Classifica


Discussioni popolari

Contenuti più votati dal 26/11/2020 in tutte le sezioni

  1. Stamane, scorrendo i vari notiziari locali e nazionali, ho appreso alcune *** a mio parere sconcertanti, che riguardano la scomparsa del campionissimo del calcio mondiale Maradona. A Napoli si sta preparando velocemente senza aspettare come da regolamenti ufficiali, il cambio di nome dello stadio di calcio S. PAOLO andando a definirlo Diego Armando Maradona. Sindaco e prefetto impegnatissimi a velocizzare le pratiche ( per l'esattezza, da regolamento il tutto dovrebbe avvenire almeno a 10 anni dalla scomparsa della personalità indicata) per far si che il tutto avvenga nel breve periodo. ( mai visto tanta premura per altre piu importanti situazioni da mettere in esecuzione). E sin qui.... forse .... Ma non solo. Si vuole intitolare la piazza antistante allo stadio sempre al campionissimo scomparso. E sin qui.... forse.... Ma poi in fondo al percorso la notizia che mi sconvolge di più è la messa in opera, anche qui velocemente, di una STATUA raffigurante il campionissimo. A questo punto credo che solo in questo Paese ed in particolare in una regione come la Campania possano accadere certe inimmaginabili..... sceneggiate ..... napoletane! Vedete cari amici. Quando si vuole e si ha la volontà di portare avanti certe populiste progettualità la burocrazia non esiste più anzi...... galoppa, eccome se galoppa. Magari qualche napoletano non è riuscito a salvarsi dalla pandemia in corso per inefficienza sanitaria storica ed attuale ma in fondo......
    2 mi piace
  2. Si chiama "libero mercato". Io preferivo i tempi di ENEL , SIP e ITALGAS. Senza libera concorrenza.
    2 mi piace
  3. MamAfrica volete chiudere gli occhi, fatelo, non volete aiutarli, pazienza ,non volete aprire le vostre porte,ne avete il diritto. Ma non dite mai che questa gente lascia i propri cari,la loro terra,quel poco che avevano,solo per venire ad approfittarsi di noi,sareste oltre che ciechi e sordi,cattivi oltre ogni limite. @MamafricaO www.mamafrica.it
    2 mi piace
  4. Tra gli eroi collochiamo anche Berlusconi che ha arricchito tante povere ragazze bisognose di coccole. Mi spiace signor fosforo, Maradona è stato un grande calciatore dal cuore d'oro e dalla immensa generosità, ma nel mondo ci sono diverse persone che donano generosamente nel più completo anonimato. Tra queste metterei anche quelle persone che vivono di stipendio e che riescono a risparmiare quei 10/15 euro al mese da donare alle varie associazioni umanitarie che operano nel mondo.
    2 mi piace
  5. Diego l'esaltazione della nullità umana...quando si esalta alla divinità un essere umano non rimane posto per altro....
    2 mi piace
  6. 2 mi piace
  7. Tra gli ospiti de ‘L’ aria che tira’ c’è l’infettivologo Matteo Bassetti che ha fatto queste riflessioni: “Abbiamo sovvertito l’ordine della meritocrazia: una suora che parla di economia planetaria, un giornalista che parla delle complicanze della polmonite da Covid e una veterinaria che parla di vaccini. Dobbiamo rimettere ordine nella competenza”. La suora è Suor Alessandra Smerilli, il giornalista è Massimo Giannini e la veterinaria, udite udite… è Ilaria Capua la quale aveva detto che i vaccini proteggono dalla malattia e non dall’infezione, ma secondo Bassetti non è affatto così: “I vaccini da che mondo è mondo prevengono la malattia e l’infezione. Io ho grande rispetto della dottoressa Capua, però io di animali non posso parlare, non ne sono competente. Prima di parlare dei vaccini bisogna avere delle grandi competenze. Dire che il vaccino non previene l’infezione è sbagliato. Dobbiamo dire che i vaccini non hanno un’efficacia del 100%, ma comunque c’è una sorta di protezione”. Ma che fa Bassetti offende la Capua dandole della veterinaria? Andando a vedere il suo titolo di studio ha ragione Bassetti, la Capua è laureata in medicina veterinaria, ha poi proseguito gli studi in particolare concentrandosi sui virus. Devo dire che per quanto riguarda i vaccini mi fido di più di uno specialista come Bassetti medico infettivologo e voi?
    1 mi piace
  8. Cominciano a vedersi, alla faccia dei Giordano, Criucciani, Porro e compagnia cantante, i primi effetti delle azioni del governo. Il problema maggiore è però legato al fatto che si sta pensando di dare un po' troppa libertà ai maldestri e ai celoduri (vedi Lombardia) e questo, oltre che sbagliato, è anche pericolosissimo. Pericolosissimo lasciare le chiavi di casa e quelle del motorino ai maldestri e ai celoduri. Dopo le discoteche, potrebbero riversarsi in massa nelle stazioni sciistiche. Come al solito, il Governo pecca ancora una volta di troppo buonismo. Così non si va da nessuna parte. Maldestri e celoduri andrebbero tenuti sotto chiave o, in alternativa, dovrebbero almeno essere accompagnati ciascuno da una brava insegnante di sostegno. Altrimenti è praticamente scontato che fanno danni.
    1 mi piace
  9. Ed quello che faccio io. Non ho ancora cambiato fornitore.
    1 mi piace
  10. Nessuno ti chiede di adorarlo, ma solo di rispettarlo. Quanti strapagati calciatori di oggi rischierebbero un grave infortunio per giocare su un campo dissestato una partita di beneficenza? Maradona poco più di un anno prima aveva subito una triplice frattura della caviglia che rischiò di comprometterne la carriera. Eppure volle ugualmente giocare quella partita e si impegnò a fondo, quasi come se stesse giocando la finale di Coppa dei Campioni. E invece giocava per un bambino malato. Lui era fatto così: buono, impulsivo, ingenuo. Perfino autolesionista. Si drogava? Certo, ma lo sai quanti personaggi importanti hanno fatto e fanno uso di cocaina? A partire da quel famoso avvocato e imprenditore torinese, tossicodipendente per tutta la vita, del quale si diceva che avesse il naso di platino. Pare che se lo fosse fatto ricostruire dal chirurgo perché corroso dalla coca. Quel "vizietto" era noto a tutti ma non fece mai scandalo. A differenza di Maradona, quando morì l'avvocato torinese nessuno scrisse che era morto un cocainomane. Saluti
    1 mi piace
  11. 1 mi piace
  12. Continua imperterrita, assordante e impertinente la campagna maldestra dei Gobernadores Primeros, sempre più dediti a fare le Vispe Terese e alla ricerca della medaglia d'oro, d'argento e dell'bitisdima medaglia (della faccia,) di bronzo "del miglior e del più bravo Gobernadore maldestro della galassia che, fino a prova contraria, sono io". Prima con le discoteche, notoriamente frequentate dall'uomo nero, desideroso di fare appunto due salti nelle discoteche al fine di smaltire un po' di noia e di denaro superfluo, ora con le stazioni sciistiche. D'altronde cosa ci si poteva aspettare dai Gobernadores maldestri se non azioni rigorosamente Maldestre? Si comincia, seppure sottovoce, a parlare di un minimo di effetti benefici e di qualche speranza, se non di arretramento, almeno di stabilizzazione di contaggi (seppur non di morti, ma tanto chi se ne frega....sono due vecchietti di Pavia...) e allora cosa ti inventano i "fantasiosi" Gobernadores maldestri e celoduri? Non soddisfatti e rimborsati con le discoteche, ecco a voi, Siore e Siori, che si procede con una bella e sana riscoperta della settimana bianca.... Tanto è risaputo (lo sa persino il maldestro medio) che nelle stazioni sciistiche non si è mai verificato un benché minimo assembramento e mai nessuno si è sognato di andare a mangiare nei ristorantini che, in quei posti, spesso sono piccini piccini. Ma era prevedibile che alla maldestreria istituzionalizzata l'estate non poteva bastare. È abbastanza evidente che, in aggiunta, non poteva davvero mancare il Natale. ____Ed è altrettanto evidente che, dopo Natale, verrà la Pasqua. Stanno tutti piangendo miseria salvo poi il fatto che sono o vogliono essere sempre in vacanza. Ma quando lavorano? O lavorano solo il povero Kompagno Director e Ranger Smith?____ Ed è evidente che, dopo le discoteche e i 100.000 euro cadauno per tutti (alzi ancora una volta la mano chi non è d'accordo), questa potrebbe anche configurasi come la proposta collaborativa n. 2001 della Maga Magò Giorgia. Possibile che non le accettino proprio nulla a questa povera ragazza? Non va bene ed è anche un po' offensivo perché, da che mondo è mondo, le proposte da condividere le fa la minoranza e, se vuole, la maggioranza si adegua. Ovvio no? Non era forse anche quello che faceva regolarmente il Capitano quando guidava lui la scialuppa? https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.genova24.it/2020/11/impianti-sciistici-toti-la-svizzera-apre-guardiamo-i-numeri-di-chi-vive-di-sussidi-246465/amp/&ved=2ahUKEwiG4Jmj953tAhUwsaQKHfPeDLUQ0PADMA16BAgEEDk&usg=AOvVaw2_V29UjOFxIXs-5Syp07Np Ps: Toti e Solinas dovrebbero coalizzarsi e soprattutto Solinas dovrebbe prendere spunto da Toti, ascoltare i suoi consigli e convincersi di mettere in pratica le sue strategie sopraffine. Se lo lasciano fare, è capace di organizzare con estrema disinvoltura le vacanze anche nelle navi adibite al Covid. La fantasia non gli manca di certo e con Solinas farebbero davvero un bel sodalizio. Anche perché in Sardegna le stazioni sciistiche sono pochine e un po' di collaborazione, in effetti, servirebbe come il pane.
    1 mi piace
  13. TUTTI MORTI SENZA ESSERSI MAI AMMALATI. CHIEDERE AI MARZIANI.....(BRAVI, CATTIVI E IDIOTI).
    1 mi piace
  14. non ne ha mai avuto bisogno, come non ha mai avuto bisogno di martiri. Il mondo ha bisogno di "Uomini", peccato ce ne siano pochi e sempre meno.
    1 mi piace
  15. Piccoli, verdastri e puzzolenti......
    1 mi piace
  16. Eliminiamo le regioni e le province allora.
    1 mi piace
  17. 1 mi piace
  18. ".....In certe famiglie estrarre venti euro dal bilancio familiare per donarle al missionario che comperare la pompa dell'acqua al villaggio rappresenta molto. Altre volte il volontariato di quartiere significa comperare il fare la spesa del giorno per chi non ha neppure quella. Oppure vigilare sul bimbo o sul nonno mentre gli altri sono al lavoro."" QUESTI SONO GLI EROI SILENZIOSI DI CUI IL MONDO HA BISOGNO. BEN DETTO, SIGN. AUTO DA SABBIA ! !
    1 mi piace
  19. Più sfigati dei marziani non esistono in tutto l'universo. Piccoli, verdastri e puzzolenti......
    1 mi piace
  20. Simpatico “Risata Alto Adige” (come la celebre fabbrica di batterie per auto, forse le migliori in assoluto). Lo sportivo e l'uomo Diego Armando Maradona è stato bravo sia come uomo che come sportivo. (Pelè forse un poco di più). Ma da “divo” dello sport farne una dio o una divinità del tempio mi sembra eccessivo. Ha fatto molta beneficenza con i soldi guadagnati nello sport, mentre alti personaggi dello sport e dello spettacolo i soldi se li son tenuti per i capricci personali. (i nomi li ho fatti in altre rubriche specifiche). Teniamo presente che cento/mila euro per certuni sono bruscolini, per altri venti euro sono molto. In certe famiglie estrarre venti euro dal bilancio familiare per donarle al missionario che comperare la pompa dell'acqua al villaggio rappresenta molto. Altre volte il volontariato di quartiere significa comperare il fare la spesa del giorno per chi non ha neppure quella. Oppure vigilare sul bimbo o sul nonno mentre gli altri sono al lavoro.
    1 mi piace
  21. Ho letto solo ora ecco l'articolo , magari pensa che me lo sia inventato...naturalmente come tutti i maldestri è stato frainteso e come tutti lo dice dopo aver sollevato un bel polverone...e Le frasi, apparse su Facebook, chiudevano con un «è ora di riaprire, W Darwin!» chi mai sarà oltre lui a sostenere le riaperture senza se e senza ma.... e no non centra il passato ma conta TANTISSIMO il presente che è certamente maldestro Pavia, Niccolò Fraschini: frase shock. 'E' ora di riaprire, W ... milano.repubblica.it › cronaca › 2020/11/24 › news › pav... 2 giorni fa — Pavia, la frase shock del consigliere comunale: "Per salvare pochi vecchietti si rovina ... "Ormai questo piagnisteo sulle vittime penso che abbia stufato tanti italiani, per ... inneggiando presumibilmente alla selezione naturale perno degli studi del grande scienziato. Coronavirus, l'Italia supera i 50 mila morti.
    1 mi piace
  22. Ma che sta dicendo allora riconosce che c'è una emergenza ? Tutto quello che ha detto fino ad oggi se lo rimangia con questo post di accusa sui napoletani . Bella coerenza la sua al pari del coso...
    1 mi piace
  23. Per quella partita, siccome Ferlaino non era d'accordo, avendo paura degli infortuni, pagò di tasca propria 12 milioni per l'assicurazione.
    1 mi piace
  24. Maradona ha rappresentato per Napoli quello che Riva ha rappresentato per la Sardegna. In entrambi i casi un simbolo di riscatto. Due scudetti per il Napoli e uno, giudicato quasi impossibile, per il Cagliari (i percorai che hanno vinto lo scudetto). Napoletano è diventato Maradona, Sardo a tutti gli effetti Riva. E Maradona lo ha cercato, lo ha voluto incontrare e si sono incontrati. NB: Avrà avuto tanti difetti (ne abbiamo tutti) ma una azione come questa li fa passare tutti in secondo piano. Perché non è da tutti. https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://ilgiornaledellosport.net/26/11/2020/io-sono-diego-ecco-chi-era-maradona-una-partita-di-beneficenza-per-aiutare-un-ragazzino-per-un-intervento-chirurgico/&ved=2ahUKEwi1gIDK_6DtAhWLDuwKHf-HDKMQqOcBMAV6BAgMEAw&usg=AOvVaw1EYeF3wrWUyFfkzBMkJsP8
    1 mi piace
  25. 1 mi piace
  26. Dopo la battaglia per poter mangiare il panettone e quella per poter bere il vin brûlé nei mercatini di Trento, adesso il senatore Matteo capitancoso ha una nuova priorità. Una priorità cruciale per le sorti degli italiani: poter mettere le lucine e le palline sull'albero di Natale. Non ci credete? Ebbene, è tutto vero. Intervistato al Maurizio Costanzo Show, il segretario della Lega ha dichiarato testualmente questo: "Io invito chi va in televisione a non seminare disperazione dicendo niente Natale, niente famiglia, e niente albero di Natale". Peccato che nessuno abbia mai detto di voler vietare l'albero di Natale. Nessuno. Ed è persino ridicolo doverlo specificare e dover scrivere queste parole. Ma vi pare normale che, a fronte di migliaia e migliaia di morti ogni settimana, le priorità della Lega e di Matteo Salvini siano queste? Il panettone? Il vin brûlé? Le palline dell'albero di Natale? Coso , forse non se ne è reso conto, ma la situazione è seria. E mentre lei parla di voler acquistare a tutti i costi il panettone, c'è chi non potrà mai più mangiarlo. Di questo dovremmo parlare. Delle persone che, ogni giorno, rischiamo di perdere. Di come garantire la loro sicurezza sanitaria. La smetta con i suoi show.
    1 mi piace
  27. Matteo Salvini s'è sbronzato, col marziano allineato. Alle spalle, e col cappello, un marziano cattivello. Morale della favola: siamo tutti allineati con qualcuno.
    1 mi piace
  28. Diego non era un *** ma un uomo che ha saputo sfruttare il suo Talento al meglio.. ma che poi,essendo un essere umano,ha commesso molti errori e di vario genere! Piantiamola di descriverlo come un Santo!
    1 mi piace
  29. I cosiddetti piloni dello Stretto sono dei tralicci in disuso della linea elettrica ad alta tensione a 220 kV che attraversava lo stretto di Messina fra la Calabria e la Sicilia. Si tratta di due torri d'acciaio indipendenti, una collocata sulla sponda siciliana e l'altra su quella calabrese.
    1 mi piace
  30. sono favorevole ai traghetti - mettiamoli nuovi ma sempre traghetti - ciao a presto da d/b -
    1 mi piace
  31. d/b... errata corrige quella nella foto é Isola bella (Taormina ) Giardini Naxos è più avanti andando verso sud , sempre Mar Jonio con un concentrato di sali di iodio stellare , semplicemente FOLLE pensare di fare un ponte sullo stretto , solo di manutenzione costerebbe come rifarlo ad anni alterni , corrode TUTTO ,,,,, checche ne dicono !!!
    1 mi piace
  32. CENTO ARRESTATI PER SPACCIO DI DROGA DAI CARABINIERI A CATANIA. SALVINI ESULTA ?? STAMMINKIA, SONO TUTTI E 100 ITALIANI !! BARBAGALLO Giuseppe classe 1998 BARBAGALLO Vincenzo classe 1980 BARBATOChristian, classe 1996 BATTAGLIA Marco, classe 1969 BELGIORNO Giuseppe Emanuele, classe 1977 BELLANTI Salvatore, classe 1983 BELLIA Letizia, classe 1972 BIAZZO Giuseppe, classe 1994, già agli arresti domiciliari BIAZZO Simone, classe 1999, già agli arresti domiciliari BONACETO Antonino, classe 1994, già agli arresti domiciliari CALABRETTA Andrea, classe 1992, già agli arresti domiciliari CALABRETTA Mario Maurizio, classe 1988, già agli arresti domiciliari CALÌ Antonio, classe 1984 CALÌ Gianluca, classe 198CASTAGNA Orazio, classe 1993 CAUDULLO Domenico, classe 1998 CELANO Salvatore, classe 1990 CIPRIANO Hermann, classe 1996 CONSOLI Concetto Renato, classe 1968 DANUBIO Orazio, classe 1983 DE LUCA Antonino, classe 1994 DE LUCA Damiano, classe 1990 DI BENEDETTO Luciano, classe 1977, già agli arresti domiciliari DI MAURO Simone, classe 1998 DI PASQUALE Alessandro, classe 1970 DI PASQUALE Dario, classe 1995 DI PASQUALE Francesco, classe 1995 FICHERA Giuseppe Benedetto Simone, classe 1993, già agli arresti domiciliari FINOCCHIARO Francesco, classe 1993, già agli arresti domiciliari FRANCESCHINO Antonino Silvestro, classe 1997 FURNARI Fabio, classe 1990 FURNARI Gabriele, classe 1992 GENNARO Filippo, classe 1971, già detenuto GIUDICE Simone, classe 2000 GRASSO Giovanni, classe 1996 GRASSO Ignazio, classe 1960 GRECO Lucia, classe 1998 ILARDO Alessandro, classe 1999 LA CHINA Salvatore, classe 1998, già agli arresti domiciliari LANZAFAME Natale, classe 1988, già agli arresti domiciliari LA PIANA Antonino Andrea, classe 1986 LA PIANA Vincenzo, classe 1961 LA ROSA Carlo Giovanni, classe 1992 LONGO Antonio, classe 1973, già detenuto MAIURI Raffaele Ferdinando, classe 1990 MARCANZÒ Antonio, classe 1990 MASCI Pietro, classe 1982, già agli arresti domiciliari MASOTTA Felice, classe 1972 MIRABELLA Giuseppe, classe 1998 MUSUMECI Alessandro, classe 1986, già agli arresti domiciliari MUSUMECI Salvatore, classe 1996 NICIFORO Concetto, classe 1996 PATTI Fabio, classe 1984 PLATANIA Giovanni, classe 1994, già agli arresti domiciliari PREVITE Massimiliano, classe 1994, già agli arresti domiciliari PRIVITERA Carmelo, classe 1962 PRIVITERA Ignazio, classe 1964 PRIVITERA Stefano, classe 1987 RAINERI Graziella, classe 1964 RAINERI Pietro Alessio, classe 1995 RAPISARDA Giuseppe Paolo, classe 1982 RAPISARDA Nazzareno, classe 1958 RAPISARDA Piero, classe 1980, già detenuto SANFILIPPO Antonino, classe 1976 SAPUPPO Giuseppe, classe 1962 SAPUPPO Santo, classe 1966, già detenuto SCALIA Carmelo, classe 1992, già detenuto SCHILLACI Lorenzo Michele, classe 1968, già agli arresti domiciliari SPAMPINATO Carmelo, classe 1971, già agli arresti domiciliari SPAMPINATO Giambattista, classe 1990, già detenuto STRANO Natale, classe 1995. TOMASELLI Alessandro, classe 1976, già detenuto TROVATO Antonino, classe 1988 TUDISCO Francesco, classe 1980 VACCALLUZZO Maurizio, classe 1989, già agli arresti domiciliari VALASTRO Dario, classe 1984 VECCHIO Alessandro, classe 1988, già agli arresti domiciliari ZUCCARO Samuele, classe 1996 Soggetti destinatari di misura cautelare degli arresti domiciliari: COPPOLA Orazio Salvatore, classe 1973 GUERRERA Eugenio, classe 1998 LANZAFAME Giovanni Michele, classe 1995 NUCCIO Emmanuel, classe 1998 PRIVITERA Maurizio, classe 1973 RUSSO Christian, classe 1999 SCALIA Giuseppe Samuele, classe 1975 SQUILLACI Oreste, classe 1972 VINCIGUERRA Domenico, classe 1991 Soggetti destinatari di misura cautelare dell’obbligo di dimora: ALLEGRA Cirino Nicola, classe 1977 IERNA Marianna, classe 1988 MAIURI Vanessa Sheila, classe 1995 RIVOLI Giuseppe, classe 1991 Soggetti destinatari di obbligo di presentazione alla P.G.: AIELLO Concetto, classe 1970, già agli arresti domiciliari FRANCESCHINI Nicola, classe 1947 ILARDO Giuseppe, classe 1962 MAIURI CARMELO, classe 1963 MARCANZÒ Salvatore, classe 1972 MINNELLA Eugenio, classe 1991, già detenuto RAINERI Giuseppe Santo, classe 1968 SPERANZA Ignazio Christian, classe 1991 Soggetti destinatari di misura cautelare in istituto Penitenziario Minorile: LA ROCCA Pietro Michael, classe 2001.
    1 mi piace
  33. Un giorno chiedo ad alcuni cacciatori perché fossero amanti della caccia. Mi risposero che il piacere della caccia sta nel confrontarsi con la furbizia dell'animale. Mi veniva da chiedere loro quale furbizia usassero nell'abbattere un capriolo o un cervo a 300 metri di distanza con un fucile munito di cannocchiale, ma ripiegai su una domanda più morbida e cioè chi ritenessero più furbo tra loro e l'animale. La risposta era scontata: "noi naturalmente, anche se l'animale ci scappa una volta lo riprendiamo la volta dopo." Allora se siete certi che il piacere sta tutto nel confronto della furbizia, e i più furbi siete voi, perché non vi cacciate tra cacciatori? Ho dovuto pagare da bere a tutti altrimenti mi menavano.
    1 mi piace
  34. Io , i cacciatori , semplicemente L' IMPALEREI !!!!!! Grazie dune-buggi Buona giornata p.s..... gentilmente mi dici su cosa devo cliccare per mettere " mi piace "
    1 mi piace

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963