qual panzone che parla solo di fasci e democrazia....ma taci,trippone sindacalista

Grave atto intimidatorio, nella notte tra venerdì e sabato scorso, contro il segretario dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate. Nel parcheggio della stazione di Sezze ( LT), l’autovettura della signora Anna, segretario generale dell’ANVM, è stata vandalizzata a colpi di pietra. Gravissimi i danni provocati alla Fiat Panda.

Non si tratta di un semplice atto vandalico, ma di un’azione mirata –– proprio questa settimana, ospiti di una web tv, abbiamo parlato degli stupri commessi dai coloniali francesi a Sezze nel 1944 e di Eugenio Cerroni, cittadino del luogo che, per aver difeso una bambina di 13 anni dalla violenza di due magrebini francesi, pagò con la vita questo suo nobile gesto di eroismo.

Non crediamo nella casualità – conclude il segratario – evidentemente qualcuno, a 76 anni di distanza, non vuole che si parli di queste vicende. Sull’atto intimidatorio è già stata presentata una denuncia ai Carabinieri. Chiediamo la collaborazione dei cittadini di Sezze. Chi avesse notato qualcosa è pregato di riferire tutto alle autorità di polizia.”

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

1 ora fa, director12 ha scritto:

Grave atto intimidatorio, nella notte tra venerdì e sabato scorso, contro il segretario dell’Associazione Nazionale Vittime delle Marocchinate. Nel parcheggio della stazione di Sezze ( LT), l’autovettura della signora Anna, segretario generale dell’ANVM, è stata vandalizzata a colpi di pietra. Gravissimi i danni provocati alla Fiat Panda.

Non si tratta di un semplice atto vandalico, ma di un’azione mirata –– proprio questa settimana, ospiti di una web tv, abbiamo parlato degli stupri commessi dai coloniali francesi a Sezze nel 1944 e di Eugenio Cerroni, cittadino del luogo che, per aver difeso una bambina di 13 anni dalla violenza di due magrebini francesi, pagò con la vita questo suo nobile gesto di eroismo.

Non crediamo nella casualità – conclude il segratario – evidentemente qualcuno, a 76 anni di distanza, non vuole che si parli di queste vicende. Sull’atto intimidatorio è già stata presentata una denuncia ai Carabinieri. Chiediamo la collaborazione dei cittadini di Sezze. Chi avesse notato qualcosa è pregato di riferire tutto alle autorità di polizia.”

Giusto. Denunciate i violenti. Sempre.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, cortomaltese-*** ha scritto:

Giusto. Denunciate i violenti. Sempre.

parla di non violenze quello del suo avatar:

Le grandi purghe[1] furono una vasta repressione avvenuta nell'URSS nella seconda metà degli anni trenta, voluta e diretta da Stalin dopo l'omicidio di Sergej Kirov, importante dirigente del partito a Leningrado[2], per epurare il partito comunista da presunti cospiratori[3]. Il periodo viene anche indicato con i termini di "terrore", "grande terrore" (большой террор, bol'šoj terror) o, in Russia, con quello di ežovščina (ежовщина, "era di Ežov")[4] dal nome del capo dell'NKVD nel periodo più tragico delle purghe.

La repressione, eseguita spesso con procedimenti giudiziari sommari, colpì anche semplici cittadini, non iscritti al partito, considerati ostili al regime, ed ebbe vasta risonanza in Occidente in seguito ad alcuni processi celebrati dal 1936 al 1938 contro i massimi dirigenti del PCUS. Oggetto di arresti e condanne furono, anche, numerosi esponenti delle comunità straniere, inclusa quella italiana, emigrati nella nuova patria socialista per sottrarsi alle persecuzioni politiche dei paesi di origine o per contribuire al suo sviluppo. Le grandi purghe staliniane possono essere interpretate anche come un caso estremo di arrivismo politico che giunge, come prassi, all'eliminazione fisica degli avversari diretti personali.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Denunci anche Stalin, sig Frizz.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
4 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Denunci anche Stalin, sig Frizz.

quando penso che qualcuno ha denunciato un oste per una bottiglia di vino con un effige..nostalgica...qualche altro bempensante ha denunciato un tabaccaio perchè vendeva accendini con l'effige....e qui,nel forum visibile a tutti,uno si permette di mettere  il piu' vile assassino di tutti i tempi impunito!!uno che ammazzava donne incinte,bambini,vecchi .... ciccioni,ltripponi,pamploni...sapete dove potete andare ?? a gagare sulle zucche!!!per poi magnarle..ben condite....come fanno i vostri beniamini..e si ci tenete voi alle culture altrui!!!

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
14 ore fa, director12 ha scritto:

parla di non violenze quello del suo avatar:

Le grandi purghe[1] furono una vasta repressione avvenuta nell'URSS nella seconda metà degli anni trenta, voluta e diretta da Stalin dopo l'omicidio di Sergej Kirov, importante dirigente del partito a Leningrado[2], per epurare il partito comunista da presunti cospiratori[3]. Il periodo viene anche indicato con i termini di "terrore", "grande terrore" (большой террор, bol'šoj terror) o, in Russia, con quello di ežovščina (ежовщина, "era di Ežov")[4] dal nome del capo dell'NKVD nel periodo più tragico delle purghe.

La repressione, eseguita spesso con procedimenti giudiziari sommari, colpì anche semplici cittadini, non iscritti al partito, considerati ostili al regime, ed ebbe vasta risonanza in Occidente in seguito ad alcuni processi celebrati dal 1936 al 1938 contro i massimi dirigenti del PCUS. Oggetto di arresti e condanne furono, anche, numerosi esponenti delle comunità straniere, inclusa quella italiana, emigrati nella nuova patria socialista per sottrarsi alle persecuzioni politiche dei paesi di origine o per contribuire al suo sviluppo. Le grandi purghe staliniane possono essere interpretate anche come un caso estremo di arrivismo politico che giunge, come prassi, all'eliminazione fisica degli avversari diretti personali.

Ti brucia ancora il bus del kul per le supposte antifasciste che Stalin ci ha ficcato ?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
Il 1/9/2020 in 10:09 , cortomaltese-*** ha scritto:

Ti brucia ancora il bus del kul per le supposte antifasciste che Stalin ci ha ficcato ?

e a te bruciano le purghe..povere le tue emorroidi a grappolo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963