Sento i Grillini un po’ mogi . Ne hanno ben donde .

I voti in Sicilia li hanno presi, ma non solo non hanno vinto ma se ne sono persi un bel po’ per strada: rispetto alle politiche del 2013 perde all’incirca 6 punti percentuali. Malgrado la grancassa mediatica, i grillini hanno poco da gioire. Volevano la Sicilia guardando all’Italia, e inece niente. Quello siciliano è un voto che conferma l’impressione di un consenso congelato in frigorifero, buono per fare *** ma del tutto non spendibile, dunque inutile, ai fini del governo. Se la percezione dell’elettorato diventasse davvero quello di un voto grillino di mera testimonianza o di pura protesta allora potremmo assistere ad una messa in discussione della sua attrattiva: qualcuno si chiederà a cosa serva votare M5S, un partito che non vince, che non si allea, che forse non vuole nemmeno vincere e governare perché è più comoda la rendita di posizione del vaffa? In questo senso, la Sicilia è una grande occasione perduta. E non è detto che nel malmostoso mondo grillino qualcuno non si alzi per dirlo a chiare lettere. No, non è una bella giornata per il MoVimento. Chiara Appendino è stata raggiunta da un avviso di garanzia per omicidio colposo, lesioni colpose e disastro colposo per l’incredibile gestione di piazza San Carlo la notte della finale di Champions fra Juventus e Real Madrid, 1 morto e più di 1500 feriti. La “stella” di governo del M5s si va offuscando non solo per le peripezie giudiziarie, chissà se i torinesi la rivoterebbero di nuovo. A Ostia, gran terreno di caccia elettorale fra sostegni imbarazzanti e disagio diffuso, i grillini perdono un bel po’ di voti rispetto alle elezioni di un anno fa quando a Roma stravinse la Raggi (una Raggi – sia detto con grande cautela – di cui si dice sia possibile il rinvio a giudizio per l’affare Marra): alle comunali 2016 il M5s nel municipio di Ostia conquistò il 43,82%, mentre a queste amministrative 30,28%. Non esattamente un plebiscito. Al di là delle fumisterie polemiche (“Renzi non è il leader”),  può darsi che a Di Maio sia parso più conveniente disertare il match televisivo con Matteo Renzi, forse incautamente sfidato senza mettere in conto che quello avrebbe subito accettato, talmente disponibile a duellare con Di Maio da dire sì alle “condizioni” poste dal capetto grillino: bene Floris, bene La7.  E invece, la sua fuga ha finito per dare buone armi polemiche al segretario del Pd. In una giornata uggiosa come questa, fra vittorie mancate e avvisi di garanzia, Giggino avrà pensato ,  non senza ragione ,  che fosse meglio lasciar perdere.  

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

11 messaggi in questa discussione

Se volevano capire lo avrebbero capito anche dopo le ultime amministrative, d'altro canto le varie vittorie come sindaci le hanno vinte grazie all'apporto della dx, adesso che corrono loro due non possono pretendere più di tanto....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Mi sembra di aver letto che i 5stelle hanno perso le elezioni ma sono il primo partito in Sicilia; se il risultato si ripetesse a livello nazionale se cioè i 5stelle fossero il primo partito alle elezioni politiche nazionali, il presidente della repubblica cosa dovrebbe fare? a chi dovrebbe assegnare l'incarico per tentare di formare un governo?  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

EHEHEHEHEHEHEHEHEHEHHE

 

Shiny suggerisce di far sbollire la rabbia PDocchia.

del resto dallo sfanculamento di Grasso al caciottaro di Rignano, fino ad arrivare ad un PartitoDeliquente sul viale del tramonto in Sicilia, rischiamo veramente di scivolare sulla bile versata a ettolitri, dal gruppo asinino del forum.

BaS

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

VINCIAMO   POI    AHAHAHAH    i disHONESTI  manco   ai  confronti da  loro  stessi  richiesti  si  presentano  accampando  scuse che  non reggono,  perchè  se  non è   referente  un  leader  con    duemilioni  di  voti  concreti   come  può esserlo  uno  che   di  voti  ne  avrebbe  preso  solo  36000 ma    sono dei  click  non  verificati e  non  verificabili.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Mi sembra di aver letto che i 5stelle hanno perso le elezioni ma sono il primo partito in Sicilia; se il risultato si ripetesse a livello nazionale se cioè i 5stelle fossero il primo partito alle elezioni politiche nazionali, il presidente della repubblica cosa dovrebbe fare? a chi dovrebbe assegnare l'incarico per tentare di formare un governo?  

Te lo spiego subito : nella malaugurata ipotesi avvenisse quel che hai detto , il PDR, affiderebbe a Giggino il compito di “formare” un governo . Ahshahaha , nel giro di un paio di giorni se lo vedrebbe restituire e lo affiderebbe ad altri . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
In questo momento, mark25251 ha scritto:

Te lo spiego subito : nella malaugurata ipotesi avvenisse quel che hai detto , il PDR, affiderebbe a Giggino il compito di “formare” un governo . Ahshahaha , nel giro di un paio di giorni se lo vedrebbe restituire e lo affiderebbe ad altri . 

Beh  farebbe   la   fine   di gargamella   ma  senza   streaming   ops  ma  dove   sono  finiti  non  dicevan  tutto  alla  luce  del  sole  ??  Ma  anche  loro   come  i vecchi  politicanti  tutto si decide   nelle  recondite  stanze  della  casaleggio &co

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, mark25251 ha scritto:

Te lo spiego subito : nella malaugurata ipotesi avvenisse quel che hai detto , il PDR, affiderebbe a Giggino il compito di “formare” un governo . Ahshahaha , nel giro di un paio di giorni se lo vedrebbe restituire e lo affiderebbe ad altri . 

Penso che avverrà proprio questo, i 5stelle saranno il primo partito ma a causa di una legge elettorale fatta apposta per penalizzarli non avranno la maggioranza dei seggi;  il presidente della repubblica sarà però costretto ad affidare loro l'incarico non otterranno appoggi e saranno costretti a rinunciare; il presidente cercherà allora un personaggio sopra le parti, benvoluto dall'Europa, farà n governo tecnico appoggiato da Renzi e Berlusconi e sarà come la prima repubblica o  forse peggio. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, etrusco1900 ha scritto:

Penso che avverrà proprio questo, i 5stelle saranno il primo partito ma a causa di una legge elettorale fatta apposta per penalizzarli non avranno la maggioranza dei seggi;  il presidente della repubblica sarà però costretto ad affidare loro l'incarico non otterranno appoggi e saranno costretti a rinunciare; il presidente cercherà allora un personaggio sopra le parti, benvoluto dall'Europa, farà n governo tecnico appoggiato da Renzi e Berlusconi e sarà come la prima repubblica o  forse peggio. 

sicuramente peggio perchè al peggio con renzusconi non c'è mai fine !

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, mark25251 ha scritto:

Te lo spiego subito : nella malaugurata ipotesi avvenisse quel che hai detto , il PDR, affiderebbe a Giggino il compito di “formare” un governo . Ahshahaha , nel giro di un paio di giorni se lo vedrebbe restituire e lo affiderebbe ad altri . 

Un’altra perla stile “profezia Fassino”.

A sentire i somari del forum il M5S sarebbe scomparso nel giro di qualche tornata elettorale/amministrative.

Ed invece i quadrupedi incassano l’ennesImo sfanculamento “Made in trinacria” e il Povero tappetaro si accorge di aver finito la merdutella.

State sereni raglianti, per la ridotta e acciaccata straordinaria base, le prebende strabordanti&gocciolanti  non mancheranno mai.

BaS

Buon appetito Somari 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, mark25251 ha scritto:

I voti in Sicilia li hanno presi, ma non solo non hanno vinto ma se ne sono persi un bel po’ per strada: rispetto alle politiche del 2013 perde all’incirca 6 punti percentuali. Malgrado la grancassa mediatica, i grillini hanno poco da gioire. Volevano la Sicilia guardando all’Italia, e inece niente. Quello siciliano è un voto che conferma l’impressione di un consenso congelato in frigorifero, buono per fare *** ma del tutto non spendibile, dunque inutile, ai fini del governo. Se la percezione dell’elettorato diventasse davvero quello di un voto grillino di mera testimonianza o di pura protesta allora potremmo assistere ad una messa in discussione della sua attrattiva: qualcuno si chiederà a cosa serva votare M5S, un partito che non vince, che non si allea, che forse non vuole nemmeno vincere e governare perché è più comoda la rendita di posizione del vaffa? In questo senso, la Sicilia è una grande occasione perduta. E non è detto che nel malmostoso mondo grillino qualcuno non si alzi per dirlo a chiare lettere. No, non è una bella giornata per il MoVimento. Chiara Appendino è stata raggiunta da un avviso di garanzia per omicidio colposo, lesioni colpose e disastro colposo per l’incredibile gestione di piazza San Carlo la notte della finale di Champions fra Juventus e Real Madrid, 1 morto e più di 1500 feriti. La “stella” di governo del M5s si va offuscando non solo per le peripezie giudiziarie, chissà se i torinesi la rivoterebbero di nuovo. A Ostia, gran terreno di caccia elettorale fra sostegni imbarazzanti e disagio diffuso, i grillini perdono un bel po’ di voti rispetto alle elezioni di un anno fa quando a Roma stravinse la Raggi (una Raggi – sia detto con grande cautela – di cui si dice sia possibile il rinvio a giudizio per l’affare Marra): alle comunali 2016 il M5s nel municipio di Ostia conquistò il 43,82%, mentre a queste amministrative 30,28%. Non esattamente un plebiscito. Al di là delle fumisterie polemiche (“Renzi non è il leader”),  può darsi che a Di Maio sia parso più conveniente disertare il match televisivo con Matteo Renzi, forse incautamente sfidato senza mettere in conto che quello avrebbe subito accettato, talmente disponibile a duellare con Di Maio da dire sì alle “condizioni” poste dal capetto grillino: bene Floris, bene La7.  E invece, la sua fuga ha finito per dare buone armi polemiche al segretario del Pd. In una giornata uggiosa come questa, fra vittorie mancate e avvisi di garanzia, Giggino avrà pensato ,  non senza ragione ,  che fosse meglio lasciar perdere.  

 

gif-animata-umorismo-risate_41683.gif Il bue che chiama cornuto l'asino ! Ma hai letto quanti voti in coalizione hanno presi i tuoi padroni ?

Modificato da monello.07

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, pm610 ha scritto:

VINCIAMO   POI    AHAHAHAH    i disHONESTI  manco   ai  confronti da  loro  stessi  richiesti  si  presentano  accampando  scuse che  non reggono,  perchè  se  non è   referente  un  leader  con    duemilioni  di  voti  concreti   come  può esserlo  uno  che   di  voti  ne  avrebbe  preso  solo  36000 ma    sono dei  click  non  verificati e  non  verificabili.

cero sono attendibili i voti dei cinesi e degli extra o quelli che fanno la fila 10 volte meglio che ti rilassi con una bella  th?id=OIP.T9ao2pHvh-KgqY58peSqeQEgDY&pid=Api a gratis !

Modificato da monello.07

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora