senza mascherina....400 euro multa alla 80enne..gia',l'ha abbassata per bere il caffe'!!!!!

Una donna di 80 anni è stata multata a Modena perché ha abbassato la mascherina sul mento per bere un caffè al bar.

Viviana Parmigiani ha ricevuto una sanzione di 400 euro proprio nel primo giorno di stretta contro la nuova ondata di contagi arrivata coi barconi. 

con lei è stata multata anche la barista per non aver vigilato, ma la cifra per entrambe scenderà a 280 euro se pagheranno entro cinque giorni.

“Ci sono rimasta malissimo perché sono molto ligia alle regole, forse persino troppo. Io la mascherina la metto sempre, ne ho sempre due-tre di scorta nella borsa e ne raccomando l’uso anche alle mie amiche”, ha raccontato la donna.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

In compenso si permette ai “tarlati” ed ai “tarati” vi viaggiare con i mono pattini elettrici sui marciapiedi e sulle piste per disabili. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, dune-buggi ha scritto:

In compenso si permette ai “tarlati” ed ai “tarati” vi viaggiare con i mono pattini elettrici sui marciapiedi e sulle piste per disabili. 

ecco l'esempio da chi lo dovrebbe dare:

chiesa immigrati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non credo proprio che le cose siano andate esattamente come le descrivi. Probabilmente quella signora, nel togliersi la mascherina per bere il caffé, non ha controllato la distanza di sicurezza. In tal caso la sanzione è più che giusta. Per lei e per la barista che non ha fatto rispettare il distanziamento. L'unica ingiustizia di cui possono lamentarsi è che questo metro non viene applicato a tutti. E invece bisognerebbe farlo. Leggo di stop agli alcolici dopo le 21 e di stop al calcetto. Ma vogliamo scherzare? Ieri in Francia hanno avuto quasi 27.000 casi in 24h e hanno quasi 1500 persone in terapia intensiva. Vogliamo ridurci anche noi così? La sanzione non ha solo valore punitivo ma anche valore esemplare. Che in questa situazione è l'aspetto più importante. Quindi il ministero dell'Interno deve emanare una circolare di 5 parole:

Controlli a tappeto, nessuna tolleranza. 

Analogamente, la profilassi deve avere valore di prevenzione (come dice la parola stessa che discende dal greco) e non solo di contenimento. Di questo passo i bar dovremo chiuderli per forza, perché i giovani, ma come nel caso in oggetto anche gli anziani e i gestori, spesso non rispettano le regole. Quindi meglio, molto meglio, chiuderli oggi per due settimane che domani per due mesi.  

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Non credo proprio che le cose siano andate esattamente come le descrivi. Probabilmente quella signora, nel togliersi la mascherina per bere il caffé, non ha controllato la distanza di sicurezza. In tal caso la sanzione è più che giusta. Per lei e per la barista che non ha fatto rispettare il distanziamento. L'unica ingiustizia di cui possono lamentarsi è che questo metro non viene applicato a tutti. E invece bisognerebbe farlo. Leggo di stop agli alcolici dopo le 21 e di stop al calcetto. Ma vogliamo scherzare? Ieri in Francia hanno avuto quasi 27.000 casi in 24h e hanno quasi 1500 persone in terapia intensiva. Vogliamo ridurci anche noi così? La sanzione non ha solo valore punitivo ma anche valore esemplare. Che in questa situazione è l'aspetto più importante. Quindi il ministero dell'Interno deve emanare una circolare di 5 parole:

Controlli a tappeto, nessuna tolleranza. 

Analogamente, la profilassi deve avere valore di prevenzione (come dice la parola stessa che discende dal greco) e non solo di contenimento. Di questo passo i bar dovremo chiuderli per forza, perché i giovani, ma come nel caso in oggetto anche gli anziani e i gestori, spesso non rispettano le regole. Quindi meglio, molto meglio, chiuderli oggi per due settimane che domani per due mesi.  

L’idio ta nonché Commissario del Popolo Cazzaro di Napoli , ha già fatto il processo ed emesso il verdetto : Colpevole !! Ha già emesso la motivazione :” non credo che lei e la barista abbiano rispettato l’una e fatto rispettare l’altra , la distanza sociale . Purtroppissimo per il Cazzaro di Napoli nonché Commissario del Popolo , che la multa sia stata comminata solo per aver , la Signora , abbassato la mascherina per bere il caffè (fonte: verbale della multa mostrato ad almeno 15 testate giornalistiche compreso il Falso Quotidiano ). Aggiungo : Il Cazzaro sa dire da dove ricava il dato che le terapie intensive francesi sono occupate da quasi 1.500 pazienti affetti da Covid ?? No , così , perché a me risulta un dato diverso: ovvero che le terapie intensive occupate da/per Covid siano un terzo circa di quel che va cianciando il “terrorista “ allo Stato demenziale e finale napoletano . Voglio dire che i due terzi degli occupanti delle terapie intensive francesi ci sarebbero , purtroppo , entrati comunque anche senza Covid . Si diffida il Cazzaro di Napoli a continuare a spargere Panzanate simili ed ad occuparsi della diatriba attualmente in atto del movimentuccio a cui appartiene ed ad informarci sui prossimi Stati Generali e contemporaneo duello tra i men che mediocri Dimma/Dibba

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

prepotenti con gli italiani deboli codardi di fronte ai forti 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Non credo proprio che le cose siano andate esattamente come le descrivi. Probabilmente quella signora, nel togliersi la mascherina per bere il caffé, non ha controllato la distanza di sicurezza. In tal caso la sanzione è più che giusta. Per lei e per la barista che non ha fatto rispettare il distanziamento. L'unica ingiustizia di cui possono lamentarsi è che questo metro non viene applicato a tutti. E invece bisognerebbe farlo. Leggo di stop agli alcolici dopo le 21 e di stop al calcetto. Ma vogliamo scherzare? Ieri in Francia hanno avuto quasi 27.000 casi in 24h e hanno quasi 1500 persone in terapia intensiva. Vogliamo ridurci anche noi così? La sanzione non ha solo valore punitivo ma anche valore esemplare. Che in questa situazione è l'aspetto più importante. Quindi il ministero dell'Interno deve emanare una circolare di 5 parole:

Controlli a tappeto, nessuna tolleranza. 

Analogamente, la profilassi deve avere valore di prevenzione (come dice la parola stessa che discende dal greco) e non solo di contenimento. Di questo passo i bar dovremo chiuderli per forza, perché i giovani, ma come nel caso in oggetto anche gli anziani e i gestori, spesso non rispettano le regole. Quindi meglio, molto meglio, chiuderli oggi per due settimane che domani per due mesi.  

ecco la storia raccontata dai gestori del bar,dalla signora,e dal suo compagno:e aggiungo.certo vien da dire da che pulpito vien la predica,visto che la tua citta' non è certo un campione di civilta'!!!! ma tu i servizi di Abete a striscia la notizia li vedi?? e non sono certo di 50 anni fa!! sono di queste settimane!! dalle bile elettriche trasformate  in scooter,evadendo,ai semafori rossi come ornamento,in tre sullo scooter..ai monopattini (scoperta dei grilli) che arrivano a 80 km./h...agli abbracci ai turisti fregando quello che si puo',passando ai sassi messi dentro nei pacchi invece della merce acquistata.le RCA auto? un opzional...i bolli auto? che sono??le revisioni auto? ma non si fanno dopo dieci anni?? perito...vuoi che continui??bene...buona nottata sparando i fuochi artificiali...e speriamo siano solo quelli.ossequi

La vicenda, che ha scossa parecchio la signora Parmigiani, è avvenuta in un locale del centro di Castelfranco, paese di confine fra Modena e Bologna. "Sono entrata con la mascherina sul viso, ho ordinato un caffè al banco e, quando me l'hanno portato, l'ho abbassata per poterlo bere - ha continuato la pensionata -. Poi ho notato il mio compagno seduto a un tavolino, gli ho detto 'me lo offri tu?' e in quel momento mi sono vista circondare da tre-quattro vigili". La donna addirittura pensava che sarebbe stata arrestata da un momento all'altro. E' un'ingiustizia molto grossa che mi è pesata in maniera incredibile, io quella cifra lì non la pago. La vigilessa mi ha detto che posso presentare ricorso al sindaco e io, che avevo l'adrenalina a cento all'ora, sono andata subito in municipio, ma non l'ho trovato", ha spiegato Viviana Parmigiani. Per cercare di risolvere la questione, suo figlio ha scritto una mail al primo cittadino, che però ha risposto che non c'è nulla da fare. Dunque la multa resta, nonostante la pensionata sia convinta di non meritarla affatto. Dello stesso parere il compagno Franco Pagnoni: "Viviana la mascherina se la mette anche quando va a letto, è una persona estremamente ligia al dovere. Se l'è abbassata per pochi secondi al bar ed è stata punita in quel modo".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963