IL ZAIA CHE HA STRAVINTO

Bene   ma  se  le  stesse  cose   fossero  successe ad  un  altro amministratore ( governatore  ?  )   cosa   li sarebbe  successo ?   Voi  che  dite   ?   

120092700_256939039318393_2405389304393520359_n.jpg?_nc_cat=106&_nc_sid=8bfeb9&_nc_ohc=RHZBMxopdroAX-MH-_p&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=749dfc67979ddeebea4ad24ed870e2ba&oe=5F90FB10

PERCHÉ ZAIA HA STRAVINTO? È IL CAMPIONE DELLA TELECRAZIA

B. Manin diceva che ormai il partito è sostituito dal leader. Aveva ragione. In Veneto la lista Zaia, con il 44,57% dei voti, avrebbe vinto da sola. Senza i partiti. Un altro elemento delle nostre stanche democrazie è evidente: la rappresentanza è sostituita dalla rappresentazione. La democrazia diventa telecrazia. Non esiste più una realtà rappresentata dai media, ma la rappresentazione mediatica crea la realtà. La realtà non conta più. 1 miliardo su 5 di tangenti per il Mose. Non conta. Il fallimento di 2 banche esaltate da Zaia come espressione del territorio, con 120mila vicentini che perdono parte o tutto il patrimonio. Non conta. 300 mila persone avvelenate dai Pfas quando la Lega Vicentina sapeva tutto, e non ha detto niente, dal 2006. Non conta. Il declino della sanità pubblica, con 800mila veneti che ormai non si curano più. Non conta. La Pedemontana che doveva essere finita nel 2017 costando 3 miliardi, oggi non ancora finita e che ne costerà 12. Non conta. 30mila veneti che emigrano ogni anno. Non conta. In tre anni l’8% dei lavoratori giovani e laureati se ne sono andati. Non conta.

Cosa conta? Conta la capacità di suscitare una corrente di simpatia. Conta lo strabiliante talento di Zaia di rappresentare se stesso. La scena politica lascia il posto ad una messa in scena. Zaia diventa il padre autorevole, il padre che ti protegge. Zaia, che parla dialetto, diventa il vicino di casa buono a cui chiederesti aiuto. Zaia, come una rock star che si fa attendere, decide di stare in silenzio tutta la campagna elettorale. Il giorno prima del voto riappare affermando: “non ho fatto campagna, perché ho lavorato giorno e notte per voi veneti, per difendervi dal Covid”. Grazie. Stiamo molto peggio di 20 anni fa, ma tu sei buono e accessibile. Grazie. Mi chiudi l’ospedale ma sei uno di noi. Grazie.

Che fare dunque? Continuare a raccontare la realtà, quella vera, impietosa, senza subalternità culturali di sorta. Dobbiamo essere in tanti a farlo, dobbiamo farlo tutti i giorni, con tutti i mezzi. Nel mio caso, questa pratica mi ha fatto prendere qualche voto. Forse funziona. Bisogna pensare alla costruzione in Veneto di qualche media che non sia filozaiano, che ci aiuti a demolire la propaganda autocelebrativa leghista. Altrimenti tra 5 anni non cambierà nulla.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

5 messaggi in questa discussione

Zaia è il De Luca del Veneto. Con molta cultura e molta vis comica in meno, ma più capace di scegliersi buoni collaboratori. Senza il prof. Crisanti penso che avrebbe fatto i disastri di Fontana e Gallera o quasi. È un ignorante un po' razzista che accusava i cinesi di spargere virus perché "si lavano poco" e perché "mangiano topi vivi". E che abboccava facilmente alla bufala di Eracleonte da Gela, fantomatico poeta greco da lui omaggiato in conferenza stampa leggendone una poesia inventata di sana pianta da un burlone:

https://youtu.be/Alsj9263To0

Il cosiddetto "doge" si gioca tutto sull'autonomia del Veneto, non diversamente dai capetti della ricca Catalogna. Non ha una visione politica nazionale. Il suo discorso dopo il prevedibile trionfo elettorale è stato imprevedibilmente deludente. Lo avevo sopravvalutato come lo sopravvalutano milioni di Veneti. Se esce fuori dai confini della regione, lo maciullano. 

 

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Prof. Crisanti  quello  che  all'inizio dell' epidemia  il  zaia  aveva  detto  che  i tamponi  se  li  doveva  pagare  lui  ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, pm610 ha scritto:

Bene   ma  se  le  stesse  cose   fossero  successe ad  un  altro amministratore ( governatore  ?  )   cosa   li sarebbe  successo ?

Beh...diciamo che dà sempre il male viene solo dalla cosidetta sx...un popolo che vota indagati per corruzione o falso in bilancio non credo abbia molto da considerare...quindi a parer mio inutile chiedersi cosa succederebbe..la rivolta, purchè sia di sx...non stò dicendo che zaia governi male ma solo che se anche lo facesse non avrebbe le stesse critiche che avrebbero nei confronti di uno di sx, mettiamo che gov. della lombardia fosse uno di sx...xD

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
16 ore fa, sempre135 ha scritto:

Beh...diciamo che dà sempre il male viene solo dalla cosidetta sx...un popolo che vota indagati per corruzione o falso in bilancio non credo abbia molto da considerare...quindi a parer mio inutile chiedersi cosa succederebbe..la rivolta, purchè sia di sx...non stò dicendo che zaia governi male ma solo che se anche lo facesse non avrebbe le stesse critiche che avrebbero nei confronti di uno di sx, mettiamo che gov. della lombardia fosse uno di sx...xD

Tanto  per  non  dimenticare 

si fa più difficile la posizione del governatore

 
Le chat del cognato e la moglie che inguaiano Fontana, il messaggio a un fornitore 10 giorni prima del contratto sui camici: «È stato lui a dirmi di contattarti» - Open

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963