gip rivela:il prete ha avuto un tentativo di decapitazione

Emergono ulteriori dettagli raccapriccianti sull’omicidio di don Roberto Malgesini, il prete ammazzato brutalmente a Como da Ridha Mahmoudi, un immigrato tunisino irregolare e colpito da decreto di espulsione mai eseguito. Secondo quanto emerge dall’ordinanza di convalida dell’arresto firmata dal gip di Como, il tunisino ha anche cercato di decapitare il prete: “L’ampia ferita al collo – scrive il consulente Giovanni Scola nell’ordinanza – appare suggerire un tentativo di decapitazione”.come appunto usano nelle loro tradizioni e culture

 

E ancora, si scopre che le coltellate sono state cinque o sei. Insomma, una furia brutale, quella dell’omicida. Nel suo delirante interrogatorio, Mahmoudi ha affermato che “il prete gli aveva chiesto perdono”, che lui però aveva ritenuto tardivo. Così, quando don Roberto si è abbassato per posare una scatola nella sua auto, il tunisino lo ha afferrato per i capelli e lo ha colpito al collo. E ancora, l’omicida avrebbe infierito sul cadavere con altre coltellate e, appunto, tentando di decapitare don Roberto. liberoquotidiano.it

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

ma che pensare...si era integrato alla perfezione...era stimato e benvoluto da tutti..andava anche  a messa con ah.ahahaha che raccoglieva l'elemosina ...aveva la carta d'identita' italiana.....ma le eliche del dna lo hanno sconfessato...del marocchino?? none...di ah.ahahahaha

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963