I morti negli USA sono almeno 230.000

1 ora fa, marzianobravo ha scritto:

Per il momento in Italia siamo 60milioni.di abitanti .negli states circa 300milioni...quindi all'incirca maggiore di 5 volte..per quanto riguarda l'estensione geografica ci aggiorneremo...ma il dato...  in proporzione.. i morti italiani sono maggiori..di quelli americani dimostrazione del fallimento del modello italiano..insomma il lockdown non serve ad un c.a.z.z.o..come ribadito dagli stessi svedesi..oppure in misura soft come eseguito da danesi e norvegesi..il can can mediatico non serve ad altro..che far ballare le donnine..meglio cambiare mestiere che ne dite?? Siete braccia rubate all'agricoltura..invece i migranti dovrebbero stare al vostro posto..sono più seri e preparati, sanno le lingue,e soprattutto non fanno la caccia alle streghe..benvenuti nel bel paese..dei rinco.gl.ioniti

Negli USA la popolazione immigrati regolari ed irregolari compresi , supera i 400 milioni di abitanti . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

40 messaggi in questa discussione

1 ora fa, lelotto2 ha scritto:

Quindi non solo non chiedi scusa per la consueta castroneria postata. ma rilanci pure...Prima parli di 1:10, adesso che ti é stato spiegato che la proporzione é 1:5 fai finta di niente.

Come dicevamo negli States abbiamo numeri maggiori anche in proporzione, ma soprattutto da noi i contagi sono vicini allo zero, mentre da loro aumentano.

Il lockdown é stato decisivo in positivo e quasi tutte le nazioni ce lo riconoscono.

Se però tu non ci vuoi stare e vuoi continuare a fare il rosicone fallito che si arrampica sugli specchi fai pure.

 

noi in quello precedente e' il primo post in cui citiamo la proporzione tra Usa e Italia.. lei ha le traveggole..oppure vede cose che altri non vedono..ci dispiace molto per la sua vista..un oculista?? Come del resto..sarebbe ovvio x i gufi allarmisti ..inventori del nulla..spregevoli,mistificatori, quando conviene ignorano..insomma fasulli come le 3 euro in carta...a noi va bene lo stesso..tanto la realtà non cambia..gli svedesi senza lockdown hanno fatto meglio dell'Italia ..e per il momento pure gli americani..sono passati più di 6 mesi..chissà quanto dovete aspettare ancora?  :)

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Noi facciamo a occhio...lo stato di emergenza è iniziato il 31 gennaio ..vi sono stati all'incirca 35mila decessi in 6 mesi..basta fare una divisione...e si ottiene 194,4...di media decessi al giorno...in Italia ci sono 8mila comuni.. la stragrande maggioranza sono senza defunti...ammazza che pandemia..ma dove l'avete vista?? Su qualche tg dei coriandoli??, Era carnevale??..oppure sul trafiletto di articolo giornalistico di Arlecchino.??.che fenomeni..paranormali molto para(c.u.li) poco normali 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
9 minuti fa, marzianobravo ha scritto:

Noi facciamo a occhio...lo stato di emergenza è iniziato il 31 gennaio ..vi sono stati all'incirca 35mila decessi in 6 mesi..basta fare una divisione...e si ottiene 194,4...di media decessi al giorno...in Italia ci sono 8mila comuni.. la stragrande maggioranza sono senza defunti...ammazza che pandemia..ma dove l'avete vista?? Su qualche tg dei coriandoli??, Era carnevale??..oppure sul trafiletto di articolo giornalistico di Arlecchino.??.che fenomeni..paranormali molto para(c.u.li) poco normali 

Noi siamo MarzianoBravo..e quindi capiamo che il calcolo di prima non tutti lo capite..ribaltiamo la frittata...facciamo sempre ad occhio..ci sono in Italia 35mila decessi dividiamo x gli 8mila comuni..la media è 4,3 defunti x ogni comune italiano in 6 mesi..ammazza che pandemia..ha qualcuno piace il circo?? Qualche gufo allarmista lo vediamo bene come clown..ah potete fare come vi pare...leggere oppure ignorare..a noi viene lo stesso da ridere

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, marzianobravo ha scritto:

Noi facciamo a occhio...lo stato di emergenza è iniziato il 31 gennaio ..vi sono stati all'incirca 35mila decessi in 6 mesi..basta fare una divisione...e si ottiene 194,4...di media decessi al giorno...in Italia ci sono 8mila comuni.. la stragrande maggioranza sono senza defunti...ammazza che pandemia..ma dove l'avete vista?? Su qualche tg dei coriandoli??, Era carnevale??..oppure sul trafiletto di articolo giornalistico di Arlecchino.??.che fenomeni..paranormali molto para(c.u.li) poco normali 

Caro Marziano, spero che non ti offenderai se dico che non sembri avere molta dimestichezza con la matematica, e soprattutto con la logica. Ma niente paura: con umiltà e volontà si può migliorare, e poi ci sono forumisti messi peggio di te in queste materie. Non ha alcun senso logico dividere il numero dei decessi da Covid per il numero dei comuni. Dato che questi ultimi sono entità estremamente disomogenee. Per es. in Italia ci sono una sessantina di comuni con meno di 100 abitanti. In un villaggio del genere anche 4 morti sono una perdita pesante. E ci sono comuni spopolati dai giovani e abitati prevalentemente da anziani per i quali la letalità del Covid è alta. In Italia abbiamo avuto finora oltre 35.000 decessi accertati, ma, come ho scritto, probabilmente sono almeno 52.000. A te sembrano pochi ma ti sfugge un dettaglio importante. Questi decessi li abbiamo avuti pur attuando misure di profilassi individuale e collettiva senza precedenti nella storia. A parte i due mesi di lockdown, il distanziamento e le mascherine, abbiamo chiuso le scuole, i cinema, gli stadi. Roba che nemmeno in tempo di guerra! Come fai a trascurare tutto questo? Di più: tuttora c'è l'obbligo della mascherina nei locali pubblici e del distanziamento anche all'aperto, mentre sui treni sono tuttora imposti ambedue gli obblighi. Quanti morti in più avremmo contato in assenza di tutte queste drastiche misure? In Italia registriamo poco più di 3000 decessi l'anno per incidenti stradali. Pochi? Molti? Dipende dai punti di vista. Certo è che se il governo limitasse drasticamente la circolazione e la velocità delle automobili e dei motocicli e se imponesse a tutti gli automobilisti e a tutti i pedoni l'uso del casco integrale, come quello della MotoGP o della Formula1, i morti scenderebbero drasticamente, direi sì e no a un decimo di quella cifra. Facciamo ora una stima ottimistica, immaginiamo cioè che in totale assenza di profilassi tutta l'Italia si sarebbe comportata come la Lombardia. La cosa non è implausibile perché il problema maggiore della Lombardia è stato il non avere arginato i focolai iniziali, quindi è ragionevole pensare che tutto il resto d'Italia avrebbe visto un'analoga carneficina in assenza di profilassi. Profilassi che però c'è stata anche in Lombardia quindi la stima che faremo è ottimistica. Ebbene, estendendo all'Italia la mortalità attuale della Lombardia (1,67‰) avremmo avuto oltre 100.000 morti (ma probabilmente oltre 200.000 considerando i morti da Covid non testati in Lombardia). Ora tu dici che in Svezia non ci sono state grosse restrizioni e hanno (per il momento) una mortalità (poco) minore della nostra. Vero, ma anche gli svedesi hanno attuato la profilassi individuale (mascherine, distanziamento, lavaggio delle mani), magari senza imposizioni dall'alto perché sono un popolo dotato di grande senso civico. Tieni anche conto che la popolazione svedese è più giovane della nostra (età mediana 41,1 contro 47,3 secondo Worldometer) e questo incide sulla letalità. Inoltre è uno dei paesi  meno inquinati d'Europa e ha uno dei migliori sistemi sanitari al mondo. Infine ha una densità di popolazione pari a 1/8 della nostra. Anche questi fattori incidono sulla letalità o sulla mortalità. Nonostante ciò la Svezia, tolti gli stati microscopici come San Marino e Andorra, è al sesto posto al mondo come tasso di mortalità (0,572‰), preceduta di poco dall'Italia (0,585‰), ma lentamente ci sta raggiungendo. Tutto ciò dimostra che in questa pandemia la Svezia è tutt'altro che un modello da imitare. 

Intanto il bollettino di oggi segna altri 629 nuovi casi e altri 157 casi attivi in più. 15 erano del Piemonte e della giornata di ieri, quindi sarebbero 614. Ma per trovare più di 614 casi in un giorno dobbiamo risalire addirittura al 23 maggio. La curva continua a crescere, anche il giorno di sabato e di Ferragosto, quando è probabile che i dati siano sottostimati per difetto di registrazioni e comunicazioni. Signori, la situazione peggiora, rimando a quello che ho scritto in rosso alla fine del post iniziale di questa discussione. 

Modificato da fosforo311

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
43 minuti fa, fosforo311 ha scritto:

Infine ha una densità di popolazione pari a 1/8 della nostra. Anche questi fattori incidono sulla letalità o sulla mortalità. 

Consideriamo l'India, con una popolazione pari a 1,35 miliardi e una superficie di 3.287.000 chilometri quadrati. Quattrocentoundici indiani a chilometro quadrato.

Consideriamo adesso l'Italia, con una popolazione pari a 60 milioni e una superficie di 301.000 chilometri quadrati. Centonovantanove italiani a chilometro quadrato.

Secondo l'OMS al 15 agosto 2020 (4.35 pm CEST) l'India conta 49.036 decessi.

Secondo l'OMS al 15 agosto 2020 (4.35 pm CEST) l'Italia conta 35.234 decessi.

Imitare il modello italiano serve giusto per la caccia al cinghialone Trump.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

PS: l'OMS riferisce di oltre un milione di morti in India ma covid19 ci azzecca poco

https://www.who.int/news-room/detail/10-07-2020-study-estimates-more-than-one-million-indians-died-from-snakebite-envenoming-over-past-two-decades

Study estimates more than one million Indians died from snakebite envenoming over past two decades

 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Caro Marziano, spero che non ti offenderai se dico che non sembri avere molta dimestichezza con la matematica, e soprattutto con la logica. Ma niente paura: con umiltà e volontà si può migliorare, e poi ci sono forumisti messi peggio di te in queste materie. Non ha alcun senso logico dividere il numero dei decessi da Covid per il numero dei comuni. Dato che questi ultimi sono entità estremamente disomogenee. Per es. in Italia ci sono una sessantina di comuni con meno di 100 abitanti. In un villaggio del genere anche 4 morti sono una perdita pesante. E ci sono comuni spopolati dai giovani e abitati prevalentemente da anziani per i quali la letalità del Covid è alta. In Italia abbiamo avuto finora oltre 35.000 decessi accertati, ma, come ho scritto, probabilmente sono almeno 52.000. A te sembrano pochi ma ti sfugge un dettaglio importante. Questi decessi li abbiamo avuti pur attuando misure di profilassi individuale e collettiva senza precedenti nella storia. A parte i due mesi di lockdown, il distanziamento e le mascherine, abbiamo chiuso le scuole, i cinema, gli stadi. Roba che nemmeno in tempo di guerra! Come fai a trascurare tutto questo? Di più: tuttora c'è l'obbligo della mascherina nei locali pubblici e del distanziamento anche all'aperto, mentre sui treni sono tuttora imposti ambedue gli obblighi. Quanti morti in più avremmo contato in assenza di tutte queste drastiche misure? In Italia registriamo poco più di 3000 decessi l'anno per incidenti stradali. Pochi? Molti? Dipende dai punti di vista. Certo è che se il governo limitasse drasticamente la circolazione e la velocità delle automobili e dei motocicli e se imponesse a tutti gli automobilisti e a tutti i pedoni l'uso del casco integrale, come quello della MotoGP o della Formula1, i morti scenderebbero drasticamente, direi sì e no a un decimo di quella cifra. Facciamo ora una stima ottimistica, immaginiamo cioè che in totale assenza di profilassi tutta l'Italia si sarebbe comportata come la Lombardia. La cosa non è implausibile perché il problema maggiore della Lombardia è stato il non avere arginato i focolai iniziali, quindi è ragionevole pensare che tutto il resto d'Italia avrebbe visto un'analoga carneficina in assenza di profilassi. Profilassi che però c'è stata anche in Lombardia quindi la stima che faremo è ottimistica. Ebbene, estendendo all'Italia la mortalità attuale della Lombardia (1,67‰) avremmo avuto oltre 100.000 morti (ma probabilmente oltre 200.000 considerando i morti da Covid non testati in Lombardia). Ora tu dici che in Svezia non ci sono state grosse restrizioni e hanno (per il momento) una mortalità (poco) minore della nostra. Vero, ma anche gli svedesi hanno attuato la profilassi individuale (mascherine, distanziamento, lavaggio delle mani), magari senza imposizioni dall'alto perché sono un popolo dotato di grande senso civico. Tieni anche conto che la popolazione svedese è più giovane della nostra (età mediana 41,1 contro 47,3 secondo Worldometer) e questo incide sulla letalità. Inoltre è uno dei paesi  meno inquinati d'Europa e ha uno dei migliori sistemi sanitari al mondo. Infine ha una densità di popolazione pari a 1/8 della nostra. Anche questi fattori incidono sulla letalità o sulla mortalità. Nonostante ciò la Svezia, tolti gli stati microscopici come San Marino e Andorra, è al sesto posto al mondo come tasso di mortalità (0,572‰), preceduta di poco dall'Italia (0,585‰), ma lentamente ci sta raggiungendo. Tutto ciò dimostra che in questa pandemia la Svezia è tutt'altro che un modello da imitare. 

Intanto il bollettino di oggi segna altri 629 nuovi casi e altri 157 casi attivi in più. 15 erano del Piemonte e della giornata di ieri, quindi sarebbero 614. Ma per trovare più di 614 casi in un giorno dobbiamo risalire addirittura al 23 maggio. La curva continua a crescere, anche il giorno di sabato e di Ferragosto, quando è probabile che i dati siano sottostimati per difetto di registrazioni e comunicazioni. Signori, la situazione peggiora, rimando a quello che ho scritto in rosso alla fine del post iniziale di questa discussione. 

Caro fosforo..come ci sono comuni con meno di 100 abitanti..ve ne sono altrettanti con 30mila...oppure comuni come Roma e Milano ,Firenze,Napoli etc..quindi facciamo notare che nella media 4,3 decessi x ogni comune italiano in 6 mesi...e' una media bassissima..oppure vorremmo dire che anche in comune di meno di 100 abitanti in  6 mesi..non decedono 4 persone?? Chi crede nella vita eterna alzi la mano...quindi l'allarmismo non ha fondamentalmente senso..come parlare di pandemia...il Covid con dati ufficiali alla mano e' un influenza ,insomma ha ragione Bolsonaro ha dire che è tutto un bluff mediatico 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il NyTimes: «I morti sono 200 mila» Le 5 regole di Fauci contro il virus. Obama: no vaccino entro le elezioni

di Marta Serafini

 

Oltre 166 mila morti da coronavirus secondo i dati della Johns Hopkins. Sessantamila in più secondo il New York Times. E intanto Anthony Fauci, il virologo della Casa Bianca, ribadisce le regole: niente bar e luoghi affollati e sì alla mascherina. Secondo i dati riportati dal New York Times, da marzo le vittime negli Usa potrebbero avere già superato quota 200mila, ben oltre i 166mila (166.038, per la precisione) conteggiati dalla Johns Hopkins University. Il timore è che, vista la complessità delle operazioni di conteggio, molti Stati possano essere indietro di mesi o settimane nel riportare il bilancio delle vittime. Le cattive notizie però non finiscono: nelle ultime 24 ore in America si sono registrati 1.468 morti, il numero più alto da metà maggio, per il Nyt, contro una media di mille decessi al giorno nelle ultime settimane. Segno che Fauci fa bene a ripetere quello che ormai dovrebbe essere ovvio ma che evidentemente non è, nemmeno per i politici......

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Ma che fai Trottolina ?? Pensi di aver fatto uno scoop ?? Il titolo dice 200.000 morti , l’articolo , invece , dice “potrebbero “.  Lascia perdere Trottolina !! Ti do un consiglio , invece di fidarti di quel che scrive un giornale , fidati dei dati quelli si veri ed ufficiali come fa la John Hopkins che e’ la stella cometa per questo tipo di indagini e che parla di 166.000.  In caso contrario sei più idio ta del Cazzaro e ti assicuro non e’ semplice esserlo . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
2 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Il NyTimes: «I morti sono 200 mila» Le 5 regole di Fauci contro il virus. Obama: no vaccino entro le elezioni

di Marta Serafini

 

Oltre 166 mila morti da coronavirus secondo i dati della Johns Hopkins. Sessantamila in più secondo il New York Times. E intanto Anthony Fauci, il virologo della Casa Bianca, ribadisce le regole: niente bar e luoghi affollati e sì alla mascherina. Secondo i dati riportati dal New York Times, da marzo le vittime negli Usa potrebbero avere già superato quota 200mila, ben oltre i 166mila (166.038, per la precisione) conteggiati dalla Johns Hopkins University. Il timore è che, vista la complessità delle operazioni di conteggio, molti Stati possano essere indietro di mesi o settimane nel riportare il bilancio delle vittime. Le cattive notizie però non finiscono: nelle ultime 24 ore in America si sono registrati 1.468 morti, il numero più alto da metà maggio, per il Nyt, contro una media di mille decessi al giorno nelle ultime settimane. Segno che Fauci fa bene a ripetere quello che ormai dovrebbe essere ovvio ma che evidentemente non è, nemmeno per i politici......

Voi gufi allarmisti siete esperti in cattive notizie..quando mai i dati ufficiali dicono e affermano con certezza il divenire degli eventi..come sempre è tutto sotto stimato..noi invece pensiamo che sia tutto sotto controllo....anzi voi portatori di eventi sventurati..gonfiate ad hoc.le relazioni sui contagi...create casi limite sui decessi..cercate di avvalervi..con metodi persecutori e tendenziosi di procreare il panico..i motivi sono politici ed economici..il NYT..se fosse vero ciò che asserite..ha una sua strategia ,come del resto i giornali italiani,ognuno tira l'acqua al suo mulino..al suo protetto, ai suoi simpatizzanti,..prendere x oro colato ciò che enunciano anche in tv..un mezzo potentissimo..e' come chiedere all'oste se il vino è buono..di balle ne' sentiremo ancora...e' il gioco delle parti ..ed è meglio che parti x altri lidi...che partano pure  con biglietti di sola andata ..sono credibili come l'oro di 7 carati

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
3 ore fa, ahaha.ha ha scritto:

Il NyTimes: «I morti sono 200 mila» Le 5 regole di Fauci contro il virus. Obama: no vaccino entro le elezioni

di Marta Serafini

 

Oltre 166 mila morti da coronavirus secondo i dati della Johns Hopkins. Sessantamila in più secondo il New York Times. E intanto Anthony Fauci, il virologo della Casa Bianca, ribadisce le regole: niente bar e luoghi affollati e sì alla mascherina. Secondo i dati riportati dal New York Times, da marzo le vittime negli Usa potrebbero avere già superato quota 200mila, ben oltre i 166mila (166.038, per la precisione) conteggiati dalla Johns Hopkins University. Il timore è che, vista la complessità delle operazioni di conteggio, molti Stati possano essere indietro di mesi o settimane nel riportare il bilancio delle vittime. Le cattive notizie però non finiscono: nelle ultime 24 ore in America si sono registrati 1.468 morti, il numero più alto da metà maggio, per il Nyt, contro una media di mille decessi al giorno nelle ultime settimane. Segno che Fauci fa bene a ripetere quello che ormai dovrebbe essere ovvio ma che evidentemente non è, nemmeno per i politici......

Egregio, la stima dell'autorevole NYT è assolutamente verosimile. E non può essere contestata prima di avere individuato cause diverse dal Covid per il rilevante eccesso di mortalità registrato negli USA al netto dei decessi da Covid confermati. D'altra parte tutti gli studiosi seri concordano nel sostenere che una caratteristica di questa pandemia è il difetto di contagi e di decessi nel computo uffi.ciale rispetto alla realtà. Errori di rilevazione che in misura più o meno grande, ma sempre molto significativa, accomunano praticamente TUTTI  i paesi del mondo. Fatte salve, forse, entità microscopiche come il Principato di Monaco e la Città del Vaticano. Perfino in Islanda, piccolo stato dove si fanno moltissimi test in rapporto alla popolazione, possono sfuggire casi di contagio e forse anche qualche morto (al momento ne contano 10). L'Islanda viene additata come modello virtuoso di contenimento del contagio, ma ieri ci sono stati 16 nuovi casi che, fatte le proporzioni, equivalgono a quasi 3000 in Italia. A conferma che la pandemia è tuttora in fase critica. Un altro piccolo ma significativo esempio è dato dal Vietnam e dall'Uganda, due paesi piuttosto popolosi (97 e 45 milioni di abitanti rispettivamente) che fino a qualche settimana fa registravano zero decessi. Lo avevo segnalato, oggi devo purtroppo segnalare che si comincia a morire anche in Vietnam e Uganda. Restano solo 5 paesi con più di 1 milione di abitanti tuttora ufficialmente senza vittime: Cambogia, Laos, Mongolia, Eritrea e Timor Est. Ma è chiaro che è un dato da prendere con le pinze. Non a caso quello che tra questi paesi ha fatto più test in rapporto alla popolazione, la Mongolia, ne ha fatti un decimo dei nostri. Generalmente i decessi e i contagi sono sottostimati per una insufficienza del testing. Questa a sua volta dipende soprattutto da due ragioni. Nelle fasi iniziali dell'epidemia la crescita giornaliera dei casi è rapidissima (esponenziale o quasi) e l'incremento dei test non basta a tenerne il passo.Ciò si è verificato quasi dappertutto, anche nei paesi ricchi come USA e Italia che non sono riusciti a spegnere i focolai iniziali e che, almeno inizialmente, hanno sottostimato anche i decessi. Quando poi l'epidemia è nell'intorno del picco la massa dei contagiati può essere ingente. In questo caso perfino in paesi che fanno tamponi a tamburo battente come gli USA (ultimamente circa 1 milione al giorno) si perdono non solo gli asintomatici ma anche casi di una certa gravità e alcuni decessi, mentre nei paesi del Terzo Mondo dove il testing è limitato (India, Brasile, etc.) sfugge ai conteggi una quantità enorme di decessi.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Egregio, la stima dell'autorevole NYT è assolutamente verosimile. E non può essere contestata prima di avere individuato cause diverse dal Covid per il rilevante eccesso di mortalità registrato negli USA al netto dei decessi da Covid confermati. D'altra parte tutti gli studiosi seri concordano nel sostenere che una caratteristica di questa pandemia è il difetto di contagi e di decessi nel computo uffi.ciale rispetto alla realtà. Errori di rilevazione che in misura più o meno grande, ma sempre molto significativa, accomunano praticamente TUTTI  i paesi del mondo. Fatte salve, forse, entità microscopiche come il Principato di Monaco e la Città del Vaticano. Perfino in Islanda, piccolo stato dove si fanno moltissimi test in rapporto alla popolazione, possono sfuggire casi di contagio e forse anche qualche morto (al momento ne contano 10). L'Islanda viene additata come modello virtuoso di contenimento del contagio, ma ieri ci sono stati 16 nuovi casi che, fatte le proporzioni, equivalgono a quasi 3000 in Italia. A conferma che la pandemia è tuttora in fase critica. Un altro piccolo ma significativo esempio è dato dal Vietnam e dall'Uganda, due paesi piuttosto popolosi (97 e 45 milioni di abitanti rispettivamente) che fino a qualche settimana fa registravano zero decessi. Lo avevo segnalato, oggi devo purtroppo segnalare che si comincia a morire anche in Vietnam e Uganda. Restano solo 5 paesi con più di 1 milione di abitanti tuttora ufficialmente senza vittime: Cambogia, Laos, Mongolia, Eritrea e Timor Est. Ma è chiaro che è un dato da prendere con le pinze. Non a caso quello che tra questi paesi ha fatto più test in rapporto alla popolazione, la Mongolia, ne ha fatti un decimo dei nostri. Generalmente i decessi e i contagi sono sottostimati per una insufficienza del testing. Questa a sua volta dipende soprattutto da due ragioni. Nelle fasi iniziali dell'epidemia la crescita giornaliera dei casi è rapidissima (esponenziale o quasi) e l'incremento dei test non basta a tenerne il passo.Ciò si è verificato quasi dappertutto, anche nei paesi ricchi come USA e Italia che non sono riusciti a spegnere i focolai iniziali e che, almeno inizialmente, hanno sottostimato anche i decessi. Quando poi l'epidemia è nell'intorno del picco la massa dei contagiati può essere ingente. In questo caso perfino in paesi che fanno tamponi a tamburo battente come gli USA (ultimamente circa 1 milione al giorno) si perdono non solo gli asintomatici ma anche casi di una certa gravità e alcuni decessi, mentre nei paesi del Terzo Mondo dove il testing è limitato (India, Brasile, etc.) sfugge ai conteggi una quantità enorme di decessi.

Faccio presente che la stima “dell’autorevole” NYT”  e’ valida nelle menti delle testedikazzo come il Cazzaro Napoletano egregiamente supportato dall’altrettanto testadiminkia Trottolina Amorosa du du da da da. Il Cazzaro può scrivere quel che caz.z.o vuole , può inondare il forum di panzane cervellotiche smentibili e smentite da tutte le Autority mondiali indipendenti , può illustrarci ed evidenziarci i dati della Mongolia , dell’Eritrea , Laos e Timor Est , ma i dati veri ed ufficiali relativi all’USA , sono quelli della John Hopkins che riassume in 167.000 e non il oltre 230.000 i caduti per Covid negli Stati Uniti. Si diffida il Cazzaro di Napoli a non diffondere sul forum dati e notizie  false pena essere denunciato per “procurato allarme “ alla Ambasciata Americana sita via Delle Staffelle , 43 Roma - Italy . 

Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Immonda marketta pisana, la bocca d'oro e meglio la usi per fare quelle cose per cui sul lungo Arno è diventata famosa, evitando così di dare patenti di infallibilità ad enti che conosce solo per sentito dire.

Buffona.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
1 ora fa, fosforo311 ha scritto:

Egregio, la stima dell'autorevole NYT è assolutamente verosimile. E non può essere contestata prima di avere individuato cause diverse dal Covid per il rilevante eccesso di mortalità registrato negli USA al netto dei decessi da Covid confermati. D'altra parte tutti gli studiosi seri concordano nel sostenere che una caratteristica di questa pandemia è il difetto di contagi e di decessi nel computo uffi.ciale rispetto alla realtà. Errori di rilevazione che in misura più o meno grande, ma sempre molto significativa, accomunano praticamente TUTTI  i paesi del mondo. Fatte salve, forse, entità microscopiche come il Principato di Monaco e la Città del Vaticano. Perfino in Islanda, piccolo stato dove si fanno moltissimi test in rapporto alla popolazione, possono sfuggire casi di contagio e forse anche qualche morto (al momento ne contano 10). L'Islanda viene additata come modello virtuoso di contenimento del contagio, ma ieri ci sono stati 16 nuovi casi che, fatte le proporzioni, equivalgono a quasi 3000 in Italia. A conferma che la pandemia è tuttora in fase critica. Un altro piccolo ma significativo esempio è dato dal Vietnam e dall'Uganda, due paesi piuttosto popolosi (97 e 45 milioni di abitanti rispettivamente) che fino a qualche settimana fa registravano zero decessi. Lo avevo segnalato, oggi devo purtroppo segnalare che si comincia a morire anche in Vietnam e Uganda. Restano solo 5 paesi con più di 1 milione di abitanti tuttora ufficialmente senza vittime: Cambogia, Laos, Mongolia, Eritrea e Timor Est. Ma è chiaro che è un dato da prendere con le pinze. Non a caso quello che tra questi paesi ha fatto più test in rapporto alla popolazione, la Mongolia, ne ha fatti un decimo dei nostri. Generalmente i decessi e i contagi sono sottostimati per una insufficienza del testing. Questa a sua volta dipende soprattutto da due ragioni. Nelle fasi iniziali dell'epidemia la crescita giornaliera dei casi è rapidissima (esponenziale o quasi) e l'incremento dei test non basta a tenerne il passo.Ciò si è verificato quasi dappertutto, anche nei paesi ricchi come USA e Italia che non sono riusciti a spegnere i focolai iniziali e che, almeno inizialmente, hanno sottostimato anche i decessi. Quando poi l'epidemia è nell'intorno del picco la massa dei contagiati può essere ingente. In questo caso perfino in paesi che fanno tamponi a tamburo battente come gli USA (ultimamente circa 1 milione al giorno) si perdono non solo gli asintomatici ma anche casi di una certa gravità e alcuni decessi, mentre nei paesi del Terzo Mondo dove il testing è limitato (India, Brasile, etc.) sfugge ai conteggi una quantità enorme di decessi.

Il NYT.se riferisce questi dati..come riportati da alcuni forumisti .sarebbe un giornalino fatto da pessimi professionisti ...come le innumerevoli bufale sul web..oppure sui telegiornali nostrani.sono.esponenti mediatici..che fanno solo propaganda al Covid..con questi finti scoop..gli vengono i  tasca i soldi pubblici e l'impennata dei ricavi pubblicitari ..è tutto studiato dietro le quinte..elaborato nei minimi dettagli x stupire..ed incassare..altro che promotori della verità...sono venditori di fumo...da buoni gufi allarmisti...fanno il loro sporco e sudicio lavoro...noi gli invitiamo a farsi una doccia...e anche ha lavarsi la coscienza..sempre se la possiedono 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
19 minuti fa, ahaha.ha ha scritto:

Immonda marketta pisana, la bocca d'oro e meglio la usi per fare quelle cose per cui sul lungo Arno è diventata famosa, evitando così di dare patenti di infallibilità ad enti che conosce solo per sentito dire.

Buffona.

Se invece di passare troppo tempo sulla camionale Mestre /Belluno tu ti impegnassi a leggere , scopriresti immediatamente te che gli unici autorizzati a dare notizie ufficiali sono gli enti e le authority indipendenti scelte dai comitati scientifici e non le farlocche notizie del Cazzaro di Napoli . Spom pi na di meno e leggi di più . Di sicuro non faresti le figure di cac ca che , poi , ti costringono a rispondere solo con gli insulti che , in bocca a delle signorine , non stanno nemmeno tanto bene . 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

I gufi allarmisti stanno facendo tutta questa messa in scena..e soprattutto sono contraddittorie e fasulle  le loro esternazioni..parlano di tampone e test obbligatorio...ma quando mai..come x l'app immuni anche tampone è test sono su base volontaria..insomma secondo i gufi ..gente che sta bene(perché di questo si tratta)..trovata in contatto col virus..dovrebbe fare la quarantena..stiamo a casa 14gg x il raffreddore??

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963