Attività

Questo stream si aggiorna in automatico   

  1. Ultima ora
  2. I forumisti ricorderanno il famoso attacco di Fini a Berlusconi nel 2007: "Siamo alle comiche finali". Mi sono venute in mente quelle precise parole ieri, mentre assistevo in tv alle scene di giubilo della delegazione italiana a Losanna per l'assegnazione dei Giochi invernali 2026 a Milano e Cortina. C'era il presidente del Coni visibilmente emozionato, come dopo il suo primo "trenta" truccato all'università. C'era il sindaco di Milano che si abbandonava a gesti da ultrà della curva sud. Dopo l'Expo anche le Olimpiadi: che colpi, che soddisfazioni! E c'erano le famigerate e imperiture cariatidi dello sport e degli affari del paese di Pulcinella: Carraro, Pescante, Montezemolo. I "rieccoli" direbbe Montanelli, io ve li raccomando tutti. Plateale trionfalismo italiota ma era una vittoria scontata: avevamo un solo concorrente, la Svezia, presente più che altro pro forma essendo l'unico importante paese nordico a non avere mai ospitato le olimpiadi della neve, ma Stoccolma non aveva neppure voluto firmare il contratto di candidata città ospitante. Saggiamente alla larga tutti gli altri paesi del globo. Noi invece desideravamo ardentemente il costoso bidone, il "pacco" invernale, e il CIO è stato ben contento di rifilarcelo. 20 anni dopo Torino, tuttora alle prese con il mega-buco nel bilancio creato dai Giochi del 2006. Il villaggio olimpico oggi ospita immigrati, sul trampolino per il salto con gli sci si gareggia ogni morte di papa ma costa 1 milione l'anno solo di manutenzione. Esultanza smisurata nella nostra delegazione a Losanna, ma posso garantirvi che qualcuno, a casa sua davanti al televisore, ha gioito anche più del sindaco capotifoso Sala. Parlo ovviamente degli affaristi senza scrupoli come quelli che alla notizia del terremoto dell'Aquila si sfregavano le mani in odore di appalti. E parlo dei politici lombardo-veneti - ma chissà, forse pure qualche big nazionale - che avranno fiutato mazzette e tangenti. C'era aria di comiche finali ieri a Losanna. Il moribondo pagliaccio era questo sfortunato paese, ma sfortunato fino a un certo punto perché continua ad affidarsi a irresponsabili quanto inamovibili cialtroni. Tutti voi ricordate quella frase di Fini del 2007, ma chi di voi ricorda quale nazione ospitò, l'anno scorso, l'ultima Olimpiade invernale? L'Italia vinse tre ori, chi di voi ricorda il nome di almeno uno di questi tre campioni olimpici? I giochi invernali sono meno costosi di quelli estivi ma anche molto meno seguiti. Anche la partecipazione è ridotta: meno di 3000 atleti in rappresentanza di una novantina di paesi, cioè meno della metà degli aderenti al CIO. Alle Universiadi di Napoli che iniziano il 3 luglio sono iscritti quasi 8000 atleti di 170 nazioni. Ma costeranno molto meno degli 1,3 miliardi preventivati per Milano-Cortina 2026. 1,3 miliardi per due settimane di gare sono già uno spreco plateale. Poi si vedrà il consuntivo. Secondo un famoso studio dell'università di Oxford le spese per i giochi olimpici lievitano in media del 185%. A Torino andò bene: si sforò "solo" dell'80%. Fu un'olimpiade pidina (Chiamparino, Bresso), tutto lascia pensare che quella del 2026 sarà a trazione leghista: che Dio ci protegga (noi contribuenti)! Nelle comiche finali non poteva mancare l'incerta gara al rialzo tra i vari tg nelle stime dei nuovi posti di lavoro "creati" dai Giochi: 15.000? No: 20.000 (la stima di Salvini). Macché: saranno ben 35.000! Venghino signori, venghino! Togliete uno zero a queste cifre e avrete stime realistiche dei posti creati, non certo stabili ma da qui al 2026. Mentre uno studio della Banca Mondiale, basato non su fantasie ma su dati reali, assicura che con 1,3 miliardi investiti nell'eolico o nel solare si creano più di 20.000 posti stabili ed effettivi. Giova ricordare che per le Olimpiadi di Roma del 2024, per fortuna cancellate dai 5Stelle, il signor Malagò prevedeva addirittura 170.000 nuovi posti di lavoro. Roba da matti! Ma stranamente il signor Salvini era contrario a quelle olimpiadi.
  3. Oggi
  4. Se l'esempio è quello delle banche, allora non è che si chiudono le banche per paura delle rapine, ma si chiudono le banche per aver prestato troppo denaro in perdita.
  5. Personalmente ritengo che i migranti debbano essere sbarcati e la nave DEFINITIVAMENTE sequestrata. Le persone imbarcate sulla Sea Watch non c’entrano nulla in questo braccio di ferro politico. Ma lo schiaffone in faccia, tirato dalla Corte europea deve risuonare a lungo nelle teste dei somari.
  6. TROPPO PRECIPITOSO , SI POTEVA GIOCARLA MEGLIO.
  7. Date un po di foraggio a questo povero pazzo somaraccio. L’esempio delle banche, sta all’intelligenza del pisano come le mazzette civetta, stanno ai balordi dei bancomat.
  8. (ANSA) - ROMA, 25 GIU - E' stato respinto, fa sapere il Viminale, il ricorso presentato dai migranti soccorsi sulla Sea Watch alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo per chiedere all'Italia di consentire lo sbarco.
  9. RESPINTO IL RICORSO DELLA SEA WATCH , ALLA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL'UOMO
  10. Quindi Sig. Ahaha.ha ?? Ammesso e non concesso , perché non e ‘ affatto vero che tutti gli eventi sportivi internazionali hanno procurato buchi nelle casse dello Stato , la soluzione sarebbe quella di non organizzarli più in Italia ?? Ma che logica e’ ?? Si controllano fattivamente i capitolati , le spese ed i bilanci oltre che le imprese che costruiscono o ristrutturano gli impianti . Questo fa uno Stato serio e non si rifugia nel non fare più niente lasciando o demandando ad altri Paesi l’organizzazione degli stessi . Sarebbe come che se per evitare le rapine in banca si chiudessero tutte le filiali bancarie del Paese .
  11. Chiedo scusa se intervengo. Ricordo male oppure in questo post ci sono somari che fino a ieri ragliavano di un'Italia sempre più isolata, che contava meno di zero e così di seguito marattineggiando? Una domanda: non sarebbe meglio se tornaste in composto silenzio nella stalla? Buona opposizione di inquisiti di sinistra a tutti
  12. Sbaglio, o le olimpiadi e i campionati mondiali fatti in Italia, che hanno creato migliaia di posti di lavoro e attirato miliardi di lire o di euro, alla fine hanno sempre lasciato enormi buchi alle casse statali? Esultiamo gente, esultiamo.
  13. Copio e incollo Dice Salvini che è “una questione di principio” ma in realtà è semplicemente una questione di retorica. Vorrebbe, il Capitone apparire come il difensore dei nostri confini e invece, mentre tiene d’occhio la Sea Watch come un bambino con il suo orsacchiotto, i migranti entrano comunque da tutte le parti. Qualche giorno fa, in un solo giorno, ne sono entrati 200 tra Lampedusa e via terra al nord e proprio ieri altri 59 sono sbarcati sulle coste joniche, senza tenere conto di tutte le decine di sbarchi fantasma che quotidianamente si registrano sulle nostre coste, ma non fanno notizia perché se i migranti non si vedono allora i migranti non esistono.
  14. In pochi andrebbero a un festival senza birra. Figuriamoci i tedeschi. È con quest'idea che gli abitanti di Ostritz, un piccolo villaggio nella Germania orientale, hanno deciso di boicottare il festival neonazista 'Schild und Schwert' ('Scudo e Spada'). Hanno comprato tutta la birra del paese svuotando completamente il supermercato locale e lasciando a secco i neonazisti. Bravissimi! Geniali e uniti nell'intento, ci sono riusciti! I 500 partecipanti al festival neonazista, con questo caldo, non hanno potuto bere neanche una birra per l'ingegnosa idea del paesino. Ma non finisce qui, anche la polizia tedesca ha vietato gli alcolici nei locali durante l'evento neonazista, confiscando 4.400 litri di birra. Il risultato è stato che nel villaggio di Ostritz la birra è diventata un puro miraggio. Da applausi! Che ne dite?
  15. La storia si ripete spesso in televisione. In modo particolare con certi conduttori occhia luti di sini stra. E pensare che questi conduttori sono pagati con soldi pubblici.
  16. A quanto sembra la Raggi ha fatto più pubblicità a Roma di quanta ne avrebbero fatto le olimpiadi. Senza spendere un euro.
  17. Scusi, lei! Lo ha mai visto il sole al tramonto col suo grande faccione giocondo? Ha mai visto la luna b.a.l.d.r.a.c.c.a sollevarsi nel cielo un po’ fiacca a celare o a scoprire le cose? Scusi, lei! Ha mai visto le rose sbocciare, fiorire o appassire in un quieto maggio o in un precoce aprile? Ha mai visto il sorriso di un bimbo, il pianto di un vecchio, la prima goccia d’acqua assorbita dal secchio? Scusi, lei! non ha visto passare fra le strade affollate di gente uno spiffero d’aria d’estate? Scusi, lei! Le ha mai viste le fate, gli gnomi ed i vecchi, solenni barboni? Scusi, lei! ha mai visto la gente soffrire, calde gocce su pallide gote, denti stretti da fame e dolore? Scusi, lei dove vive? Lo ha mai visto l’amore?
  18. Che bello! Le Olimpiadi invernali del 2016 saranno da noi, a Milano e Cortina! Abbiamo battuto la favorita Svezia. Il merito è anche delle due campionesse bergamasche Sofia Goggia e Michela Moiolo che hanno fatto breccia con la loro spontaneità tra gli indecisi. La spedizione tricolore è stata trascinata dalle due campionesse che, sono state decisive sul palco del Cio di Losanna, soprattutto in quel gruppo di 15 «indecisi» che, a conti fatti, hanno orientato l’ago della bilancia. Il video è bellissimo, brave!!!! https://www.facebook.com/fontanaufficiale/videos/2350732601807682/?t=77 «La discesa di Cortina è la mia preferita, è affascinante, è un’esperienza unica. Da piccola ho sempre sognato le Dolomiti. Avrò 32 anni nel 2026, non mi dispiacerebbe gareggiare in patria», ha detto Sofia, «Ricordo il mio ultimo salto in Corea, quando vidi il traguardo, ora ne abbiamo un altro: una candidatura che ha messo noi atleti al centro del progetto visto che il 95% di noi sarà a meno di 20 minuti dalle sedi di gara», ha aggiunto Michela. E' un grande risultato per il nostro paese, per Milano e per le magnifiche Dolomiti, alcuni polemizzano sui costi, ma io penso che il ritorno li ripagherà ampiamente, che ne pensate?
  19. a GRILLINO TI VOGLIO DIRE...TU SOSTIENI UN PREGIUDICATO,CONDANNATO PIÙ VOLTE non le volevano ma oggi festeggiano il loro arrivo
  20. Innanzi tutto in questo momento non siamo in campagna elettorale, nonostante non sembri. Poi a me non si può proprio fare questo genere di obiezioni: qui c'è un'apposita sezione di Poltica, che io non frequento, prprio perché non amo parlare di politica, specie con certi soggetti sottosviluppati che la frequentano abitualmente (purtroppo ogni tanto qualcuno fuoriesce da quella fogna, ma non è questo il tema di cui stiamo parlando ora). E prima di usare il termine "vergogna" rivolto a me, si sciacqui la bocca 10 volte. Nel merito dlla questione, abbiamo esponenti del governo contrari ai vaccini, così come la posizione almeno ufficiosa dei corrispondenti partiti di riferimento. I cittadini hanno il diritto (e in parte anche il dovere) di fidarsi dei rispettivi governanti. Né i mezzi di divulgazione ufficiali, come la RAI, oragano dello Stato, che impone anche il pagameto di un canone, spiegano apertamente che i vaccini sono obbligatori e anche opportuni. Invece nella TV pubblica spiegano molto bene come funzionano e cosa consigliano gli oroscopi di Paolo Fox. "il cervello della gente" viene riempito di *** anche dai media dello Stato italiano (ancora la RAI). Un cittadino ha il diritto di ricevere informazioi attendibili e non ha il dovere di fare l'investigatore privto per andare a scoprire che i mezzi di informazione ufficiali in realtà sono in mano ai 2 partiti di governo.
  21. Non si vergogna ad utilizzare una notizia così triste per fare campagna elettorale? La bambina ha 10 anni, quando doveva fare i vaccini dei Salvini e dei Di Maio manca sapevamo chi fossero...e poi scusi, devo aspettare il *** politico di turno per prendere decisioni sulla salute di mio figlio? Se questo è il cervello della gente i nostri politici ce li meritiamo tutti!!!!
  22. Salvini, anni contro le Olimpiadi. Oggi esulta per i posti di lavoro C’è dell’altro. E lo rimarca oggi Matteo Renzi su Facebook: “L’Italia ha vinto. Tutto il resto non conta. Questo Paese è forte, più forte di chi lo attacca con polemiche meschine. Oggi leggo che sulle Olimpiadi tutti hanno cambiato idea. Bene. Salvini attaccava il ‘fenomeno fiorentino’ che voleva le Olimpiadi: ora è il primo a esultare, ma ormai conosciamo il suo modo di fare. Lui non ha idee: le cambia sulla base della convenienza del momento”. Salvini ha una lunga serie di tweet e post contro le Olimpiadi: “No alle Olimpiadi Romane, prima scelta giusta del Governo che ha dato retta alla Lega” (14 febbraio 2012), “Renzi propone Olimpiadi a Roma nel 2024. Per me è FOLLIA, sarebbe Olimpiade di Sprechi” (15 dicembre 2014), “Gente che in tutta Italia aspetta una casa e un lavoro da anni. E Renzi pensa di fare le OLIMPIADI. Ricoverateloooooo” (21 dicembre 2014), “Qualche settimana fa ricordo Renzi e Marino che presentano Roma come città olimpica. Mi viene da ridere” (8 ottobre 2015). E oggi? Oggi Salvini urla viva le olimpiadi ed esulta per gli “almeno 20.000 posti di lavoro creati, tanti investimenti e 5 miliardi di euro di valore aggiunto per l’Italia”.
  1. Carica più attività