Un plauso a Blangiardo , All’Istat ed alla Croce Rossa Italiana

Inviata (modificato)

Finalmente un'analisi statistica seria fotografa la situazione italiana e mette una pietra tombale sulla miriade cazz.ate con le  il Cazzaro di Napoli ci ha scartavetrato i co@lioni da oltre 6 mesi per soddisfare la sua bulimia di apparire uno scienziato . Il campione esaminato, sebbene inferiore a quello preventivato, è sufficiente a fornire una proiezione statisticamente significativa, con margini d'errore marginali che non cambiano il succo del discorso. E il succo è: “ La frazione di popolazione che ha contratto il virus è molto bassa, ben lontana dalla soglia dell'immunità di gregge anche nelle province più colpite “.  Il numero di persone entrate a contatto col virus è molto superiore al numero "ufficiale" di positivi, con il risultato che il tasso di mortalità si avvicina ai valori stimati dall'OMS . Gli asintomatici sono, in percentuale rispetto al totale dei positivi, molto di meno di quanto si pensava . La maggior parte dei contagi avvengono in ambito familiare o nelle comunità, per ovvi motivi. Bisogna tuttavia ricordare che chi ha portato il virus in quegli ambienti lo ha contratto altrove. Conclusione: continuiamo a vivere tranquilli, utilizzando la mascherina nei luoghi chiusi e/o troppo affollati, facendo e curando l'igiene di mani e viso e, soprattutto sul forum , cestinando immediatamente tuttocio’ che il Cazzaro napoletano copiaincolla ed invia sull’argomento.  Saluti 

 
 
 
 
Modificato da mark222220

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

1 messaggio in questa discussione

51 minuti fa, mark222220 ha scritto:

Finalmente un'analisi statistica seria fotografa la situazione italiana e mette una pietra tombale sulla miriade cazz.ate con le  il Cazzaro di Napoli ci ha scartavetrato i co@lioni da oltre 6 mesi per soddisfare la sua bulimia di apparire uno scienziato . Il campione esaminato, sebbene inferiore a quello preventivato, è sufficiente a fornire una proiezione statisticamente significativa, con margini d'errore marginali che non cambiano il succo del discorso. E il succo è: “ La frazione di popolazione che ha contratto il virus è molto bassa, ben lontana dalla soglia dell'immunità di gregge anche nelle province più colpite “.  Il numero di persone entrate a contatto col virus è molto superiore al numero "ufficiale" di positivi, con il risultato che il tasso di mortalità si avvicina ai valori stimati dall'OMS . Gli asintomatici sono, in percentuale rispetto al totale dei positivi, molto di meno di quanto si pensava . La maggior parte dei contagi avvengono in ambito familiare o nelle comunità, per ovvi motivi. Bisogna tuttavia ricordare che chi ha portato il virus in quegli ambienti lo ha contratto altrove. Conclusione: continuiamo a vivere tranquilli, utilizzando la mascherina nei luoghi chiusi e/o troppo affollati, facendo e curando l'igiene di mani e viso e, soprattutto sul forum , cestinando immediatamente tuttocio’ che il Cazzaro napoletano copiaincolla ed invia sull’argomento.  Saluti 

 
 
 
 

Insomma secondo noi..le statistiche dell'Istat.. sono come le proiezioni del sig.fosforo..campate x aria..un  campione di confronto non attendibile..ricordiamo..chi fa tamponi oppure test..deve avere i sintomi...o provenire da zone a rischio come x adesso la Romania..ma a quest'ultimi nn conviene.venire in italia...anche se negativi devono x cautela fare la quarantena ..quindi dato x assodato queste conclusioni (che dovevate già sapere!!!)..i dati ufficiali non si discostano molto dalla realta'..inutile che suonate la fanfara..fate.ridere..come del resto tutti gli allarmisti..che la buttano in sproloqui senza senso 

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963