Classifica


Discussioni popolari

Contenuti più votati dal 03/07/2021 in tutte le sezioni

  1. 3 mi piace
  2. i mandanti si chiamano - divisa e stellette - anche il missile di Ustica aveva il numero di matricola ... non leggibile ...
    2 mi piace
  3. I forestali regionali - caro Wronschi lo sai meglio di me - non sono veri forestali, sono per lo più raccomandati assunti per voto di scambio. La riformaccia Madia grida ancora vendetta, è uno dei peggiori disastri lasciati in eredità dal renzismo. Comunque le responsabilità più grandi qui sono della Regione e del governo centrale. Il territorio è la più grande risorsa della Sardegna ma non viene curato e protetto a sufficienza. Poi sono d'accordo con Di Battista. In tempi di mutamenti climatici ai piromani bisogna dare l'ergastolo. L'ecocidio deve essere assimilato all'omicidio e alla strage.
    2 mi piace
  4. ...il fascismo è finito, pensate al 2 agosto 1980.
    1 mi piace
  5. Con questo argento Ferrari entra nella storia della ginnastica mondiale. L'esercizio che le è valso la seconda posizione è stato eseguito sulle note di Con te partirò di Andrea Bocelli. *** Fortunata, invece, era stata la decisione di esibirsi sulle note di Bocelli, “Con te partirò”, invece che sull’inno partigiano “Bella Ciao”, che solo un bronzo le era valso ai recenti Europei.
    1 mi piace
  6. Anche se trattasi di atleta abituata a gareggiare sulle note di faccetta nera (così almeno mi pare, verificate voi, non ricordo proprio esattamente), fa sempre piacere. Grande Vanessa. https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.open.online/2021/04/26/vanessa-ferrari-bronzo-europei-ginnastica-note-bella-ciao-video/&ved=2ahUKEwigoN32qpLyAhXSwQIHHSKvCHsQwqsBegQIBRAF&usg=AOvVaw1WdQ8N0WBjUmq0WXtzqvGF&cshid=1627907238087
    1 mi piace
  7. Orietta Berti è la scelta migliore. Nel lago quando la barca va bisogna lasciarla andare.
    1 mi piace
  8. Dopo la vittoria nei 100 metri piani di Jacobs, italiano nato in Texas e da ieri uomo più veloce del mondo, il presidente del Coni Malagò ha affermato: “Non riconoscere lo ius sportivo ( ma non solo ) è qualcosa di aberrante, folle. Oggi più che mai questo discorso va concretizzato. A 18 anni e un minuto chi ha quei requisiti deve avere la cittadinanza italiana, non che a 18 anni inizia una via crucis”. Ma a 18 anni e un giorno (e non a 18 anni con 3 anni di attesa per chi non ha genitori italiani o matrimonio in Italia, come prevede la legge) non basta. Per un atleta, infatti, il treno solitamente arriva prima e non poterlo prendere è spesso anche frustrante. La questione non riguarda solo gli sportivi: ci sono tanti altri talenti, nati e/o cresciuti qui, che attraverso la cittadinanza avrebbero diritto a pari opportunità. Italiani senza cittadinanza Siamo per il DIRITTO a esercitare a pieno ogni sport, fino ai livelli agonistici. Ma l'accesso alla #Cittadinanza DEVE ESSERE per tutti/e noi Anche per chi tra noi è una SCHIAPPA negli sport . #IusRespiro per tutti, NESSUNO/A escluso Non per merito ma per DIRITTO
    1 mi piace
  9. Solo la mia trombetta e quella di un vecchio dirimpettaio del balcone di fronte, nel primo pomeriggio di questo torrido primo agosto 2021, a festeggiare la GIORNATA TRIONFALE DELLO SPORT ITALIANO, la più bella e la più importante, senza nulla togliere ai magnifici 11 di Bearzot nell'82, nella storia dello sport del nostro Paese. Avevo scritto qualche ora fa che MARCELLO JACOBS e GIANMARCO TAMBERI stavano scrivendo nello stadio olimpico di Tokyo la storia non solo dell'atletica ma dello sport italiano. Me lo sentivo che potevano vincere la medaglia d'oro. Ebbene, la storia l'hanno scritta fino in fondo. DUE MEDAGLIE D'ORO, e che medaglie! 100 metri piani maschili e salto in alto maschile! Mai in 31 edizioni delle Olimpiadi un italiano era riuscito in queste imprese, mai un italiano nella finale olimpica dei 100 metri. Signori: un bronzo olimpico nei 100 metri, con tutto il rispetto, vale, sul piano della difficoltà sportiva, almeno quanto 30 medaglie d'oro nella scherma, nel tiro al piattello o nel taekwondo. Figuriamoci un oro! Basta ricordare il nome del predecessore di Marcello: USAIN BOLT, oro a Pechino, Londra e Rio, probabilmente, con Jesse Owens, il più grande atleta di tutti i tempi. Ebbene, incredibile a dirsi, oggi sul trono di Bolt siede un ragazzo italiano di 26 anni. Non ingannino il cognome e il colore della pelle: il padre di Marcello era un militare americano della base di Vicenza che sposò un'italiana da cui si separò presto. Marcello nacque a El Paso (che pure rimanda all'Italia tramite un famoso western di Sergio Leone) ma vive in Italia dall'età di un mese, a Desenzano sul Garda. E ha difficoltà con l'inglese. Ma quello che più conta sul piano sportivo è che si tratta di un atleta formato in Italia, di scuola sportiva assolutamente nostrana. Al contrario, per esempio, di Fiona May, saltatrice in lungo britannica di origini giamaicane, che dopo avere sposato un italiano prese la cittadinanza e conquistò due titoli mondiali. Un'Olimpiade incredibile quella di Marcello. Già campione europeo indoor questo inverno, aveva stabilito il record italiano dei 100 con 9"95 strappandolo a Filippo Tortu (9"99). In batteria lo ha migliorato di un centesimo, in semifinale ha fatto il record europeo (9"84) e lo ha migliorato ancora in finale (9"80). Un'impresa titanica, grandiosa. Il record mondiale di Bolt (9"58) è lontano ma non lontanissimo. Se Marcello fa un altro progresso come quello accumulato in questa stagione (23 centesimi), lo batte. E che dire di Gimbo Tamberi? Il campione marchigiano aveva dovuto saltare le Olimpiadi di Rio, dove era pronosticato tra i favoriti, per un gravissimo infortunio poco prima dei Giochi. Aveva scritto sulla gamba di gesso che voleva la medaglia a Tokyo, ha vissuto e si è allenato 5 anni con quell'obiettivo, ha superato anche il Covid. E alla fine lo ha centrato. Medaglia d'oro, sia pure ex aequo con un formidabile saltatore, il qatariota Barshim. Due ori nell'atletica, la regina degli sport olimpici, nella stessa giornata! Disciplina universale dove la concorrenza è molto più forte che in tutte le altre. In particolare in queste due specialità, perché il correre e il saltare sono i due gesti più naturali dell'essere umano. Pensate che l'ultimo oro olimpico italiano nell'atletica risaliva a Pechino 2008, lo ottenne nella marcia (specialità assai meno praticata della corsa e dei salti) Alex Schwazer, poi squalificato per doping. Mentre sono certo che Marcello e Gianmarco sono atleti pulitissimi. Cosa che non giurerei per qualche centometrista, come il vincitore dei trial americani, arrivato a Tokyo da grande favorito ma eliminato in semifinale. I giapponesi coi controlli antidoping non scherzano. Ebbene, cari forumisti, accanto alla gioia per questi incredibili trionfi, oggi da vecchio sportivo provo un pizzico di amarezza. E non solo per la vergognosa gestione della RAI, cui ho fatto cenno altrove, ma soprattutto perché oggi si conferma che siamo un popolo realmente povero e arretrato in termini di cultura sportiva. Tre settimane fa milioni di italiani scendevano in piazza per festeggiare una fortunosa e risicata vittoria della nazionale agli europei di calcio (grazie ai calci di rigore in semifinale e in finale), mettendo a rischio la salute propria e altrui. Ma per le vittorie di oggi, storiche ed enormemente più rilevanti sul piano sportivo, dalle mie parti c'era solo la mia trombetta e quella di un dirimpettaio a festeggiare dal balcone. E qualcuno che faceva la siesta si è pure lamentato.
    1 mi piace
  10. Mi conosci da prima di tutti e più di tutti qui. E sai bene che, anche se ci siamo scontrati, pure pesantemente, sono una persona leale. E la lealtà vuole che non puoi ricordare solo le litigate, ma dovresti anche ricordare che ci siamo scambiati anche pareri tecnici non polemici, come quelli sul motore elettrico o sul confronto tra auto di un tempo rispetto a quelle di oggi, giusto per citarne qualcuno. Peccato che poi i litigi abbiano preso il sopravvento e ci abbiano impedito di avere altri confronti tra persone che amano questi argomenti. Comunque per me i sentimenti negativi è molto raro che siano perenni e sono sempre pronto a fare un bel reset e ricominciare da capo (vale per chiunque, compreso mister risata). Con te vale in modo particolare, se non altro in nome del fatto che ci conosciamo da parecchio tempo (se non ricordo male è più o meno dal 2008-2009).
    1 mi piace
  11. Un ricordo ancora doloroso alle vittime innocenti , trucidate da una bomba alla stazione di Bologna, il due agosto di 41anni fa! Gli esecutori materiali di questa strage sono stati trovati, giudicati e condannati! I mandanti no, sono rimasti evanescenti, immateriali , invisibili proprio come dei fantasmi!
    1 mi piace
  12. Certo che dobbiamo pensare al fascismo. In tutte le sue versioni, sfumature e gradazioni. Specie quando abbiamo un governo e un programma di governo distanti anni luce dalla volontà popolare. E quando questo governo impone al parlamento, unico rappresentante del popolo sovrano, le sue riformacce, e le impone a colpi di fiducia, impossessandosi, di fatto, della titolarità esclusiva del potere legislativo (a parte le briciole di provvedimenti secondari e marginali). È giusto ricordare, nel 41simo anniversario, la strage fascista di Bologna, i mandanti occulti e impuniti, gli autori materiali a piede libero. Eccoli: Gilberto Cavallini, arrestato nel 1983, condannato a 9 ergastoli, attualmente è in regime di semilibertà provvisoria presso il carcere di Terni. Regime sospeso ma non revocato nel 2002, quando durante una perquisizione il terrorista fu trovato con una pistola con matrice abrasa e 50 colpi nello zaino. Valerio Fioravanti, condannato a 8 ergastoli più 134 anni e 8 mesi di reclusione per 95 omicidi (85 nella strage di Bologna più 200 feriti) e molti altri gravi reati, dalla rapina al sequestro di persona. Arrestato nel 1981, in semilibertà dal 1999, in libertà condizionale dal 2004, dal 2009 è libero cittadino per effetto della legge Gozzini. Francesca Mambro, moglie di Fioravanti, condannata a 9 ergastoli, più 84 anni e 8 mesi di reclusione per 96 omicidi (85 omicidi a Bologna più 200 feriti) e molti altri gravi reati dalla rapina al sequestro di persona Arrestata nel 1982, in libertà condizionale dal 2008, è libera cittadina dal 2013. Mi chiedo se fosse proprio necessaria una riforma della giustizia penale mirata ad allargare ulteriormente le maglie di questo vergognoso colabrodo, anche per i reati di mafia e terrorismo. Meno male che è intervenuto Giuseppe Conte a mettere qualche toppa.
    1 mi piace
  13. Non devi andare cosi indietro basta ascoltare certi personaggi,credergli vuol dire avere la testa solo per dividere le orecchie
    1 mi piace
  14. ben tornata Mariella, anche il papa veste prada. Hai fatto bene a citare il "bertone", un grande mangiatore di soldi destinati alle persone povere. Speriamo gli si blocchi il "k.lo" così non mangiarà per sempre (alimentato tramite una sonda esterna). Per quale motivo la ragazza "grazia" non ha il coraggio di dire che "Mirella G." ed "Emanuela O." sono state fatte sparire in certe stanze ... "porporate". - coraggio ragazza "grazia" vai i terapia da uno psiki atra e restituisci i soldi che i tuoi amici vaticani hanno preso ......
    1 mi piace
  15. MENTRE I TUOI AMICI HANNO LO IOR ( BANCA CITTA' DEL VATICANO ) E L'ALTRO TUO AMICONE CARD. BERTONE SI E' RESTAURATO L'ATTICO , CON VISTA PIAZZA SAN PIETRO , CON IL DENARO RACCOLTO E DESTINATO AI BAMBINI AMMALATI DELL'OSPEDALE PEDIATRICO BAMBINO GESU' . TI CONSIGLIO UN LIBRO DI GIANLUIGI NUZZI """ VATICANO S.P.A """ SEI DA TSO PIU' PRESTO DI SUBITO ..... SEI GRAVE ... PUNTO ...
    1 mi piace
  16. ai giovani dico : guarda al futuro ma ascolta il passato.
    1 mi piace
  17. la storia è piena di queste situazioni,non esistono buoni e cattivi basta approfondire un poco per scoprire violenze indicibili commesse da tutti in ogni angolo del mondo.(non conosco Angelita Romano spiegami la storia per favore)
    1 mi piace
  18. le imbecillaggini più significative sono quelle di accusare chi cerca di contrastare in modo pacifico questo, Greta è per molti quello che sono le restrizioni contro il virus...solo agli ***.be.ci.ll.i può dare fastidio....
    1 mi piace
  19. L'errore madornale, l'illusione madornale e probabilmente tragica è il mito liberista della crescita infinita della produzione e dei consumi in un pianeta dalle risorse limitate. Il modello di sviluppo va drasticamente cambiato se vogliamo sopravvivere come specie evoluta. Lo sviluppo dovrà essere inteso in termini esclusivamente qualitativi: crescita della giustizia, dell'uguaglianza, della solidarietà, della formazione culturale, del tempo libero, della partecipazione attiva (democrazia diretta), della difesa della persona umana, del territorio e dell'ecosistema. Mentre la produzione e i consumi, a parte alcuni paesi poveri o poverissimi che hanno ancora qualche margine di crescita sostenibile, devono DRASTICAMENTE DIMINUIRE. Nessuna crescita oggi è sostenibile nei paesi ricchi, i quali consumano ogni anno già molte più risorse di quelle che la Terra può rigenerare in un anno. Per coltivare il mito liberista non basta una sola Terra, servirebbero molte Terre. Lavorare meno, lavorare tutti. Consumare il necessario, azzerare gli sprechi, riciclare e riusare tutto il riutilizzabile. In particolare vanno abbattuti drasticamente i consumi energetici. Assurdo usare un'automobile da 100 cv per andare da Napoli a Roma. I nostri trisavoli usavano carrozze trainate da 2 cavalli, un motore elettrico da 20 cv sarebbe molto più che sufficiente. E rispettiamo anche la nostra natura di animali diurni. Alziamoci alle prime luci dell'alba, corichiamoci alle ultime luci del tramonto. Risparmieremo energia e guadagneremo salute.
    1 mi piace
  20. 1 mi piace
  21. 1 mi piace
  22. Quando incontri un assessore armato in quel di Voghera o in qualche altro paese....
    1 mi piace
  23. Quando incontri un assessore armato in quel di Voghera o in qualche altro paese....
    1 mi piace
  24. Il motivo per cui non si parla molto di Kappler e di Priebke e che sono due gocce nel mare delle brutalità perpetrate durante gli anni della guerra in cui chi più chi meno sono tutti carnefici
    1 mi piace
  25. 1 mi piace
  26. La schifezza umana non conosce confini geografici
    1 mi piace
  27. Herbert Kappler (Stoccarda, 23 settembre 1907 – Soltau, 9 febbraio 1978) è stato un militare e criminale di guerra tedesco delle SS, comandante dell'SD, della SiPo e della Gestapo a Roma. - grande amico di erich priebke - entrambi sono da cancellare dai libri di storia - per quale motivo manca il coraggio di parlare di simili tristi pagine di storia affinchè non si ripetano ......
    1 mi piace
  28. Solo 10 poi è passato negli alpini sig Wronski?
    1 mi piace
  29. corpo forestale dello stato purtroppo lo hanno fatto convergere nei carabinieri, pur essendo un organo di polizia. Poi vi sono i forestali regionali e questi appartengono alle regione a statuto speciale (Sicilia, Sardegna, Valle Aosta, Trentino, Friuli,)
    1 mi piace
  30. Evidentemente non hanno lo sceriffo altrimenti la situazione sarebbe risolta in un colpo solo
    1 mi piace
  31. Le ipotesi sono sempre tre – il bicchiere è mezzo pieno, mezzo vuoto, grande il doppio – a seconda se ci si riferisce al contenuto oppure al contenitore – terminata la premessa da parte mia non sono sceso alle offese neppure verso il signor trentotto, mi limitavo a prenderlo per i fondelli. Come un tennista con la prima battuta lo sollevavo (facendolo sentire importante) e con la seconda battuta lo schiacciavo spedendolo lontano. Questo per dire che ci si può esprimere anche schiacciando, ma senza offendere. Da parte mia il signor sauro (orologio atomico) ed il signor trentotto (elemento chimico) li considero alla pari del bidone del cerd … un contenitore per contenere i rifiuti non riciclabili. Il signor LupoGrigio anche se per il passato ci siamo presi a mitragliate pesanti, ora lo considero un rivale anche coraggioso e come tale lo rispetto anche se per prudenza mantengo la distanza di sicurezza (la riva bianca / la riva nera) – cordialità , rispetto , distanza di sicurezza con tutti e verso tutti – firmato d/b –
    1 mi piace
  32. Mi sa che non siete rimasti in molti a dare credito a quella specie di giornalista. Contrariamente alle sue previsioni, il "figlio di papà che non capisce un caz zo" e una ministra "che non sa distinguere un tribunale da un phon", hanno mandato a casa dj fofo e l'avvocato del popolo.
    1 mi piace
  33. a la fin dela guera in Palestina un jornalista intervista el capo de stato maiore ebreo."Gò visto dei soldà meravigliosi, dei soldati eroici e soratuto intellijenti, ma al me scusa, qua da voialtri no nasse mai qualche mona?""Si, qualche volta efetivamente nasse anca dei mona"" e cossa sucede alora?"" in sto caso li femo batesare"
    1 mi piace
  34. per ora mi fermo qui il seguito alle prossime puntate grazie per avere aperto un tema divertente
    1 mi piace
  35. 1 mi piace
  36. 1 mi piace
  37. Secondo il nuovo bollettino sono 6.171 i nuovi contagi, a fronte di 224.790 i tamponi molecolari e antigenici, e 19 i decessi nelle ultime 24 ore. Il tasso di positività è del 2,7%. Crescono terapie intensive (+11) e ricoveri ordinari (+45). L’anno scorso senza vaccini l’estate è volata via tranquilla. Quest’anno, la vaccinazione di massa – a doppia dose – in piena pandemia ha causato l’emergere di una variante che ci porterà in zona gialla nel mese di agosto. E solo perché hanno cambiato i criteri, altrimenti saremmo già oggi tutti in zona gialla.
    1 mi piace
  38. Nascono due gemelli, e dopo un pò di tempo si accorgono che uno dei due è muto.Gli fan fare tutte le cure ma inutilmente.Allora come ultimo rimedio decidono di portarlo a Laurdes.Parte il papà, e appena arrivato immerge il piccoletto nell'acqua.Quando lo tira su, il bimbo si mette a piangere invocando la mamma.Estratto il telefonino l'uomo chiama subito la moglie."Caterina, Caterina, miracolo! Il bambino parla."e bete - risponde la moglie - hai preso il gemello sbagliato"
    1 mi piace
  39. Do pescadori ze su la riva quando se avissina un terso pescadore, el tira fora da l'auto un televisore e lo mete in acqua, poi el posta la cana co l'esca." el scusa - i domanda stupefati i do pescadori - parcossa mètelo el televisore in acqua?""Parchè se no ciapo pesse, cambio canale"
    1 mi piace

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963