MAGARI PARLIAMO DI BIBBIANO ?

Il più grande punto nascite del Veneto contagia 91 bambini e nasconde per oltre un anno il batterio killer alle famiglie.

A partire dal marzo 2018 il Citrobacter ha ucciso Leonardo, Nina, Tommaso e Alice, altri nove bambini hanno riportato gravi lesioni cerebrali mentre sarebbero in tutto 91 quelli colpiti dal batterio. Zaia rispondi: chi controlla la sanità in Veneto?  Ad oggi, se quella devastante catena di contagio è stata fermata, lo dobbiamo soltanto alle mamme che si sono fatte carico di denunciare l’accaduto, permettendo di salvare molte vite.   Ciò che è più grave è che per molto tempo questo gravissimo pericolo sia stato nascosto, l’ospedale infatti è stato chiuso solo a giugno dopo che il caso è stato sollevato sulla stampa ed è inoltre emerso come molti presidi di sicurezza non siano stati rispettati, pur essendo una struttura inaugurata solo 3 anni fa.  Questa vicenda mina la credibilità della sanità veneta: dalla mancata tutela dei diritti del malato ai metodi di controllo.  Ieri il punto nascita ha riaperto dopo la bonifica ambientale. Per la sicurezza dei futuri nascituri e la serenità dei genitori, mentre le indagini fanno il loro corso e il Presidente prende le distanze, chiedo l’immediata rimozione dei vertici aziendali coinvolti.

El

118787385_10158082089351896_7356997362178035101_o.jpg?_nc_cat=1&_nc_sid=730e14&_nc_ohc=z6y726R0HkYAX8oRge4&_nc_ht=scontent-mxp1-1.xx&oh=b060c3cba3f01756ff84464fa6022347&oe=5F7678B2

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

3 messaggi in questa discussione

Vi  immaginate  se   ad  amministrare    quella  regione  ci  fosse  uno   non della   lega,   che    can can  i  maldestri  avrebbero  avviato  ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

LA FATTORIA DEGLI ANIMALI…

Ancora una volta mi ritrovo a commentare l’ennesimo fatto aberrante, targato Lega.

Vorrei essere ironica nel trattare l’argomento (lo sono spesso…) ma, in questo caso, non ci riesco proprio…

L’unica parola che mi viene in mente è: SCHIFO!

I fatti li conosciamo tutti ed è perfettamente inutile che li rammenti: in sintesi, festini a luci rosse, induzione alla prostituzione (con l’adescamento anche di baby prostitute) in cambio di soldi e droga, coinvolgimento dell’ex candidato della Lega in Emilia-Romagna, Luca Cavazza, vero e proprio organizzatore di questo inferno in terra.

Mi vengono in mente le mie ragazzine a scuola, così forti ma anche irrimediabilmente adescabili da mostri privi di scrupoli, pronte a spiccare il volo in un mondo di adulti che tarpa violentemente le loro fragili ali, garantendo un “volo” di altro genere, soltanto per soddisfare istinti abietti e inconfessabili, da consumare dietro la facciata di una moralità più professata che realizzata nella vita di tutti i giorni.

MAIALI!

Scusatemi, ma è più forte di me…La cosa, però, che mi fa inorridire ancora di più è che queste stesse persone, appartenenti ad una destra rozza e fortemente ignorante, tendono a presentarsi ai loro elettori quali bravi padri di famiglia, anzi dirò di più, quali degni depositari di quella famiglia tradizionale, da Mulino Bianco, da contrapporre fieramente a chiunque ne voglia, in un modo o nell'altro, minare le fondamenta, e qui mettiamoci tutti quelli contro cui combattono sempre per distogliere l’attenzione della gente dal loro malaffare: migranti, gay, quelli di sinistra…(dai, concedetemi questa battutaccia…) e, visto che ci siamo, anche il Governo, il Premier Conte & Company e , se dovesse servire, anche Papa Francesco!

Cosa dire di più?

SCHIFO ALL'ENNESIMA POTENZA!

E QUESTI SONO QUELLI CHE HANNO A CUORE LA SCUOLA!

GIU’ LE MANI DAI BAMBINI!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963