Come volevasi dimostrare

Come volevasi dimostrare.

Hanno iniziato il partito del Delinquente e quello del suo allievo Renzi, che ovviamente, da consumati esperti della giravolta, non potevano che passare al NO dopo avere ipocritamente votato SÌ in Aula. Ovviamente ambedue continuano a essere ipocriti e fingono di lasciare libertà di voto, ma nessuno gli crede. Roberto Giachetti (Italia Viva) è uno dei più accesi sostenitori del NO (e possiamo capirlo: ha molti scioperi della fame e ben 5 legislature al suo attivo ma non risulta che abbia mai lavorato in vita sua) mentre il Giornale di Sallusti è totalmente schierato sullo stesso fronte. Forza Italia Viva è una realtà sempre meno virtuale, mentre gli elettori renzusconiani sono sempre più pochi ma sempre più coesi.

Poi ha continuato la Lega con il n.2 Giorgetti anch'egli da qualche giorno in decisa inversione di marcia sul NO. Motivazione: il sarebbe un favore al governo e invece bisogna dare la spallata. Bel rispetto per la Costituzione e per l'istituto referendario, strumentalizzato a bassi fini politici. Mentre il Capitone nei suoi comizi in giro per l'Italia parla solo di Regioni e non del referendum che ha sostenuto e che è l'appuntamento più importante della prossima tornata elettorale. A chi gli chiede cosa voterà, risponde a mezza bocca che per coerenza conferma il SÌ, ma nessuno gli crede. Credere alla coerenza di Salvini è come credere agli asini volanti, come pure a un partito costantemente a caccia di poltrone e di soldi che sarebbe disposto a dimagrire nella consistenza parlamentare e nei relativi fondi.

E infine, dulcis in fundo, non poteva mancare la Giorgia. La apparente pasionaria del NO comincia ad avere pure lei dei dubbi, stando al titolone di oggi del Giornale:

SVOLTA DELLA MELONI: CON IL NO VANNO A CASA

LA LEADER DI FDI: "NEL CENTRODESTRA STA CRESCENDO L'IDEA..."

Chiaramente si riferisce al governo perché con il NO in realtà vanno a casa 345 parlamentari di troppo.

Come volevasi dimostrare. Questa idea di mantenere intatti privilegi e poltrone sta crescendo in extremis, negli ultimi di giorni utili, ma lo prevedevano pure le pietre e non solo il sottoscritto. Insieme alla destraccia voteranno NO sardine e radicali (e chissenefrega) ma nemmeno il Pd ha fatto finora una bella e incisiva campagna per il SÌ. Se ci fosse un occhio segreto nella cabina elettorale, io scommetto che scoprirebbe che voteranno NO almeno il 50% dei parlamentari grillini al loro primo mandato e almeno il 98% dei restanti 945 parlamentari. Ma il popolo sovrano, eccetto piccole minoranze, non ha poltrone e privilegi da difendere. Anzi la maggioranza è stufa di poltrone in esubero e privilegi in sovrabbondanza (per lor signori). Il popolo sovrano voterà convintamente SÌ per tagliare le une e gli altri e per snellire il parlamento elettivo più affollato e più costoso del mondo. 

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

13 messaggi in questa discussione

11 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Come volevasi dimostrare.

Hanno iniziato il partito del Delinquente e quello del suo allievo Renzi, che ovviamente, da consumati esperti della giravolta, non potevano che passare al NO dopo avere ipocritamente votato SÌ in Aula. Ovviamente ambedue continuano a essere ipocriti e fingono di lasciare libertà di voto, ma nessuno gli crede. Roberto Giachetti (Italia Viva) è uno dei più accesi sostenitori del NO (e possiamo capirlo: ha molti scioperi della fame e ben 5 legislature al suo attivo ma non risulta che abbia mai lavorato in vita sua) mentre il Giornale di Sallusti è totalmente schierato sullo stesso fronte. Forza Italia Viva è una realtà sempre meno virtuale, mentre gli elettori renzusconiani sono sempre più pochi ma sempre più coesi.

Poi ha continuato la Lega con il n.2 Giorgetti anch'egli da qualche giorno in decisa inversione di marcia sul NO. Motivazione: il sarebbe un favore al governo e invece bisogna dare la spallata. Bel rispetto per la Costituzione e per l'istituto referendario, strumentalizzato a bassi fini politici. Mentre il Capitone nei suoi comizi in giro per l'Italia parla solo di Regioni e non del referendum che ha sostenuto e che è l'appuntamento più importante della prossima tornata elettorale. A chi gli chiede cosa voterà, risponde a mezza bocca che per coerenza conferma il SÌ, ma nessuno gli crede. Credere alla coerenza di Salvini è come credere agli asini volanti, come pure a un partito costantemente a caccia di poltrone e di soldi che sarebbe disposto a dimagrire nella consistenza parlamentare e nei relativi fondi.

E infine, dulcis in fundo, non poteva mancare la Giorgia. La apparente pasionaria del NO comincia ad avere pure lei dei dubbi, stando al titolone di oggi del Giornale:

SVOLTA DELLA MELONI: CON IL NO VANNO A CASA

LA LEADER DI FDI: "NEL CENTRODESTRA STA CRESCENDO L'IDEA..."

Chiaramente si riferisce al governo perché con il NO in realtà vanno a casa 345 parlamentari di troppo.

Come volevasi dimostrare. Questa idea di mantenere intatti privilegi e poltrone sta crescendo in extremis, negli ultimi di giorni utili, ma lo prevedevano pure le pietre e non solo il sottoscritto. Insieme alla destraccia voteranno NO sardine e radicali (e chissenefrega) ma nemmeno il Pd ha fatto finora una bella e incisiva campagna per il SÌ. Se ci fosse un occhio segreto nella cabina elettorale, io scommetto che scoprirebbe che voteranno NO almeno il 50% dei parlamentari grillini al loro primo mandato e almeno il 98% dei restanti 945 parlamentari. Ma il popolo sovrano, eccetto piccole minoranze, non ha poltrone e privilegi da difendere. Anzi la maggioranza è stufa di poltrone in esubero e privilegi in sovrabbondanza (per lor signori). Il popolo sovrano voterà convintamente SÌ per tagliare le une e gli altri e per snellire il parlamento elettivo più affollato e più costoso del mondo. 

Noi non ci esponiamo come fosforo ,e non abbiamo tutta questa sicurezza dell'orientamento popolare,sta di fatto che il rischio della spallata alla maggioranza in queste elezioni e vivido e concreto, innanzitutto Renzi e Iv sentono il fiato sul collo, se l'esecutivo avesse successo la prossima mossa sarebbe la legge elettorale con sbarramento al 5% il che significa x Leopoldo e i suoi dover rinunciare alla propria autonomia e rientrare con la coda tra le gambe in un altro partito, sapendo che il riassorbimento darebbe a loro un ruolo marginale, quindi meglio anticipare e dare lo sgambetto prima che sia troppo tardi,stesso discorso x Forza Italia ormai relegato a partitino sarebbe decimato,ovvio il loro doppio giochismo ma sappiamo già nelle rispettive stanze dei bottoni in sottofondo il mormorio x il No,cosa aggiungere?? Le intenzioni dei 5s e quelle più timide del Pd restio a farsi dei nemici in modo così sbandierato, pone i grillini in una posizione scomoda, se non dovesse passare il referendum poi sempre in sordina ma in modo deciso, molti staranno a chiedere la loro testa,quindi attenzione al gioco che si mette in atto, xché quando ci si mette contro tutti prima o poi la si prende nel c..lo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Come volevasi dimostrare.

Hanno iniziato il partito del Delinquente e quello del suo allievo Renzi, che ovviamente, da consumati esperti della giravolta, non potevano che passare al NO dopo avere ipocritamente votato SÌ in Aula. Ovviamente ambedue continuano a essere ipocriti e fingono di lasciare libertà di voto, ma nessuno gli crede. Roberto Giachetti (Italia Viva) è uno dei più accesi sostenitori del NO (e possiamo capirlo: ha molti scioperi della fame e ben 5 legislature al suo attivo ma non risulta che abbia mai lavorato in vita sua) mentre il Giornale di Sallusti è totalmente schierato sullo stesso fronte. Forza Italia Viva è una realtà sempre meno virtuale, mentre gli elettori renzusconiani sono sempre più pochi ma sempre più coesi.

Poi ha continuato la Lega con il n.2 Giorgetti anch'egli da qualche giorno in decisa inversione di marcia sul NO. Motivazione: il sarebbe un favore al governo e invece bisogna dare la spallata. Bel rispetto per la Costituzione e per l'istituto referendario, strumentalizzato a bassi fini politici. Mentre il Capitone nei suoi comizi in giro per l'Italia parla solo di Regioni e non del referendum che ha sostenuto e che è l'appuntamento più importante della prossima tornata elettorale. A chi gli chiede cosa voterà, risponde a mezza bocca che per coerenza conferma il SÌ, ma nessuno gli crede. Credere alla coerenza di Salvini è come credere agli asini volanti, come pure a un partito costantemente a caccia di poltrone e di soldi che sarebbe disposto a dimagrire nella consistenza parlamentare e nei relativi fondi.

E infine, dulcis in fundo, non poteva mancare la Giorgia. La apparente pasionaria del NO comincia ad avere pure lei dei dubbi, stando al titolone di oggi del Giornale:

SVOLTA DELLA MELONI: CON IL NO VANNO A CASA

LA LEADER DI FDI: "NEL CENTRODESTRA STA CRESCENDO L'IDEA..."

Chiaramente si riferisce al governo perché con il NO in realtà vanno a casa 345 parlamentari di troppo.

Come volevasi dimostrare. Questa idea di mantenere intatti privilegi e poltrone sta crescendo in extremis, negli ultimi di giorni utili, ma lo prevedevano pure le pietre e non solo il sottoscritto. Insieme alla destraccia voteranno NO sardine e radicali (e chissenefrega) ma nemmeno il Pd ha fatto finora una bella e incisiva campagna per il SÌ. Se ci fosse un occhio segreto nella cabina elettorale, io scommetto che scoprirebbe che voteranno NO almeno il 50% dei parlamentari grillini al loro primo mandato e almeno il 98% dei restanti 945 parlamentari. Ma il popolo sovrano, eccetto piccole minoranze, non ha poltrone e privilegi da difendere. Anzi la maggioranza è stufa di poltrone in esubero e privilegi in sovrabbondanza (per lor signori). Il popolo sovrano voterà convintamente SÌ per tagliare le une e gli altri e per snellire il parlamento elettivo più affollato e più costoso del mondo. 

Purtroppo , ebe te , debbo ripetermi !! Per essere approvata ci sarebbero voluti 4 passaggi . Ai primi 3 passaggi sia il PD che i Renziani votarono No al provvedimento dei nuovi fascisti del M5S. Soli al quarto passaggio , sulla scorta della promessa del M5S di congegnare una riforma specifica ed inclusiva pure di nuova legge elettorale , sia il PD che Italia Viva , dettero il loro assenzo . Ovviamente, essendo questa “riformaccia” solo uno spot elettorale dei 5 stelle in caduta verticale nei consensi , niente e’ stato fatto . Il PD conferma il suo Si al referendum ( garantisco che oltre la metà dei militanti voterà NO a questo ladrocinio ) mentre Italia  Viva , tramite Renzi , ha dato il suo parere per la libertà di coscienza individuale affermandolo in tutti i modi possibili ed impossibili . Va da se , essendo te uno sporco pezzodimmerda e formidabile bugiardo , che invece affermi che Renzi abbia invitato a votare No. Dopodiché puoi scrivere tutte le “fregnacce “ che vuoi per intortare gli storioni ( assenti ) che ti stanno a sentire tentando di dare una giustificazione a questa mer da ta . Non dimenticarlo mai : il tuo voto si andrà ad aggiungere a quello di Salvini e della Meloni. Bravo idio ta !! E siccome lo sai , tenti di gettare mer da sugli altri quando la mer da e’ tua e solo tua oltre a quella del M5S.          P.S. Gli aderenti a Italia Viva , nonostante l’indicazione della libertà di coscienza , voteranno in massa (tutti) per il No .  

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Suvvia, ridicola marketta pisana, si ribelli alla volontà del suo signore e padrone: voti SI.

Non penserà mica che Leopoldino dica la verità quando dice siete liberi di votare quello che meglio vi aggrada.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Informo che proprio stamani il partito Potere al Popolo , ultimo partito a cui ha aderito il Cazzaro di Napoli prima di seguire Calandrino Travaglio nell’abbraccio dei 5 stelle , conferma di votare NO al prossimo referendum . Cade un altro ed ultimo avamposto del Pulcinella Partenopeo sempre più nella mer da . Ancora di più di ....Berrettini !!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si va bene, ma almeno lei ridicola marketta pisana si ribelli al suo signore e padrone: voti SI.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Un'altra bella notizia per la causa del SÌ. Dopo Giorgetti un altro pezzo grosso della Lega, il governatore della Lombardia Fontana, fa outing e confessa che voterà NO. Non avevo alcun dubbio in proposito, peraltro sono certo che anche Salvini e Meloni, nel segreto della cabina elettorale, voteranno NO al taglio delle poltrone. Ma viva la sincerità di Fontana! Il NO di un simile mister DISASTRO, unitamente a quello del suo predecessore, il CORROTTO Formigoni, stimolerà senza dubbio molti lombardi seri a recarsi alle urne per votare SÌ. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
6 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Noi non ci esponiamo come fosforo ,e non abbiamo tutta questa sicurezza dell'orientamento popolare,sta di fatto che il rischio della spallata alla maggioranza in queste elezioni e vivido e concreto, innanzitutto Renzi e Iv sentono il fiato sul collo, se l'esecutivo avesse successo la prossima mossa sarebbe la legge elettorale con sbarramento al 5% il che significa x Leopoldo e i suoi dover rinunciare alla propria autonomia e rientrare con la coda tra le gambe in un altro partito, sapendo che il riassorbimento darebbe a loro un ruolo marginale, quindi meglio anticipare e dare lo sgambetto prima che sia troppo tardi,stesso discorso x Forza Italia ormai relegato a partitino sarebbe decimato,ovvio il loro doppio giochismo ma sappiamo già nelle rispettive stanze dei bottoni in sottofondo il mormorio x il No,cosa aggiungere?? Le intenzioni dei 5s e quelle più timide del Pd restio a farsi dei nemici in modo così sbandierato, pone i grillini in una posizione scomoda, se non dovesse passare il referendum poi sempre in sordina ma in modo deciso, molti staranno a chiedere la loro testa,quindi attenzione al gioco che si mette in atto, xché quando ci si mette contro tutti prima o poi la si prende nel c..lo

Va bene Marziano, ma sei uno dei pochi forumisti che non si è ancora espresso nel merito. Dicci come voterai: SÌ o NO? Vuoi dare un monito alla Casta dei privilegiati e stimolarli a essere più efficienti (sono sicuro che se vince il SÌ i parlamentari in carica ce la metteranno tutta per guadagnarsi una difficile riconferma) oppure vuoi lasciare tutto così com'è? Inclusa la legge elettorale e incluso il nostro  record mondiale del parlamento elettivo più affollato e più costoso del mondo?

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Va bene Marziano, ma sei uno dei pochi forumisti che non si è ancora espresso nel merito. Dicci come voterai: SÌ o NO? Vuoi dare un monito alla Casta dei privilegiati e stimolarli a essere più efficienti (sono sicuro che se vince il SÌ i parlamentari in carica ce la metteranno tutta per guadagnarsi una difficile riconferma) oppure vuoi lasciare tutto così com'è? Inclusa la legge elettorale e incluso il nostro  record mondiale del parlamento elettivo più affollato e più costoso del mondo?

Mi  spiace   smentirti  ma  con  le  cose  che stanno come  stanno i  lavativi e  assenteisti  avranno  vita  facile  perché  l'importante  è  apparire   nei  media  e  non  certo a  lavorare in  Parlamento  e i  primi  proprio ad essere  rieletti saranno  i maggiori  assenteisti e  nulla  facenti  come    meloni  ,  salvini , ghedini e  via    di seguito  come  la  sottomenzionata

21765028_1622753187795401_989242780011287140_n.jpg?_nc_cat=1&_nc_sid=8bfeb9&_nc_ohc=MgAbBnBZO1EAX8lu_ow&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=89401f1f1b621cd72cbf276ed98715d1&oe=5F83BDB6

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

Mi  spiace   smentirti  ma  con  le  cose  che stanno come  stanno i  lavativi e  assenteisti  avranno  vita  facile  perché  l'importante  è  apparire   nei  media  e  non  certo a  lavorare in  Parlamento  e i  primi  proprio ad essere  rieletti saranno  i maggiori  assenteisti e  nulla  facenti  come    meloni  ,  salvini , ghedini e  via    di seguito  come  la  sottomenzionata

21765028_1622753187795401_989242780011287140_n.jpg?_nc_cat=1&_nc_sid=8bfeb9&_nc_ohc=MgAbBnBZO1EAX8lu_ow&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=89401f1f1b621cd72cbf276ed98715d1&oe=5F83BDB6

La logica ci conduce alla conclusione opposta. Ciascun gruppo parlamentare non può fare a meno di un certo numero di deputati e senatori seri e preparati, e assidui ai lavori dell'Aula e delle Commissioni. Tagliando 345 poltrone ci sarà meno spazio per i raccomandati, per gli asini, per i pagliacci e per gli assenteisti. 

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
28 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

.... Tagliando 345 poltrone ci sarà meno spazio per i raccomandati, per gli asini, per i pagliacci e per gli assenteisti. 

Caz.z.o , Cazzaro !!  Bastava abolire quelli del M5S ed il problema era già risolto alla fonte ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, mark222220 ha scritto:

Caz.z.o , Cazzaro !!  Bastava abolire quelli del M5S ed il problema era già risolto alla fonte ...!! 

li abolirà Leopoldino appena il suo partito crescerà un pò, ridicola marketta pisana. Abbia un pò di pazienza, gli dia il tempo di crescere e verrà accontentata.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/9/2020 in 18:53 , fosforo311 ha scritto:

La logica ci conduce alla conclusione opposta. Ciascun gruppo parlamentare non può fare a meno di un certo numero di deputati e senatori seri e preparati, e assidui ai lavori dell'Aula e delle Commissioni. Tagliando 345 poltrone ci sarà meno spazio per i raccomandati, per gli asini, per i pagliacci e per gli assenteisti. 

Logica   ?  ma  quando  mai  in  politica  è  esistita  ? Solo   in cerca  della  poltrona  e  null'altro se  non  si  riforma   la  legge  elettorale e  si tagliano  prebende  e  benefit   tutto  rimarrà  come   anzi  peggio  di  prima 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963