voto e vota no !

Non  è quello   che  pensate....

L'immagine può contenere: il seguente testo "CAMERA: PRIMA SENATO: ELETTO DAI CITTADINI ELETTO DAI CITTADINI 100% 100% DOPO CAMERA: ELETTO DAI PARTITI SENATO: ELETTO DAI CITTADINI ELETTO DAI PARTITI 60% 100% 40%"

Ieri ho postato questo e mi è stato detto di tutto...                                                                                                                                                     Statistica basata sul niente.. Vi ho lasciato commentare .. Ho raccolto insulti perché molti un commento senza insultare non sanno o non possono farlo.. Questa statistica è stata creata da chi oggi dice #VOTASI nel 2016 quando il referendum lo aveva proposto Renzi..  Che sono poi quelli che oggi propongono il referendum ... Mi chiedo ora come mai quando ieri eravate per #VOTANO questa era attendibile e veritiera ed io ero uno stupido che non capiva mentre oggi è carta straccia..  Lo spieghino gli amici del #VOTOSI che mi hanno dato bufalaro chi sono i VERI bufalari.. Ringrazio per la coerenza dimostrata dalla nascita ad oggi #maiconlaLEGA #maicolPD e  poi  è stato  fatto  tutto  il  contrario 
Smetti di farti prendere in giro.Un abbraccio.
Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

25 messaggi in questa discussione

Caro Los, sei una persona molto intelligente quindi sai meglio di me che questa semplice riforma non ci azzecca nulla, ma proprio NULLA, con la mega-riformaccia Renzi-Boschi-Verdini, concordata al Nazareno tra l'allora segretario del Pd e il piduista Berlusconi, fresco di condanna definitiva e di espulsione dal Senato. Con quel patto segreto (e scellerato) i due compari miravano a prendere due piccioni con una fava. Il primo era il superamento del bicameralismo perfetto, che doveva integrarsi con il fascistoide Italicum nel solco tracciato da Licio Gelli verso il premierato forte (il Frodatore ci aveva già provato nel 2006 con la riformaccia Calderoli, quella che la pidina Elisabetta Gualmini definiva "IDENTICA" alla Renzi-Boschi-Verdini). Il secondo piccione era ovviamente l'autopromozione di Renzi a leader riformatore (eletto da nessuno) e l'ennesimo ritorno del malmesso Delinquente al centro della scena politica. È bene ricordare che il Pregiudicato non aveva ancora neppure iniziato a espiare la sua pena ma si autopromuoveva con il suo allievo al rango di costituente. Sia l'Italicum (incostituzionale) sia il Senato non elettivo e senza poteri erano tremendi e plateali attentati all'assetto disegnato dai padri costituenti. I quali invece non stabilirono l'attuale consistenza numerica delle Camere. Stabilirono un rapporto di un deputato ogni 80.000 abitanti e un senatore ogni 200.000. Questi numeri dovevano garantire un'adeguata rappresentanza territoriale in un'epoca in cui non c'erano ancora i parlamenti regionali (che oggi contano più di 1000 membri complessivi). Tuttavia, come ricorda la professoressa Carlassare, in Assemblea costituente molti si espressero per un parlamento centrale più snello. Per esempio Einaudi proponeva un deputato ogni 150.000 abitanti. Con il che oggi avremmo per l'appunto i 400 deputati della riforma già approvata dal parlamento. 400 deputati senza i Consigli regionali e senza il Parlamento europeo (76 membri italiani) e vorrei proprio sapere se i sostenitori del NO oggi definirebbero Luigi Einaudi un LADRO DI DEMOCRAZIA. Gli attuali 630 deputati e 315 senatori furono voluti dalla Dc con la riforma costituzionale del 1963, per assicurare alla Casta partitocratica un centinaio di poltrone in più (il parlamento uscente aveva all'epoca 596 deputati e 246 senatori). La semplice riforma che il popolo sovrano si appresta a confermare (mi auguro con una valanga di SÌ, sarei deluso da meno del 60%), snellisce in modo ragionevole, senza toccare il bicameralismo voluto dai padri costituenti, il PARLAMENTO ELETTIVO PIÙ AFFOLLATO E PIÙ COSTOSO DEL MONDO (così lo definiva, giustamente, Matteo Renzi nel 2016). E renderà necessario cambiare la legge elettorale. Le forze di maggioranza si sono già accordate per il ritorno al sistema proporzionale, il M5S propone anche il ritorno al voto di preferenza. Con ciò vincerebbe due volte la Costituzione nata dalla Resistenza e perderebbero due volte i fautori dei vari sistemi maggioritari e a liste bloccate che ci hanno derubato di democrazia e di rappresentanza in questa scellerata Seconda Repubblica. Sono questi i veri ladri di democrazia. Se invece vincesse il NO sarebbe un brutto colpo per il governo, esulterebbero i due vecchi compari del Nazareno e parte della Lega (Giorgetti vota NO) e andremmo a votare con il Rosatellum, il pasticciato boomerang confezionato dal Pd ma graditissimo a centrodestra e Lega. Alcuni militanti mi confidano che dopo una sconfitta del genere il Movimento andrebbe ad autosciogliersi a fine legislatura. E farebbe bene. Che ci fa un movimento che vuole cambiare un paese immobile, in un paese che non ne vuole sapere di cambiare?

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Caro Los, sei una persona molto intelligente quindi sai meglio di me che questa semplice riforma non ci azzecca nulla, ma proprio NULLA, con la mega-riformaccia Renzi-Boschi-Verdini, concordata al Nazareno tra l'allora segretario del Pd e il piduista Berlusconi, fresco di condanna definitiva e di espulsione dal Senato. Con quel patto segreto (e scellerato) i due compari miravano a prendere due piccioni con una fava. Il primo era il superamento del bicameralismo perfetto, che doveva integrarsi con il fascistoide Italicum nel solco tracciato da Licio Gelli verso il premierato forte (il Frodatore ci aveva già provato nel 2006 con la riformaccia Calderoli, quella che la pidina Elisabetta Gualmini definiva "IDENTICA" alla Renzi-Boschi-Verdini). Il secondo piccione era ovviamente l'autopromozione di Renzi a leader riformatore (eletto da nessuno) e l'ennesimo ritorno del malmesso Delinquente al centro della scena politica. È bene ricordare che il Pregiudicato non aveva ancora neppure iniziato a espiare la sua pena ma si autopromuoveva con il suo allievo al rango di costituente. Sia l'Italicum (incostituzionale) sia il Senato non elettivo e senza poteri erano tremendi e plateali attentati all'assetto disegnato dai padri costituenti. I quali invece non stabilirono l'attuale consistenza numerica delle Camere. Stabilirono un rapporto di un deputato ogni 80.000 abitanti e un senatore ogni 200.000. Questi numeri dovevano garantire un'adeguata rappresentanza territoriale in un'epoca in cui non c'erano ancora i parlamenti regionali (che oggi contano più di 1000 membri complessivi). Tuttavia, come ricorda la professoressa Carlassare, in Assemblea costituente molti si espressero per un parlamento centrale più snello. Per esempio Einaudi proponeva un deputato ogni 150.000 abitanti. Con il che oggi avremmo per l'appunto i 400 deputati della riforma già approvata dal parlamento. 400 deputati senza i Consigli regionali e senza il Parlamento europeo (76 membri italiani) e vorrei proprio sapere se i sostenitori del NO oggi definirebbero Luigi Einaudi un LADRO DI DEMOCRAZIA. Gli attuali 630 deputati e 315 senatori furono voluti dalla Dc con la riforma costituzionale del 1963, per assicurare alla Casta partitocratica un centinaio di poltrone in più (il parlamento uscente aveva all'epoca 596 deputati e 246 senatori). La semplice riforma che il popolo sovrano si appresta a confermare (mi auguro con una valanga di SÌ, sarei deluso da meno del 60%), snellisce in modo ragionevole, senza toccare il bicameralismo voluto dai padri costituenti, il PARLAMENTO ELETTIVO PIÙ AFFOLLATO E PIÙ COSTOSO DEL MONDO (così lo definiva, giustamente, Matteo Renzi nel 2016). E renderà necessario cambiare la legge elettorale. Le forze di maggioranza si sono già accordate per il ritorno al sistema proporzionale, il M5S propone anche il ritorno al voto di preferenza. Con ciò vincerebbe due volte la Costituzione nata dalla Resistenza e perderebbero due volte i fautori dei vari sistemi maggioritari e a liste bloccate che ci hanno derubato di democrazia e di rappresentanza in questa scellerata Seconda Repubblica. Sono questi i veri ladri di democrazia. Se invece vincesse il NO sarebbe un brutto colpo per il governo, esulterebbero i due vecchi compari del Nazareno e parte della Lega (Giorgetti vota NO) e andremmo a votare con il Rosatellum, il pasticciato boomerang confezionato dal Pd ma graditissimo a centrodestra e Lega. Alcuni militanti mi confidano che dopo una sconfitta del genere il Movimento andrebbe ad autosciogliersi a fine legislatura. E farebbe bene. Che ci fa un movimento che vuole cambiare un paese immobile, in un paese che non ne vuole sapere di cambiare?

Infatti  e  di  molto   ma  molto  peggiore  , tagliare    solo per  risparmiare  perché  questo  è , risparmiando forse  un centinaio  di  milioni che non  incideranno minimamente   nelle  tasche    degli  Italiani ,  chiamandola   riforma  e  di  riforma  non ha  nulla  forse     era  meglio   tagliare  da  subito    stipendi  e  prebende   ma  intanto   ve  lo  promettono  come   quello  che  prometteva  il taglio  delle  accise.....  ma    lasciando  invece  i  costi  indiretti  intonsi  e /o  peggio  ,come   sta succedendo  in  alcuni  ministeri,  in   aumento vertiginoso  evidentemente   è  solo  uno  specchio  per  allodole ...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
20 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Caro Los, sei una persona molto intelligente quindi sai meglio di me che questa semplice riforma non ci azzecca nulla, ma proprio NULLA, con la mega-riformaccia Renzi-Boschi-Verdini, concordata al Nazareno tra l'allora segretario del Pd e il piduista Berlusconi, fresco di condanna definitiva e di espulsione dal Senato. Con quel patto segreto (e scellerato) i due compari miravano a prendere due piccioni con una fava. Il primo era il superamento del bicameralismo perfetto, che doveva integrarsi con il fascistoide Italicum nel solco tracciato da Licio Gelli verso il premierato forte (il Frodatore ci aveva già provato nel 2006 con la riformaccia Calderoli, quella che la pidina Elisabetta Gualmini definiva "IDENTICA" alla Renzi-Boschi-Verdini). Il secondo piccione era ovviamente l'autopromozione di Renzi a leader riformatore (eletto da nessuno) e l'ennesimo ritorno del malmesso Delinquente al centro della scena politica. È bene ricordare che il Pregiudicato non aveva ancora neppure iniziato a espiare la sua pena ma si autopromuoveva con il suo allievo al rango di costituente. Sia l'Italicum (incostituzionale) sia il Senato non elettivo e senza poteri erano tremendi e plateali attentati all'assetto disegnato dai padri costituenti. I quali invece non stabilirono l'attuale consistenza numerica delle Camere. Stabilirono un rapporto di un deputato ogni 80.000 abitanti e un senatore ogni 200.000. Questi numeri dovevano garantire un'adeguata rappresentanza territoriale in un'epoca in cui non c'erano ancora i parlamenti regionali (che oggi contano più di 1000 membri complessivi). Tuttavia, come ricorda la professoressa Carlassare, in Assemblea costituente molti si espressero per un parlamento centrale più snello. Per esempio Einaudi proponeva un deputato ogni 150.000 abitanti. Con il che oggi avremmo per l'appunto i 400 deputati della riforma già approvata dal parlamento. 400 deputati senza i Consigli regionali e senza il Parlamento europeo (76 membri italiani) e vorrei proprio sapere se i sostenitori del NO oggi definirebbero Luigi Einaudi un LADRO DI DEMOCRAZIA. Gli attuali 630 deputati e 315 senatori furono voluti dalla Dc con la riforma costituzionale del 1963, per assicurare alla Casta partitocratica un centinaio di poltrone in più (il parlamento uscente aveva all'epoca 596 deputati e 246 senatori). La semplice riforma che il popolo sovrano si appresta a confermare (mi auguro con una valanga di SÌ, sarei deluso da meno del 60%), snellisce in modo ragionevole, senza toccare il bicameralismo voluto dai padri costituenti, il PARLAMENTO ELETTIVO PIÙ AFFOLLATO E PIÙ COSTOSO DEL MONDO (così lo definiva, giustamente, Matteo Renzi nel 2016). E renderà necessario cambiare la legge elettorale. Le forze di maggioranza si sono già accordate per il ritorno al sistema proporzionale, il M5S propone anche il ritorno al voto di preferenza. Con ciò vincerebbe due volte la Costituzione nata dalla Resistenza e perderebbero due volte i fautori dei vari sistemi maggioritari e a liste bloccate che ci hanno derubato di democrazia e di rappresentanza in questa scellerata Seconda Repubblica. Sono questi i veri ladri di democrazia. Se invece vincesse il NO sarebbe un brutto colpo per il governo, esulterebbero i due vecchi compari del Nazareno e parte della Lega (Giorgetti vota NO) e andremmo a votare con il Rosatellum, il pasticciato boomerang confezionato dal Pd ma graditissimo a centrodestra e Lega. Alcuni militanti mi confidano che dopo una sconfitta del genere il Movimento andrebbe ad autosciogliersi a fine legislatura. E farebbe bene. Che ci fa un movimento che vuole cambiare un paese immobile, in un paese che non ne vuole sapere di cambiare?

Diciamo..tanto x chiarire,il parlamento inglese alto e supremo esportatore di democrazia è  composto da Camera dei Comuni con 650 membri e Camera dei Lord che ad agosto '19 era composto da 772 membri ...la maggioranza dei Lord sono a vita.. queste sono le cifre da noi trovate,e appare che il parlamento italiano così  composto oggi non sia molto differente,anzi un pochino sotto,quindi le idee dei grillini sono un attimino messe in discussione ,che poi gli inglesi possano non essere un buon esempio è un altro paio di maniche, ma invitiamo i più a fare una riflessione, a livello numerico c'è  chi ci batte,non si lamenta, e sopratutto il popolo sembra moderatamente soddisfatto ,a meno che l'Inghilterra non prenda la nostra stessa piega...tutto può essere

Modificato da marzianobravo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, marzianobravo ha scritto:

Diciamo..tanto x chiarire,il parlamento inglese alto e supremo esportatore di democrazia è  composto da Camera dei Comuni con 650 membri e Camera dei Lord che ad agosto '19 era composto da 772 membri ...la maggioranza dei Lord sono a vita.. queste sono le cifre da noi trovate,e appare che il parlamento italiano così  composto oggi non sia molto differente,anzi un pochino sotto,quindi le idee dei grillini sono un attimino messe in discussione ,che poi gli inglesi possano non essere un buon esempio è un altro paio di maniche, ma invitiamo i più a fare una riflessione, a livello numerico c'è  chi ci batte,non si lamenta, e sopratutto il popolo sembra moderatamente soddisfatto ,a meno che l'Inghilterra non prenda la nostra stessa piega...tutto può essere

Dal post precedente...un silenzio che urla

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

mai sentito  il  silenzio  urlare  e  tantomeno assordante 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, pm610 ha scritto:

mai sentito  il  silenzio  urlare  e  tantomeno assordante 

E beh...secondo lei l'omerta non esiste..eppure in codesta manifestazione esterna o maniera di massa ,gli italioti sono esperti, si vuole accodare??

Modificato da marzianobravo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Con il taglio spariranno i meno raccomandati e resterà il "fior fiore" perché i candidati li decide il caporione.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Berlusconi (84anni) dimesso dal San Raffaele dopo soli 11 giorni, parla per circa un quarto d'ora ai microfoni di tutte le emittenti. 
Racconta che è stato studiato il suo tampone risultato di altissima entita' di carica virale, e che l'ha scampata anche stavolta. (Alla faccia dei circa 30.000 anziani morti da soli tra atroci sofferenze). 
Raccomanda di seguire le norme anti Covid e di stare attenti.
Ringrazia tutti, sorride, rassicura...
ROBA DA RICCHI...
O DA CAMPAGNA ELETTORALE.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Non ricordate che diceva che lui sarebbe arrivato a 120 anni?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

A me sembra che parlasse addirittura di 130 anni ...!! E lo diceva così convinto e senza un benché minimo accenno ironico che ci abbiamo , partendo dalla Sig. ra Trottolina , creduto tutti . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 12/9/2020 in 21:48 , pm610 ha scritto:

Non  è quello   che  pensate....

L'immagine può contenere: il seguente testo "CAMERA: PRIMA SENATO: ELETTO DAI CITTADINI ELETTO DAI CITTADINI 100% 100% DOPO CAMERA: ELETTO DAI PARTITI SENATO: ELETTO DAI CITTADINI ELETTO DAI PARTITI 60% 100% 40%"

Ieri ho postato questo e mi è stato detto di tutto...                                                                                                                                                     Statistica basata sul niente.. Vi ho lasciato commentare .. Ho raccolto insulti perché molti un commento senza insultare non sanno o non possono farlo.. Questa statistica è stata creata da chi oggi dice #VOTASI nel 2016 quando il referendum lo aveva proposto Renzi..  Che sono poi quelli che oggi propongono il referendum ... Mi chiedo ora come mai quando ieri eravate per #VOTANO questa era attendibile e veritiera ed io ero uno stupido che non capiva mentre oggi è carta straccia..  Lo spieghino gli amici del #VOTOSI che mi hanno dato bufalaro chi sono i VERI bufalari.. Ringrazio per la coerenza dimostrata dalla nascita ad oggi #maiconlaLEGA #maicolPD e  poi  è stato  fatto  tutto  il  contrario 
Smetti di farti prendere in giro.Un abbraccio.

IO VOTO SI'

E ANCHE LUI 

054140574-50eeaec3-0f17-4d7f-8bea-caf14a0a137d.jpg

il-presidente-del-consiglio-matteo-renzi_1010783.jpg

si 1.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Per me Renzi ti ha ciulato ( più volte ) la Filumena ...!! Ahahahaha 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
5 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Per me Renzi ti ha ciulato ( più volte ) la Filumena ...!! Ahahahaha 

PER ME RENZI TI HA  CIULATO (PIU' VOLTE)  AHAHAHA

hqdefault.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 ore fa, pm610 ha scritto:

Con il taglio spariranno i meno raccomandati e resterà il "fior fiore" perché i candidati li decide il caporione.

Ci dispiace con il taglio dei parlamentari rimarranno solo i pesci più grossi e altrettanto i raccomandati, i leccapiedi aumenteranno a dismisura,soprattutto sarà più difficile dissentire,dato che il posto lo si dara' ai fedeli alla linea..insomma non che oggi ci sia meritocrazia ma con il taglio sicuramente meno dibattito, meno pluralità anche all'interno degli stessi partiti, difatti i 5s sono legati ad una piattaforma Rousseau  con dei dubbi di rappresentanza, motivo per cui anche se nel '18 vi abbiamo aderito e votato, nel giro di pochi mesi siamo ritornati nel Pd,la linea di Zingaretti che sia vera oppure di facciata non tutti la seguono come cagnolini e non vorremmo che fosse così in futuro altrimenti basta che ci marchiano con un numerino e si ritorna al ventennio,prospettiva poco gradita per chi crede nella democrazia per cui, bisogna avere gli argomenti giusti x convincere non solo i propri uomini di movimento, ma anche gli elettori..

Modificato da marzianobravo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Ci dispiace con il taglio dei parlamentari rimarranno solo i pesci più grossi e altrettanto i raccomandati, i leccapiedi aumenteranno a dismisura,soprattutto sarà più difficile dissentire,dato che il posto lo si dara' ai fedeli alla linea..insomma non che oggi ci sia meritocrazia ma con il taglio sicuramente meno dibattito, meno pluralità anche all'interno degli stessi partiti, difatti i 5s sono legati ad una piattaforma Rousseau  con dei dubbi di rappresentanza, motivo per cui anche se nel '18 vi abbiamo aderito e votato, nel giro di pochi mesi siamo ritornati nel Pd,la linea di Zingaretti che sia vera oppure di facciata non tutti la seguono come cagnolini e non vorremmo che fosse così in futuro altrimenti basta che ci marchiano con un numerino e si ritorna al ventennio,prospettiva poco gradita per chi crede nella democrazia per cui, bisogna avere gli argomenti giusti x convincere non solo i propri uomini di movimento, ma anche gli elettori..

infatti    cosa  ho detto   ?   Difficile  da  capire  vero  ,  lei  mi garantisce   che   i grandi fancaxxisti e  assenteisti  non entreranno  più  in  parlamento  ?   Si   riesce a   convincermi   che  si   lo sarà  voto  anche  io   si .   Ma  sarà di  molto  improbabile   anche  perchè  questo  taglio è  utile   solo alla  propaganda    grullesca...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io voto no , è un taglio di facciata , che a parte far risparmiare una miseria, che è già stata sprecata dal di meio , non cambia assolutamente nulla se non tagliare rappresentanza , ma forse è il primo passo per attuare quello che dice il suo capo Casaleggio ovvero il parlamento quanto prima non servirà.....

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 14/9/2020 in 13:34 , pm610 ha scritto:

anche   se     votate   si  questa  assieme  a  tanti  assenteisti   tornerà  in  parlamento 

21765028_1622753187795401_989242780011287140_n.jpg?_nc_cat=1&_nc_sid=8bfeb9&_nc_ohc=MgAbBnBZO1EAX8lu_ow&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=89401f1f1b621cd72cbf276ed98715d1&oe=5F83BDB6

 

Modificato da pm610

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963