prof.decapitato...le culture altrui

Ancora sulla decapitazione del professore di storia francese, reo di avere mostrato in classe le caricature di Maometto, durante una lezione sulla libertà di espressione.

Come abbiamo già scritto, l’assassino è un ceceno di 18 anni che aveva ottenuto asilo politico con la sua famiglia all’età di sei anni. Si era integrato perfettamente nelle banlieus.

Gli alunni della scuola del professore ucciso, martire per la libertà di espressione, stanno celebrando la sua morte.

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

94 messaggi in questa discussione

1 ora fa, director12 ha scritto:

video del'islamico abbattuto dalla polizia; buonisti..se fosse accaduto in italia,che sarebbe successo alla polizia??????

https://twitter.com/i/status/1317217545179594752

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://www.ilmessaggero.it/AMP/primopiano/amri_terrorista_milano_ucciso_poliziotti-2158350.html&ved=2ahUKEwiErcLknrvsAhVBMewKHaM5CpAQFjAAegQIARAB&usg=AOvVaw3-Oo6qkt4weYHR4TToAbXR&ampcf=1&cshid=1602924692147

".....Dello stesso tono il messaggio ai due agenti da parte del presidente del Consiglio, Paolo Gentiloni, per il quale gli agenti Movio e Scatà hanno mostrato "coraggio e capacità professionali"

 

 

 

Nessuna sospensione e nessuna indagine, ma pubblici ringraziamenti.

 

Come vede, egregio suonatore di clarinetto,

 

È LEI CHE SCRIVE PUTTANATE.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per me quei poliziotti devono farsi minimo 15 anni di carcere per omicidio volontario con poche attenuanti.  Hanno sparato a un ragazzo solo e armato di coltello, avrebbero potuto sparare in aria, poi a terra e infine alle gambe ma è evidente che volevano ucciderlo. Non sono migliori di lui, sono vili assassini. Mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata. Quelle vignette blasfeme avevano già causato decine di vittime in Francia. La prima pubblicazione poteva forse avere un senso come satira religiosa, per quanto discutibile. Ripubblicarle non è stato un atto di libertà ma una scelleratezza da fanatici irresponsabili. O una scelta interessata se, come sospetto, la platea cui si rivolge quel giornale satirico è ormai composta per lo più da fanatici atei e da depravati. E un docente che mostra vignette blasfeme ai suoi allievi, durante una lezione sulla libertà di espressione, non è solo uno che ha completamente sbagliato mestiere, non è solo un cattivo maestro, ma è uno che non ha capito assolutamente nulla della libertà di espressione e del concetto di libertà in generale. Esistono molte forme di fanatismo. Il fanatismo religioso, il fanatismo ateo e quello laico. Gli ultimi due sono molto meno diffusi del primo e, a differenza che in passato, oggi non si esprimono quasi mai in forma violenta. Ma sono le tre facce di un medesimo triedro, quello dell'odio, dell'intolleranza e della presunzione di superiorità. Se fosse nato in un paese arabo, quel docente, con tutta probabilità, sarebbe stato un fondamentalista islamico. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
32 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata. Quelle vignette blasfeme avevano già causato decine di vittime in Francia. La prima pubblicazione poteva forse avere un senso come satira religiosa, per quanto discutibile. Ripubblicarle non è stato un atto di libertà ma una scelleratezza da fanatici irresponsabili. O una scelta interessata se, come sospetto, la platea cui si rivolge quel giornale satirico è ormai composta per lo più da fanatici atei e da depravati.

A scrivere quanto sopra è lo stesso fosforo31 che voleva bombardare con le opere di Voltaire i territori sotto il controllo dell'ISIS? Chiedo per un amico.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Per me quei poliziotti devono farsi minimo 15 anni di carcere per omicidio volontario con poche attenuanti.  Hanno sparato a un ragazzo solo e armato di coltello, avrebbero potuto sparare in aria, poi a terra e infine alle gambe ma è evidente che volevano ucciderlo. Non sono migliori di lui, sono vili assassini. Mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata. Quelle vignette blasfeme avevano già causato decine di vittime in Francia. La prima pubblicazione poteva forse avere un senso come satira religiosa, per quanto discutibile. Ripubblicarle non è stato un atto di libertà ma una scelleratezza da fanatici irresponsabili. O una scelta interessata se, come sospetto, la platea cui si rivolge quel giornale satirico è ormai composta per lo più da fanatici atei e da depravati. E un docente che mostra vignette blasfeme ai suoi allievi, durante una lezione sulla libertà di espressione, non è solo uno che ha completamente sbagliato mestiere, non è solo un cattivo maestro, ma è uno che non ha capito assolutamente nulla della libertà di espressione e del concetto di libertà in generale. Esistono molte forme di fanatismo. Il fanatismo religioso, il fanatismo ateo e quello laico. Gli ultimi due sono molto meno diffusi del primo e, a differenza che in passato, oggi non si esprimono quasi mai in forma violenta. Ma sono le tre facce di un medesimo triedro, quello dell'odio, dell'intolleranza e della presunzione di superiorità. Se fosse nato in un paese arabo, quel docente, con tutta probabilità, sarebbe stato un fondamentalista islamico. 

vedi campano..anzi napoletano (senza offesa!)...se siamo i ridicoli nel mondo...se abbiamo una giustizia a colabrodo,che vengono condannati chi ha avuto il torto di essere stato derubato,e ristorato il delinquente...se le condanne per i veri delinquenti non esitono piu',ma con i deboli ladri di polli sono severissime..ecco,.purtroppo è perchè in italia esistono gentukkula al par tua...da kumunista della peggior specia alla wronsco,passato al peggio del peggio....poveraccio...una volta vi erano sei personaggi in cerca d'autore...ora basta solo uno..in cerca di una personalita' vera!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Signori, oggi Saurino pane e vino chiede lumi per un amico. E chi sarà che lo manda nel forum a fare domande? Il falsario pisano momentaneamente assente? O un suo compagno di bevute? Non ce ne può fregardimeno, cari forumisti seri, ma è bene rinfrescare la memoria corta del suddetto. All'epoca cui si riferisce Saurino i territori dello Stato Islamico venivano massicciamente bombardati dalla coalizione anti-ISIS (USA, UK, Francia e altri, mentre noi ci limitammo al supporto logistico) e dalla Russia. Venivano usati i cacciabombardieri multiruolo più moderni e sofisticati, la guerra all'ISIS fu più che altro un impagabile banco di prova per armi modernissime. Gli USA impiegarono gli F-35 (anche a scopo promozionale) e perfino i supersegreti e supercostosi F-22 Raptor, nonché gli F-18 delle portaerei, elicotteri Apache e missili da crociera. Gli inglesi schierarono i Typhoon, i francesi i Rafale, i russi battezzarono sul campo i prototipi del loro caccia stealth di V generazione, il formidabile PAK-FA (Sukhoi Su-57). Tutto questo, praticamente il meglio dell'aviazione militare mondiale, contro un nemico privo di aerei e provvisto di contraerea a dir poco obsoleta. Nulla di meglio, insieme alle consuete vittime civili e innocenti, per fomentare in tutto il mondo il fondamentalismo, il fanatismo e il terrorismo islamista. Naturalmente, oltre alle vittime civili, quei bombardamenti fecero più che altro buchi nella sabbia (come era già accaduto contro Al Qaeda in Afghanistan) e lo Stato islamico continuò per lunghi anni a fare proseliti, a opprimere le popolazioni non sottomesse (in particolare le minoranze curde e yazide) e a vandalizzare siti archeologici. Sarebbe stata, come scrissi, molto più rapida ed efficace un'azione di terra in cui le truppe occidentali avessero stanato e affrontato lealmente, corpo a corpo, i fanatici del califfo del terrore. Come alternativa alle bombe io proposi anche di bombardare i territori dello Stato Islamico con le opere di Voltaire (e di Russell) tradotte in arabo. Una proposta provocatoria, ma fino a un certo punto. La ragione principale del fondamentalismo islamico e del jihadismo non sta tanto nei versetti del Corano (anche certi passi della Bibbia, se presi alla lettera, sembrano un invito a sterminare i miscredenti) quanto nell'assenza nella cultura islamica di una fase storica come quella che in Occidente fu l'Illuminismo. Che ebbe in Voltaire il suo principale animatore e due secoli dopo in Russell un brillante e autorevole epigono. Una cosa è certa: bombardare con i libri è in ogni caso più civile che massacrare la gente con le bombe. In molti casi potrebbe anche essere più utile. Modestamente, penso proprio che i due giganti che ho menzionato sarebbero d'accordo con me.     

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

La ragione principale del fondamentalismo islamico e del jihadismo non sta tanto nei versetti del Corano (anche certi passi della Bibbia, se presi alla lettera, sembrano un invito a sterminare i miscredenti) quanto nell'assenza nella cultura islamica di una fase storica come quella che in Occidente fu l'Illuminismo.

Non ho capito quanto illuminismo ci sia nella decapitazione di un professore che voleva spiegare la libertà di espressione.

E non ho capito nemmeno quanto illuminismo ci sia nella frase "mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata".

Magari potrebbe spiegarlo il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31.

Mi raccomando: DOPO avere letto qualcosa di Voltaire, che fa tanto chic citarlo senza averne letto una virgola.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
36 minuti fa, ilsauro24ore ha scritto:

La ragione principale del fondamentalismo islamico e del jihadismo non sta tanto nei versetti del Corano (anche certi passi della Bibbia, se presi alla lettera, sembrano un invito a sterminare i miscredenti) quanto nell'assenza nella cultura islamica di una fase storica come quella che in Occidente fu l'Illuminismo.

Non ho capito quanto illuminismo ci sia nella decapitazione di un professore che voleva spiegare la libertà di espressione.

E non ho capito nemmeno quanto illuminismo ci sia nella frase "mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata".

Magari potrebbe spiegarlo il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31.

Mi raccomando: DOPO avere letto qualcosa di Voltaire, che fa tanto chic citarlo senza averne letto una virgola.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

BUONA PRESENTE OPPOSIZIONE DI CONDANNATI DI DESTRA.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Saurino provoloneggia quando è sobrio, figuriamoci quando si divide tra tastiera e tavernello. Non ha capito quanto illuminismo ci sia nella decapitazione di un professore. Deve avere letto un altro post, non il mio. Bene, ritorno a spiegargli che i popoli islamici purtroppo non hanno storicamente avuto un loro illuminismo. Se gli spagnoli che colonizzarono le Americhe inalberando il crocifisso avessero conosciuto l'illuminismo di uno o due secoli dopo, forse non avrebbero decimato gli indigeni nel nome di Santiago Matamoros. L'Illuminismo fu il secolo dei lumi e i lumi erano quelli della ragione. Bene, nessuna persona razionale o almeno  ragionevole, e tanto meno un insegnante serio, porterebbe in un'aula scolastica delle vignette grondanti sangue. Si è  perso il conto degli attentati e degli omicidi innescati da quella satira infelice, in Francia, negli USA, in Africa e in altri posti. Ci sono molte cose per cui vale la pena morire, non certo per delle vignette. Quel professore non era una persona razionale, non era un illuminista ma era offuscato, come minimo, dal fanatismo laicista, forse anche da odio o risentimento antislamico. Come accadde negli ultimi anni della sua vita a una intristita e irriconoscibile Oriana Fallaci. E come accade agli autori delle vignette in oggetto. Pubblicarle una prima volta poteva essere satira estrema della religione, e io così le interpretai. Ripubblicarle è volgare fanatismo antislamico (un inciso: ogni volta che provo a scrivere "antislamico" il correttore automatico del tablet si ostina a scrivere "antisismico"). Ci sono molte cose di cui si può parlare agli studenti in una lezione sulla libertà di espressione. Ma di sicuro io non parlerei di vignette blasfeme e offensive, così come non parlerei di film *** girati in chiesa o in convento. Voltaire era un anticlericale, ma era soprattutto un filosofo, razionale e tollerante. Conoscendolo, dico che quelle vignette non gli sarebbero piaciute. Su Maometto lui non disegnò vignette ma scrisse una tragedia in 5 atti. Le cui rappresentazioni sono contestate dagli islamici ma non mi risulta che sia mai stato ammazzato qualcuno.  

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, director12 ha scritto:

se siamo i ridicoli nel mondo.

Lo dobbiamo al bunga bunga del berlu......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per me quei poliziotti devono farsi minimo 15 anni di carcere per omicidio volontario con poche attenuanti.  

Secondo me, quei poliziotti hanno fatto benissimo a stenderlo, sig fosforo.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Per me quei poliziotti devono farsi minimo 15 anni di carcere per omicidio volontario con poche attenuanti.  Hanno sparato a un ragazzo solo e armato di coltello, avrebbero potuto sparare in aria, poi a terra e infine alle gambe ma è evidente che volevano ucciderlo. Non sono migliori di lui, sono vili assassini. Mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata. Quelle vignette blasfeme avevano già causato decine di vittime in Francia. La prima pubblicazione poteva forse avere un senso come satira religiosa, per quanto discutibile. Ripubblicarle non è stato un atto di libertà ma una scelleratezza da fanatici irresponsabili. O una scelta interessata se, come sospetto, la platea cui si rivolge quel giornale satirico è ormai composta per lo più da fanatici atei e da depravati. E un docente che mostra vignette blasfeme ai suoi allievi, durante una lezione sulla libertà di espressione, non è solo uno che ha completamente sbagliato mestiere, non è solo un cattivo maestro, ma è uno che non ha capito assolutamente nulla della libertà di espressione e del concetto di libertà in generale. Esistono molte forme di fanatismo. Il fanatismo religioso, il fanatismo ateo e quello laico. Gli ultimi due sono molto meno diffusi del primo e, a differenza che in passato, oggi non si esprimono quasi mai in forma violenta. Ma sono le tre facce di un medesimo triedro, quello dell'odio, dell'intolleranza e della presunzione di superiorità. Se fosse nato in un paese arabo, quel docente, con tutta probabilità, sarebbe stato un fondamentalista islamico. 

Quindi , mi par di capire ( in realtà non mi pare ma capisco bene ) che il Cazzaro napoletano si schiera dalla parte dei “Allah Akbar”.  Beh , non e’ una novità : Dai tempi dei tempi si e’ schierato dalla parte delle Brigate Rosse ed e’ stato un fedele ammiratore dell’Isis quando a parlarne in modo lusinghiero era il tupamaros Di Battista . Il Cazzaro , parlando del Professore decapitato , ne parla come un soggetto che “ se la e’ cercata “.  Insomma come quei fascisti che difendono chi stupra una donna solo perché porta la minigonna “.  Insomma , quel povero professore e’ “meritevole” di essere stato ucciso perché ...provoca.  Cari forumisti , non vi lasciate incantare dalla successiva dichiarazione del Cazzaro quando afferma che “nessuno merita di essere ucciso per delle vignette “. Lo dice per ovvi motivi di convenienza forumustica ma invece lo pensa davvero . E lo dimostra nel proseguio dei cervellotici ragionamenti che fa . Hai capito ?? Per il Cazzaro quel professore era un pericoloso illuminista intriso di laicismo . Un offuscato pieno di odio antiislamico .  Perché se non l’avete ancora capito l’illuminismo  giusto e’ il terrorismo . Ma perché , non lo sapevate che i più grandi illuministi dell’era moderna sono stati i Bin Laden , i Boco Aram e compagnia bella ?? Invece , no !! Ma ’ tutta sta roba qui solo perché il professore francese ha mostrato alla propria classe alcune vignette che mettevano in risalto proprio l’opposto di cui ciancia il Cazzaro partenopeo . Ovvero la superiore cultura religiosa non estremista e non intrisa di odio verso chi non professa la stessa . La possibilità di dover far coesistere diversi dogmi religiosi senza manipolazioni . Insomma , per il Cazzaro , il pericoloso era il Professore e non chi va in giro a decapitare e sgozzare chi dal punto di vista religioso e’ diverso da te . Ha sbagliato mestiere dice il Cazzaro !! Uno stupido che ha voluto la morte e l’ha avuta !! Questo , in sottofondo ma non troppo , dice il pezzodimmerda napoletano . Che si arrabbia ed arresterebbe pure i poliziotti francesi cha hanno ucciso il terrorista . Per il Cazzaro meriterebbero 15 anni di carcere per omicidio volontario di un bravo ragazzo che aveva appena decapitato una persona e che si era asserragliato . Hai capito il pezzodimmerda : i poliziotti sono dei vili , lui , l’Islamico un ragazzino perbene che decapita la gente che se la cerca !! Pezzodimmerda !! Con questo post meriteresti che tutto il forum ti offendesse di continuo . Hai difeso un assassino e fai passare per uno stronxo la vittima . Ma non ti fai schifo ?? 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Per me quei poliziotti devono farsi minimo 15 anni di carcere per omicidio volontario con poche attenuanti.  

Secondo me, quei poliziotti hanno fatto benissimo a stenderlo, sig fosforo.

 

Egregio, un poliziotto deve rispettare le regole dello Stato e non deve cedere all'emotività, anche se in certi frangenti la cosa può essere molto difficile. Dalle immagini par di capire che c'era tutta la possibilità di neutralizzare il barbaro assassino senza ucciderlo. Invece hanno deliberatamente scelto di "giustiziarlo" sul posto. Con ciò, a mio modesto avviso, hanno infranto le regole e devono per questo essere puniti, pur con delle attenuanti. A meno che in Francia non sia stata stabilita la regola della giustizia sommaria contro i terroristi. Ma non credo. La Francia è un paese laico e in uno Stato laico il rispetto per la persona, anche quella del peggior criminale, non vale meno della libertà di pubblicare vignette offensive e blasfeme.  In ogni caso quei poliziotti hanno regalato ai fanatici l'ennesimo "martire" che attizzerà l'odio e stimolerà l'emulazione. E la scia di sangue si allungherà. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il Cazzaro insiste e si appella ad un presunto “diritto “ che dovrebbe essere concesso a tutti coloro che vanno in giro per il mondo a decapitare la gente !! Hai capito ?? L’Occidente dovrebbe stare ai piedi del terrorismo islamico sennò si arrabbiano !! Chi , Cazzaro ?? Sai che ti dico, Cazzaro ?? Quel terrorista se la e’ cercata !! Più e molto di più di quel professore francese ed in ogni Stato del mondo civile avrebbe fatto la fine che ha fatto . Forse non l’avrebbe fatta in un mondo popolato dalle testadicazzo come te . Ma solo lì !! Hai capito, sto idio ta ?? Darebbe 15 anni ai poliziotti che lo hanno freddato così come giustamente merita una persona che ha già ucciso e che non avrebbe esitato un secondo ad uccidere di nuovo. Ma cosa ti vuoi attendere da un energumeno come il Cazzaro psrtenopeo ?? Un idio ta che ha invocato pure prebende per un condannato all’ergastolo come Battisti responsabile di 4/5 omicidi . Uno che ha giustificato le BR e l’Isis . Cosa aspettate a sputare in faccia ad un idio ta monumentale come il pezzodimmerda napoletano ??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quel professore non era una persona razionale, non era un illuminista ma era offuscato, come minimo, dal fanatismo laicista, forse anche da odio o risentimento antislamico... Ci sono molte cose di cui si può parlare agli studenti in una lezione sulla libertà di espressione. Ma di sicuro io non parlerei di vignette blasfeme e offensive... Voltaire era un anticlericale, ma era soprattutto un filosofo, razionale e tollerante. Conoscendolo, dico che quelle vignette non gli sarebbero piaciute. Su Maometto lui non disegnò vignette ma scrisse una tragedia in 5 atti.

Nessuno ha ancora capito quanto illuminismo e quanto pensiero di Voltaire ci sia nella decapitazione di un professore che voleva spiegare la libertà di espressione.

E nessuno ha ancora capito quanto illuminismo e quanto pensiero di Voltaire ci sia nella frase "mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata".

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 non lo spiega, preferendo andare avanti a base di pregiudizi, come si conviene ad un panzanaro seriale che di illuminista ha ben poco .

1 - Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 confeziona la prima panzana quando scrive quel professore non era una persona razionale, non era un illuminista ma era offuscato, come minimo, dal fanatismo laicista, forse anche da odio o risentimento antislamico.

Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 non ha conoscenza alcuna del pensiero di Samuel Paty. Pertanto confeziona un pregiudizio ad uso e consumo della boria che regna sovrana nel contenitore vuoto che il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 usa per separare le orecchie.

2 - Per sua natura la satira è "caratterizzata da caratterizzata da forte aggressività anche politica, tematiche spesso licenziose, linguaggio quotidiano ed esplicito", come si pregia di specificare il vocabolario Treccani. Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 evidentemente possiede un concetto di satira che deve conciliarsi con la boria che regna sovrana nel contenitore vuoto che il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 usa per separare le orecchie.

3 - Il cialtronissimo peracottaro seriale fosforo31 conosce Voltaire.

No, egregio coppoldiminchia panzanaro, tu non conosci Voltaire. Conosci il tuo barbiere Carmine, conosci l'amico medico ricco sfondato che non avrebbe mai superato il test di accesso alla facoltà di medicina, conosci l'avvocatessa tuffaldina che approfitta delle difficoltà psichiche del cliente.

Voltaire lo leggi oppure lo studi, ma non lo conosci.

Voltaire lo conosci se non lo hai letto oppure non lo hai studiato. E infatti non porti alcun elemento, se non la boria che regna sovrana nel contenitore vuoto usi per separare le orecchie, per supportare l'opinione che quelle vignette non sarebbero piaciute a Voltaire.

Ti svelo cosa scrisse Voltaire nella lettera scritta il 20 gennaio 1742 e indirizzata a Federico II di Prussia: j'ai été presque témoin en Angleterre de ce que peut sur une imagination jeune et faible la force du fanatisme. Un enfant de seize ans nommé Shepherd, se chargea d'assassiner le roi George I, votre aïeul maternel. Quelle était le cause qui le portait à cette frénésie? C'était uniquement que Shepard n'était pas de la même religion que le Roi. On eut pitié de sa jeunesse, on lui offrit la grâce, on le sollicita longtemps au repentir ; il persista toujours à dire, qu'il valait mieux obéir à Dieu qu'aux hommes ; et que s'il était libre, le premier usage qu'il ferait de la liberté, serait de tuer son Prince.

Se oggi fosse vivo, Voltaire sarebbe inorridito da quanto successo nel 2020 (duemilaventi!) nell'area urbana di Parigi. Inorridito ma non stupito: autore dello scellerato atto è stato un diciottenne e non un sedicenne. A parte la lieve differenza di età, siamo ancora una volta di fronte a una giovane mente che ha preferito obbedire a Allah Akhbar piuttosto che agli uomini.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un giorno forse non lo avrei detto , ma oggi il Sauro ha impartito una lectio magistralis al formidabile ed imponente Cazzaro di Napoli . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Egregio, un poliziotto deve rispettare le regole dello Stato e non deve cedere all'emotività, anche se in certi frangenti la cosa può essere molto difficile. Dalle immagini par di capire che c'era tutta la possibilità di neutralizzare il barbaro assassino senza ucciderlo. Invece hanno deliberatamente scelto di "giustiziarlo" sul posto. Con ciò, a mio modesto avviso, hanno infranto le regole e devono per questo essere puniti, pur con delle attenuanti. A meno che in Francia non sia stata stabilita la regola della giustizia sommaria contro i terroristi. Ma non credo. La Francia è un paese laico e in uno Stato laico il rispetto per la persona, anche quella del peggior criminale, non vale meno della libertà di pubblicare vignette offensive e blasfeme.  In ogni caso quei poliziotti hanno regalato ai fanatici l'ennesimo "martire" che attizzerà l'odio e stimolerà l'emulazione. E la scia di sangue si allungherà. 

"Dalle immagini par di capire che c'era tutta la possibilità di neutralizzare il barbaro assassino senza ucciderlo. Invece hanno deliberatamente scelto di "giustiziarlo" sul posto. "

È GIUSTO A QUESTO PUNTO CHE LEI ED IO DOBBIAMO, INVECE DI FARE GLI ANALISTI GIUDIZIARI, SOSPENDERE IL GIUDIZIO E DIRE: "ORA TOCCA LA PAROLA AI GIUDICI".

ALTRIMENTI CI RIDUCIAMO AL LIVELLO MENTALE DEL DIRETTORETTO.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ribadisco i poliziotti hanno fatto benissimo. 

Quell' assassino non uccidera' più nessuno.

 

2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Tranquilla Trottola . Il Cazzaro , in questo preciso momento , ti sta rispondendo ...!! Ahahahahaha , vuoi scommettere ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

In Francia c'è la rivista satirica che parla di mao dove lo metto noi quì in Italia abbiamo il vernacoliere giornale satirico che prende di mira il papa ... ma che cosa vogliono ?? a casa subito se non gli sta bene il modo di pensare occidentale se ne tornassero da dove sono venuti raus sciò via .

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Faccia la faccia feroce sig mylord, magari prendono paura e se ne vanno.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Signori, io sapevo che il governo aveva chiuso le fiere e le sagre ma la mia delirante ombretta pisana non rinuncia alla sua fiera permanente della falsità e dell'insulto, mentre insieme all'altra ombretta, il sempre più confuso e patetico Saurino, apre in questa discussione una ridicola sagra delle banalità. Ambedue vanno multati di 1000 euro. Il falsario pisano vaneggia di un presunto "diritto" (usa esattamente questa parola) di decapitare la gente al quale io mi sarei "appellato" (sic) in difesa del fanatico assassino di Parigi. È proprio vero che la faziosità e l'odio oscurano la mente più delle più pesanti droghe.  Ambedue le ombrette sostengono banalissimamente che di fronte a certe cruente manifestazioni del fanatismo religioso si può solo inorridire. Ma figuriamoci se non sia inorridito il sottoscritto che in passato ha dedicato intere discussioni ai roghi degli eretici e delle cosiddette streghe fatte bruciare vive a migliaia dall'Inquisizione cattolica. Nonché al genocidio perpetrato con i metodi più brutali, inclusi rogo e decapitazione, dai conquistadores spagnoli sui nativi americani considerati meno che bestie solo perché non battezzati. Ma il sottoscritto, a differenza delle sue banali ombrette, è inorridito (laicamente) anche per l'efferata vendetta della polizia francese che ha "giustiziato" sul posto l'autore del crimine. Invito le mie fedeli ombrette, intrise di cultura laica quanto l'ex ministra Gelmini di fisica delle particelle, a riflettere sulle mie parole del precedente post, che riporto qui:

La Francia è un paese laico, e in uno Stato laico il rispetto per la persona, anche quella del peggior criminale, non vale meno della libertà di pubblicare vignette offensive e blasfeme.

CHIARO?

Un inciso: il settimanale che pubblicò quelle vignette subì la tragica vendetta dei fanatici, ma poco dopo uscì con la famosa copertina del Tout est pardonné. Evidentemente un laico (o un illuminista) non può perdonare chi ha fatto una strage guidato dalla pura follia, senza nessuna motivazione. Questo può farlo, al massimo, un fanatico religioso del buonismo. Quindi quel perdono non fu solo un gesto bellissimo e nobilissimo, meritevole a mio avviso di nulla di meno di un Nobel per la Pace, ma anche un'implicita ammissione di avere in qualche modo compreso le "ragioni" dei terroristi fanatici.  Recentemente però lo stesso settimanale che aveva perdonato tutto ha rovinato tutto ripubblicando quelle vignette sporche di sangue (e non solo del sangue dei redattori). E allora di cosa parliamo? Questa non è più satira religiosa, questa è provocazione irresponsabile e fanatismo laicista. 

Nella sagra delle banalità il rimbecillito pisano sostiene che l'assassino di Parigi la morte se l'è cercata. Bella scoperta! Ma se l'è cercata anche quel professore che ha portato in classe quelle vignette e ce le ha portate nel momento peggiore, cioè nel clima di tensione e odio amplificato dalla loro ripubblicazione. Tensione e odio che quel professore ha consapevolmente contribuito a riattizzare. Perché vignette offensive di una religione possono essere tollerate su un settimanale satirico (per una volta, non due) ma non certo nelle aule scolastiche. E men che meno in una lezione sulla libertà di espressione, che non è libertà di mortificare una religione e offenderne i credenti. Ripeto, quel professore, a mio modesto avviso, aveva sbagliato mestiere e la morte se l'è cercata. Ma solo chi usa la testa per dividere le orecchie, come le mie decerebrate ombrette, ne deduce che il sottoscritto, per giunta laico e non credente, possa giustificare barbaro omicidi perpetrati in nome della religione. Il banalissimo e confuso Saurino sostiene che Voltaire sarebbe inorridito di fronte a tanta crudeltà e tanto fanatismo. Ovvio, ma io gli assicuro che sarebbe laicamente inorridito anche davanti alla giustizia sommaria subita dal criminale. Se pensa il contrario, ci conferma nel fondato sospetto che egli non conosca e non abbia mai studiato Voltaire e la cultura illuministica in generale. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non solo sei un impostore !! Sei un pezzodimmerda assodato!! Un vigliacchetto che non ha nemmeno il coraggio di difendere quel che scrive. Ma devi stare tranquillo !! Finché sarò sul forum ti rifarò mangiare tutta la mer da che spari sul forum . Io non mi sono meravigliato del post che hai scritto a commento dell’uccisione del professore francese ad opera del terrorista islamico . Non mi sono meravigliato perché per me e’ chiarissimo cosa pensi nel merito. Per uno che si e’ sempre schierato con le BR , con l’Isis , con i Dittatori sudamericani , con Battisti e con i Gilet Gialli , non sarebbe difficile per nessuno capire che pezzodimmerda sei !! Ed allora te lo ripubblico il tuo post sull’uccisione del povero professore . Non hai speso nemmeno una parola di umanità verso di lui . Un padre di famiglia con una bimba piccola . Anzi , alcune parole le bau dette. Per criticarlo , per giustificare chi l’ha ucciso . Hai detto che se la e’ cercata !! Ti dovresti prendere a sputi in faccia ma da buon napoletano di mer da non hai la saliva che hai esaurito per slurpare qualcuno . Non hai avuto manco una parola di orrore verso chi ha operato quella decapitazione . Anzi , sotto sotto l’hai giustificata.  Certo , mica lo potevi affermare cosi platealmente . Ma lo si capisce benissimo !! Nel contempo però le critiche le fai alla Polizia Francese e vorresti dare 15 anni di galera a quei poliziotti che hanno ucciso il Professore . Sei da vomito !! Un personaggio spregevole !! 

fosforo311     219

  • fosforo311
  • 2150 messaggi

 

Inviata domenica alle 16:18 (modificato) · 

Per me quei poliziotti devono farsi minimo 15 anni di carcere per omicidio volontario con poche attenuanti.  Hanno sparato a un ragazzo solo e armato di coltello, avrebbero potuto sparare in aria, poi a terra e infine alle gambe ma è evidente che volevano ucciderlo. Non sono migliori di lui, sono vili assassini. Mentre quel professore, mi spiace dirlo, la decapitazione se l'è cercata. Quelle vignette blasfeme avevano già causato decine di vittime in Francia. La prima pubblicazione poteva forse avere un senso come satira religiosa, per quanto discutibile. Ripubblicarle non è stato un atto di libertà ma una scelleratezza da fanatici irresponsabili. O una scelta interessata se, come sospetto, la platea cui si rivolge quel giornale satirico è ormai composta per lo più da fanatici atei e da depravati. E un docente che mostra vignette blasfeme ai suoi allievi, durante una lezione sulla libertà di espressione, non è solo uno che ha completamente sbagliato mestiere, non è solo un cattivo maestro, ma è uno che non ha capito assolutamente nulla della libertà di espressione e del concetto di libertà in generale. Esistono molte forme di fanatismo. Il fanatismo religioso, il fanatismo ateo e quello laico. Gli ultimi due sono molto meno diffusi del primo e, a differenza che in passato, oggi non si esprimono quasi mai in forma violenta. Ma sono le tre facce di un medesimo triedro, quello dell'odio, dell'intolleranza e della presunzione di superiorità. Se fosse nato in un paese arabo, quel docente, con tutta probabilità, sarebbe stato un fondamentalista islamico. 


 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963