Bologna

Domani due agosto, ricorre il 40esimo anniversario della terribile strage alla stazione di Bologna in cui morirono 85 persone e circa 200 rimasero ferite.😥
Guttuso ad un suo quadro apparso poi nella copertina de L'Espresso, aveva  dato lo stesso titolo che Francisco Goya aveva scelto per uno dei suoi 16 Capricci: "Il sonno della ragione genera mostri".
Guttuso aveva  solo aggiunto una data: 2 agosto 1980.
Erano le 10 e 25  :-(

La strage ha ancora dei segreti che forse non sapremo mai.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

6 messaggi in questa discussione

Inviata (modificato)

17 minuti fa, wronschi ha scritto:

Domani due agosto, ricorre il 40esimo anniversario della terribile strage alla stazione di Bologna in cui morirono 85 persone e circa 200 rimasero ferite.😥
Guttuso ad un suo quadro apparso poi nella copertina de L'Espresso, aveva  dato lo stesso titolo che Francisco Goya aveva scelto per uno dei suoi 16 Capricci: "Il sonno della ragione genera mostri".
Guttuso aveva  solo aggiunto una data: 2 agosto 1980.
Erano le 10 e 25  :-(

La strage ha ancora dei segreti che forse non sapremo mai.

Purtroppo a quel tempo...vigilanza e soprattutto telecamere...latitavano....e quindi la delinquenza ...aveva buon gioco..e così che sono nati i miti dei terroristi e dei malavitosi..questo x non dimenticare il passato ..ma non averne nemmeno nostalgia...secondo noi..si sta meglio oggi..nel bene o nel male..difficile sfuggire all'occhio "vigile" elettronico..che stronca i furbetti o peggio i professionisti del crimine..meglio detti ***.bec.illi di vita malamente...

Modificato da marzianobravo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

46 minuti fa, marzianobravo ha scritto:

Purtroppo a quel tempo...vigilanza e soprattutto telecamere...latitavano....e quindi la delinquenza ...aveva buon gioco..e così che sono nati i miti dei terroristi e dei malavitosi..questo x non dimenticare il passato ..ma non averne nemmeno nostalgia...secondo noi..si sta meglio oggi..nel bene o nel male..difficile sfuggire all'occhio "vigile" elettronico..che stronca i furbetti o peggio i professionisti del crimine..meglio detti ***.bec.illi di vita malamente...

Guardi  che  quei  malviventi erano   fascisti  neri  ed  oggi   sono  liberi .... nonostante  le  85  vittime   ma  nessuno  si  indigna ....

P.S.  Tutte  le  stragi  dove  ci sono vittime  innocenti e comuni cittadini  e  diconsi tutte  sono a carico dei  FASCIONERI  

Modificato da pm610
2 persone è piaciuto questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Inviata (modificato)

3 ore fa, wronschi ha scritto:

Domani due agosto, ricorre il 40esimo anniversario della terribile strage alla stazione di Bologna in cui morirono 85 persone e circa 200 rimasero ferite.😥
Guttuso ad un suo quadro apparso poi nella copertina de L'Espresso, aveva  dato lo stesso titolo che Francisco Goya aveva scelto per uno dei suoi 16 Capricci: "Il sonno della ragione genera mostri".
Guttuso aveva  solo aggiunto una data: 2 agosto 1980.
Erano le 10 e 25  :-(

La strage ha ancora dei segreti che forse non sapremo mai.

Resto anch'io convinto che i mandanti sono impuniti e che sono coinvolti pezzi dello Stato, traditori dello Stato. Probabilmente non li scopriremo mai. La migliore possibilità forse ce la siamo giocata liberando gli esecutori materiali, Mambro e Fioravanti, con uno degli atti più estremi, più intollerabili e più vergognosi nella storia della giustizia colabrodo del paese di Pulcinella. Se i due coniugi assassini fossero rimasti un altro decennio o due al carcere duro, probabilmente avrebbero vuotato il sacco e svelato i mandanti. Dopodiché si poteva anche liberarli. Loro hanno ammesso vari omicidi ma sempre negato ogni responsabilità su Bologna. Magari è vero, ma è una probabilità su mille e non è questo il punto. Il problema è la serietà dello Stato. In certi paesi dove non c'è l'ergastolo le sentenze sono scritte in modo da privare i condannati di ogni possibilità di uscire in posizione verticale mediante premi e sconti di pena. Per es. li si condanna a 800 anni di carcere. Nel paese di Pulcinella nemmeno questo basta. Sono convinto che se in Italia ci fosse la pena di morte (cui sono contrarissimo) a molti condannati sarebbero concessi permessi premio o libertà condizionali prima dell'esecuzione della pena capitale. E di molti ovviamente si perderebbero le tracce. Leggiamo su Wiki che Francesca Mambro fu condannata a complessivi 9 ergastoli, più 84 anni e 8 mesi di reclusione, per un totale di 96 omicidi (inclusi gli 85 della strage di Bologna) più una sfilza interminabile di altri reati gravi e gravissimi. Il suo compare, compagno e marito, Giusva Fioravanti, fu condannato a 8 ergastoli, più 134 anni e 8 mesi di reclusione per 95 omicidi e un'altra sfilza di reati. La Mambro fu arrestata nell'82, nel 98 era già in semilibertà (alla faccia dei 9 ergastoli, 84 anni e 8 mesi), commutata in arresti domiciliari nel 2002, libertà condizionale nel 2008, estinzione della pena nel 2013. Fioravanti fu arrestato nell'81, in semilibertà nel 99, libertà vigilata nel 2004, estinzione nel 2009. Nel 97 i due avevano già ricevuto un permesso premio di 10 giorni. Oggi i due coniugi terroristi, pluriomicidi e stragisti sono liberi cittadini con il solo obbligo di risarcire lo Stato con una quota prelevata dai loro stipendi. Ma quest'ultima è una palese ingiustizia. Uno Stato così poco serio non merita nessun risarcimento, nemmeno dagli assassini. Secondo Wiki i due non si sarebbero mai espressamente pentiti. Nel 2015 il sottosegretario alla Giustizia del governo Renzi, Cosimo Ferri (lo stesso che portò un giudice "pentito" della Cassazione a casa del suo condannato Berlusconi) rispose al presidente della Associazione delle Vittime di Bologna assicurando che il "sicuro ravvedimento" dei due terroristi era stato "dedotto" dagli operatori carcerari in base all'osservazione dei loro comportamenti. Roba da matti!

Modificato da fosforo311
1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Il 2 agosto 1980 i fascisti Valerio Fioravanti, Francesca Mambro, Luigi Ciavardini e Gilberto Cavallini fecero saltare in aria la stazione ferroviaria di Bologna uccidendo 85 persone e ferendone almeno altre 200. Altri fascisti collaboratori riuscirono a scappare dalla cattura, come l'attuale leader del partito Forza Nuova, Roberto Fiore, scappato nottetempo in Inghilterra. Altri fascisti ancora, come Licio Gelli, Pietro Musumeci, Giuseppe Belmonte e Francesco Pazienza tentarono in ogni modo di depistare le indagini.

1 persona mi piace questo

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, fosforo311 ha scritto:

Resto anch'io convinto che i mandanti sono impuniti e che sono coinvolti pezzi dello Stato, traditori dello Stato. Probabilmente non li scopriremo mai. La migliore possibilità forse ce la siamo giocata liberando gli esecutori materiali, Mambro e Fioravanti, con uno degli atti più estremi, più intollerabili e più vergognosi nella storia della giustizia colabrodo del paese di Pulcinella. Se i due coniugi assassini fossero rimasti un altro decennio o due al carcere duro, probabilmente avrebbero vuotato il sacco e svelato i mandanti. Dopodiché si poteva anche liberarli. Loro hanno ammesso vari omicidi ma sempre negato ogni responsabilità su Bologna. Magari è vero, ma è una probabilità su mille e non è questo il punto. Il problema è la serietà dello Stato. In certi paesi dove non c'è l'ergastolo le sentenze sono scritte in modo da privare i condannati di ogni possibilità di uscire in posizione verticale mediante premi e sconti di pena. Per es. li si condanna a 800 anni di carcere. Nel paese di Pulcinella nemmeno questo basta. Sono convinto che se in Italia ci fosse la pena di morte (cui sono contrarissimo) a molti condannati sarebbero concessi permessi premio o libertà condizionali prima dell'esecuzione della pena capitale. E di molti ovviamente si perderebbero le tracce. Leggiamo su Wiki che Francesca Mambro fu condannata a complessivi 9 ergastoli, più 84 anni e 8 mesi di reclusione, per un totale di 96 omicidi (inclusi gli 85 della strage di Bologna) più una sfilza interminabile di altri reati gravi e gravissimi. Il suo compare, compagno e marito, Giusva Fioravanti, fu condannato a 8 ergastoli, più 134 anni e 8 mesi di reclusione per 95 omicidi e un'altra sfilza di reati. La Mambro fu arrestata nell'82, nel 98 era già in semilibertà (alla faccia dei 9 ergastoli, 84 anni e 8 mesi), commutata in arresti domiciliari nel 2002, libertà condizionale nel 2008, estinzione della pena nel 2013. Fioravanti fu arrestato nell'81, in semilibertà nel 99, libertà vigilata nel 2004, estinzione nel 2009. Nel 97 i due avevano già ricevuto un permesso premio di 10 giorni. Oggi i due coniugi terroristi, pluriomicidi e stragisti sono liberi cittadini con il solo obbligo di risarcire lo Stato con una quota prelevata dai loro stipendi. Ma quest'ultima è una palese ingiustizia. Uno Stato così poco serio non merita nessun risarcimento, nemmeno dagli assassini. Secondo Wiki i due non si sarebbero mai espressamente pentiti. Nel 2015 il sottosegretario alla Giustizia del governo Renzi, Cosimo Ferri (lo stesso che portò un giudice "pentito" della Cassazione a casa del suo condannato Berlusconi) rispose al presidente della Associazione delle Vittime di Bologna assicurando che il "sicuro ravvedimento" dei due terroristi era stato "dedotto" dagli operatori carcerari in base all'osservazione dei loro comportamenti. Roba da matti!

Italiani brava gente,  metà è brava l'altra  metà è a favore di questi terroristi dimerda.it

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti
10 ore fa, wronschi ha scritto:

Italiani brava gente,  metà è brava l'altra  metà è a favore di questi terroristi dimerda.it

Oggi  tutti  vogliono  giustizia  ma  nessuno osa   aprire  gli  archivi  segreti...

Condividi questo messaggio


Link al messaggio
Condividi su altri siti

Crea un account o accedi per commentare

È necessario essere registrati per poter lasciare un messaggio

Crea un account

Non sei ancora iscritto? Registrati subito


Registra un nuovo account

Accedi

Hai già un account? Accedi qui.


Accedi ora

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963