plutoneorbit

  • Numero messaggi

    90
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

7 Calma piatta

2 Followers

Su plutoneorbit

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno
  1. Un giudice distrettuale del New Hampshire, ha chiesto ad Amazon di consegnare qualsiasi traccia audio registrata su un Amazon Echo, in quanto secondo i pubblici ministeri l'altoparlante intelligente potrebbe essere fondamentale per ottenere delle prove in un caso di doppio omicidio. Le vittime, Christine Sullivan e Jenna Pellegrini, sono state trovate morte con ferite multiple sui corpi nel gennaio 2017, ed il PM ha accusato Timothy Verrill, un 36enne che si è sempre dichiarato non colpevole e è in attesa di processo nel maggio 2019. "Gli investigatori ritengono che Sullivan sia stata colpita nella cucina dove si trovava l'Echo, ed i pubblici ministeri ritengono che ci siano probabili ragioni per credere che l'altoparlante intelligente contenga delle prove, come registrazioni audio dell'attacco e gli eventi che l'hanno seguito" si legge in alcuni documenti presentati dai pubblici ministeri al tribunale ed ottenuti da CBS Boston. https://tech.everyeye.it/notizie/un-giudice-chiesto-registrazioni-amazon-echo-per-caso-omicidio-351435.html
  2. Alba è una bimba affetta da sindrome di down, è stata abbandonata in ospedale alla nascita e, prima di essere adottata, è stata scartata da ben sette famiglie. Tutto questo prima di trovare sulla sua strada il napoletano Luca Trapanese, 40 anni, single e gay. Alba, che oggi ha 18 mesi, è la protagonista del libro "Nata per te", in uscita per Einaudi e scritto a quattro mani da Luca Trapanese e Luca Mercadante. Il 40enne aveva fatto richiesta di adozione senza porre alcun limite, così il Tribunale ha scelto di affidargli la piccola Alba. "No, non avevo nessuna paura di adottare un bambino disabile" racconta Luca Questa è una bellissima storia d'amore fra padre e figlia https://www.leggo.it/italia/cronache/papa_gay_single_adotta_bimba_down_alba_8_novembre_2018-4093986.html
  3. Guardate che meraviglia! https://nerdmovieproductions.it/2018/11/05/lucca-comics-2018-ecco-le-foto-dei-migliori-cosplay/
  4. Desiree Mariottini, la ragazza di appena 16 anni trovata morta all'interno di uno stabile di via dei Lucani a Roma, nel quartiere San Lorenzo. Secondo quanto raccontato da due testimoni, la ragazza sarebbe stata venduta da una sua amica per una o due dosi di eroina. La sua amica, si sarebbe trovata all'interno dello stabile ed avrebbe assistito alla violenza senza muovere un dito. Dalle testimonianze anzi, emerge che la sua amica avrebbe dichiarato, mentre contrattava per lo scambio, che gli aguzzini potevano fare quello che volevano, anche avere rapporti sessuali. Una ragazza carina e a modo Desiree, come la descrivono gli stessi testimoni ascoltati da Fanpage. Non si drogava, non beveva, era sempre sorridente e cortese. Uno dei testimoni asserisce di averla vista nella stessa serata, attorno alle 20.30 in piazza. Nelle ore successive Desiree è stata violentata, drogata ed uccisa. E' pazzesco, ma potrebbe essere andata così, la polizia ha interrogato anche l'amica
  5. Da questa recensione è nata la curiosità di leggere questo fantastico libro, ve lo consiglio. E’ pieno di verve e humour l’ultimo romanzo di Kader Abdolah, scrittore iraniano perseguitato in patria e rifugiato in Olanda, intellettuale “liberal” fautore del multiculturalismo, premiato nei Paesi Bassi come scrittore di lingua olandese. L’autore alterna sapientemente passato e presente, rimbalzando di continuo dal saggio al romanzo. Al racconto fiabesco del viaggio, fanno da contrappunto le molte considerazioni politiche, sociali e culturali legate all’attualità: i profughi siriani, il dramma dell’immigrazione, il dilagare del populismo. Lo scià è capriccioso come un bambino, crudele come un despota, curioso come un sovrano illuminato, complessato come un provinciale. Scopre le nuove meraviglie del mondo e resta incantato di fronte ai prodigi della tecnica. Si diverte, si annoia, si irrita, si vergogna di se stesso e della propria inadeguatezza. Si espone a tante brutte figure. Delle 300 mogli, ne ha portate con sé “solo” sei, alle quali si è aggiunta clandestinamente la volitiva Banu – l’altra protagonista del romanzo – odiata dalle consorti ufficiali in quanto “sgualdrina”. Banu rappresenta la metafora della libertà, dell’intelligenza, del coraggio, dell’autodeterminazione della donna. Lo scià dapprima cerca di goderne, poi di tenerla a freno, infine di sopprimerla. Lungo il percorso, si libera via via delle mogli e di molti cortigiani, costringendoli a tornare a casa, e si sbarazza con la violenza di chi osa ostacolarlo. Solo l’indomita Banu riuscirà a sottrarsi al suo potere. https://www.ilfoglio.it/una-fogliata-di-libri/2018/08/01/news/uno-scia-alla-corte-d-europa-kader-abdolah-una-fogliata-di-libri-208219/
  6. «Ogni intervistatore vorrebbe sempre trovarsi di fronte candidati zelanti, che fanno domande argute, perché ciò denota proattività e interesse verso il ruolo, che sono fondamentali», assicura Robby Vanuxem, Managing Director per il Belgio della società internazionale di ricerca del personale Hays: ma alcune domande proprio non vanno fatte. La prima questione da non affrontare mai è la durata del colloquio. Può sembrare una domanda innocente, ma la risposta naturale è: "Ha qualcosa di meglio da fare?". «Anche un candidato può essere una persona impegnata, specialmente se ha già un lavoro, ma chiedendo quanto tempo dura l’intervista lo pone subito in una cattiva luce, ancor prima che questa sia iniziata», spiega Vanuxem. Attenzione, però, guardare ossessivamente l'orologio vale quanto porre la domanda. Non bisognerebbe fare nemmeno domande che denotano impreparazione: dovreste arrivare preparati, ma se non lo siete non aiutate l'intervistatore ad accorgersene. Piuttosto, rivolgete domande approfondite, per esempio per capire qual è la cultura aziendale e che tipo di opportunità di crescita ci siano. Non parlate di denaro, almeno che non vi sia fatta questa domanda esplicitamente. Ma non chiedete nemmeno la durata della pausa pranzo: ogni questione riguardante il "quanto" (aumento, promozione, ferie) va rigorosamente evitata. «Queste sono alcune delle domande peggiori che possiate rivolgere», conferma Vanuxem, «perché rischiate di dare un’idea sbagliata sulle vostre priorità, che nella prima fase devono essere esclusivamente ottenere il posto per cui siete candidati» Qui altri consigli utili http://www.businesspeople.it/Lavoro/Le-domande-da-non-fare-a-un-colloquio-di-lavoro-102579
  7. Un adulto su due in Italia soffre, in maniera più o meno grave, di caduta di capelli. Non solo un problema maschile, ma, seppur per cause diverse, anche femminile. Predisposizione genetica, stagionalità, stress e alimentazione possono essere alla base del problema. Dalla natura, e attraverso studi e test clinici “made in Italy”, arriva però un rimedio capace di contrastare la perdita dei capelli e favorirne la ricrescita e il rinfoltimento. La soluzione arriva dalla natura - Già dai primi anni 2000 si sono susseguiti diversi studi sul potenziale di una molecola, la Procianidina B2, contenuta nelle mele, come agente per la ricrescita dei capelli: i ricercatori del Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, dopo anni di test, hanno scoperto e realizzato AnnurtriComplex, sostanza funzionale capace di mantenere il bulbo pilifero in attività, contrastando la caduta dei capelli e aiutando la ricrescita. Ma che bello! A me piacciono moltissimo le mele annurche, ne mangerò ancora di più http://www.tgcom24.mediaset.it/na/annurkap/calvizie-un-rimedio-naturale-dalla-melannurca-igp-campana_3165358-201802a.shtml
  8. Questa è un'ottima decisione, hanno fatto benissimo, chissà a quanto possibili bravi medici è stato impedito di diventarlo con quegli assurdi test La misura, secondo la nota di Palazzo Chigi, è contenuta nella Legge di Bilancio che il governo ha approvato. Per l'anno accademico 2018-2019 sono stati oltre 67mila i partecipanti a test per accedere a medicina nelle università italiane dove erano a disposizione solo 9mila pos https://www.leggo.it/politica/news/medicina_test_numero_chiuso_abolito_16_ottobre_2018-4042908.html
  9. Un malore fulminante ha colpito stanotte Maurizio Zanfanti, detto Zanza, “re” dei vitelloni romagnoli, mentre consumava un amplesso con una straniera 23enne. Il suo nome era diventato un mito nella riviera romagnola. Così come i numeri delle sue avventure sessuali. Quasi 6000, si dice. Gentile, seducente, petto villoso e un look che non passava inosservato, il rubacuori tutto italiano fa breccia nelle fanciulle europee: la sua fama di latin lover supera i confini italiani. Le donne che ha avuto non si contano più: stando ad alcune indiscrezioni da lui stesso confermate, circa 200 a stagione. 120, invece, nei periodi di magra. In particolare nell’estate dell’88, a 33 anni, quando, complice anche il calo turistico nella zona, il vitellone romagnolo mise a segno meno colpi del solito. Il totale resta però spaventoso: quasi 6000 ragazze – svedesi, tedesche, inglesi, spagnole – hanno sperimentato il suo amore latino. “Ho perso il conto, ma ci può stare, considerando 35 anni di lavoro nei disco pub, dal Blow Up allo Chic a Rimini, poi il Garage a Cortina dove ancora arrivavano le scandinave quando in Romagna erano ormai ‘estinte'”, dichiarò Zanza in un’intervista non molto tempo fa. Il mito della Riviera divenne talmente famoso per le sue doti al punto che la BILD, uno tra i più importanti quotidiani tedeschi, decise di scrivere un articolo su di lui, facendo sognare centinaia di giovani. Come avrebbe potuto morire diversamente? http://www.teleclubitalia.it/149938/morto-zanza-durante-amplesso-200-ragazze-a-stagione-i-numeri-del-mito/
  10. Ha rinunciato a un gol per accertarsi delle condizioni di un avversario e poi ha raccontato il fatto alle telecamere sfoggiando un inglese impeccabile. Cristian Totti ha partecipato con la maglia della Roma alla Madrid Football Cup, torneo riservato alle migliori squadre Under 14 d’Europa, e si è preso gli applausi a scena aperta della Spagna per un "doppio" merito. I fatti: durante una partita il figlio dell’ex numero 10 giallorosso ha rinunciato a segnare un gol, dopo essersi scontrato con il portiere avversario che è rimasto infortunato alla testa. D’istinto Cristian si è fermato ed è andato a verificare le condizioni del pari età, mentre i compagni approfittavano della pausa per rinfrescarsi. Bravo e corretto, buon sangue non mente! https://sport.leggo.it/calcio/totti_figlio_partita_madrid-3979559.html
  11. Non comprate le cozze in questi giorni, e se le avete già acquistate non le mangiate. Le cozze interessate al problema della contaminazione da Escherichia Coli sono quelle refrigerate vive che, secondo le indagini di controllo scattate su tutto il territorio, sarebbero già state immesse a livello nazionale. Al momento non sono stati segnalati i lotti interessati al problema contaminazione ma, a quanto pare, non riguarderebbero solo il mercato della grande distribuzione ma anche le pescherie al dettaglio e i supermercati di tutto il territorio italiano. L’allarme rosso, quindi, è scattato dal Nord al Sud attraverso un repentino ritiro cautelativo di tutti i mitili vivi refrigerati e ritenuti potenzialmente pericolosi. L’organo specifico deputato al sistema di allerta europeo rapido per la sicurezza alimentare invita a non sottovalutare il problema e di prestare la massima attenzione attraverso la verifica dei frutti di mare sottoposti al controllo del Servizio di igiene alimentare delle Asl presenti sul territorio nazionale. I sintomi della infezione generalmente sono i seguenti: nausea, crampi addominali, scariche di diarrea e vomito. Meglio evitare https://it.blastingnews.com/salute/2018/09/cozze-pericolose-allarme-in-tutta-italia-per-contaminazione-batterica-002718269.html
  12. I passeggeri della compagnia aerea Emirates, volo 203 in arrivo da Dubai a New York, sono stati messi in quarantena, riferisce il portale Flightradar24. Secondo RT, la ragione era una malattia sconosciuta, colpite circa un centinaio di persone a bordo. Avevano tutti la febbre (sopra 37,7) e hanno iniziato a tossire. Del malessere dei passeggeri ha riferito il pilota. All'aeroporto John Kennedy c'è il personale del Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie, e anche la polizia. L'Airbus A380, è molto grande può trasportare 853 persone in versione charter o 525 nella tipica configurazione a tre classi. Ora l'allarme è rientrato ma ancora non si è capito se si è trattato di una intossicazione alimentare o di un virus influenzale che un centinaio di passeggeri avrebbero contratto prima di salire a bordo. https://it.sputniknews.com/mondo/201809056453324-usa-aereo-arrivo-dubai-quarantena-focolaio-malattie-bordo-portale-rt/ Che brutta esperienza di viaggio, per fortuna finita senza conseguenze gravi per i passeggeri
  13. Oltre 50 persone potrebbero rischiare il contagio da vaiolo delle scimmie dopo che nel Regno Unito è stato registrato il caso della malattia proveniente dall'Africa. Un *** della Marina nigeriana, recatosi in Inghilterra per prendere parte a un esercizio di addestramento del Ministero della Difesa (MoD) presso una base della Royal Navy in Cornovaglia, è stato trovato positivo al virus. Come riporta il Telegraph l'uomo ha viaggiato su un volo per Londra dove erano presenti 50 persone, che sono state tutte allertate e che verranno sottoposte a dei controlli. L'*** ha iniziato ad avere i primi sintomi una volta arrivato alla base militare britannica. Il vaiolo delle scimmie è un virus simile al vaiolo ma non altrettanto letale, i casi di mortalità variano dall'1 al 10%, la maggior parte delle persone riescono a guarire, ma in alcuni casi può anche uccidere. Nel suo stato naturale in realtà il virus colpisce i roditori (soprattutto scoiattoli, ratti e topi), e può essere trasmesso ai primati (e quindi anche agli esseri umani) dagli animali infetti attraverso uno stretto contatto (sangue o morsi). È possibile la trasmissione interumana del virus: lo si sospettava in base a una epidemia scoppiata. Nel 1997 nella provincia del Kasai Orientale (Repubblica Democratica del Congo) ed è poi stato confermato da uno studio epidemiologico ad hoc. Altre epidemie sporadiche si sono registrate in Repubblica Centrafricana nel 2016 e 2016. In Nigeria dallo scorso anno si sono registrati 89 casi in tutto il Paese: sei non sono riuscite a sopravvivere. https://www.ilmattino.it/primopiano/esteri/vaiolo_delle_scimmie_primo_caso_europa_allerta_contagio_9_settembre_2018-3962535.html Ci mancava anche questo!
  14. Il vicepresidente del Senato Roberto Calderoli ha rischiato di morire per una puntura di zanzara, lo ha detto lui stesso dopo essere uscito dal San Raffaele dove è stato in terapia intensiva per una encefalite virale trasmessa da una banale puntura di zanzara. "Se ora sto riprendendomi, se posso essere qui a raccontarvi questa mia terribile disavventura, è solo grazie allo straordinario lavoro svolto da un’eccellenza della nostra sanità lombarda quale è l’ospedale San Raffaele di Milano, struttura che già in passato mi aveva curato nel migliore dei modi, e che ha affrontato come meglio non si poteva questa emergenza", ha proseguito il leghista ringraziando i medici dell'ospedale, primi tra tutti Zangrillo (primario di terapia intensiva), Calabrò (la sua collaboratrice) e Comi (primario di neurologia).“ Una cosa che potrebbe capitare a chiunque e bisogna pregare di finire nel pronto soccorso giusto... http://www.milanotoday.it/politica/calderoli--puntura-zanzara.html
  15. Questa non la sapevo, a Rimini le meduse sono protette, non si possono pescare e uccidere, che assurdità! Fanno malissimo, io se sono al mare e le vedo vicino a riva le pesco sempre e le porto a terra per evitare ustioni, reazioni allergiche ai bambini ecc.. ma a Rimini non si può fare e guardate cosa è successo: "E' accaduto a Viserba, vicino Rimini dove esiste un divieto esplicito di pescare e uccidere le meduse. Un bagnino ha liberato in acqua una decina di meduse, pescate da un bagnante, e come risposta ha ricevuto una badilata di ferro in testa. Il bagnino è intervenuto quando ha visto il secchiello di un ragazzino pieno di meduse, appena pescate lungo la riva. «Devi lasciarle libere», pare gli abbia detto, quando è intervenuto il padre, un riminese di 37 anni, rispondendo di farsi i fatti i suoi cercando poi di uccidere le meduse con un palo di ferro. L'uomo ha così deciso di fare comunque il suo dovere, ovvero liberare in acqua le meduse. Non contento, il padre di famiglia ha iniziato a prendere a badilate il bagnino, provocandogli diverse lesioni." https://ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/meduse_rimini_bagnino_23_agosto_2018-3929285.html