roma:funerale islamico in mezzo alla strada

Tor Pignattara, quartiere devastato dall’immigrazione di Roma est, conosciuto per la forte presenza di musulmani provenienti soprattutto dal Bangladesh.

Le moschee abusive non si contano. Una ne chiudono e due ne aprono. Il 30 ottobre i musulmani hanno celebrato un funerale in mezzo alla strada, con una bara sul marciapiede e oltre un centinaio di fedeli che hanno occupato la strada.

Nel mentre i residenti, affacciati alla finestra, in molti sbalorditi e armati di telefonino, hanno immortalato gli istanti dall’alto, affacciati alla finestre.

Antonella S. condivide le immagini sulla pagina Cittadini di Tor Pignattara, scrive che non si abituerà mai “a queste scene di vita quotidiane”. Sandra N. risponde perplessa: “Cioè hanno messo una bara con dentro il morto sul marciapiede?”.

funerale-islamico-2-1-672x372.jpg

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

8 messaggi in questa discussione

ma  la  colpa   è di  voi  maldestri  celoduri  non  volete  le  moschee...

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
 
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 minuti fa, pm610 ha scritto:

ma  la  colpa   è di  voi  maldestri  celoduri  non  volete  le  moschee...

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
 
 

ma che ridere....pensa che per darmi slancio,ho preso la piuma di pollo  da te per farmi il solletico!!

Ps: am#####lle

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

“Bisogna costruire cittadinanza e uguaglianza attraverso cultura e saperi”: lo ha affermato lunedì mattina la ministra Valeria Fedeli durante il suo intervento alla cerimonia dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università per stranieri di Perugia.

“Il valore dell’apertura e riconoscere le diversità deve essere terreno di formazione e di cultura, e lo dico qui oggi da questa università”, ha sottolineato Fedeli, “che è eccellenza da sostenere perché dà un servizio preziosissimo, per cui siamo profondamente grati e riconoscenti, all’intero Paese, e non soltanto per una funzione formativa”.bè,visto che era li'...perchè non ha fatto un fuori corso??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

sempre problemi da sta gente e da ki insiste a volerli accogliere...

capisco ke un defunto abbia giusta sepoltura ma certamente nn in quel modo.  nella bara? ma loro nn li seppelliscono avvolti in un lenzuolo?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
21 ore fa, director12 ha scritto:

“Bisogna costruire cittadinanza e uguaglianza attraverso cultura e saperi”: lo ha affermato lunedì mattina la ministra Valeria Fedeli durante il suo intervento alla cerimonia dell’inaugurazione dell’anno accademico dell’Università per stranieri di Perugia. etc etc...

.bè,visto che era li'...perchè non ha fatto un fuori corso??

speriamo ke gli studenti, essendo stranieri, nn conoscano a fondo ki é la preposta all'istruzione...

provenendo dai sindacati, la vedrei + organizzare un sit in di protesta anziké di fuori corso universitario...

Modificato da uvabianca111

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Fortuna c'è la grildestra raggi che sà come muoversi nella gestione di città importanti come questa.....naturalmente tutto il marcio è stato fatto dalle giunte precedenti (alemagno escluso)....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
18 ore fa, uvabianca111 ha scritto:

sempre problemi da sta gente e da ki insiste a volerli accogliere...

capisco ke un defunto abbia giusta sepoltura ma certamente nn in quel modo.  nella bara? ma loro nn li seppelliscono avvolti in un lenzuolo?

La bara in arabo si chiama "Tabbut"termine entrato a pieno diritto nel vocabolario dialettale siciliano durante l'occupazione araba durata 300 anni con il termine di "Tabbutu".Si è esatto,la tradizione persiste in tutto il medio oriente,eccettuato in qualche paese arabo che ha adottato per la sepoltura la cassa di legno.Tradizionalmente il corpo viene seppellito in orizzontale,anche se ho notato che in certi posti li seppelliscono diversamente,comunque avvolti sempre in un lenzuolo bianco legato sulla testa con una corda(il bianco è simbolo di lutto,purezza e martirio nello stesso tempo)Nell'immagine che vedi la procedura è dettata dalle regole di polizia mortuaria e quindi il corpo è dentro la cassa di legno,sempre e comunque avvolto in un lenzuolo bianco.

Modificato da virus128
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
39 minuti fa, virus128 ha scritto:

La bara in arabo si chiama "Tabbut"termine entrato a pieno diritto nel vocabolario dialettale siciliano durante l'occupazione araba durata 300 anni con il termine di "Tabbutu".Si è esatto,la tradizione persiste in tutto il medio oriente,eccettuato in qualche paese arabo che ha adottato per la sepoltura la cassa di legno.Tradizionalmente il corpo viene seppellito in orizzontale,anche se ho notato che in certi posti li seppelliscono diversamente,comunque avvolti sempre in un lenzuolo bianco legato sulla testa con una corda(il bianco è simbolo di lutto,purezza e martirio nello stesso tempo)Nell'immagine che vedi la procedura è dettata dalle regole di polizia mortuaria e quindi il corpo è dentro la cassa di legno,sempre e comunque avvolto in un lenzuolo bianco.

bella spiegazione.  almeno nella sepoltura si son integrati alla ns tradizionre di seppellire i defunti nella bara di legno anke se, devo scrivere, a me piace di + la loro sepoltura col solo lenzuolo e direttamente nella terra.

è vero, "tabbuto" é adoperato da Camilleri, siciliano di zone ke han subito l'influenza araba, nel suo Montalbano e, piacendomi libri e films dello scrittore, conoscevo il termine ma nn l'avevo collegato al mondo arabo.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963