Agricoltura, calcolato il valore dell'acqua su scala globale

Quantificato su scala globale il valore dell'acqua usata per l'irrigazione: in media è pari a 0,23 dollari per metro cubo, ma varia in base al tipo di coltura, al suo prezzo e all'ubicazione.

Secondo voi è giusto dare un valore in denaro all'acqua potabile, che sia di uso domestico o per irrigazione dei campi, l'acqua è e rimane un bisogno cui nessun essere umano può fare a meno. essendo un bene che la natura offre, di cui la maggior parte delle volte non necessita nemmeno di trattamenti, dovrebbe essere di libero accesso a chiunque il cui valore deve trascendere il materialismo di un sistema economico che non ha scrupoli quando si tratta di guadagnare, cui l'uomo vorrebbe attribuirgli

articolo ansa: Agricoltura, calcolato il valore dell'acqua su scala globale

Calcolato il valore globale dell'acqua utilizzata per l'irrigazione © ANSA

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Temo che ci sia un equivoco di fondo ; tutti quanti sappiamo che l'acqua è un dono del cielo, cade giù gratis per tutti, solo che è disponibile in luoghi diversi da dove viene utilizzata; l'acqua deve essere spostata, trasportata, per fare questo occorrono tubazioni, pompe, personale, energia elettrica, quello che si paga non è l'acqua ( che è gratis )  ma le spese  e i costi degli acquedotti; se poi questi costi sono gonfiati, se c'è chi su questi costi ci specula e  se ne approfitta allora è tutto un discorso diverso; ma quelli che dicono che l'acqua  dovrebbe essere fornita gratis non tengono conto dei costi che esistono, senza contare che se la collettività si addossasse questi costi distribuendo in modo gratuito l'acqua a tutti  ci sarebbero quelli che la usano con parsimonia in base agli effettivi bisogni sapendo che l'acqua è una cosa preziosa  e quelli che invece  la sprecherebbero lasciando magari i rubinetti aperti  perché tanto è gratis e non si paga...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un grande ricercatore oltre che tecnico e sperimentatore è stato Nikola Tesla (seconda metà del mille ottocento / prima metà del mille novecento) – la corrente elettrica alternata per lui non aveva misteri, essendo suoi gli alternatori ed i trasformatori. Se le trasmissioni radiofoniche si sono evolute lo si deve a lui. Con Guglielmo Marconi saremmo rimasti al punto / linea dei telegrafi. - Il grande Nikola Tesla diceva che le energie appartengono al popolo e non devono essere possedute e gestite dai pochi e per fini personali. - Buon lunedi mattino di fine settembre. 

Modificato da dune-buggi

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma veramente @dune-buggi si parla di Acqua, non di energie , comunque, anche quella è un bene di prima necessita come l'acqua, soprattutto senza la quale non si avrebbe progresso, quindi acquisire benessere. Ma do anche atto a @etrusco1900 che ha ragione, i beni comuni non si pagano, non hanno un valore in denaro ma è anche vero che la gestione costa e non poco dire, in alcune circostanze, in cui la gestione è stata affidata a enti privati, il costo dell'acqua è diventato talmente cara da potersi paragonare a quello dei carburanti. Questo perché le aziende private, con la scusa di far quadrare i conti, finisco per accrescere i costi a favore non tanto di lavoratori e impresa ma degli investitori il cui unico scopo della loro vita è lucrare sulle necessità altrui.

 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963