppure in forma non rigidissima) il 10 marzo stia avendo un effetto sulle regioni del centro-sud che a quella data erano ancora relativamente poco colpite dall'epidemia. Non possiamo di certo guardare al numero dei decessi (che hanno ritardo di 25 giorni), ma possiamo analizzare il numero di nuovi casi confermati e il numero delle nuove ospedalizzazioni. Sappiamo che il numero dei casi confermati è ben inferiore al numero dei casi veri, ma se il rapporto tra i due è costante nel tempo possiamo ancora usare il primo per capire se il secondo smette di crescere. Tuttavia esiste un altro fattore importante: il numero dei casi confermati può dipendere molto da quanti tamponi vengano effettuati. Nella quarta figura mostro il rapporto tra i casi confermati e il numero di tamponi effettuati in diverse regioni italiane. Considerando che ogni paziente viene testato almeno un paio di volte, se questo numero si avvicina a 0.5 vuol dire che si fanno tamponi solo ai pazienti positivi e quindi il numero dei casi confermati dipende quasi esclusivamente dal numero dei tamponi fatti (e quindi non è buono per stimare il numero vero degli infetti). Vediamo che le regioni maggiormente colpite (tranne il Veneto) riportate in rosso hanno valori di questo rapporto molto alto. Invece le regioni del centro-sud riportate in blu (piú il Veneto) hanno valori molto piú bassi e questo ci permette di assumere che il numero dei casi positivi sia direttamente legato al numero vero degli infetti (piú che dal numero dei tamponi). Nella quinta figura mostro quindi il numero dei nuovi casi positivi per alcune delle regioni del centro-sud. Nonostante le forti fluttuazioni (che ho mitigato facendo una media su due giorni consecutivi) negli ultimi 10 giorni abbiamo assistito ad un chiaro rallentamento rispetto alla crescita esponenziale iniziale (il grafico è in scala logaritmica) e da allora il numero dei nuovi casi si è mantenuto piú o meno costante nel tempo. Un segnale simile si vede anche nel numero dei nuovi ospedalizzati (mostrati nella sesta ed ultima figura), anche se qui le fluttuazioni sono ancora piú forti. Quello che vediamo in queste ultime due figure potrebbe essere l'effetto delle misure restrittive del 10 marzo. I tempi sono quelli giusti. Tuttavia i nuovi casi non sembrano ancora diminuire e l'interpretazione piú semplice è che tali misure restrittive (o il modo in cui sono state messe in atto dalla popolazione) non siano sufficienti a rendere R0 (il fattore di riproduzione dell'epidemia) minore di 1. Al momento è come se queste regioni si trovassero su un altopiano piú che aver raggiunto un picco. Speriamo che l'inasprimento delle misure restrittive avvenuto circa una settimana fa induca finalmente una netta diminuzione nel numero dei nuovi casi e si possa vedere la luce alla fine del tunnel! Rimane poi da discutere come allentare le misure restrittive, ma di questo se ne parlerà parecchio in futuro... Per ora cerchiamo di rispettare al meglio il distanziamento sociale. Dai che ce la facciamo!
  19. Ma e’ veramente possibile sentire caz.z.ate del genere ?? Ecco, immaginate il dramma del Coronavirus senza le Regioni e con solo la responsabilità in mano al Livello Centrale . Avremmo il doppio dei morti , lentezze ad ogni livello , disorganizzazione totale , decisioni non prese e/o prese e smentite il giorno successivo. In pratica il caos . Grazie alle regioni ed alla loro autonomia si e’ fatto fronte anche se in modo non totale. Le Regioni hanno acquistato mascherine , guanti ed attrezzature per loro conto. Uguale per i respiratori , hanno avviato ipotesi e costruzioni di ospedali da campo , ampliato padiglioni atti ad ospitare luoghi di terapie intensive , coordinato ed organizzato i mezzi di soccorso , ampliato e delocalizzato i Triage di Pronto Soccorso. Ecco , ora , tutto quel citato sopra , immaginatelo in capo ed in forza solo da Roma e tirate fuori le eventuali conseguenze . Inizio io : Sarebbe una Catastrofe . fosforo311 59 857 messaggi Inviata 13 ore fa · Per me le Regioni come organi elettivi vanno ABOLITE. É la prima riforma costituzionale da mettere in cantiere dopo la bufera ......Le Regioni in scadenza VANNO COMMISSARIATE. E l'emergenza sanitaria è una ragione in più per farlo. Questa delle Regioni è da 50 anni una zavorra terribile per il Paese. Ora basta!
  20. Lei ha un brutto difetto , sa Sanchino ?? Lei si crede il Segretario del Cazzaro di Napoli mentre invece e’ solo il suo Servo. Su, mi vada a chiamare il Principale che parlo solo con lui . Su , e di corsa !!
  21. Non sto indicando una data. Sto dicendo che è arrivato il momento di ragionare su come riaprire. I leader devono guidare, non inseguire, non sono dei follower. Altrimenti la politica diventa populismo e si seguono solo i sondaggi. E allora è un discorso di verità quello che io faccio. Con il Covid-19 siamo chiamati a convivere per un anno, forse due, questo non lo dice nessuno. Dobbiamo attendere il vaccino. Immaginiamo di stare chiusi in casa con la gente che fa la fame o troviamo un modo per gestire questa fase? Possibile che nessuno comprenda la drammatica importanza di questa domanda? Possibile che si debba minimizzare questo problema così grave? Matteo Renzi
  22. E siccome ai somari bisogna portare la biada ti condenso le parole di Renzi Non sto indicando una data. Sto dicendo che è arrivato il momento di ragionare su come riaprire. I leader devono guidare, non inseguire, non sono dei follower. Altrimenti la politica diventa populismo e si seguono solo i sondaggi. E allora è un discorso di verità quello che io faccio. Con il Covid-19 siamo chiamati a convivere per un anno, forse due, questo non lo dice nessuno. Dobbiamo attendere il vaccino. Immaginiamo di stare chiusi in casa con la gente che fa la fame o troviamo un modo per gestire questa fase? Possibile che nessuno comprenda la drammatica importanza di questa domanda? Possibile che si debba minimizzare questo problema così grave? Matteo Renzi
  23. Ah , siccome temo che tu non capisca un caz.z.o , ti informo che Renzi e Burioni stanno dicendo la stessa ed identica cosa . Chiaro Sanchino ?? Così come la dice Lopalco. E’ ancora chiaro . Servetto ??
  24. Sei oltre che idio ta con il kuletto rotto pure un falso e bugiardo. Ecco quel che ha detto Burioni : «Dobbiamo cominciare a pensare a una ripresa delle nostre vite: non possiamo pensare di stare in casa al fine di rimanere in casa per sempre. Però in questo momento la situazione è ancora talmente grave da rendere difficile qualunque progetto di riapertura a breve». Lo scrive su twitter il virologo Roberto Burioni con riferimento alla proposta di Matteo Renzi di riaprire le fabbriche prima di Pasqua.