IL RISPETTO CELODURO PER LE DONNE

Comune di Ferrara.
Annus Domini 2020.
Governa la Lega, Fabbri e Naomo Docet.


120088324_10224050126461493_7591086299134675199_o.jpg?_nc_cat=102&_nc_sid=825194&_nc_ohc=nS4l0cqHnOwAX-uPj9Z&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=fc0f97f9da1de45d227ce1b29bb9cd6f&oe=5F91E916

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

4 messaggi in questa discussione

Se  poi  sono dei carabinieri a   farlo   va    anche  meglio...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

"Araba di m..., torna al tuo Paese".

E giù gli schiaffi, i calci e gli sputi, dopo averla circondata.

Mentre il branco incitava e filmava il linciaggio, per vantarsene sui social.

È successo a Roma, nel quartiere Collatino, dove una bambina di 13 anni è stata selvaggiamente aggredita da alcune compagne di scuola, non contente di averle reso un inferno anche una semplice camminata nei corridoi.

L'avevano presa di mira da mesi, solamente per le sue origini e per il colore della sua pelle. Le offese, le battutine, le derisioni erano ormai all'ordine del giorno, al punto che il lockdown, per lei, era diventato quasi una boccata d'ossigeno.

Ecco, vogliamo dirlo con forza a chi, quotidianamente, avvelena il clima di questo Paese, la sua cultura e il suo popolo: fermatevi.

Perché è a questo che porta la caccia al nemico.

È a questo che porta la costante ricerca di un capro espiatorio.

È a questo che porta puntare il dito contro qualcuno.

A una lotta in cui non si salva nessuno, nemmeno delle bambine e dei bambini di tredici anni.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963