Non c’è niente da fare ...!!

Buon sangue non mente ....!! 

Napoli, conflitto a fuoco con la polizia, muore un rapinatore 17enne

 
 
 
 
092204837-abf27323-15c2-4f12-8cde-76f2e4
Arrestato il figlio di Genny "La Carogna"
04 Ottobre 2020
 
Un rapinatore è morto e un altro arrestato in un conflitto a fuoco con la polizia nella notte a Napoli. La vittima è un minore di 17 anni.
 
Nella prima ricostruzione della polizia di quanto accaduto nelle prime ore del mattino, in via Duomo, nei pressi della zona portuale, un equipaggio dei Falchi è intervenuto nel corso di una rapina a mano armata ai danni di tre automobilisti, commessa da due persone armate di pistola.

Nel corso dell''azione, uno dei due rapinatori, un 17 enne, è rimasto ucciso mentre l'altro, un 18enne, è stato arrestato, è il figlio di Gennaro De Tommaso, conosciuto come Genny "la Carogna", l'ex tifoso napoletano della curva A che la sera del 3 maggio 2014 fu fotografato a cavalcioni degli spalti allo stadio Olimpico di Roma prima della finale di Coppa Italia segnata dagli scontri sfociati nell’omicidio di Ciro Esposito.
  • 1' di lettura
  •  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

12 messaggi in questa discussione

wow.......la ridicola marketta pisana, oltre che essersi laureata l'altra notte in virologia, tanto da soppiantare i consigli del sig fosforo, oggi fa l'imitatrice del sig Frizz altrimenti detto direttoretto.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Esistevano una volta in Italia i riformatori detti anche istituti per corrigendi dove venivano messi ragazzi provenienti da famiglie disastrate intendendo per famiglie disastrate famiglie con genitori in carcere, ragazzi che vivevano per le strade senza ricevere nessuna educazione oppure ricevendo l'educazione della strada ; poi questi istituti vennero aboliti.. se quel minore di 17 anni che è morto anziché essere libero di fare quello che ha fatto fosse stato internato in un riformatorio minorile fino alla maggiore età  quello che è accaduto non sarebbe accaduto

Modificato da etrusco1900

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

i riformatori esistono ancora, padre etrusco, si chiamano carceri minorili.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

i riformatori esistono ancora, padre etrusco, si chiamano carceri minorili.

Se ha la pazienza di leggere questo articolo https://www.antigone.it/upload2/uploads/docs/RagazziFuoricompleto.pdf vedrà il clima culturale (io direi ideologico) che ha portato all'abolizione dei riformatori .......se scorrendo l'articolo guarderà i numeri dei ragazzi "internati" vedrà come questo numero è progressivamente calato nel corso degli anni ma questo non perché minori deviati siano stati corretti ma semplicemente perché ragazzi che sarebbero finiti in riformatorio (riformatori aboliti) sono rimasti fuori a delinquere.. i due minori di cui si parla nel fatto di cronaca di questa notte perché benché avessero precedenti non erano in carcere minorile?  se legge l'articolo che le ho postato vedrà  come da un punto di vista ideologico  certi   vorrebbero abolire anche le carceri minorili...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Se i banditi restano a casa propria e si dedicano al giardinaggio ... evitano di cacciarsi nei guai

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ricopio dal sito da lei postato padre etrusco

Le carceri minorili hanno oramai, fortunatamente, un uso davvero residuale all’interno del sistema della giustizia dei minori. Proprio per questo, tuttavia, rischia di essere stigmatizzante. Solo i più cattivi vanno a finire in galera: è questo il messaggio che dobbiamo oggi decostruire. Per decenni la presenza dei ragazzi negli II.PP.MM. italiani si era attestata attorno alle 500 unità. A seguito dell’ondata riformatrice che ha investito il sistema penitenziario degli adulti e che si è portata dietro a ricasco anche quello minorile, si era arrivati a meno di 350 presenze, oggi nuovamente aumentate dalla presenza dei giovani adulti negli istituti per minori. In ogni caso, numeri molto bassi.

Già questo, a mio modesto modo di vedere, sta ad indicare che i carceri minorili (riformatori) esistono ancora.

e questo, vedi  pagina 52 del rapporto antigone  Appendice: viaggio nei 16 II.PP.MM. d’Italia (istituti penali per minori) lo conferma.

Dunque, padre etrusco, cosa va dicendo che questi istituti sono stati aboliti?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Le carceri minorili hanno oramai, fortunatamente, un uso davvero residuale all’interno del sistema della giustizia dei minori. Proprio per questo, tuttavia, rischia di essere stigmatizzante. Solo i più cattivi vanno a finire in galera: è questo il messaggio che dobbiamo oggi decostruire. Per decenni la presenza dei ragazzi negli II.PP.MM. italiani si era attestata attorno alle 500 unità. A seguito dell’ondata riformatrice che ha investito il sistema penitenziario degli adulti e che si è portata dietro a ricasco anche quello minorile, si era arrivati a meno di 350 presenze

se va a pagine 7 dell'articolo trova scritto: (faccio il copia incolla) 

"I numeri del carcere minorile in Italia vanno visti anzitutto nel contesto del radicale processo di de-carcerizzazione minorile iniziato negli anni '50. Leggendo le "Statistiche storiche dell’Italia 1861-1975" (Istat, 1976) si scopre che i ragazzi detenuti negli istituti di pena per minori erano addirittura 8.521 nel 1940, 7.100 nel 1950, 2.638 nel 1960, 1.401 nel 1970 e 858 nel 1975."

se dagli 8,521 ragazzi presenti nel 1940 si è arrivati a 350 presenze di oggi vuol dire che ragazzi che prima erano in strutture che avrebbero dovuto rieducarli adesso sono per le strade... i ragazzi che questa notte sono andati a fare una rapina  (e un ragazzo è morto ) fanno parte di quelle migliaia di ragazzi che in passato sarebbero stati ricoverati nei riformatori e che invece oggi, visto che i riformatori sono stati aboliti e che le carceri minorili ospitano solo poche centinaia di ragazzi e solo per pochi mesi,    vagano  per le strade... (non ci meravigliamo se vanno a fare le rapine)..

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 minuti fa, etrusco1900 ha scritto:

se va a pagine 7 dell'articolo trova scritto: (faccio il copia incolla) 

"I numeri del carcere minorile in Italia vanno visti anzitutto nel contesto del radicale processo di de-carcerizzazione minorile iniziato negli anni '50. Leggendo le "Statistiche storiche dell’Italia 1861-1975" (Istat, 1976) si scopre che i ragazzi detenuti negli istituti di pena per minori erano addirittura 8.521 nel 1940, 7.100 nel 1950, 2.638 nel 1960, 1.401 nel 1970 e 858 nel 1975."

se dagli 8,521 ragazzi presenti nel 1940 si è arrivati a 350 presenze di oggi vuol dire che ragazzi che prima erano in strutture che avrebbero dovuto rieducarli adesso sono per le strade... i ragazzi che questa notte sono andati a fare una rapina  (e un ragazzo è morto ) fanno parte di quelle migliaia di ragazzi che in passato sarebbero stati ricoverati nei riformatori e che invece oggi, visto che i riformatori sono stati aboliti e che le carceri minorili ospitano solo poche centinaia di ragazzi e solo per pochi mesi,    vagano  per le strade... (non ci meravigliamo se vanno a fare le rapine)..

Eccone un altra, forse molti non ricordano ,ma con l'insediamento di Conte premier e dello schieramento gialloverde,il suddetto aveva promesso nuove carceri ,riforma della giustizia e pene più severe, guarda caso ennesima bufala del leguleio foggiano ,poi cambiando pure partner di governo nel corso degli eventi, si è addolcito pure sui migranti e decreto sicurezza ,un vero peccato doverselo tenere x altri 3anni,potrebbe fare capriole, piroette,e capricci in base a convenienza, difatti lo svuota carceri,e un ideona del Dap con approvazione del ministero della giustizia ,meravigliati dei delinquenti impuniti??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

poi questi istituti vennero aboliti

xxxxxxxxx

questo l'ha scritto lei padre etrusco.

Sono calati gli ospiti ma gli alberghi non sono stati aboliti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, ahaha.ha ha scritto:

Sono calati gli ospiti ma gli alberghi non sono stati aboliti.

Si spieghi meglio cosa intende dire che gli alberghi non sono stati aboliti?      mi riferivo all'abolizione dei riformatori e al fatto che ragazzi che prima sarebbero finiti in riformatorio anziché essere rieducati  adesso vengono lasciati in giro liberi di delinquere.. il caso di Napoli ne è una conferma, ma episodi analoghi che per fortuna non terminano con uccisioni avvengono quotidianamente  in tutta Italia, avvengono anche nella civilissima città metropolitana di Bologna  https://www.renonews.it/citta-metropolitana/2020/10/01/pianoro-fermata-una-baby-gang/

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ho scritto albergo per non scrivere riformatorio, padre etrusco.

Se i giovani vengono lasciati in giro non vuol dire che gli "alberghi" siano già stati aboliti.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, etrusco1900 ha scritto:

Esistevano una volta in Italia i riformatori detti anche istituti per corrigendi dove venivano messi ragazzi provenienti da famiglie disastrate intendendo per famiglie disastrate famiglie con genitori in carcere, ragazzi che vivevano per le strade senza ricevere nessuna educazione oppure ricevendo l'educazione della strada ; poi questi istituti vennero aboliti.. se quel minore di 17 anni che è morto anziché essere libero di fare quello che ha fatto fosse stato internato in un riformatorio minorile fino alla maggiore età  quello che è accaduto non sarebbe accaduto

Esisteva a Genova la nave "Garaventa".......

https://www.google.com/url?sa=t&source=web&rct=j&url=https://liguriaedintorni.it/la-garaventa-la-nave-dei-discoli-che-faceva-paura-ai-bambini/&ved=2ahUKEwjVgdm_tJvsAhWH_qQKHVzaB6IQFjAOegQIBRAB&usg=AOvVaw1xWhHDnxBM9bhfsvvsazPg&ampcf=1

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963