monello.07

  • Numero messaggi

    2680
  • Registrato

  • Ultima Visita

Messaggi pubblicate da monello.07


  1. 1 minuto fa, monello.07 ha scritto:

    Il presidente francese e la cancelliera tedesca da Ginevra hanno invitato a introdurre in tutta l'Unione una "retribuzione minima comparabile", stabilita in base a parametri come il tenore di vita nei singoli Paesi. Il M5s ha inserito la proposta nel programma delle Europee: "Accogliamo con favore la loro posizione". Tra i 28, solo in Italia e in altri 5 Stati non esiste una paga minima

    eppure il sindacato è contrari sarà perchè loro guadagnano di più o perchè la proposta non è partita da loro ?

    cosa dice il PD dopo aver tolto l'art. 18 ?

     


  2. Il presidente francese e la cancelliera tedesca da Ginevra hanno invitato a introdurre in tutta l'Unione una "retribuzione minima comparabile", stabilita in base a parametri come il tenore di vita nei singoli Paesi. Il M5s ha inserito la proposta nel programma delle Europee: "Accogliamo con favore la loro posizione". Tra i 28, solo in Italia e in altri 5 Stati non esiste una paga minima

    eppure il sindacato è contrari sarà perchè loro guadagnano di più o perchè la proposta non è partita da loro ?


  3. 22 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

    copio e incollo

     

    La differenza tra uno statista e un populista si può riassumere, in estrema sintesi, in un semplice concetto.

    Lo statista si eleva sul popolo che ha il compito di governare, quando è il caso si assume la responsabilità di decisioni impopolari, parla al cervello delle persone, spiega chiedendo uno sforzo di comprensione e soprattutto, in taluni casi, di alzare il livello mentale e culturale, articolando i ragionamenti.

    Il populista rimesta nel torbido dei peggiori istinti giacenti nella pancia della gente, propone la soluzione più facile e immediata, meglio se riassumibile in uno slogan o in un tweet, seguono panino e rutto libero. Con il populista la gente non deve sforzarsi di ragionare, ma è convinta di aver ragione: azione e razione. Immediata, nel senso di non mediata.

    Queste sono le riflessioni che mi ha suggerito la lettura dell'esito dell'autopsia eseguita sul corpo di Ion Stavila, il moldavo ucciso la notte di venerdì scorso da un tabaccaio alle porte di Ivrea: parrebbe che il commerciante abbia sparato al giovane dall'alto, dal balcone, alle spalle, cosa questa che contrasterebbe con la versione fornita dallo stesso, secondo il quale ci sarebbe stata una colluttazione con il ladro.

    La migliore interpretazione del caso la fornisce un esponente del PD: “Se fosse vero che il tabaccaio di Ivrea ha sparato dall’alto e alle spalle saremmo di fronte alle prime due vittime delle menzogne di Salvini sulla legittima difesa. Il ladro, sanzionato per un furto con la pena di morte direttamente eseguita sul posto, e il tabaccaio, ingannato dalla propaganda del governo, che si ritrova indagato per omicidio volontario. Perché anche oggi, nonostante la riforma, la difesa è legittima solo a certe condizioni, e non può mai trasformarsi in giustizia fai da te”.

    Prevedibile come il buio a mezzanotte, invece, il commento del populista, il ministro della Paura: “Fermo restando il rispetto per le indagini, io sono e sarò sempre al fianco dell’aggredito e non del rapinatore. In torto c’è il rapinatore e non l’aggredito. Lascio ai giudici stabilire chi ha ha fatto cosa, ma ribadisco che sto con chi è aggredito, il mestiere del ladro è pericoloso”.

    Lo statista invece avrebbe detto: "Comprendo la rabbia per il furto e per gli episodi di microcriminalità, ma la legittima difesa può ricorrere solo e soltanto quando in pericolo c'è la vita di una persona, non la roba custodita in una tabaccheria. Per il furto il nostro codice penale prevede sanzioni precise, che non è la pena di morte da eseguirsi sul posto con il tiro al ladro dal balcone. La giustizia non è un concetto fai da te ma è mediata e amministrata dallo Stato, che io qui rappresento, nei modi e nei termini stabiliti dalla legge.".

    Il commento del populista aizza la rabbia e l'odio della gente e ci proietta in una spirale sempre più cupa e pericolosa, il cui esito finale è difficile da prevedere. Quello dello statista, ahimè solo immaginato da chi scrive, avrebbe indotto la gente a qualche dissenso immediato, ma avrebbe stimolato la riflessione e il dibattito e, soprattutto, avrebbe difeso a spada tratta lo stato di diritto. E il diritto dello Stato di amministrare la giustizia.

    in italia gli unici statisti sono quelli che lavorano x lo stato !

    1 persona mi piace questo

  4. 4 ore fa, sempre135 ha scritto:

    Essere vivi significa risalire la china....non illuderti troppo...la lezione avuta con il berlu dovrebbe insegnare...è stato anche più in alto del salvi, poi è dovuto scappare, dando la colpa ad altri naturalmente...adesso aspettiamo con questo altro inquisito....

    ripeto se perdere voti significa risalire la china ribuona fortuna !


  5. Il vicepremier non ha specificato quale aliquota dovrebbe versare chi dichiara. Di per sé l'idea dell'emersione del contante non è nuova: era prevista già dalla voluntary disclosure bis del governo Renzi. Ebbe scarso successo perché bisognava dichiarare che i valori non derivavano da reati. E secondo il procuratore di Milano Francesco Greco si tratta “sempre” di “denaro di provenienza illecita”. Marattin (Pd): "L'avevamo detto che sarebbero arrivati a toccare i risparmi degli italiani. Irresponsabili"

    Io non sono leghista ma, sta proposta mi sembra di sx (chi più ha più deve pagare e le cassette di sicurezza non credo che sia un privilegio dei poveri) probabilmente  il marat non è di sx !


  6. 5 minuti fa, ildi_vino ha scritto:

    Che Solinas debba dimettersi lo dice la Legge o ancora meglio la Costituzione e, se fosse capitato ad altri avrebbero fatto un c@asino nero. Basta vedere cosa è successo a Mura che aveva più presenze di Solinas.

    Quando però si tratta di celomolli, bisogna fare le cose con calma.

    La realtà è che hanno una paura pazza di aver fatto tanto clamore e averne raccontate tante per poi rischiare di non vedere celomolli eletto. Per loro non poter fare mangiucchi nelle coste e sulla Sanità (c'è da gestire il megaospedale degli sceicchi a Olbia) sarebbe uno smacco pazzesco. Hanno perfino mandato le truppe padane in forze.

    scusa la colpa è di chi li ha votati e probabilmente con nuove elezioni li rivoteranno siamo italiani gli stessi che con mussolini erano tutti fasci poi persa la guerra sono diventati tutti antifascio !


  7. 19 ore fa, pm610 ha scritto:

    Sarebbe   quello  di mai con nessuno  alleanze  e se   il 5s  va  con  la  lega  me  ne vado  io... ma  i cialtroni  che  dicono e  poi non fanno sono  altri 

      L'immagine può contenere: 1 persona, con sorriso

     

    beata ignoranza italiana specie in una nazione dove le raccomandazioni valgono molto più delle capacità,  non dico che draghi è un raccomandato ma fare dei paragoni in una nazione dove con 100 euro ti compri la laurea con 110 e lode veramente è da popolino.


  8. 4 ore fa, ildi_vino ha scritto:

    Il discorso è molto più semplice di quanto sembra.

    I celomolli sono scesi in campo con lo scopo ben preciso di mettere le mani sulla Sardegna, prendendosi con l'11% dei voti tutte le cariche più importanti e arrivando a mettere i loro uomini chiave negli assessorati, addiritura importandoli direttamente dalla Lombardia. Una vera colonizzazione forse con l'intento di mettere le mani nelle coste.

    Il problema però è che c'è un ricorso in atto e la Lega rischia di vedersi annullata la lista e di non aver nessun celomolle eletto, vedendosi scombinati tutti i loro piani.

    Da un punto di vista numerico per il centrodestra non cambierebbe nulla ma, siccome si tratta di una squadra di pescicani e squali peggio di loro, in realtà cambierebbe tutto in quantoi loro "alleati" non gli lascerebbero neanche un osso.

    Se il ricorso dovesse andare in un certo modo, vogliono arrivare a nuove elezioni.

    Per cui i 3500 euro regalati a Solinas sono l'aspetto che gli interessa meno di tutti.

    https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://notizie.tiscali.it/politica/articoli/senatore-solinas-incompatibile/amp/&ved=2ahUKEwiCze_pnuHiAhWBPOwKHcLhDqUQ0PADMAF6BAgHEAo&usg=AOvVaw3c63Lq88i9vrXjBhXe_yKf&ampcf=1

    certo se i soldi fossero loro no nostri e, anche 1 euro tolto al popolo negli altri paesi li farebbero dimetterei.


  9. 5 minuti fa, fosforo41 ha scritto:

    Mentre il venditore d'aria fritta di turno, stipendiato da ministro (dei miei stivali), saltella da mane a sera da un palco a uno studio televisivo, cioè da un comizio in piazza a uno in tv, e viene per questo premiato dal popolo bue più bue e più pecora di tutti i luoghi e di tutti i tempi, c'è ancora in Italia un ministro serio che LAVORA. Lavora nell'ombra, con umiltà ma con serietà e fermezza. E i risultati CONCRETI arrivano, anche se i media della conservazione li occultano. Quante volte abbiamo sentito ministri del Lavoro o dello Sviluppo Economico promettere: mi siederò al tavolo e battero i pugni? Poi puntualmente si calavano le brache davanti al capitalista di turno. Quando mai abbiamo visto un ministro minacciare una potente multinazionale: se chiudi questa fabbrica ti facciamo uscire dal buco del kulo fino all'ultimo centesimo dei contributi pubblici che hai ricevuto, non solo per quella fabbrica ma per tutte le altre che hai in Italia? A mia memoria non era MAI accaduto. MAI, negli ultimi decenni, un segretario o una segretaria nazionale della FIOM si era complimentato con il ministro al suo fianco in un tavolo sindacale, per una difficile vertenza, definendolo MINISTRO AUTOREVOLE. Signori, questo è un ministro vero!

    https://youtu.be/WJjuFfwNQVY

    Ebbene, L'AUTOREVOLEZZA E LA FERMEZZA DEL MINISTRO LUIGI DI MAIO HANNO PIEGATO LA WHIRPOOL, LA MULTINAZIONALE AMERICANA CHE VOLEVA CHIUDERE UNA GRANDE FABBRICA A NAPOLI. La Whirpool fa marcia indietro, Di Maio ha salvato 800 posti di lavoro tra dipendenti e indotto.  

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/06/11/whirlpool-non-chiuderemo-a-napoli-di-maio-firma-gli-atti-per-la-revoca-degli-incentivi-tornino-a-piu-miti-consigli/5247664/

    LUIGI UNO DI NOI! oggi cantano in corteo le operaie e gli operai della Whirpool di Napoli. Mi sembra ieri, io c'ero, ma sono passati quasi 43 anni dal giorno in cui una folla oceanica alla Mostra d'Oltremare, a Fuorigrotta, acclamava: ENRICO UNO DI NOI! Caro Enrico, te ne sei andato 35 anni fa, NESSUNO ha saputo sostituirti, NESSUNO mai più come te nella politica italiana. Ma oggi un giovane ministro della città che tanto amavi, e per la città che tanto amavi, ha onorato degnamente la tua memoria. 

     

     

     

     

    non dimenticare se sta ancora lì è grazie ai 40.000 della piattaforma che l'hanno confermato mentre 6 milioni l'avevano bocciato, in un partito seri si sarebbe dimesso poi non ci lamentiamo se renzi sta ancora in politica se facciamo come loro o ancor di più come i preti "non farlo tu perchè devo farlo ssolo io" molta incongruenza che  si paga e, non mi meraviglierei se prima o poi l'ala sx del movimento si sgancia da chi pende a dx.

     


  10. In questo momento, fosforo41 ha scritto:

    Mentre il venditore d'aria fritta di turno, stipendiato da ministro (dei miei stivali), saltella da mane a sera da un palco a uno studio televisivo, cioè da un comizio in piazza a uno in tv, e viene per questo premiato dal popolo bue più bue e più pecora di tutti i luoghi e di tutti i tempi, c'è ancora in Italia un ministro serio che LAVORA. Lavora nell'ombra, con umiltà ma con serietà e fermezza. E i risultati CONCRETI arrivano, anche se i media della conservazione li occultano. Quante volte abbiamo sentito ministri del Lavoro o dello Sviluppo Economico promettere: mi siederò al tavolo e battero i pugni? Poi puntualmente si calavano le brache davanti al capitalista di turno. Quando mai abbiamo visto un ministro minacciare una potente multinazionale: se chiudi questa fabbrica ti facciamo uscire dal buco del kulo fino all'ultimo centesimo dei contributi pubblici che hai ricevuto, non solo per quella fabbrica ma per tutte le altre che hai in Italia? A mia memoria non era MAI accaduto. MAI, negli ultimi decenni, un segretario o una segretaria nazionale della FIOM si era complimentato con il ministro al suo fianco in un tavolo sindacale, per una difficile vertenza, definendolo MINISTRO AUTOREVOLE. Signori, questo è un ministro vero!

    https://youtu.be/WJjuFfwNQVY

    Ebbene, L'AUTOREVOLEZZA E LA FERMEZZA DEL MINISTRO LUIGI DI MAIO HANNO PIEGATO LA WHIRPOOL, LA MULTINAZIONALE AMERICANA CHE VOLEVA CHIUDERE UNA GRANDE FABBRICA A NAPOLI. La Whirpool fa marcia indietro, Di Maio ha salvato 800 posti di lavoro tra dipendenti e indotto.  

    https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/06/11/whirlpool-non-chiuderemo-a-napoli-di-maio-firma-gli-atti-per-la-revoca-degli-incentivi-tornino-a-piu-miti-consigli/5247664/

    LUIGI UNO DI NOI! oggi cantano in corteo le operaie e gli operai della Whirpool di Napoli. Mi sembra ieri, io c'ero, ma sono passati quasi 43 anni dal giorno in cui una folla oceanica alla Mostra d'Oltremare, a Fuorigrotta, acclamava: ENRICO UNO DI NOI! Caro Enrico, te ne sei andato 35 anni fa, NESSUNO ha saputo sostituirti, NESSUNO mai più come te nella politica italiana. Ma oggi un giovane ministro della città che tanto amavi, e per la città che tanto amavi, ha onorato degnamente la tua memoria. 

     

     

     

     

    bhe non allarghiamoci paragonare di maio a berlinguer è una bestemmia specie oggi nell'anniversario della sua morte, poi se sono arrivati a questo anche perchè non ha effettuato i controlli periodici visto che inseguiva salvini, forse x portargli il caffè ?


  11. 6 ore fa, mark222220 ha scritto:

    Ed allora vi dico benvenuti !!  Anche due insospettabili se ne sono accorti . Il liberalismo sarà pure in crisi ma Tsipras e Landini hanno capito  non solo che e’ insostituibile ma che oltre il liberalismo c’è solo l’illiberalismo che poi non e’ altro che una democrazia un po’ trombona adatta agli storioni , un miscuglio di nazionalismo razzistoide con tendenza al fascismo e senza diritti . Bene , sono contento !! Spero che Dio ( ammesso che esista ) ne moltiplichi a dismisura di coloro che imparano dai propri errori . Dubito che , almeno su questo forum , questa tendenza possa fare presa visto quei 2/3 idio ti che ancora credono che quella spiegazione di sx diversa , moderna , adeguata ai tempi  che viviamo e che propone il PD, non sia sx ma gettarsi mani e piedi nelle braccia del nemico capitalista , del padrone , degli affamatori del popolo. Detto ciò e ribadito il benvenuto ai citati nel titolo , non posso che apprendere con soddisfazione che l’annuncio mortuario lanciato da qualche mentecatto sulla scomparsa del PD era roba da pete come facilmente avevo previsto. Piano piano il PD  si sta rialzando e comincia a dare non più solo e soltanto segni di vita ma qualcosa di molto di piu’. Intanto , mi sembra chiaro , si pone come l’unico baluardo allo strapotere della dx in chiave e salsa leghista . Non posso immaginare come sarebbe oggi il Paese senza la sostanziale tenuta del PD , con i “compagni “ dei 5 stelle che oramai , per sete di potere e di poltrona , oltre che di costituzione antropologica del Dna , sono solo una variazione di tema di un’altra destra . Fortunatamente , e come era previsto abbondantemente , i 5 stelle basta fargli governare appena un po’ e si sciolgono come neve al sole e come hanno dimostrato le ultime amministrative degli ultimi mesi ed alle recentissime Europee. Succederà uguale uguale anche alle politiche quando e come andremo a votare la prossima volta . Ci sarà solo da augurarci che i danni che questi ebe ti , inetti ed incapaci , lasceranno , non siano macerie e danni al limite del sopportabile . Infine una notazione per la mia Toscana che non solo ha retto ma ha respinto con forza l’urto razzoleghistebete e soprattutto nella mia provincia dove il PD ha prevalso su 23 su 23 comuni interessati a voto e dove la Lega , alleata con la dx , partiva favorita in almeno la metà dei comuni interessati al voto . La Toscana conferma di essere l’unica regione dell’Italia centro settentrionale che non si fa abbindolare da Salvini e dalla sua spregevole politica . Spero che diventi il laboratorio dell’Italia tutta . Saluti 

    toc toc c'è mastrandrea ? no bussate più sopra !  risate.gif1..gif


  12. 6 ore fa, mark222220 ha scritto:

    Ed allora vi dico benvenuti !!  Anche due insospettabili se ne sono accorti . Il liberalismo sarà pure in crisi ma Tsipras e Landini hanno capito  non solo che e’ insostituibile ma che oltre il liberalismo c’è solo l’illiberalismo che poi non e’ altro che una democrazia un po’ trombona adatta agli storioni , un miscuglio di nazionalismo razzistoide con tendenza al fascismo e senza diritti . Bene , sono contento !! Spero che Dio ( ammesso che esista ) ne moltiplichi a dismisura di coloro che imparano dai propri errori . Dubito che , almeno su questo forum , questa tendenza possa fare presa visto quei 2/3 idio ti che ancora credono che quella spiegazione di sx diversa , moderna , adeguata ai tempi  che viviamo e che propone il PD, non sia sx ma gettarsi mani e piedi nelle braccia del nemico capitalista , del padrone , degli affamatori del popolo. Detto ciò e ribadito il benvenuto ai citati nel titolo , non posso che apprendere con soddisfazione che l’annuncio mortuario lanciato da qualche mentecatto sulla scomparsa del PD era roba da pete come facilmente avevo previsto. Piano piano il PD  si sta rialzando e comincia a dare non più solo e soltanto segni di vita ma qualcosa di molto di piu’. Intanto , mi sembra chiaro , si pone come l’unico baluardo allo strapotere della dx in chiave e salsa leghista . Non posso immaginare come sarebbe oggi il Paese senza la sostanziale tenuta del PD , con i “compagni “ dei 5 stelle che oramai , per sete di potere e di poltrona , oltre che di costituzione antropologica del Dna , sono solo una variazione di tema di un’altra destra . Fortunatamente , e come era previsto abbondantemente , i 5 stelle basta fargli governare appena un po’ e si sciolgono come neve al sole e come hanno dimostrato le ultime amministrative degli ultimi mesi ed alle recentissime Europee. Succederà uguale uguale anche alle politiche quando e come andremo a votare la prossima volta . Ci sarà solo da augurarci che i danni che questi ebe ti , inetti ed incapaci , lasceranno , non siano macerie e danni al limite del sopportabile . Infine una notazione per la mia Toscana che non solo ha retto ma ha respinto con forza l’urto razzoleghistebete e soprattutto nella mia provincia dove il PD ha prevalso su 23 su 23 comuni interessati a voto e dove la Lega , alleata con la dx , partiva favorita in almeno la metà dei comuni interessati al voto . La Toscana conferma di essere l’unica regione dell’Italia centro settentrionale che non si fa abbindolare da Salvini e dalla sua spregevole politica . Spero che diventi il laboratorio dell’Italia tutta . Saluti 

    e, dopo pomicino  ci mancano solo de mita e mastella  ahahahah ! Volete fare concorrenza al CDX di lega, fdi e berlusconi ?


  13. 1 ora fa, cortomaltese-*** ha scritto:

    L'elettorato è liquido......

    2008: Berluscao al 38%

    2014: Renzigno al 41%

    2018: De Mejor al 33%

    2019: Salvigno al 34%

    Bastano pochi anni per cadere dalle stelle alle stalle......anche per un sacco di letame.

    una picoola grande differenza renzi e salvini hanno ottenuto queste percentuali alle europee dove al max vanno a votare il 50% degli aventi diritto che rispetto alle politiche dove vanno a votare il 75% quindi quel 41 e il 34 devi moltiplicarlo x 2 e dividerlo x 3 quindi il 41 diventa 27% e il 34 diventa appena il 22% quindi x avere dei dati coerenti i raffronti bisogna farli omogenei, amministrative con amministrative, europee con europee e politiche con politiche il resto solo una presa in giro !.


  14. 2 ore fa, sempre135 ha scritto:

    Il P.D. sembrava già morto ed invece dimostra di essere ben vivo, forse non nella forma migliore, però c'è, il P.D. non ha un leader inquisito tipo il salvi, ne si presenta in Parlamento chiedendo di essere salvato, come ha fatto il salvi, questo è un momento d'oro per la dx come lo fù con il berlu, aspettiamo un altro pò, e vedrai che farà lo stesso capitombolo.....

    se per essere vivo significa perdere regioni, comuni e voti buona fortuna !


  15. e quello che ha detto calendino non so cosa sia peggio, per lui  l'abbassamento delle tasse si dovrebbe fare solo a chi guadagna 20.000 25.000 euro annui li ha chiamati classe media quindi la classe media sono coloro che guadagnano 1200/1300 euro netti al mese certo chi invece ne guadagna 2000 può considerarsi ricco, oltretutto già con il non adeguamento delle rivalutazioni delle pensioni chi ha versato più contributi trà non molto prenderà la stessa pensione di chi ne ha versati meno ma con quest'altra grande pensata anche chi non ha versato contributi a breve prenderebbe gli stessi importi di chi invece di contributi ne versa tanti. Infine quando avrebbe in più in busta paga con la flatax al 15% un lavoratore che guadagna 25.000 euro annui ? Vediamo un reddito di 25.000 con il 15% pagherebbe  3.750 euro di tasse quindi il netto sarebbe (25.000-3750/13= 1635) un lavoratore che invece guadagna 35.000 euro annui (quindi secondo calendino un ricco) pagherebbe di tasse x i primi 15.000 euro il 23% 3.450 euro da 15.000 a 28.000 il 27% quindi 3.510 da 28.000 a 35.000 il 38% altri 2.260 euro tot (3450+3510+2660=9620) quindi 35.000 - 9620=25380 /13=1.950 quindi alla fine un lavoratore super specializzato rispetto ad un lavoratore normale prenderebbe qualcosina in più bhe si lamentano del RdC e vogliono fare anche peggio sinceramente meglio Renzi comunque se questi sono economisti io potrei fare il direttore della BCE !


  16. 2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

    E nonostante tutto il suo impegno, o meglio, più lei si impegna sig. Pm, più il capitone continua a vincere e ad aumentare i " mi piace".

     

    ancora non hanno capito che più parlano male del capitano e più sale il suo consenso mi sa che il berlusca non ha fatto scuola, più lo criticavano e la magistratura lo colpiva e, più aumentava i consensi ora che nessuno lo fila ha numeri da prefisso telefonico o quasi.