I farisei ipocriti del "SÌ CRITICO"

Uno dei più grandi insegnamenti di Gesù è a mio avviso nel vangelo di Matteo, dove il Maestro dice:

"Sia invece il vostro parlare ; no, noil di più viene dal maligno".

Ora io, con il conforto di qualche teologo non allineato, escludo categoricamente l'esistenza del maligno, cioè del diavolo, mentre è un dato di fatto l'esistenza della diabolicità. Questa si manifesta negli uomini in innumerevoli forme; una delle più diffuse, e più ripugnanti per il sottoscritto, è senza dubbio l'ipocrisia. Parola che deriva da un verbo greco che significa fingere e che denota l'inclinazione di certi individui o gru.ppi per l'appunto a fingere, a dissimulare, a voler apparire migliori di quel che sono, vuoi per eccesso di amor proprio, vuoi soprattutto per ingannare il prossimo. Questo è il tipico caso dei politici come quel campione mondiale di ipocrisia che fingeva di credere così tanto nella bontà e nella necessità di una sua riformaccia da giurare pubblicamente che avrebbe lasciato la politica se non fosse passata. L'ultimo esempio riguarda il medesimo diabolico personaggio e il suo partito la cui posizione *** sul referendum lombardo-veneto, in corso mentre scrivo, è la seguente: "il nostro è un critico". Roba da matti! Che differenza c'è, in un referendum, tra il votare sì e il votare un sì critico? Il di più viene dal maligno direbbe Gesù, cioè dall'ipocrisia di Renzi e della sua cricca traduco io. Magari, visto che la regione Lombardia ha speso decine di milioni per il voto elettronico su tablet, si potevano inserire via software le opzioni per varie sfumature di voto tra il sì e il no, tipo il nì, il no possibilista, il sì di incoraggiamento e il sì critico del Pd. Ma, in attesa di innovazioni, per ora il sì critico degli elettori piddini equivale a tutti gli effetti a un sì e basta, e fa solo il gioco di Salvini, Maroni e Zaia, i quali, se stasera incasseranno una vittoria che li rafforzerebbe non poco in vista delle elezioni politiche, dovranno sportivamente ringraziare anche Renzi e il Pd. Sarebbe un risultato pericoloso anche per altri motivi. L'autonomia fiscale è un'anticamera di quella  secessione, temporaneamente accantonata da Salvini ma tuttora presente, se non erro, nello statuto della Lega, e che potrebbe tornare a far sognare il popolo (bue) leghista in campagna elettorale, anche sull'onda di quanto accade in Catalogna. Inoltre, un successo di questi inutili e assurdi referendum consultivi potrebbe indurre altre Regioni a emulare Lombardia e Veneto e a sprecare altro denaro pubblico. Per quanto mi riguarda, io sono da sempre contrario alle Regioni, che abolirei insieme alle Province, altro che maggiore autonomia fiscale! Avremmo meno sprechi, meno corruzione e una gestione più efficiente della cosa pubblica. Concordo per una volta con Marcello Veneziani che nel bellissimo articolo che allego fa risalire proprio all'introduzione delle Regioni (1970) l'inizio del declino dell'Italia. Ma l'assurdità maggiore oggi è quella di un partito che osa ancora definirsi di sinistra e che invita gli elettori a boicottare un referendum ambientalista (il NO TRIV del 2016) e a violare la Costituzione (quello era un referendum abrogativo previsto dall'art.75, dunque votare era "dovere civico" come prescrive l'art.48) e poi li invita a votare, e a votare sì, a un referendum consultivo autonomista di due regioni ricche. Il "sì critico" del Pd è solo la penosa, perfino ridicola ipocrisia di chi finge di essere di sinistra, cioè in teoria sensibile ai prioritari bisogni delle regioni più povere, ma non è disposto a perdere per questo neppure un elettore in Lombardia e Veneto. VERGOGNA!

https://infosannio.wordpress.com/2017/10/22/marcello-veneziani-prove-tecniche-di-separazione/

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

e questi dati,che sono..i filistei???

In Campania ci sono ancora 523 primari in più, anche uno ogni due o tre ricoverati. Nella regione che chiede agli ammalati i ticket più alti d'Italia per saldare i debiti accumulati nel passato da Asl e ospedali, si pagano ancora 1915 indennità di «dirigenza» in eccedenza rispetto alla dotazione organica prevista. Ma qui si guarisce di meno che nel resto del paese: i livelli di *** sono infatti tra i più bassi, e questo anche a causa di reparti doppione e servizi frammentati, tutto «incide in senso negativo sulla efficacia e l'efficienza, in generale, del rendimento del servizio sanitario regionale, comportando un impiego scorretto e dispersivo delle risorse pubbliche». A sollevare il caso è la magistratura contabile che fa quello che la classe politica ha sempre rimandato: in base alle stesse indicazioni tecniche della Regione, indica quanti reparti nella stessa struttura vanno accorpati per legge (in modo da eliminare i troppi primari e vice e quindi incarichi e indennità, più che ridurre i posti letto), poi calcola il danno erariale dovuto alla riorganizzazione mancata, invita a dedurre 29 persone tra manager ed ex e dirigenti di Palazzo Santa Lucia (ma anche rettori delle due università partenopee sono tirati in ballo, tutti potranno chiarire la propria posizione nei prossimi 30 giorni), e soprattutto punta a eliminare sprechi che diventano insopportabili in tempi di crisi. Le indagini sono affidate alla Guardia di Finanza.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

e visto che ci siamo..abbondiamo!! 

Tram e bus mai utilizzati
uno spreco da 22 milioni

Filobus fermi in depositi e tram Sirio poco utilizzati. La Guardia di Finanza di Napoli ha segnalato alla Procura della Corte dei conti uno spreco di risorse pubbliche per 22 milioni di euro, riconducibili alla gestione dei mezzi di nuova generazione acquistati principalmente con l´emissione di Boc. L´Azienda napoletana mobilità: «Collaboriamo con gli inquirenti». Le critiche dei sindaca

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Appunto. Lo scrivo da sempre che in paese corrotto e sprecone, in un paese di parassiti, di raccomandati e di furbi individualisti, privo di senso della collettività e del bene pubblico, in un paese dalla giustizia colabrodo come l'Italia, la forma di gran lunga migliore e più efficiente di gestione della cosa pubblica è la gestione centralizzata. Niente Regioni, niente Province, niente consigli comunali, un sindaco eletto e tecnici esperti, dipendenti a stipendio fisso non del Comune ma dello Stato, come assessori. Con la gestione centralizzata se rubano, rubano in pochi, e se sbagliano è più facile individuare chi sbaglia. A proposito di ruberie, che mi dici di Formigoni, 4 volte governatore della Lombardia e poi tradotto a San Vittore... pardon, a palazzo Madama.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Nell'epoca berlusconiana sarete stati sull'orlo di crisi esistenziali......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
11 minuti fa, sempre135 ha scritto:

Nell'epoca berlusconiana sarete stati sull'orlo di crisi esistenziali......

No, nell'epoca berlusconiana, mentre Bossi annunciava la secessione e minacciava di imbracciare il forcone, e mentre il piduista si faceva le leggi per sé e per le sue aziende, io meditavo di imbracciare il kalashnikov.  Ma per loro fortuna sono un non violento, non credo in Dio ma credo (molto) nelle parole di amore e nell'insegnamento di Gesù (che in questi giorni di sofferenza fisica, per me senza precedenti, sono un grande conforto).

Saluti

Modificato da fosforo31

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 ore fa, fosforo31 ha scritto:

No, nell'epoca berlusconiana, mentre Bossi annunciava la secessione e minacciava di imbracciare il forcone, e mentre il piduista si faceva le leggi per sé e per le sue aziende, io meditavo di imbracciare il kalashnikov.  Ma per loro fortuna sono un non violento, non credo in Dio ma credo (molto) nelle parole di amore e nell'insegnamento di Gesù (che in questi giorni di sofferenza fisica, per me senza precedenti, sono un grande conforto).

Saluti

Bel guazzabuglio.....in sintonia aristoteliana....no...non penso tu sia stato in crisi esistenziale...saluti anche a te.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963