Stai a vedere che ha ragione la Regione Lombardia e non il Governo. Ahi ahi ahi Giuseppi !!

Servono "misure restrittive", l'appello inascoltato degli esperti per la zona rossa ad Alzano e Nembro

 
 
 
 
090240844-24db54c8-7ef4-4015-816d-340ee5 Il pronto soccorso di Alzano Lombardo, dopo il via all'isolamento
Il documento del comitato tecnico scientifico è del 3 marzo, nella Bergamasca arrivarono 250 tra poliziotti carabinieri e finanzieri ma la chiusura non scattò
07 Agosto 2020
È il 3 marzo, l’epidemia di coronovirus è già esplosa in Lombardia con tutta la sua violenza, il Comitato tecnico scientifico nazionale convocato per fronteggiare l’epidemia chiede rigide misure, ovvero la zona rossa nei comuni di Alzano Lombardo e Nembro in Valseriana. Ma la richiesta rivolta al governo non sarà accolta. "Il Comitato propone di adottare le opportune misure restrittive già adottate nei comuni della zona rossa anche in questi due comuni, al fine di limitare la diffusione dell’infezione nelle aree contigue", si legge nel verbale. Un appello all'esecutivo nazionale affinché agisca di conseguenza. Ma la zona rossa richiesta non viene istituita nonostante il 5 marzo in provincia di Bergamo arrivino 250 componenti delle forze dell'ordine tra poliziotti, carabinieri e finanzieri per l'eventuale chiusura dei due comuni, chiusura che però non scatterà mai. L'invio delle forze dell’ordine era stato stabilito in seguito ai confronti tra Regione, Iss, comitato tecnico scientifico e governo.
 
"I due comuni – sottolineavano gli esperti nel documento - si trovano in stretta prossimità di Bergamo e hanno una popolazione rispettivamente di 13.639 e 11.522 abitanti. Ciascuno dei due paesi ha fatto registrare attualmente oltre 20 casi, con molta probabilità ascrivibili ad un’unica catena di trasmissione. Ne risulta, pertanto, che l'R0 (cioè l'indice di contagio, ndr) è sicuramente superiore a 1, il che costituisce un indicatore di alto rischio di ulteriore diffusione del contagio". È per questo che il comitato "propone di adottare le opportune misure restrittive" come quelle che hanno riguardato il Lodigiano, misure che però non scatteranno.
  • 1' di lettura
  •  

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

2 messaggi in questa discussione

Vale il caso di sottolineare che nel documento del 7 marzo il comitato scientifico raccomandava DUE livelli di misure.

Quello più restrittivo riguardava la Lombardia e qualche provincia di Emilia Romagna, Veneto e Piemonte.

La mazzata sul PIL ci sarebbe stata comunque ma sarebbe stata meno pesante.

L'egoarca Conte invece ha dato retta alle sue paranoie.

Buona futura opposizione di inquisiti di sinistra a tutti

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Conte il Bugiardo chieda scusa e poi una pedata nel Kulo e via ...!! 

ALZANO
CTS
ALZANO

Il 3 marzo scorso, il Comitato tecnico scientifico nazionale proponeva “di adottare le opportune misure restrittive già adottate nei comuni della zona rossa anche in questi due Comuni al fine di limitare la diffusione dell’infezione nelle aree contigue”. I due comuni di cui si parla nel verbale pubblicato dall”Eco di Bergamò sono Alzano Lombardo e Nembro. L’invito era rivolto al governo, dopo la crescita impetuosa dei contagi che era stata comunicata dalla Regione Lombardia all’Istituto Superiore della Sanità. Il documento è stato pubblicato dopo una richiesta di accesso agli atti del consigliere regionale di Azione Niccolò Carretta.

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963