TORNA LA SECESSIONE PER ILLUSI

 La  lega  ha  governato  con   il  pregiudicato  piduista  portando a  casa   risultati ZERO  ora  con  referendum  farlocchi  pensa  che   avrà  tutto   aahhahahahahah  mancano   solo  i  milioni  di  schioppi   di  BOSSI  riaahahahahah

 

“RISCRIVEREMO LA STORIA”. L’ha detto il presidente della regione Veneto Zaia. E in effetti è probabile che abbia ragione: questa passerà alla storia come “quella volta che Veneto e Lombardia spesero un fracco di milioni di euro per fare quello che l’Emilia Romagna ha ottenuto alzando il telefono”.

safe_image.php?d=AQAiJQx-355I0sCj&w=476&
“RISCRIVEREMO LA STORIA”. L’ha detto il presidente della regione Veneto Zaia. E in effetti è probabile che abbia ragione: questa passerà alla storia come “quella…
wdonna.it
 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

 

Strano    non  ne  parlano  mai   di  queste  banche    come   poi della Creditnord...  

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

 Il giorno dopo il referendum sull'autonomia, il governatore del Veneto, Luca Zaia, scopre le sue carte e chiede lo statuto speciale per la Regione. Ma da governo arriva una doccia fredda: "È una provocazione", taglia corto Gian Claudio Bressa, sottosegretario agli Affari Regionali.

"Siamo pronti ad aprire un tavolo subito - spiega Bressa - ma la condizione di partenza è che le Regioni approvino una legge in attuazione dell'articolo 116 della Costituzione" per chiedere autonomia differenziata. "Il problema è che oggi Zaia ha fatto approvare in Giunta una proposta di modifica costituzionale per inserire il Veneto tra le Regioni a statuto speciale. È una proposta non ricevibile dal Governo, semmai di competenza del Parlamento".

Sul referendum interviene anche il segretario del partito democratico che propone un patto tra partiti per ridurre le tasse. La vera priorità per l'Italia, scrive Matteo Renzi su Facebook, è la riduzione della pressione fiscale, "ecco perché - aggiunge - mi piacerebbe che la prossima legislatura cominciasse con un accordo delle forze politiche per un progetto come quello che abbiamo lanciato noi ('Tornare a Maastricht') che permetterebbe la riduzione annuale delle tasse per una cifra che può variare tra i 30 e i 50 miliardi di euro".

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Si  smentiscono tra  loro,  Maroni non  sapeva   di Zaia e non  è  d'accordo  su  quanto  da  lui  richiesto   ahahahahah manco tra  celoduri  si  intendono  tutto   dire...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

È perfettamente legittimo sostenere che il regionalismo differenziato chiesto dalle due maggiori realtà del Nord (fra l'altro approfittando di una opportunità concessa proprio dal centrosinistra con la riforma del Titolo V  della Costituzione datata 2001) sia un errore. Noi, per esempio, ripetiamo da tempo che le autonomie regionali sono miseramente fallite. Sprofondate in un pozzo nero di sprechi, malaffari, clientele e burocrazie. E la soluzione non è estendere gli statuti speciali o para-speciali alle Regioni ordinarie, ma abolire tutte le regioni insieme alle province e immaginare un federalismo su base municipale, costruito intorno all'unica istituzione avvertita dai cittadini come amica e controllabile: il comune.

Condivido pienamente queste parole dell'editoriale di oggi di Marco Travaglio. Appena ieri avevo espresso un concetto pressoché identico.

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
13 minuti fa, fosforo31 ha scritto:

È perfettamente legittimo sostenere che il regionalismo differenziato chiesto dalle due maggiori realtà del Nord (fra l'altro approfittando di una opportunità concessa proprio dal centrosinistra con la riforma del Titolo V  della Costituzione datata 2001) sia un errore. Noi, per esempio, ripetiamo da tempo che le autonomie regionali sono miseramente fallite. Sprofondate in un pozzo nero di sprechi, malaffari, clientele e burocrazie. E la soluzione non è estendere gli statuti speciali o para-speciali alle Regioni ordinarie, ma abolire tutte le regioni insieme alle province e immaginare un federalismo su base municipale, costruito intorno all'unica istituzione avvertita dai cittadini come amica e controllabile: il comune.

Condivido pienamente queste parole dell'editoriale di oggi di Marco Travaglio. Appena ieri avevo espresso un concetto pressoché identico.

 

Urka , questa sera abbiamo scoperto che Calandrino Travaglio prima di scrivere un articolo chiede consiglio al tronfio e vanaglorioso Cazzaro Fosforo. 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora