plutoneorbit

  • Numero messaggi

    71
  • Registrato

  • Ultima Visita

Reputazione Forum

6 Calma piatta

2 Followers

Su plutoneorbit

  • Rank
    Utente avanzato
  • Compleanno
  1. Una ricerca scientifica getta grosse ombre sulla Sacra Sindone custodita a Torino: “Circa la metà, se non di più, delle macchie di sangue è finto. Soltanto alcune chiazze di sangue sembrano mostrare piena compatibilità con la posizione di un uomo crocifisso. Per altre invece non c’è una spiegazione razionale in merito alle ferite inferte”. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista specializzata di settore ‘Journal of Forensic Sciences’ e fa riferimento alle osservazioni dei professori Luigi Garlaschelli del Cicap e Matteo Borrini dell’Università di Liverpool, condotto con le più avanzate tecniche forensi. Le analisi hanno simulato anche una ‘crocefissione’ con tanto di impiego di sangue sia vero che artificiale, e con croci di forma e tipo di legno diverso. Così come c’è stata la simulazione anche di diverse posizioni, da quella con le braccia in orizzontale e parallele al suolo a quella con le stesse legate dietro alla testa. Le cose non tornano con le macchie di sangue della regione lombare e dei polsi, “non compatibili né con qualsiasi posizione sul crocifisso, né nel sepolcro”. Sotto accusa soprattutto la macchia a mò di cintura che sarebbe stata provocata da una ferita al costato ed impressa sulla Sacra Sindone una volta che il corpo era stato avvolto all’interno. “In tal caso il sangue procederebbe in senso inverso ai reni e si indirizzerebbe verso la scapola”. D'altronde già il carbonio 14 aveva svelato l'epoca medievale del sudario https://www.tuttomotoriweb.com/news/sacra-sindone-sangue-falso/153995/
  2. "Nel 2017 per esempio molte sotto-classi di ingegneria rendono facile trovare lavoro, e insieme conducono a stipendi sopra la media generale dei neo-laureati. Qualcosa di simile – probabilmente anche di più – vale anche per discipline sanitarie come scienze infermieristiche e ostetriche oppure la stessa medicina e chirurgia. Poco sopra la media nazionale – secondo cui a tre anni dal titolo lavora l’85% del neo-laureati con uno stipendio medio netto di 1.300 euro al mese – troviamo chi ha studiato discipline economico-aziendali. Un risultato vicino a quello dei titolati in comunicazione, campo spesso bistrattato dal luogo comune ma a quanto pare senza motivo. Sotto la media, d’altra parte, troviamo classi di laurea come scienze politiche, biologia, storia o filosofia. Ma fra i casi peggiori a risaltare è soprattutto giurisprudenza." Bisogna saper scegliere il corso di studi tenendo presente queste cose a leggere l'articolo non è solo un problema di guadagno ma anche di tempi per trovare lavoro http://www.infodata.ilsole24ore.com/2018/07/15/laurea-universita-lavoro-si-guadagnera-piu/
  3. "Benetton è uno degli esempi più cristallini dell’ipocrisia della sinistra buonista. Pionieri della propaganda globalista e multietnica fin dagli anni ’80, i Benetton sono stati tra i primi in Italia a spostare la produzione nel terzo mondo per sfruttare la manodopera dei nuovi schiavi senza diritti. Già all’inizio degli anni 2000 arrivarono le prime denunce sulle condizioni dei terzisti che in Cina lavoravano per conto di Benetton senza nessuna tutela sindacale, insieme ai sospetti (fondati) di sfruttamento di lavoro minorile nelle fabbriche (sempre dei terzisti) in Turchia e Nordafrica. Per Benetton la delocalizzazione è una prassi consolidata, come dimostra la chiusura degli stabilimenti veneti e l’apertura in Croazia negli anni 2000 e il successivo spostamento in Serbia del 2011. Per capire di cosa stiamo parlando su 7500 dipendenti di Benetton Group solo 2500 lavorano in Italia, tra i terzisti 7.400 su oltre 27 mila. Ma il caso più eclatante resta senza dubbio quello del crollo del Rana Plaza in Bangladesh, dove circa 1100 operai, impiegati in questa fabbrica-alveare senza i requisiti minimi di sicurezza, trovarono la morte. Tra le macerie spuntarono fuori i capi Benetton e solo così si scoprì che l’azienda “veneta” utilizzava gli schiavi del Bangladesh per la produzione. Benetton inizialmente non volle dare nessun risarcimento e solo dopo un lungo tira e molla acconsentì a risarcire le famiglie delle vittime con 970 dollari a testa. E questi sono quelli che pensano di farci la morale mettendo il proprio marchio sulla foto di un barcone?" Scrive Davide Di Stefano, se è vero dovrebbero davvero evitare di fare la morale... https://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/benetton-che-sfrutta-gli-schiavi-del-terzo-mondo-ci-fa-la-morale-sui-migranti-87744/
  4. Fate attenzione! Nuovo malware attacca in Italia, ruba *** banca e mail. Arriva via posta elettronica, i segnali evidenti sono l' italiano scorretto e un finto allegato Word, non aprite l'allegato, mandate in esecuzione il virus. Secondo CybSec Enterprise le caratteristiche del messaggio a cui fare attenzione sono queste: il testo della mail è formulato in un italiano scorretto; l'allegato è un documento Word che finge di essere stato creato con una versione precedente di Microsoft Office e invita l'utente ad abilitare le funzioni per essere letto; il nome di questo file è caratteristico, in quanto contiene un riferimento della vittima. Se si abilita il contenuto si attiva uno script malevolo che si collega a Internet e scarica dal proprio server il malware. http://www.ansa.it/sito/notizie/tecnologia/software_app/2018/06/11/nuovo-virus-malevolo-attacca-italia_bfad9617-4476-41e3-b582-08513151722e.html
  5. Il 23 marzo con il nuovo Parlamento non è stato rieletto alla Camera e così ha deciso di ritornare alle origini. Nessun cambio di bandiera o partito, solo il rientro al suo vecchio posto di lavoro: il grande self service all'ingrosso di Marghera. Mognato lo racconta su Il Gazzettino: il suo reparto non esisteva più, dopo 18 anni di assenza in aspettativa, ovviamente e giustamente non retribuita e senza maturare né anzianità né Tfr né contributi, si è dovuto adattare ai cambiamenti. Ora lavorerà al reparto no-food, addetto alla vendita di casalinghi, elettrodomestici, articoli per il giardinaggio spiegano dal quotidiano veneto. "C'è chi si mostra stupito che con la politica non abbia trovato un'altra sistemazione, alcuni si mostrano rispettosi, altri non nascondono la soddisfazione. Gliela leggi in faccia: adesso te toca lavorare. Ma io non ho niente da nascondere, sono tornato al mio lavoro", spiega Mognato senza paura. Bene un bell'esempio per tanti http://www.ilgiornale.it/news/cronache/michele-mognato-onorevole-magazziniere-sono-tornato-mio-1536767.html
  6. «Le donne mi fanno delle avances e a volte è difficile rifiutare. Lo so che sono sposato e non sto dicendo di essere un angelo. L'unica cosa importante è che niente deve uscire fuori». Radja ha poi parlato dell'omosessualità nel mondo del calcio: «Ci sono ma non lo rivelano perché si vergognano. Oggi saresti finito in questo mondo, perché il calcio è noto per le belle donne», ha proseguito il centrocampista giallorosso. Chissà cosa ne pensa la moglie... http://www.corrieredellosport.it/news/calcio/serie-a/roma/2018/06/03-43751405/nainggolan_le_donne_mi_vogliono_e_io_non_sono_un_angelo?cookieAccept
  7. Doveva essere un video perfetto, quello da mandare alla Compagnia di Franco Dragone, uno dei primi grandi coreografi del circo, uno dei creatori del Cirque du Soleil. Per Artur Cacciolari 24 anni acrobata circense era l’occasione della vita. Per questo ha scelto uno sfondo da sogno: la cascata del torrente Messa in bassa Val di Susa. L’idea era quella di attraversare la cascata con un salto e di raggiungere al volo una corda collocata dall’altra parte. Ma qualcosa è andata storta e Artur è precipitato nell’acqua senza più riemergere. Povero ragazzo troppo rischioso il salto che ha tentato per dare una svolta alla sua vita http://www.rainews.it/dl/rainews/media/Artur-Cacciolari-promessa-acrobata-muore-val-di-susa-salto-cascata-cec1609b-659f-45a4-bade-97788d9ac810.html#foto-1
  8. E’ aperta la campagna di reclutamento “Umana Health Care Summer 2018” rivolta a professionistisanitari. Il personale sanitario individuato dovrà dare essere disponibile a coprire posti di lavoro estivopresso strutture private e pubbliche. Lo scopo di questa interessante iniziativa, arrivata quest’anno alla terza edizione, è garantire la continuità delle prestazioni cliniche e assistenziali coprendo le assenze del personale in ferie e facendo fronte ai picchi di lavoro che si generano. La ricerca è rivolta a varie figure professionali operanti nell’ambito sanitario e sociosanitario e sarà condotta su tutto il territorio nazionale. Saranno effettuate ben 130 assunzioni in Emilia Romagna, Lombardia, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Per alcune figure è prevista la possibilità di alloggio e affitto agevolato e di supporto all’inserimento nel caso in cui il luogo di lavoro sia diverso dal luogo di residenza e ci sia, pertanto, bisogno di trasferimento del lavoratore. Servono 60 operatori socio sanitari da impiegare nelle strutture geriatriche e riabilitative. 20 operatori socio sanitari da inserire nelle strutture assistenziali per disabili,15 infermieri specializzati in medicina d’urgenza di ospedale, 10 educatori professionali per disabili e 10 educatori professionali per minori. Disponibili anche opportunità di lavoro per fisioterapisti. https://www.ticonsiglio.com/settore-sanitario-lavoro-estate/
  9. Dice che Macron gliela ha data la cittadinanza e ha fatto bene
  10. Papa Francesco ama i gay, così racconta un testimone di abusi da parte di un prete in Cile, Papa Francesco: “Mi ha detto: Juan Carlos, che tu sia gay non importa. Dio ti ha fatto così e ti ama così e non mi interessa. Il papa ti ama così. Devi essere felice di ciò che sei”. Parole che hanno sorpreso e forse scandalizzato tanti che continuano a pensare che non ci si debba preoccupare tanto di chi abusa sessualmente dei bambini quanto piuttosto a prendere le distanze e pensare tutto il male possibile dei gay. https://notizie.tiscali.it/esteri/articoli/Francesco-ama-i-gay-perche-Dio-li-ama/
  11. Come padre comprendo lo strazio di questo giovane ingegnere al quale la mente ha fatto tilt l'altra mattina a Pisa e invece di lasciare la sua bambina all'asilo ha tirato dritto verso la sua azienda, la bimba si è addormentata sul seggiolino, lui è sceso dalla macchina ed è andato a lavorare lasciandola in un parcheggio assolato. Solo quando la mamma è andata a prenderla all'asilo e la bambina non c'era, è iniziato il suo terribile calvario di padre che è corso verso l'auto gridando il nome della piccola, troppe ore sotto il sole, era morta. Ma perchè non rendono obbligatori i seggiolini salvabimbi? Perchè gli asili non mandano un sms alla famiglia quando il bambino non viene portato all'asilo, basterebbe così poco per salvare delle piccole vite! Quello che è successo a quest padre potrebbe accadere a chiunque in situazioni di particolare stanchezza (notti insonni, superlavoro) o stress https://www.fanpage.it/pisa-indagato-per-omicidio-colposo-il-padre-della-bambina-dimenticata-in-macchina-e-morta/
  12. C'è una bella speranza per combattere le malattie neurodegenerative come l'Alzheimer Un gruppo di biologi della Ucla ha scoperto infatti che trasferendo l’rna (molecole che trasportano informazione genetica e non solo) di lumache marine addestrate in altri esemplari, anche il ricordo dell’allenamento viene trasferito. Una rivelazione molto promettente secondo gli autori dello studio perché in futuro potrebbe portare a sviluppare nuovi approcci per i disturbi da stress post traumatico oppure ripristinare i ricordi persi a causa di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Per ora la memoria è stata trasferita fra lumache di mare, organismi molto diversi dai nostri, ma la lumaca di mare (nonostante abbia un sistema nervoso composto da circa 20mila cellule contro i 100miliardi dell’essere umano) è uno dei migliori modelli animali per lo studio dei meccanismi della memoria, che sono infatti simili ai nostri. https://www.wired.it/scienza/medicina/2018/05/16/trapianto-memoria-lumache-rna/
  13. Bimbi dimenticati in auto, quante tragedie sono successe! Ora finalmente arriva un seggiolino che salverà la vita ai bambini nel caso di queste fatali distrazioni. Il funzionamento è subordinato all’utilizzo di un’app da scaricare sullo smartphone, che una volta posizionato il bimbo sul seggiolino, si attiva segnalando la sua presenza a bordo attraverso i sensori integrati. Se lo smartphone su cui è stata scaricata l’app si allontana dalla vettura su cui è installato il seggiolino con il bambino a bordo, l’app stessa invia un allarme acustico e visivo che si può silenziare entro 40 secondi. Scaduto il termine, l’allarme passa al secondo livello, e partono in contemporanea sms ai numeri di emergenza registrati nell’account personale (massimo 5) con le indicazioni utili per individuare l’area in cui si trovano auto e bambino. http://www.ilsecoloxix.it/p/magazine/2018/05/14/ACS3WNnD-seggiolino_dimenticati_integrati.shtml
  14. Pochi anni sono stati interessanti e cruciali, nella storia del mondo contemporaneo, come questo incredibile 1947, raccontato al tempo presente e in forma di diario dalla svedese Elisabeth Asbrink, brillante giornalista e scrittrice, molto nota e apprezzata nel suo paese. Il ’47 è un anno di svolta, in tutti i campi. Non solo nell’ambito politico internazionale, ma anche nella musica, nella moda, nella letteratura, nel costume. Simone de Beauvoir si innamora perdutamente dello scrittore americano Nelson Algren e inizia la scrittura di “Secondo ***”; George Orwell scrive “1984”, che vedrà la luce l’anno dopo; Primo Levi pubblica “Se questo è un uomo”; in Germania, Hans Werner Richter aggrega un gruppo di scrittori e poeti, in un movimento culturale per la rinascita della letteratura tedesca, sulle rovine della guerra: il “Gruppo 47”, appunto. Scoperta questa recensione, comprerò questo libro davvero interessante anche per capire quello che sta succedendo oggi http://littacontinua.blogspot.it/2018/05/1947-di-elisabeth-asbrink.html
  15. Ancora? Ma non se ne può più! E stavolta è stato un pizzaiolo Cremonese, non si tratta di extracomunitari, ma del padre di un bambino disabile, il capotreno aveva avuto una discussione con la moglie di questo signore alla stazione a Milano. Motivo: la sistemazione in carrozza del figlio disabile di 10 anni. Evidentemente la donna ha informato il marito durante il viaggio e all'arrivo a Cremona è scattato l'agguato. Credo che sia urgente e necessario dotare di teaser il personale viaggiante per la loro incolumità e quella dei passeggeri Qui il video https://www.cremaoggi.it/2018/05/09/capotreno-aggredito-in-stazione-a-cremona-pugni-e-calci-in-faccia/