La vittoria del Si al referendum non e’ più strasicura ...!!

Diciamo che ora possiamo definirla probabile . Ma mancano ancora 25 giorni e potrebbe diventare incerta . Fortunatamente gli amici del PD hanno avuto un afflato di dignità e non daranno più l’indicazione di votare Si . Anzi !! La vittoria del Si sarebbe una iattura , una legge populista e basta piena sola e soltanto di demagogia a 5 stelle . Mi auguro che gli Italiani si rivelino migliori di quel che sono . Saluti 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

9 messaggi in questa discussione

1 ora fa, mark222220 ha scritto:

Diciamo che ora possiamo definirla probabile . Ma mancano ancora 25 giorni e potrebbe diventare incerta . Fortunatamente gli amici del PD hanno avuto un afflato di dignità e non daranno più l’indicazione di votare Si . Anzi !! La vittoria del Si sarebbe una iattura , una legge populista e basta piena sola e soltanto di demagogia a 5 stelle . Mi auguro che gli Italiani si rivelino migliori di quel che sono . Saluti 

DATE "RETTA" AL TOSCANO !!! VOTATE SI'

054140574-50eeaec3-0f17-4d7f-8bea-caf14a0a137d.jpg

il-presidente-del-consiglio-matteo-renzi_1010783.jpg

renzi a casa 3.jpg

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Sul Fatto Quotidiano di oggi l'ex segretario reggente del Pd Maurizio Martina:

"Votiamo SI' a un Parlamento che si auto-riforma".

Speriamo che tutti i pidini seri si allineino su questa razionale e ineccepibile posizione.

Le pagliacciate e le giravolte lasciamole al partitino di Renzi e al partitone del Vinavil (gli incollati alla poltrona). 

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

MENO SEMO E MEJO STAMO
Se vuoi ridurre il peso del tuo voto dando più potere alla partitocrazia e meno agli elettori. Se preferisci che contino in pochi e obbediscano in tanti. Se non ti importa che tanti territori restino senza rappresentanti. Se ti sembra che il costo di un caffè l’anno sia troppo alto per la democrazia. Se pensi questo allora vota sì.
Io credo che al M5S non importi minimamente il numero dei parlamentari, ma che il loro obiettivo sia quello di inceppare il Parlamento a favore del loro modello di, così detta, democrazia diretta. Cioè il caos che c’è nel loro movimento promosso a sistema istituzionale.
Se avessero voluto davvero dare maggiore efficienza al Parlamento avrebbero dovuto abolire il Senato. Se avessero davvero voluto ridurre i costi sarebbe bastato dimezzare i compensi dei parlamentari. Invece niente di tutto questo è stato fatto.
Il patto per digerire il governo antisovranista era votare il taglio ma riformare il contesto (legge elettorale e regolamenti parlamentari) prima della sua entrata in vigore. Questo non si è realizzato, nulla è cambiato da prima e restano valide le motivazioni che portarono il PD a votare tre volte contro il taglio. Quindi ora non solo è legittimo votare NO con le stesse, identiche motivazioni, ma il voto contrario è diventato ancora più coerente di prima.
Invece il calcolo politico strumentale che il M5S ha fatto è l’esempio della loro doppiezza. Da un lato fomentare l’odio antipolitico, che coi loro comportamenti dissennati e le loro incapacità alimentano da anni. Dall’altro rovesciare il senso di un vecchio detto romanesco: da “più semo e mejo stamo” a “meno semo e mejo stamo”, dando per scontato che il calo di deputati che avranno metterà in condizione l’establishment grillino di controllare meglio il loro bizzosissimo gruppo.
Il punto non è, dunque, votare sì per mantenere la parola data, né perché, comunque, la riduzione porterebbe maggiore efficienza. A sostegno del sì da parte del PD non c’è niente di tutto questo, ma solo la paura di mettere in crisi il rapporto col M5S.
La domanda da porsi, allora, è se valga di più l’affermazione, tutta teorica, di un principio di riduzione, che diventa del tutto astratto non essendosi realizzato il contesto che lo renderebbe efficace, o se sia preminente la difesa dell’integrità della massima istituzione della democrazia rappresentativa, che andrebbe, viceversa, rafforzata e resa più efficiente, ma non a danno della rappresentatività del popolo italiano.
Il resto sono solo chiacchiere astratte.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Sul Fatto Quotidiano di oggi l'ex segretario reggente del Pd Maurizio Martina:

"Votiamo SI' a un Parlamento che si auto-riforma".

Speriamo che tutti i pidini seri si allineino su questa razionale e ineccepibile posizione.

Le pagliacciate e le giravolte lasciamole al partitino di Renzi e al partitone del Vinavil (gli incollati alla poltrona). 

Faccio presente all’idio ta napoletano che Maurizio Martina fa parte del gruppo del PD Base Riformista . A questo gruppo appartengono 120 circa esponenti e di questo gruppo in 115 voteranno no e solo 5 Si tra cui Maurizio Martina. Sarebbe interessante sapere dal Cazzaro napoletano se ritiene un po’ interessata l’intervista del Falso Quotidiano a Maurizio Martina . Non risponderà !! Dice che non mi legge !! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io propongo di moltiplicare i parlamentari.

Almeno uno per famiglia. Solo così tutti gli italiani avranno un loro parlamentare di riferimento.

Nessuno più si lamenterà che la politica costa troppo.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Quindi, trottolina mia , tu voterai Si ?? Oh signur signur ...!! 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Lei che dice piccola e ridicola marketta pisana, voterò si o voterò no?

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Io dico che sei sempre la solita frizzantissima Trottolina e qualunque cosa voterai io te quiero nello stesso modo !! ❤️

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
8 ore fa, mark222220 ha scritto:

Diciamo che ora possiamo definirla probabile . Ma mancano ancora 25 giorni e potrebbe diventare incerta . Fortunatamente gli amici del PD hanno avuto un afflato di dignità e non daranno più l’indicazione di votare Si . Anzi !! La vittoria del Si sarebbe una iattura , una legge populista e basta piena sola e soltanto di demagogia a 5 stelle . Mi auguro che gli Italiani si rivelino migliori di quel che sono . Saluti 

Non vorremmo che anche se vincesse il Sì...fosse un calesse..E non amore..insomma amici degli amici spostati in task force,commissioni, enti pubblici che garantiscono un introito sicuro e cospiscuo..la classica tiri tere.. dove si risparmia di qua..E si sperpera di la..del resto è prassi dare poltrone anche al di fuori dei palazzi principali.del potere...basta accontentarsi..della "spintarella".. di turno,dell'attracco al porto ..l'italietta dimostra sempre di essere quello che è.. "un accozzaglia di raccomandati, impenitenti"

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963